domenica 10 ottobre 2010

INNAMORAMENTO ed AUTOIMMAGINE



L’innamoramento è la proiezione del vissuto conflittuale con uno od entrambi i
genitori su un’altra persona.
E’ cioè la proiezione del bisogno del comportamento del genitore conflittuale su
un’altra persona, in sostanza è l’illusione del nostro io bambino di aver ritrovato
l’antico rapporto, l’antico turbamento.
Far innamorare una persona non è quindi questione di cosce di tette, culo o prestanza
fisica per gli uomini.
Queste cose servono per stimolare attrazione istintiva, finalizzata alla seduzione
sessuale, non all’innamoramento.
L’innamoramento non è questione di bellezza (che serve per l’aggancio istintivo) ma
di COMPORTAMENTO.
Per un uomo la bellezza di una donna non sta nel suo corpo, ma di come lo muove.
La bellezza è al 50% una CONVINZIONE , quindi è una questione di
AUTOIMMAGINE.
L’auto immagine determina i nostri pensieri, le nostre azioni, le nostre azioni, il
modo in cui ci muoviamo e quindi anche come ci sentiamo.
Se sono un barbone ma mi sento un re sono felice, se sono un re ma mi sento un
fallito sono infelice.
L’AUTOIMMAGINE è la sedimentazione nell’inconscio dei giudizi su noi stessi e
dei modelli con i quali ci identifichiamo.
È possibile modificare l’auto immagine.

Nessun commento:

Posta un commento