venerdì 3 settembre 2010

LA SEDUZIONE OLISTICA



Sedurre, si sa, significa 'portare a sé' l'altro, affascinandolo irresistibilmente.

La seduzione ha sempre bisogno del confronto con l'altro, che deve essere continuamente conquistato nel rispetto delle sue esigenze: altrimenti è solo arroganza, presunzione, narcisismo
Seduttori sicuramente si nasce, ma lo si può anche diventare, affinando il proprio fascino ed esaltandolo con il buon gusto delle forme e dei colori e soprattutto con l’utilizzo della “comunicazione emotiva”, cioè con la capacità di far vivere emozioni di far vivere pathos. L'arte della seduzione, perché di arte si tratta, non ha limiti di sesso o di età.
La seduzione non ha tempo e non ha spazio è una magia che ha però la sua struttura, le sue regole
Sedurre è esercitare fascino.
Ognuno essere umano è unico, ed irripetibile.
Per questo non si deve imitare nessuno ma rispettare le proprie caratteristiche fisiche e psicologiche. Insomma, per essere affascinanti non serve - e in ogni caso non basta - essere belli: il vero segreto della seduzione sta nella perfetta sintonia tra corpo e mente.

Per esercitare fascino bisogna imparare a comunicare in senso olistico, comunicando emozioni, risvegliando i sensi
Il potere di seduzione è infatti strettamente connesso a un buon uso dei sensi: dopo la vista allora sarà necessario allenare la propria capacità di ascoltare, annusare e assaporare. Per imparare a sedurre un uomo od una donna è fondamentale prima ascoltarlo con attenzione e cercare di impossessarsi del filo nascosto che c'è tra le sue parole, cogliendo le frasi non dette ma solo pensate e i sottintesi che spesso si perdono nel discorso.
L'erotismo e la seduzione si sprigiona anche attraverso gli odori: per questo bisogna sia lavorare sul proprio profumo, che deve essere caldo e avvolgente ma soprattutto leggero e più naturale possibile, in modo tale che si insinui poco per volta nella memoria olfattiva.

Nessun commento:

Posta un commento