lunedì 29 novembre 2010

LA SEDUZIONE E LE SUE TECNICHE


La seduzione e le sue tecniche sono delle modalità di comunicazione strategicamente efficace per migliorare i rapporti umani.
La seduzione e le tecniche di seduzione sono uno strumento utile per relazionarsi in modo efficace con le persone che ci interessano.
E' importante imparare le strategie di seduzione per entrare maggiormente in sintonia con le persone con le quali ci relazioniamo quotidianamente.

Se si entra in sintonia emozionale con le persone che ci interessano si produce un evento quasi magico e comunque un atto di amore che ci consente di vedere noi stessi nell'altra persona e viceversa.

Ma la seduzione e l'innamoramento possono essere racchiusi in tecniche?

La risposta è si.
Mi spiego meglio:
Anche la seduzione e l'innamoramento, così come il coinvolgimento, sono governati da leggi e regole.
E' quindi possibile studiare e comprendere i meccanismi che governano l'innamoramento e la seduzione in modo da ottimizzare le probabilità di successo in campo relazionale e sociale.

La seduzione e le sue tecniche aiutano anche a comprendere noi stessi attraverso gli altri.

Potremmo renderci conto che cambiando il nostro comportamento influisce in modo sensibile sui risultati che otteniamo.

Quali sono le caratteristiche che dobbiamo allenare per predisporci all'apprendimento delle tecniche di seduzione:

1. Vivere la seduzione come un gioco

2. Mantenere il distacco dal risultato

3. Imparare a cogliere anche i microsegnali non verbali emessi dall'interlocutore


4. Essere sicuri delle proprie capacità

5. Amarsi

PAURA DI AMARE


LA PAURA DI AMARE condiziona molte persone.
Per evitare la paura di amare molti possono soffrire la dipendenza affettiva, vivendo angosce che hanno origine nell'infanzia e nutrendo una scarsa considerazione di sé (proprio come le donne che amano troppo). L'uomo, più della donna, tende ad alleviare queste sofferenze investendo gran parte delle energie nel lavoro, impegnandosi in hobby e sport, cercando, in definitiva, delle risposte "al di fuori di sé" più che "dentro di sé". Le donne, invece, spesso anche per motivi di ordine culturale, sono abituate a considerarsi deboli, fragili, dipendenti, bisognose di protezione e di un punto di riferimento. Se la donna non riesce ad amare se stessa, ha naturalmente bisogno di un uomo che riesca ad rassicurarla, che la faccia sentire migliore. La paura di non essere amata può portare la donna ad accettare qualsiasi cosa dell'uomo purché la rassicuri e, per evitare che lui fugga, lei si adatterà a fare da infermiera, mamma, confidente .
La paura di amare ci impedisce di trovare persone con le quali instaurare un rapporto basato più sul piacere che sulla sofferenza.
Se ti ritrovi a chiederti perché non trovi abbastanza uomini o donne di qualità, chiediti: quanto varia la mia routine quotidiana? Vai a lavorare ogni giorno, tornando a casa alla stessa ora, uscendo sempre con le stesse persone negli stessi luoghi? Sii veramente onesta con te stessa qui. Se la risposta ad una o più di queste domande è si, allora hai bisogno di iniziare a fare alcune modifiche e prenderti qualche rischio se hai intenzione di attirare più uomini o più donne!
I vincoli sostengono la PAURA DI AMARE e che possono impedirci di avere relazioni sentimentali appaganti sono molti, sono spesso inconsapevoli. Non è detto che siano presenti tutti contemporaneamente.
Talvolta mettiamo inconsapevolmente in atto dei meccanismi auto sabotatori che ci impediscono di mettere in atto una comunicazione vincente, fluida e coinvolgente e seducente.
Questi vincoli sono:
·         Paura del rifiuto
perenne paura di venire rifiutati dagli altri in quanto non adeguati. Per evitare di essere rifiutati ci precludiamo la possibilità di vivere una relazione sentimentale appagante
·         Paura del condizionamento
E' la perenne paura che gli altri possano condizionarci nelle nostre scelte. Questo fa si che manterremmo un atteggiamento distaccato e sempre sulle difensive.
·         Vergogna
Possiamo vergognarci di tutto: di noi stessi, della nostra famiglia, della nostra cultura, della provenienza sociale, della terra in cui siamo nati.
Possiamo anche vergognarci dei nostri comportamenti, del nostro lavoro o delle amicizie che abbiamo.
·         Paura dell'abbandono affettivo
Se ho paura di venire abbandonato molto probabilmente eviterò di coinvolgermi affettivamente. Infatti il modo migliore per evitare di essere abbandonati è quello di non avere nessuno. È facile capire che questo meccanismo di difesa in realtà diventa un meccanismo che ci “offende”. Un po come prendere una medicina che abbia effetti collaterali più gravi della malattia che cura.
·         Disistima in se stessi
Chi non ama se stesso non potrà mai amare positivamente nessun altro.
La disistima ci impedisce di essere sereni. Se crediamo di non meritare la felicità è come se ci programmassimo per essere infelici.
·         Senso di colpa
Sentirci in colpa che con i nostri comportamenti potremmo far soffrire il nostro partner è deleterio. I sensi di colpa infatti possono condizionarci a stare con chi non amiamo più per paura di farlo soffrire.
·         Timore del giudizio negativo degli altri
se vivo il perenne timore che gli altri possano giudicarmi negativamente, le mie azioni non saranno fluide, la mia comunicazione non sarà seduttiva ed efficace.
·         Timore che gli altri mi giudichino inadeguato al mio ruolo
·         Auto giudicarsi inadeguati al proprio ruolo
Perenne sensazione di essere fuori posto, di non essere adeguati al proprio ruolo in società
Dobbiamo quindi imparare ad abbattere questi impedimenti che alimentano la paura di amare.
Come fare: non esiste una ricetta valida per tutti. Quello che invece vale per tutti è la capacità di auto analisi. Portare alla luce della consapevolezza quelli che sono i vincoli che ci impediscono di vivere bene i rapporti sentimentali e che ci creano paura di amare indebolisce i vincoli stessi e la paura di amare può diventare energia disponibile per amare.
Conoscere la seduzione e le sue tecniche aiuta a superare la paura di amare.

COME SEDURRE


Come sedurre chi ci interessa?
come conquistare una ragazza?
come conquistare un uomo?
come conquistare una donna?
Ed ancora:
come riconquistare un uomo?
come riconquistare una donna?
Ci sono persone che sono naturalmente seducenti. C'è qualcosa in loro che ci attrae nel modo di comportarsi, nello sguardo, in quello che dicono. Che cos'è che li rende irresistibili? Che cosa c'è oltre la bellezza? Ma soprattutto, come si può imparare ad attrarre sempre e senza difficoltà l'altro sesso? "L'INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE" svela tutti i segreti della seduzione per diventare dei veri professionisti nei rapporti con l'altro sesso e per superare LA SOLITUDINE SENTIMENTALE.
Dobbiamo imparare a mettere in atto i giusti giochi di seduzione
Nella società moderna, la solitudine scorazza indisturbata nelle menti e nei cuori di tutti.
Avvertono solitudine le persone che vivono da sole per scelta, i cosiddetti single.

Avvertono solitudine le persone che vivono da sole perché hanno deciso di separarsi dal partner, o ne sono state abbandonate.

Avvertono solitudine le persone che vivono da sole perché il loro partner è morto.

Avvertono solitudine le persone che pur avendo un partner e una famiglia si sentono incomprese, trascurate e… sole.

La cosa auspicabile da trovare è l'"equilibrio". L'equilibrio è la sensazione che si prova quando ciò che si fa non provoca in noi delle reazioni che ci danno fastidio o disturbano o fanno star male. Se ciò che stiamo analizzando ci fa provare una sensazione favorevole, ciò ci indica che per noi la cosa va bene. (è ovvio anche che se lo facciamo senza ascoltare quel che proviamo, ma ragionando su ciò che riteniamo giusto o sbagliato razionalmente, la cosa non funziona. E' indispensabile stare ad ascoltare cosa proviamo e non cosa ne pensiamo o cosa ne pensa la morale, o l'etica, o la legge.
Ci serve solo per capire, non per sapere se abbiamo fatto la cosa giusta. Infatti, se anche ci sentiamo a posto nel commettere una cosa condannata dalla legge, sarà nostra responsabilità decidere di farla o non farla a seconda del nostro giudizio morale o di convenienza. La cosa iniziale è capire come ci sentiamo "ascoltando" cosa proviamo in noi stessi.
E' facile immaginare che per far ciò sia meglio aver un pò di tempo da dedicare esclusivamente a questa cosa, non occorre aver ore, ne giorni, possono bastare cinque minuti, (ma a volte giorni). Qualcuno potrà riuscirci anche sul posto di lavoro, ma a molti serve il tempo adatto.

L'Intelligenza EMOTIVA è la capacità di instaurare relazioni soddisfacenti per noi stessi e per i nostri collaboratori.

La velocità dei ritmi vitali e lavorativi odierni ci porta spesso a preferire soluzioni approssimative, anche quando sarebbe meglio prendersi un pò di tempo e decidere con serenità. Capita, pertanto, di trascurare i nostri interlocutori e di liquidarli con conversazioni sbrigative e impulsive, allo scopo di raggiungere la meta in un tempo minore. Ma si tratta di un'illusione.

per raggiungere la felicità sentimentale e nelle relazioni interpersonali è utilissimo imparare le leggi e le tecniche di seduzione dell'INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE
Semplici e razionali, queste regole contraddicono in larga misura ciò che ognuno di noi pratica tutti i giorni e considera "normale". Un percorso di crescita e consapevolezza che fa capire come, anche in amore, il successo è tutto nelle nostre mani. Basta avere il coraggio di aprirsi a un nuovo modo di vedere il mondo, sapendo che la felicità e la realizzazione di sé si possono raggiungere solo entrando in risonanza con le leggi eterne dell'universo. A partire da questo semplice assunto. Franckh ci insegna in poche tappe a sfruttare al meglio il nostro potere di seduzione e a sconfiggere i pensieri negativi e le insicurezze, per realizzare i nostri desideri.

domenica 28 novembre 2010

VIVERE LA SEDUZIONE POSITIVAMENTE



Una delle conquiste che possono migliorare la qualità della vita è quella di VIVERE LA SEDUZIONE in modo gioioso ed allegro.
Ogni situazione della vita è potenzialmente distonica, i problemi , i desideri non realizzati o realizzati parzialmente, innamorarsi della persona sbagliata, fanno parte del'esistenza umana.
Quello che bisogna imparare a fare è ottimizzare le probabilità di successo, imparando la seduzione, le metodologie di seduzione e tutte le tecniche di seduzione.
In questo modo si avranno a disposizione tutti gli strumenti utili per conseguire il successo sia in ambito sentimentale, sia in ambito lavorativo sia in tutte le situazioni relazionali della vita quotidiana.

Una volta acquisiti gli strumenti comportamentali di seduzione (intesa come capacità di coinvolgimento)si tratta di imparare ad usarli e sperimentarli.

In questa ottica è importante la curiosità dello sperimentatore ed è anche importante un'altra qualità che deve essere coltivata, per poter applicare al meglio la seduzione e le tecniche di seduzione.
Questa qualità è quella che che gli orientali chiamano DISTACCO DAL RISULTATO.
Che cosa intendo con questo termine?
Intendo la capacità di non delegare la mia felicità all'esito del risultato.
Non devo delegare la mia felicità ad esempio al fatto di riuscire a conquistare la persona che mi interessa.
Io devo essere felice a prescindere.
La felicità va ricercata dentro di se non fuori di se.
Si può essere felici anche se una relazione sentimentale non va nel modo in cui vorremmo andasse, anche se nel lavoro non siamo ancora riusciti ad ottenere le gratificazioni che pensiamo di meritare.
Il compito è quello di imparare tutte le strategie più efficaci, di seduzione, di comunicazione efficace, di allenarci per metterle in atto.
Fatto tutto quello che si deve fare senza dipendere dal risultato se il risultato non fosse positivo si deve comunque essere felici lo stesso e trovare una motivazione in più a raggiungere diversamente l'obiettivo.
Il fatto ad esempio di non riuscire a conquistare la persona che in un dato momento identifichiamo come oggetto di desiderio non significa che dobbiamo precluderci la possibilità di vivere l'amore.
Può succedere che con una persona vada male (nonostante si siano applicate le migliori tecniche di seduzione).
Nella vita tutto è statistico nulla è sicuro.
Se con una persona le cose vanno male, con un'altra potranno andare bene.
Ogni volta che una relazione finisce o va male si aprono nuove possibilità.

LA SEDUZIONE va vissuta quindi positivamente.
Può anche succedere di essere sedotti dalla persona sbagliata che ci fa soffrire.
Capita.
Questi episodi devono insegnarci delle cose di noi stessi, devono fortificarci accrescere la forza interiore.
Ogni relazione che va male in realtà ci può permettere di crescere interiormente.

Fondametale per essere FELICI è imparare a VIVERE POSITIVAMENTE LA SEDUZIONE E MANTENERE IL GIUSTO DISTACCO DAL RISULTATO.

Imparare ad acquisire questa qualità permette di vedere un notevole miglioramento nella seduzione, nelle relazioni sentimentali e nelle relazioni in genere

EMOZIONARSI


Le emozioni non gestite sono come cavalli senza briglie: non riescono a condurti in
nessun luogo da te desiderato .Ama le emozioni' che ti rendono felice, ma dipendere da loro per la tua felicità.
Massimo Taramasco

IL TRADIMENTO E LA GELOSIA


Gelosia e tradimento sono due meccanismi che non dipendono dal genere sessuale bensì da questioni caratteriali.

Ci sono delle persone che non riescono a restare fedeli alla propria partner, o al proprio
partner
Nella componente passione è compresa la gelosia. Questo sentimento si potrebbe definire come il timore di perdere l’altro o qualcosa dell’altro: la sua presenza, il suo amore e gli apporti materiali, affettivi o spirituali che ci elargisce.
Ciò doverosamente premesso, prendiamo in considerazione i sentimenti della gelosia e della possessività, per
rispondere alle molte richieste ricevute in tal senso. Questi sentimenti, che tutti, in grado maggiore o minore,
abbiamo provato o subito, possono riguardare non solo la relazione di coppia, ma anche il rapporto tra
genitori e figli o quello tra fratelli. Sono sentimenti, e come tali sfuggono al controllo, non ubbidiscono alla
ragione, possono essere lievi nell’intensità e nella durata, oppure fortissimi e devastanti.
Affinché si possa parlare di tradimento, però, vi devono essere delle aspettative razionali ed emotive di lealtà, oltre che relazioni ed interazioni basate sulla fiducia. Il tradimento si presenta dunque come un evento del tutto inatteso, in seguito al quale i rapporti tra traditore e tradito e l’immagine individuale, non saranno più gli stessi, ma verranno ridefiniti in base a quell’evento

SI POSSONO AMARE DUE PERSONE CONTEMPORANEAMENTE?


La fedeltà è un valore, e non il semplice prodotto della monogamia. Essendo una condizione innaturale (nel mondo animale è quasi inesistente) è legata a una scelta consapevole, e comporta riflessioni e rinunce.
Certo, quando è frutto di un amore vero e di un rapporto felice la fedeltà ha un valore altissimo, quasi una magia. Ma a volte, che ci si colpevolizzi o meno, il miracolo non avviene. Scatta invece un altro meccanismo: ci si vuole svincolare dall’appartenenza alla coppia, creando uno spazio di identità non protetto, e forse per questo più vero, in cui far entrare qualcun altro.
Una persona nuova, che con la sua diversità fa affiorare aspetti di sé fino a quel momento sconosciuti.

Ciò che cerchiamo negli altri è già in noi. L'unione che perseguiamo non può esser creata se non nell'interiorità. Per quanto possiamo tentare di avvicinarci al nostro/a partner, rimarrà pur sempre una distanza profonda. Vivere una vita sociale piena e gratificante è ovviamente auspicabile. Ma non dovremmo mai congetturare che l'amore tra uno o più individui, per quanto reciproco, riesca a colmare l'incolmabile. Così come al vuoto si può sopperire soprattutto con la coscienza dell'energia interiore

Nell'animo umano agiscono impulsi contrastanti che creano dubbi, dilemmi, e portano ad agire in modo contraddittorio. Due di queste tendenze che possono entrare in conflitto, rappacificarsi, o scontrarsi di nuovo nel corso della nostra vita sono la sessualità e l'amore. Non sempre ce ne rendiamo conto perché sessualità ed amore ci si presentano spesso fusi, oppure perché in molti casi l'amore sboccia dalla sessualità.
La parola amore è equivoca. Una madre può amare dieci figli, un amico dieci amici. Quello che non si può condividere è l'innamoramento. Il nostro amato non è confrontabile con nessun altro.

AMORE PER SEMPRE


Qualsiasi essere amato - anzi, in una certa misura qualsiasi essere - è per noi simile a Giano: se ci abbandona, ci presenta la faccia che ci attira; se lo sappiamo a nostra perpetua disposizione, la faccia che ci annoia.
(M. Proust, Alla ricerca del tempo perduto)

Si ama solamente ciò in cui si persegue qualcosa d'inaccessibile, quel che non si possiede.
(M. Proust, Alla ricerca del tempo perduto)

Ma queste sono tutte bugie: di tanto in tanto degli uomini sono morti e i vermi li han divorati, ma non per amore.
(Shakespeare, As You Like It)

Per favore, un po' meno d'amore e un po' più di dignità.
(K. Vonnegut, Slapstick or Lonesome No More!)

Per tutti, anche per i più fortunati, l'amore comincia necessariamente con una sconfitta.
(H. Hesse)

Sedurre significa incarnare, agli occhi di un altro, la sua attesa. E questo, nella seduzione intenzionale, implica fatalmente un travestimento.
(G. Pontiggia, Il giardino delle Esperidi)

Non c'è perdita che ci tocchi così vivamente e per così poco tempo come quella di una donna amata.
(Vauvenargues)

Chi si forma un legame è perduto.
(J. Conrad)

Amore è soprattutto "dare" e non ricevere.
(E. Fromm, L'arte d'amare)

Perdonate chi vi ama. Non sa quel che fa ma subisce la primavera.
(G. Bufalino, Il malpensante. Lunario dell'anno che fu)

Amore (s.m.): parola inventata dai poeti per far rima con cuore.
(A. Bierce, Dizionario del diavolo)

Bisognerebbe non conoscerlo mai, l'amore. Continuare a sperarci... Ma che non venisse mai.
(C. Cassola, Un cuore arido)

L'amore, se lo si giudica dalla maggior parte dei suoi effetti, assomiglia più all'odio che all'amicizia.
(F. de la Rochefoucauld)

In amore non amare troppo è un mezzo sicuro per essere amati.
(F. de la Rochefoucauld)

Amore e amicizia si escludono a vicenda.
(J. de la Bruyere)

Non si ama veramente che una sola volta, la prima. Gli amori che seguono sono meno involontari.
(J. de la Bruyere)

L'amore, così come è oggi, non è altro che lo scambio di due fantasie e il contatto di due epidermidi.
(N. de Chamfort)

In amore, solo gli inizi hanno fascino. Non mi sorprende che si provi piacere a ricominciare spesso.
(C.-G. de Ligne)

Amor, ch'a nullo amato amar perdona.
(Dante, Inferno)

Amare sì che è una fortuna, non l'essere amati.
(H. Hesse)

Voi fatte amà. Fatte sospirà.
(proverbio romanesco)

Amare vuol dire non dover mai dire: "Mi dispiace".
(E. Segal)

Nulla è difficile per chi ama.
(Cicerone)

L'amore consiste in questo, che due solitudini si proteggono a vicenda, si toccano, si salutano.
(R.M. Rilke, Lettere a un giovane poeta)

C'è un unico amore che regge: quello non corrisposto.
(dal film Ombre e nebbia, 1992)

Credevo che l'amore durasse per sempre. Sbagliavo.
(W.H. Auden)

Monsieur Teste, del resto, pensa che l'amore consiste nell'essere cretini insieme.
(P. Valery, Monsieur Teste)

Chi mai amò, che non abbia amato a prima vista.
(C. Marlowe, Ero e Leandro)

L'amore coniugale, che persiste attraverso mille vicissitudini, mi sembra il più bello dei miracoli, benché sia anche il più comune.
(F. Mauriac, Diario)

L'amore perfetto significa amare quella persona che ci renderà infelici.
(S. Kierkegaard)

Odio e amo. Forse chiedi perché lo faccia. Non lo so, ma lo sento e mi tormento.
(Catullo)

I litigi degli amanti rinnovano l'amore.
(Terenzio)

Ma che cosa è questo amore, che fa tutti delirare? È una gioia? è un gran dolore? è una cosa da morire?
(A. Campanile, Ma che cosa è questo amore?)

L'amore è fecondissimo di miele e di fiele.
(Plauto)

Quanto bisogna amare qualcuno per preferirlo presente anziché assente.
(J. Rostand)

L'amore vince tutto e noi cediamo all'amore.
(Virgilio)

Noi cammineremo insieme, la mano nella mano, anche nel regno delle ombre.
(T. Mann, Brindisi a Katja)
amore è tutto, è tutto ciò che sappiamo dell`amore.
Emily Dickinson


L`amore é come la febbre. nasce e si spegne senza che la volontà ne abbia la
minima parte.
Stendhal



L`amore é un bellissimo fiore, ma bisogna avere il coraggio di coglierlo sull`orlo di un precipizio.
Stendhal



L`amore é una guida cieca, e chi lo segue assai spesso si smarrisce.
Colley Cibber


E' più facile amare gli altri che se stessi. Degli altri si conosce il meglio.
Gesualdo Bufalino

Non ama colui al quale i difetti della persona amata non appaiano virtù.
(JW. Goethe)


C'è sempre un grano di pazzia nell'amore, così come c'è sempre un grano di logica nella follia.
Friedrich W. Nietzsche.


Quando si ama troppo, non si ama abbastanza.
Roger Bussy De Rabutin.


Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori, / le cortesie, l'audaci imprese io canto, / che furo al tempo che passaro i Mori / d'Africa il mare.
(L. Ariosto, Orlando furioso)

Non amo che le rose / che non colsi. Non amo che le cose / che potevano essere e non sono / state...
(G. Gozzano, Cocotte)

Questo è il dolore della vita: che per essere felici bisogna essere in due.
(E.L. Masters)

Chissà se l'amo? È un dubbio che m'accompagnò per tutta la vita e oggidì posso pensare che l'amore accompagnato da tanto dubbio sia il vero amore.
(I. Svevo, La coscienza di Zeno)

Un amore, qualunque amore, ci rivela nella nostra nudità, miseria, inermità, nulla.
(C. Pavese, Il mestiere di vivere)

Per l`uomo l`amore è una parte della vita per la donna è tutta l`esistenza.
Lord Byron


Per scrivere una buona lettera d`amore, bisogna iniziare senza sapere cosa si
vuole dire e finire senza sapere che cosa si è detto.
Jean Jaques Rousseau


Dov`è amore, è dolore.
Plauto


La più gran prova che una donna possa dare del suo amore é di tenerlo nascosto.
Rey Etienne


L`amore è un castigo. Siamo puniti di non aver saputo restare soli.
Marguerite yourcenar


L`amore non é cieco, é presbite, infatti comincia a vedere i difetti man mano che si allontana.
M. Zamacois


Il mio slancio è infinito come il mare, e non meno profondo è il mio amore; più te
ne dono più ne posseggo, perché entrambi sono infiniti.
William Shakespeare


E non crediate di condurre l'amore, giacché, se vi scopre degni, esso vi conduce.
(Kahil Gibran, Il Profeta)

AMORE O NON AMORE


Un amore, che non ci abbia rivelato nulla di noi stessi non è stato un amore. Massimo Taramasco

INFORMAZIONI:
DOTT. MASSIMO TARAMASCO
TEL.: 333 1511703
MAIL: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://laseduzione.altervista.org
POSSIBILITA' ANCHE DI CONSULTI TELEFONICI E TRAMITE E MAIL CON INVIO DI file ed MP3

SITO SU SEDUZIONE E TECNICHE DI SEDUZIONE

COME SEDURRE UN UOMO SPOSATO


Sedurre un uomo sposato è la stessa cosa di sedurre qualsiasi uomo.

Può apparire eccitante e anche conveniente in principio. Un rapporto succoso ed emozionante senza l'impegno. Non devi mai lavare le camicie, raccogliere i calzini o confortarlo.

Dovete però superare la gelosia verso la moglie.
Sperare che la lasci è un'illusione nella maggior parte dei casi.


Sedurre un uomo sposato non è diverso per sedurre qualsiasi uomo. Ma attenzione perché la seduzione non significa che tu possa essere vincente sulla moglie.

Prima di decidere di sedurre un uomo sposato ricorda che se egli non lascerà la moglie nei primi sei mesi di relazione difficilmente lo farà successivamente.

ERRORI DEGLI UOMINI NELLA SEDUZIONE


Nella SEDUZIONE CHI SI DIMOSTRA AFFAMATO MORIRA' DI FAME. Apparire bisognosi NON PRODUCE SEDUZIONE . Gli uomini che hanno bisogno dell'affetto di una donna appaiono bisognosi e questo e ha un effetto diretto sul valore percepito sociale e, quindi, le vostre probabilità di SEDUZIONE .

E 'un modo sicuro per rovinare le Tue possibilità con una donna nuova che hai appena conosciuto, e di demolire qualsiasi nuovo rapporto che si ha la fortuna di iniziare.Semplicemente non può mantenere l'interesse e attrazione di una donna se lei ti vede come un uomo bisognoso, perché lei ti penserà come "di scarso valore" dal punto di vista sociale.


Ecco i comportamenti che rendono un uomo bisognoso agli occhi di una donna:

ESSERE TROPPO PRESSANTI: Contattare più e più volte una donna è il modo più rapido per sembrare bisognosi. Questo include chiamarla, sms troppo frequenti, presentandosi alla sua opera, e tutte le altre forme di comunicazione. Se si mettono in atto contatti con lei più volte al giorno, apparirete bisognosi. Il modo migliore per gestire questo uno è quello di limitarsi ad un contatto con non più di una volta al giorno.

ESSERE GELOSI: Volete sapere come fare da soli sembrano essere veramente insicuri e indegno di attenzione ? Dimostrarsi gelosi

ESSERE SEMPRE DISPONIBILE: gli uomini bisognosi di mettersi a disposizione delle donne che CHE GLI INTERESSANO 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana APPAIONO DIPENDENTI E BISOGNOSI. In sostanza, se si dà l'impressione ad una donna che si è sempre disponibili alla sua chiamata, indipendentemente dal momento della giornata la sua percezione di voi scenderà più velocemente di quanto si possa immaginare.

ESSERE TROPPO VELOCI: Quando un uomo incontra per la prima volta una donna che lo attrae il suo primo istinto è quello di uscire con lei velocemente, si dimostra impaziente. Il suggerimento è di prendere tempo.

Il gioco è fatto. Questi sono i principali errori che gli uomini fanno e che che alla fine li portano ad essere visti come bisognosi e bisognosi e non non attraenti. Se vuoi essere un grande seduttore con le donne, è necessario imparare a evitare questi errori a tutti i costi.

La buona notizia è che questi sono tutti aspetti semplici della vita sin che si può facilmente prendere il controllo di con appena un pizzico di volontà. Dopo aver eliminato queste cattive abitudini, dal vostro comportamento naturale, si vedrà un drastico cambiamento nel modo in cui le donne ti percepiranno.

sabato 27 novembre 2010

DONNE SEXY E FEMMINILI


Per risultare sexy e femminili, bisogna anche saper rispettare il proprio corpo e la propria anima. E’ inutile tentare di diventare fisicamente o mentalmente ciò che in realtà non si è. E inoltre, e questo consiglio è per le signore un po’ più mature, continuare a curarsi e non aver paura del tempo che passa è la regola fondamentale. Un altro consiglio di seduzione riguarda proprio il corpo femminile: basta alle magroline, gli uomini rivogliono le donne formose.
Il fascino è insito in ogni donna. Per esplodere con la propria seduttività basta tirarlo fuori e lasciarlo agire nelle situazioni che lo richiedono.

DONNE CHE SEDUCONO


La seduzione, come la maggior parte degli atteggiamenti umani nasce da una educazione di tipo antropologico che affinandosi nel tempo ha finito col far parte del patrimonio genetico comune.
Esistono molti gradi di seduzione e chi possiede questa qualità la può esercitare in molti ambiti, anche diversi dall'erotismo puro e semplice e fine a se stesso.
Da molto tempo l’uomo s’interroga sulla seduzione. Si chiede cioè da dove venga mai la straordinaria capacità di quella donna o di quell’uomo di attrarre l’altro. Per la verità, la seduzione non appartiene soltanto ai due sessi in quanto partner, o potenziali partner, sessuali. Si può rimanere sedotti, infatti, da tante cose. Molti sono affascinati dai loro studi, dall’arte, dalla musica; alcuni non riuscirebbero a vivere senza la loro passione politica o l’impegno sociale.
In primo luogo bisogna pensare all'emozione che si intende trasmettere - spiega - e poi muoversi, cambiare posizione e lasciarsi andare all'immaginazione.

Tenete a mente che l'aspetto fisico è un dettaglio quasi trascurabile nella seduzione. Molte delle seduttrici della storia sono stati belli, ma molti uomini si sono allontanati dalla loro rapporti di stare con una donna che non è considerata dalla maggior parte di essere il più attraenti come partner.
1 Location
Credetemi, il "dove" è molto importante per il vostro successo. Una cena privata con la romantica atmosfera del caso , dall'altro vi darà le migliori possibilità.

Scegli i posti dove si può ridurre al minimo le distrazioni (e idealmente concorrenza). devi ottenere la sua completa attenzione.

Inoltre, il corretto circostante può essere molto stimolante. Mai sottovalutare il potere delle candele e la musica adeguata soft.

2. Il potere del profumo

Il profumo è uno dei più potenti influenze subconscio che influenzano i nostri giudizi.


Il profumo è una delle influenze più potente subconscio che influenzano i nostri giudizi circa l'altro sesso. Il modo in cui il profumo è un elemento vitale del vostro successo nella seduzione. Lo si può paragonare ai feromoni nel mondo animale.


Utilizza un profumo che ti piace ma attenzione a non esagerare. Usalo con parsimonia e si applica al tuo corpo così detti punti di impulso: polsi, dietro le orecchie, nella piega del gomito, dietro le ginocchia e sulla parte interna delle caviglie.
Fai la tua profumo una parte riconoscibile di te. Fai il tuo profumo impresso nella sua mente.

3. Esibisci ma non troppo

Vi è un certo modo come vestirsi che fa impazzire gli uomini. E io di certo non intendo essere volgare.

Hai bisogno di trovare un compromesso tra mostrare e nascondere le tue qualità femminili. E 'la giusta combinazione che rende il segreto. Mi piacciono le donne, che migliorano alcune regioni del corpo, senza mostrare nulla di troppo. E non dimenticare alcuni killer-lingerie e accessori sexy come i braccialetti e collane.

4. Essere super-fiduciosa

Avere fiducia in te. Essere una donna che sa cosa vuole e come ottenerlo. Sapete come fare questo?

Ma attenzione: c'è anche una sottile linea rossa, se si esagera, è molto probabile che invece di guardare arrogante fiducioso. Tu non vuoi questo. A nessuno piace l'arroganza.

Si può iniziare con il rinnovamento di te stessa, . Mai sottovalutare ciò che un nuovo taglio di capelli può fare per voi. Controlla anche la tua postura: tenere la schiena diritta e le spalle indietro, esporre il petto. Fate tutto ciò che rende la tua fiducia in te stessa più forte. Gli uomini sono molto impressionati da fiducia ed autostima.

5. Inviare segnali di interesse

Ora è il momento per diffondere un po 'di speranza che l'uomo ha in realtà una possibilità su di voi. Mandalo piccoli segni di interesse di volta in volta che lo fanno venire in avanti:

5 Esibisci le mani
Gioca con i tuoi capelli carezza o altri oggetti. Spingere le dita tra i capelli

Ogni tanto accarezzati e mordicchiati le labbra
6. La magia dell' anticipazione


Attesa, emozione, e la tensione può essere una buona strategia per sedurre un uomo. Ritardare la gratificazione. Fare due passi avanti e uno indietro. Creare un forte senso di insoddisfazione in lui. Una insoddisfazione che può essere risolta solo facendo voi. Non deve mai sembra essere facile per lui.

Fare due passi avanti e uno indietro. In contraddizione con te! Utilizzare i segni di cui prima di interessi, poi improvvisamente mostrano disinteresse, ignorarlo per due minuti. Poi ricominciare da capo. Due passi avanti e uno indietro.

7. Killing Eyes - La Tecnica francese

Inizia con sguardi quasi per caso con la coda dell'occhio. È possibile seguirlo con uno sguardo diretto. Ora inizia qualcosa di ciò che può essere descritto come innocenza giocosa : Nel momento in cui ti guarda abbassa istantaneamente gli occhi con un sorriso imbarazzato. Si può anche sottolineare che alcuni istanti dopo, cercalo di nuovo, questa volta più lungo e poi di nuovo abbassare gli occhi.

8. Toccalo "accidentalmente"

cerca di toccare accidentalmente la mano. Non deve essere troppo evidente. Anche brevemente nel corso della conversazione per sottolineare un concetto o quando ha appena fatto un'osservazione interessante su qualcosa.

Il segreto è essere giocosa e con disinvoltura toccalo ogni tanto. Questo crea tensione e anche un collegamento fisico. E ancora più importante: si comunica inconsciamente che non sei interessata a essere solo amici

9. La seduzione del movimento

Questo è breve e semplice: imparare a ballare in modo erotico e cerca l'occasione farti vedere dall'uomo che ti interessa. Non è il corpo in se ad attrarre ma come questo si muove


10. L'ingrediente segreto

Ora, c'è un ingrediente finale di una seduzione di successo di un uomo: lui non deve sentirsi sedotto. Egli deve pensare che vi ha sedotto, non il contrario. Dategli la sua vittoria, che sia l'eroe. Uomini come questo. Dà loro una sensazione di sicurezza.

SEDURRE CON LE EMOZIONI


In ogni relazione umana al di sotto delle molteplici variabili c'e costante che spesso non vene evidenziata ma che determina l'esito della relazione stessa: la seduzione.

Per mettere in atto un processo di seduzione o potersi innamorare occorre trovare il bersaglio della nostra emotività, un soggetto che attraverso la comunicazione integrale, verbale e non verbale, il suo comportamento, stimoli la nostra sfera emotiva, così che attraverso le nostre proiezioni lo investiamo emotivamente.
La seduzione attiva un particolare flusso energetico che crea un nuovo desiderio, che sfocia in un bisogno di possesso nei confronti dell’oggetto, della persona o dell’idea che ha determinato la seduzione.Forse non te ne rendi conto, ma i tuoi gesti e i tuoi comportamenti possono dire tanto e inviare dei segnali inconsci ai tuoi interlocutori. Perché, allora, non usarli per sedurre chi ci interessa?
la nostra emotività lo riconoscerà come fonte stimolante o energetica, in quanto noi proiettiamo la nostra emotività sul soggetto o bersaglio e questa ci ritorna indietro sotto forma di riconoscimento del bersaglio come simbolo di coinvolgimento (innamoramento). Il potere emotivo di seduzione per ottenere consenso, inteso come capacità di creare interesse, attenzione ed energia, sia mentale che fisica, è regolato da precise leggi e dinamiche funzionali.
Siamo noi che attraverso le nostre proiezioni diamo significato al significante, in pratica l'oggetto del coinvolgimento emotivo è la condensazione incarnata dei nostri turbamenti, in questo modo si viene a creare un moto circolare dell'emotività tra noi e l’oggetto del coinvolgimento e l’oggetto del coinvolgimento e noi quindi, tra noi e il mondo esterno e il mondo esterno e noi, così da vivere quel pathos, quelle emozioni che poi definiamo: SEDUZIONE, interesse, sentimento, passione, amore.

Possiamo affermare che l'essere umano non può vivere senza coinvolgimenti ma purtroppo in alcuni casi le relazioni sono causa di grandi sofferenze.

ogni qual volta noi ci innamoriamo, ci coinvolgiamo in qualcuno, questo avviene perché il soggetto di cui noi ci siamo innamorati, ci riproduce emotivamente il nostro passato, ci fa rivivere, attraverso la sua comunicazione integrale, che vuol dire comportamento, atteggiamento e linguaggio, i nostri turbamenti Bisogna comprendere che ogni qual volta noi ci innamoriamo di qualcuno questo avviene attraverso la proiezione di una parte di noi, che si identifica all’esterno, nell’oggetto d’amore.

In sintesi chi riduce i turbamenti appagando la persona sarà riconosciuto come amico mentre chi li amplifica o rigenera sarà riconosciuto come amante.

Dunque: se noi avessimo la possibilità di venire a conoscere quali sono i turbamenti inconsci del nostro interlocutore e apprendere come rigenerarli, le capacità seduttive si amplificherebbero a dismisura.

E’ possibile capire quali sono i turbamenti inconsci del mio interlocutore?
Si è possibile: , attraverso il linguaggio delle emozioni.
Ogni circostanza di vita si estrinseca in comunicazione la conoscenza della Comunicazione Analogica Non Verbale permette di migliorare a dismisura le proprie relazioni professionali e private, dall’innamoramento al mantenimento dell’armonia famigliare, dai rapporti di lavoro al dialogo con i figli, e non in ultimo di diventare dei comunicatori eccellenti dei seduttori O DELLE SEDUTTRICI.
Infatti l’essere umano comunica attraverso due canali quello verbale, la parola che è il linguaggio della parte logica / razionale preposto per l’appagamento delle esigenze da noi riconosciute i bisogni, mentre il canale della Comunicazione Analogica Non Verbale il linguaggio della sfera emotiva che è preposto per l’appagamento emotivo delle esigenze inconsce, le quali da noi non vengono percepite, perché passano sotto la soglia subliminale, ma vissute come rigenerazione dei nostri turbamenti, i quali rigenerati, riattivati, producono il coinvolgimento, che è il riconoscimento dell’elemento che li ha alimentati, quindi questa dinamica inconscia crea il bisogno: l’esigenza di possedere l’oggetto del desiderio: l'innamoramento.
SE CONOSCE LA COMUNICAZIONE EMOZIONALE osservando lo sguardo di un uomo, una donna riesce istintivamente a capire se quell’uomo è sicuro di sè oppure timido e remissivo. Incrociando lo sguardo di una donna, un uomo può istintivamente provare attrazione per lei. Da qui si può facilmente trarre la conclusione che lo sguardo è uno fra gli strumenti più efficaci che abbiamo per sedurre.
La conoscenza della Comunicazione Analogica Non Verbale permette di scoprire i segreti più intimi di se stessi, delle persone care e dei propri interlocutori. Le posizioni del corpo i segni e i gesti che l’individuo esprime durante un pensiero o durante un dialogo, non sono casuali, ma correlati dai suoi stati emotivi. Toccarsi in determinate zone del viso, accarezzarsi le labbra, toccare oggetti in un certo modo, e tanti altri segnali opportunamente classificati permettono all’esperto della Comunicazione Analogica Non Verbale di scoprire i dinamismi che governano il comportamento umano, e le sue esigenze affettive / sessuali.

COINVOLGIMENTO EMOTIVO E SEDUZIONE

Coinvolgimento emotivo e seduzione sono sinonimi, dal coinvolgimento emotivo si arriva alla seduzione e la seduzione produce coinvolgimento emotivo.
Come si fa a generare coinvolgimento emotivo e quindi seduzione nella persona che ci interessa?

Si tratta di produrre emozioni, il tipo di emozioni che l'altra persona, o meglio la sua sfera emotiva, desidera.

Per cogliere quali emozioni produrre è necessario cogliere i segnali di comunicazione analogica emozionale.

Le persone emettono continuamente segnali non verbali analogici che ci informano su quali sono le loro esigenze emozionali.
ovviamente questi segnali sono tali solo per chi conosce il linguaggio analogico delle emozioni.

Oltre ad imparare il linguaggio emozionale è necessario sviluppare delle capacità di osservazione, imparare a cogliere anche dei micro segnali a cui normalmente non si presta attenzione.

venerdì 26 novembre 2010

INIZIO DELLA SEDUZIONE


La vera avventura comincia dal momento in cui esprimete l’invito, la vera seduzione inizia così, e mettetevi in testa che se la persona che tanto vi ha fatto lavorare per portarla a voi vi ha accettato è perché vi vuole mettere alla prova definitivamente.

SEDUZIONE e STILE DI VITA


LA SEDUZIONE costituisce quel meccanismo segreto di qualsiasi rapporto interpersonale e produce stili e rituali particolari. Amicizia, amore, matrimonio e figli possono portare grandi gioie nella nostra vita oppure grandi sofferenze; ciò dipende da cosa ci aspettiamo dalle nostre relazioni.
La seduzione è un gioco che riduce tutte le cose a segreto e apparenza. Non ha limiti, salvo uno: esiste solo finché non viene svelata
Imparando a sviluppare l’amore più puro di tutti – l’amore non egoistico – riusciremo finalmente a esprimere il nostro vero amore verso gli altri, dal profondo del nostro cuore, senza paura di essere respinti.

per essere amati così, prima di tutto, ci si deve sentire liberi di essere e di riconoscersi semplicemente semplici e di poter sorridere per cio’ che si e’.

Una prima utilità della CNV è quella di fornirci informazioni sullo stato emotivo dell’interlocutore.
Ogni affermazione fatta da un soggetto con la parola è infatti sempre una risposta controllata dalla sua razionalità, pertanto
non sapremo come la pensa il suo istinto.
La parola può però anche esprimere:
a) Ciò che l’interlocutore non pensa ma ci vuol far credere sul suo conto.
b) Ciò di cui l’interlocutore è convinto senza però che la sua parte istintiva (che è quella che muoverà le sue scelte e il suo
comportamento), sia allineata
Nel processo di seduzione analogica, per avere come feedback dei segnali dalla persona con cui si vuole interagire, occorre porsi
nell’ottica di sollecitarlo, fornendo delle stimolazioni. La comunicazione non verbale è sempre da intendersi nella sua
dimensione interattiva.
Ogni segnale, e quindi ogni stato d’animo provato dall’interlocutore, è da intendersi sempre in relazione a ciò che lo ha causato

La vera persuasione, la vera seduzione, sono processi illogici. Abbiamo fino ad oggi pensato che un bel vestito, un bell'aspetto o una buona cultura potessero essere fondamentali per “agganciare” qualcuno. Abbiamo provato a fare dei regali per persuadere ed ottenere i consensi che vogliamo.

Beh, rimettete nei portafogli i vostri risparmi e tenetevi pure i vostri piccoli o grandi difetti fisici. Vestitevi come desiderate, perchè non è questo che vi rende persuasivi o seduttivi!

Quello che veramente conta è riuscire a soddisfare i bisogni emotivi dell'altro e potete farlo solamente comunicando con il suo inconscio.

Imparate ad alimentare il vostro oggetto di desiderio attraverso stimoli emotivi ed osservate il gradimento tramite il linguaggio non verbale.

Come apprendere tutto questo? Informatevi sui nostri corsi: MINIMO SFORZO, MASSIMO RISULTATO!

Parlare oggi di seduzione significa contestualizzarla nella nostra specifica cultura,
perché è proprio questa che ne determina non solo le abitudini ma anche lo specifico
significato, altrimenti si rischiano fraintendimenti.
Per seduzione s’intende quella specifica abilità o capacità di suscitare fascino e
attrazione. Uomo e donna utilizzano segnali diversi per sedurre che nel tempo hanno
subito evoluzioni e cambiamenti.

Se SEDURRE è capacità di ATTRARRE a sé l’Altro,
allora l’ATTENZIONE verso questo Altro è fondamentale.
E qui sto parlando di VERA ATTENZIONE.
Non un semplice sguardo affrettato all’aspetto fisico, all’abbigliamento, ma di VERA ATTENZIONE finalizzata a conoscere le esigenze emozionali di chi ci interessa.
Nel momento in cui ci accingiamo ad approcciare un’altra persona smettiamo per un attimo di focalizzarci su noi stessi.
La seduzione diventa tale quando s’impara a padroneggiare il linguaggio del
corpo:
il proprio e quello degli altri.
Infatti per diventare abili nell’arte della seduzione è imprescindibile imparare ad
affinare l’uso consapevole del linguaggio del corpo. Tanto è vero che il regno della
seduzione è la lentezza dei movimenti, dei gesti e delle parole. La seduzione è
armonia sia nella voce che nei movimenti: voce bassa e parole che si susseguono in
modo coerente per ricalcare delicate movenze.La seduzione è la capacità particolare di suscitare fascino e attrazione.
La comunicazione seduttiva è obliqua, indiretta, intrigante e allusiva: dire abbastanza, ma non troppo
la seduzione è conquista reciproca

AMORE, DESIDERIO, SEDUZIONE


Qual'è il contrario dell'Amore? L'odio?
No! La paura.
Ogni volta che noi facciamo un passo nella direzione della crescita, noi siamo utilizzando l'energia dell'Amore e al contrario, ogni volta che scappiamo davanti a ciò che ci costa o ci fa paura, cadiamo nell'autocompatimento e stagnazione.
Per legge della natura, tutto ciò che ristagna, muore.
La nostra natura è espanderci, sia a livello collettivo che individuale.
L'amore è desiderio che attrae e unisce gli esseri viventi e coscienti in vista di un reciproco bisogno di completamento. La sua natura è paradossale. Nell'amato infatti si cerca contemporaneamente l'identico e il differente, l'altro se stesso e l'individuo diverso da sé, la fusione senza residui e il rafforzamento della propria personalità. Se l'altro non mi somigliasse, se non potessi rispecchiarmi in lui e riconoscere nei suoi pensieri e sentimenti il riflesso dei miei, l'amore non sorgerebbe, ma non potrei amarlo neppure se mi somigliasse troppo, se fosse un mero duplicato, un'eco monotona e ripetitiva di me stesso.
Ogni persona ha voglia di vivere il grande amore. Certe persone non esitano a buttarsi a capofitto nelle relazioni sentimentali. la passione è l'idea che noi patiamo, cioè soffriamo di qualcosa e che siamo turbati, che c'è una sorta di tempesta dell'animo. Ci sono degli amori naturalmente tempestosi, che sono fatti di questi grandi slanci, rotture, riconciliazioni, e ci sono invece degli amori più tranquilli, che però implicano sempre che l'immaginazione entri in gioco e che noi cambiamo. Altre sono più riservate : pensano che l'uomo o la donna ideale non esista o che non si possa interessare a loro.

La seduzione è un’esperienza straordinaria e magica in cui mettiamo in gioco noi stessi in modo totale. È un’arte raffinata, un’operazione ad alto rischio, una sfida entusiasmante, coinvolgente, vitale. È la capacità di attrarre e di conquistare cuore, mente e corpo di un altro, fino a poco prima estraneo.
In ogni caso tali convinzioni influenzano il destino sentimentale di ogni persona perchè non si smette di Vivere quando si muore ma quando smettiamo di Amare
il gioco della SEDUZIONE anche nel rapporto di coppia richiede anche una buona gestione dell'EROTISMO.
Nell'intimità e nell'espressione dell'amore fisico nulla è più esaltante più di una totale, assoluta libertà. Tuttavia, la libertà sessuale assoluta non può esistere, se non viene vissuta da entrambi i partner. Talvolta ci si chiude sessualmente per via di oscillazioni momentanee dell’umore, ma di solito c'è sotto un problema più grosso: ansia della performance, inesperienza, vincoli morali, cattiva immagine del proprio corpo.
Per le donne aspiranti seduttrici:Uno dei modi più facili per mandarlo su di giri è non essere prevedibili. Non passate subito al dunque: fatelo aspettare! Cercate di essere come nuove amanti di cui lui non possa anticipare le mosse.Per essere sensuali, esercitare sugli uomini il potere della seduzione e dare energia alla vita di coppia e alla passione non serve essere delle bombe del sesso, lo sapete bene. Più spesso, l’attrazione scatta da un inconsapevole dettaglio, un piccolo particolare o un “difetto” da cui emerge la nostra forza vitale: la nostra innata femminilità.

Capita spesso che uomini e donne si lamentino di come la coppia rimanga bloccata in uno schema sempre uguale: lo stesso approccio, la stessa posizione, allo stesso giorno, alla stessa ora eccetera. Niente eccitazione, niente aspettativa, niente senso di rischio, niente ridarella, niente di niente. All'inizio passa una settimana senza sesso e poi, senza neanche rendersene conto, passa tutto un mese. Ben presto è trascorso cosi tanto tempo, dall'ultima volta, che i due hanno vergogna di parlarne.
Nelle relazioni in cui c'è molto non-detto, per esempio nel corteggiamento, uomini e donne devono imparare a cogliere i segnali non verbali per poter capire le parole. Se per esempio una donna ti dice "per me sei un amico" e ti racconta i cavoli suoi con altri uomini, è abbastanza ovvio che non ti sta dando un segnale di disponibilità romantica o sessuale.

giovedì 25 novembre 2010

COME CONQUISTARE E SEDURRE UN UOMO


Il come sedurre un uomo è sempre stato per molte donne un enigma nonchè un problema spesso difficile da ammettere o confessare soprattutto se l'uomo incarna il fascino dell'amore perduto.
Ci sono due livelli, uno più generale ossia quanto bisogna essere interessanti per sedurre e usare questa seduzione per trovare uno spazio nel mondo. Dall’altro, da donna, una serie di indicazioni, l’istruzioni per l’uso di come portare una borsa, come mettere un tacco, credo che siano cose che una volta che ascolti magari ti interessano perchè non ci avevi pensato prima. Chiaramente vanno visti i due aspetti. Credo che il piacere della seduzione sia una cosa bella per la donna e per la sua femminilità; è chiaro che se si da’ un obiettivo o una finalità spesso anche tattica magari diventa un’altra cosa”.

Molte donne lasciano la loro vita amorosa al caso. Vagano in giro senza meta a sperare e a sognare, in attesa che la persona giusta appaia dal nulla e le faccia impazzire. Di tanto in tanto, se sono fortunati, possono entrare in una relazione. Purtroppo le possibilità di lieto fine non sono troppo buone se non si applicano le giuste strategie di seduzione.
Se fai parte di quelle che, magari per timidezza, magari per educazione, fanno fatica a farsi avanti per prime, sappi che ci sono dettagli che puoi sottolineare senza sforzo e che ti faranno apprezzare sicuramente dal tuo compagno, ma anche da uno sconosciuto che invece ha attirato la tua attenzione

Per capire la vera molla del desiderio maschile bisogna penetrare nelle differenze tra i due sessi.
E questo si può spiegare senza far discorsi difficili…
La femmina è capace di dare la vita, di portarla dentro, di farla crescere. La femmina ha una capacità miracolosa di curare, accudire, proteggere i piccoli. Una mamma è mamma ininterrottamente. Non c’è un solo momento nel quale smette di essere tesa verso il benessere delle sue creature. Anche una donna che non ha figli ha comunque questa potente capacità di agire in modo continuato, senza nessuna battuta di arresto. Il maschio invece ha una natura genetica legata a azioni brevi: fecondare, difendere dalle belve le donne e i bambini, trovare il cibo.

Il maschio riesce a mettere tutte le energie in un solo gesto, ma poi crolla in stato catatonico fino alla prossima impresa.

Il maschio non cerca il sesso di per sé.
Il maschio cerca di diventare bersaglio di questa meravigliosa attenzione ininterrotta della femmina.

Per sedurre un uomo devi essere sicura di te stessa:

prima di tutto individuiamo chi è l'"oggetto" del tuo desiderio, meglio dire l'essere umano con cui desideri condividere delle esperienze. Hai già in mente chi è o come potrebbe essere? Sei sicura al 100% che corrisponda ai tuoi desideri? C'è qualche suo aspetto che ti intriga particolarmente e che ti motiverebbe fortemente a sedurlo? Cosa desideri dire, fare, ottenere da lui? In quanto tempo? Cosa potrebbe intrigargli di te? Pensaci e individua questi punti, è lui l'uomo che sedurrai.
Per poter sedurre è indispensabile avere stima di se, vedersi belle, affascinanti, valorizzare i propri punti forti, solo in questo modo è possibile mostrarsi con un atteggiamento diverso agli altri, sicuramente apprezzabile.

Profumo: avere un buon profumo è un dettaglio che non passa inosservato. Scegli una fragranza che ti piace particolarmente, o che ti rappresenta, e lascia con questa il tuo segno inconfondibile per lui. Tra i profumi più apprezzati dal sesso forte ci sono sandalo, rosa, ylang ylang, jasmine e patchouli. Metti un po’ di profumo nei punti strategici (dietro alle orecchie, nell’interno gomito, dietro le ginocchia e vicino alle caviglie) ma attenta a non esagerare: lasciare la scia non è poi molto chic.
Lo conosci e già parli con lui? oppure hai bisogno di creare una opportunità di incontro per poterti presentare a lui? come potresti creare una opportunità per incontrarlo e stare del tempo serenamente con lui per potervi conoscere? c'è un luogo che piace a entrambi, che frequentate abitualmente? c'è un argomento di discussione che potrebbe essere utile per attaccare bottone? conosci qualcosa che può affascinarlo e sorprenderlo? Bene, metti nero su bianco e pensa a come potresti organizzare un incontro per farti conoscere.

Lascia che non sappia tutto di te. E’ quello che lui vuole e ti chiede. Ma, se vuoi conquistarlo, devi farti desiderare nella quotidianità. Evita di raccontargli per filo e per segno che cosa hai fatto oggi, quando te lo chiederà, stasera. Rispondi esattamente come farebbe lui, con due frasi piuttosto generiche che non citano né orari né persone precise, ma solo “situazioni”. Vedrai che inizierà ad indagare più a fondo. Se puoi, cambia argomento. Lascia che si chieda qualcosa e si tormenti un po’. Attenta a non mentire, si ritorcerebbe contro di te. Rispondi a tutte le domande ma, per farla breve, non metterci del tuo. Il mistero aumenta la seduzione.
Non servitevi di vestiti vistosi, sexy, scollati. Presentatevi con un look da brava ragazza, innocente, ma con un unico dettaglio maliziosamente "birichino"
Sguardo: chiamata anche French Technique, si tratta di un gioco di sguardi. Si risolve in occhiate (non essere pateticamente languida) che poi si ritraggono, per poi ritornare di nuovo. Comunicagli qualcosa, ma sii ancora una volta discreta. Non imbarazzarlo, non essere insistente, ma flirta un po’ con i tuoi occhi.
Chiamatelo spesso per nome, soprattutto all'inizio quando lo avete appena conosciuto.
Stile: certamente gli uomini sono attratti dalle donne vestite in modo succinto, ma spesso ne sono anche intimoriti. Il segreto è trovare il tuo stile senza esagerare, saper catturare la sua attenzione senza metterti completamente in mostra, bensì rendendoti interessante creando un po’ di mistero.

il vero segreto di seduzione è stare bene con te stessa. Sii sicura delle tue qualità e non farti prendere dall’imbarazzo. Prova a stare serena e rilassata, mantieni sempre bene in mente cosa vorresti da lui, e muoviti in quella direzione. Respira profondamente e pensa intensamente a quanto è bella l'esperienza che stai vivendo. Guardalo negli occhi in modo profondo e pensa a quanto è bello poter vivere con lui le esperienze che desideri.
quando vi accorgete che "ci sta", che avete catturato la sua attenzione, quando non vuole nient'altro che stare con voi… allora iniziate ad evitarlo, a negarlo. Questo lo farà impazzire e lui farà di tutto per poter stare con voi…

mercoledì 24 novembre 2010

ANIMA


Sei gioia e sofferenza, attimo ed eternità, amore e odio, giorno e notte, infinito ed infinitesimo, bene e male, fuoco e gelo..sei la mia Anima :non ti si può descrivere o spiegare ma solo viverti.

Massimo Taramasco

SEDUZIONE SU SE STESSI


Interruzione di schema per sedurre se stessi
Una possibile definizione di pazzia è pensare di ottenere risultati diversi facendo le
stesse cose.
Sembra una cosa evidente, però succede frequentemente che le persone hanno deciso
che cosa vogliono, hanno associato dolore al vecchio comportamento e piacere al
nuovo comportamento, ma non riescono a raggiungere l’obiettivo perché
continuano a mettere in atto i vecchi schemi.
In pratica facendo le solite cose cercano di ottenere nuovi risultati.
Per evitare ciò è necessario interrompere lo schema (cioè il vecchio modulo di
comportamento).
Per interrompere lo schema è necessario per prima cosa rendere cosciente il
comportamento e poi fare qualcos’altro.
Un sistema veloce di interruzione di schema è di fare qualcosa di bizzarro, strano,
inusuale. Questa tecnica già esaminata nella sezione dedicata.
Mettendo in atto un’interruzione di schema si crea una sorta di vuoto che il nostro
cervello cerca naturalmente di riempire con un nuovo comportamento.
definizione del nuovo schema
Come già detto mettendo in atto l’interruzione di schema il nostro cervello si
predispone per trovare un nuovo comportamento, però è più semplice trovare
coscientemente un comportamento idoneo a raggiungere l’obiettivo che ci siamo
prefissi.
Bisogna pertanto trovare delle alternative potenzianti.
condizionamento del nuovo modulo
Condizionare il nuovo modulo di comportamento vuol dire creare una neuro
associazione tra uno stimolo, una situazione, un evento, ed il nuovo modulo di
comportamento.
Per condizionare uno schema e farlo diventare abituale la cosa più semplice da fare è
metterlo in atto in modo da farlo diventare un’abitudine.
Il nuovo modulo di comportamento per diventare abituale deve essere
opportunamente rinforzato (se non si rinforza tende a sparire a favore del vecchio
schema).
Per rinforzarlo opportunamente è necessario mettere in atto delle gratificazioni in
concomitanza con la messa in atto del nuovo comportamento.
I rinforzi non devono mai essere prevedibili; questo lo sanno bene gli addestratori
dei delfini. Quando si condizionano i delfini a saltare si da un pesce (gratificazione)

quando questi saltano spontaneamente, in questo modo il delfino, dopo un certo
numero di salti dopo i quali ha ricevuto il pesce ha creato una neuro associazione tra
salto e pesce per cui iniziano a mettere in atto il “modulo” salto per ricevere il pesce,
però se tutte le volte che salta riceve invariabilmente il pesce dopo un po’ non
metterà più impegno nei salti.
Per far sì che si impegni nei salti è necessario dargli i premi di tanto in tanto
magari quando salta più in alto però essere sempre imprevedibili, qualche volta dargli
magari un grosso premio (più pesci) in modo da farlo impegnare sempre di più.
La stessa tecnica è applicabile anche nelle aziende per motivare i dipendenti.
Se i dipendenti ricevono sistematicamente degli aumenti/promozioni dopo un po’ non
saranno più motivati a fare sempre meglio.
Se invece ricevono delle gratificazioni in modo imprevedibile saranno motivati a fare
sempre di più per ricevere il premio.

applicare il nuovo schema
È necessario provare e riprovare il nuovo modulo per farlo diventare automatico.
Si può anche usare il ricalco sul futuro utilizzando il fatto che il nostro cervello non
distingue tra una cosa intensamente pensata (immaginata) ed una cosa reale
(principio ideo motorio)

COLTIVARE L'AMORE


Coppie in difficoltà, crescita del numero di single e di separati, aumento dei casi separati in casa.
Per la sua stessa natura, l'essere umano ha bisogno d'amore come una pianta di sole e di acqua per potersi sviluppare. Bisogno di ricevere amore, bisogno di darne.

Il dramma è che nel corso della vita questo duplice bisogno non è soddisfatto. Perché? Tutto dipende dalla natura dell'amore umano. Noi siamo inclini ad amare quelli che ci amano, aspettando che sia l'altro ad incominciare. E, in un mondo in cui l'egoismo prevale, questa tendenza restringe considerevolmente la cerchia degli affetti. Forse ci lamentiamo perché ci manca l'amicizia degli altri, ma noi ne diamo a loro?

in amore come nella vita ci saranno sempre dei compromessi, noi siamo come i binari di un treno,alcune volte viaggiamo paralleli altre volte le nostre strade si incrociano in 1000 modi diversi e quando questo accadde talvolta dobbiamo adeguarci all'altra persona.

I bisogni primari dell'essere umano sono indubbiamente l'alimentazione e la protezione dalle intemperie.
Il bisogno di alimentarsi si risolve procurandosi del cibo, la protezione dalle intemperie si ottiene attraverso un riparo (una grotta, una capanna, una casa). Se non si riesce a risolvere uno od entrambi di questi problemi, rischiamo la vita e non siamo di certo gratificati.
Ottenere cibo od un riparo dagli altri senza esserseli procurati con le proprie forze non dà gratificazione, risolve i problemi di sopravvivenza ma non ci rende autonomi.

UN ALTRO BISOGNO FONDAMENTALE è quello di DARE E DI RICEVERE AMORE

L'amore è un sentimento intenso e profondo, di affetto, simpatia ed adesione, rivolto verso una persona, un animale, un oggetto, o verso un concetto, un ideale.
Molti pensano che chi soffre di più , quando finisce un amore, è chi viene lasciato non è così,anche chi lascia soffre tantissimo,finisce l’amore per la persona con cui hai condiviso tantissime cose , pensi e ripensi come sia possibile non amarlo/ più.
Per evitare che le relazioni scadano nella noia e nell'abitudine bisogna avere semplici accorgimenti che possono rivitalizzare l'amore
Se avete interessi comuni, sfruttateli al massimo, ad esempio vi piace l'arte o vi piace viaggiare. Fate insieme sempre tutto ciò che vi accomuna.
Fate sempre esperienze diverse insieme e non vi chiudete mai nella noia quotidiana, magari durante la settimana pensate insieme a cosa potreste fare di nuovo nel weekend.
Date sempre l'idea che vi dedicate al rapporto e non pensate mai che se fate quello che volete siete voi che comandate. In amore non esistono comandi, e se il partner si accorge che volete comandarlo, inizierà a porsi delle domande.

AMORE PER TE


Evita di dare potere agli altri mettendoti in ginocchio, per amore della rosa non bisogna sopportare le spine.Se permetti a qualcuno di trattarti male, ne sei comunque complice.

Massimo Taramasco

martedì 23 novembre 2010

INVITO al Corso di Comunicazione e SEDUZIONE SIMBOLICA ED EMOZIONALE ( TORINO MARTEDI 30 NOVEMBRE)


Ciao sei invitata/o al corso sulla

COMUNICAZIONE SIMBOLICA ed EMOZIONALE
(leggi e regole anologiche e subliminali che governano Innamoramento e coinvolgimento)



Conduttore:

Massimo TARAMASCO (Ideatore del metodo IDS -ingegneria della seduzione-Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master)

Luogo, Data e Orario :
(Per comprensibili motivi logistici (garantire una comoda sistemazione per tutti), é sempre opportuna la prenotazione (telefonica o, preferibilmente, via e mail, all'indirizzo centrostudicomunicazione@yahoo.it )


SEDE: TORINO , VIA MAGENTA 49 (SALA CAFFè ROMA)
DATA : Martedì 30 Novembre 2010 dalle ore 21 alle ore 23,30
COSTO: 20 e (comprensivo di dispense)



PROGRAMMA:

Tecniche interattive e strategie relazionali in comunicazione analogica .
Strumenti di comunicazione non verbale e simbolica e utilizzo finalizzato al raggiungimento degli obiettivi
Le tipologie simboliche dell’uomo e le sue combinazioni di accesso
Seduzione interattiva
Il negoziato analogico
Direttività e non direttività Empatia
Autorealizzazione, lavoro, creatività
Comportamenti simbolici che seducono, conquistano, coinvolgono
Simbolismo Emozionale
Tipologia comportamentale

I livelli di investimento emotivo
Come superare i test che ci sottopongono i nostri interlocutori
Come avere sempre argomenti di conversazione
Le alleanze per il successo personale
Come superare i più comuni condizionamenti sociali e la paura delle opinioni altrui
Capire perchè le persone perdono interesse in te

Il Simbolismo permette di identificare la tipologia comportamentale dell'individuo attraverso le strutture simboliche archetipiche che rappresentano le chiavi di accesso all'emotività.
Scoprire la tipologia comportamentale dell’individuo significa trovare la chiave di accesso alla sua
sfera intima , al fine di ottenere un rapido coinvolgimento emozionale e risposte efficaci nell' interazione comunicativa.
Gestire le relazioni e l'approccio comunicativo al fine di conquistare e sedurre l'interlocutore.
Un seminario teorico e soprattutto pratico che porterà ogni partecipante a sviluppare le tecniche della comunicazione analogica all'interno di ogni ambiente (lavorativo o famigliare) o nei luoghi di aggregazione (con gli amici, con l'altro sesso, con il partner) .

Il seminario la possibilità di capire gli intimi meccanismi della mente umana trovando le corrette chiavi di accesso per favorire gli approcci e la comunicazione interattiva.

La Seduzione EMOZIONALE SIMBOLICA fornisce gli strumenti cognitivi e pragmatici per poter ottenere miglioramenti
considerevoli nella comunicazione con l'oggetto del nostro desiderio, tramite la comprensione delle sue esigenze emotive.

Massimo Taramasco

ideatore del metodo IDS (Ingegneria della Seduzione)
Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale
Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master


Tel: 333-1511703
Mail: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://laseduzione.altervista.org

lunedì 22 novembre 2010

AMORE E VITA DI COPPIA



L'amore è la cosa più strana che ci può capitare. Ci sorprende e ci sconvolge. È impossibile comprenderlo attraverso la logica e la deduzione filosofica, i sondaggi e le ricerche di mercato, le analisi del sangue e i test ormonali. Ed è assurdo generalizzare - "gli uomini" e "le donne" - di fronte a un sentimento disordinato e sovversivo, che ci fa scegliere le persone. O meglio, quella persona. Ma che cosa fa scattare questa attrazione, che può diventare un legame profondo?

Non è uno scherzo e nemmeno un sogno. Trovare il compagno adatto, con il quale vivere una relazione compiuta e appagante, è più semplice di quel che sembra.
Quando andiamo all’altare o di fronte ad un pubblico ufficiale per legarci a qualcuno, siamo convinti sia per la vita. Ma negli anni, le condizioni di vita, le convinzioni, il nostro organismo cambiano e le coppie che non sanno accettare ed adattarsi a questi mutamenti spesso finiscono con il chiudere la loro storia d’amore.
Le indagini sulle ragioni che spingono due coniugi a separarsi mettono al primo posto i problemi di natura economica; in particolare, se le preoccupazioni per le uscite diventano un costante motivo di stress, litigi e recriminazioni.
Molti sono indotti a fare questo passo anche dalla constatazione che non c’è più intesa, dialogo e complicità con il partner.
Anche il venire meno dell’impegno conta: ad esempio, il marito che delega il compito di accudire i figli esclusivamente alla moglie, l’eccessivo coinvolgimento nel lavoro, in hobby o interessi che porti a trascurare il partner e così via.
Un periodo cruciale per il rapporto di coppia si rivela poi la mezza età con le sue crisi e queste possono sfociare in un distacco: la donna va in menopausa e deve fare i conti con una sensazione di perdita della propria femminilità e del sex appeal; l’uomo, dal canto suo, si vede invecchiato e non è infrequente che adotti qualche tattica che lo faccia risentire giovane: riprende gli studi, fa pazzie o si nutre della giovinezza di ragazze spesso con meno di 30 anni con cui intesse burrascose relazioni.
Restando in tema, anche l’infedeltà, specie se il coniuge è recidivo, diventa un motivo per rompere il rapporto. Infine, cambiamenti nelle priorità, nelle credenze, nei valori possono portare i partner ad allontanarsi in modo alle volte irreparabile. Meno frequenti, ma non certo poco importanti sono poi i divorzi a causa di violenze sessuali, uso di sostanze stupefacenti e l’inclinazione al gioco d’azzardo.
Ma per i coniugi sposi novelli o comunque per le generazioni più giovani la fine del matrimonio è scritta già nelle sue fondamenta.
“le coppie trovano che sia più conveniente sposarsi per motivazioni molto logiche e per una questione quasi di calcolo: vivere assieme porta a ridurre le spese, a disporre di maggiori risorse economiche e via dicendo” afferma Rescaldina. “Se prima di dividersi, una coppia poi sceglie di rivolgersi ad un consulente matrimoniale, lo fa per evitare di assumersi la responsabilità del fallimento; in realtà però ha già deciso di “chiudere”.

AFORISMI SULL'AMORE di Friederich Nietzsche


«L'amore è lo stato in cui l'uomo vede le cose diverse da come sono.»

Nietzsche

Ciò che si fa per amore lo si fa sempre al di là del bene e del male.
(Friederich Nietzsche)

C’è sempre una parte di demenza nell’amore. Ma anche nella demenza c’è una parte di ragione.
(Friederich Nietzsche)

L’amore porta alla luce le qualità elevate e nascoste di un amante, ciò che vi è in lui di raro ed eccezionale. Così trae in inganno su ciò che in lui rappresenta la norma
(Friederich Nietzsche)

L’enorme aspettativa riguardo l’amore sessuale e la vergogna per questa aspettativa rovinano sin dall’inizio alle donne ogni prospettiva.
(Friederich Nietzsche)

La donna non è capace di amicizia, conosce solo l’amore.
(Friederich Nietzsche)

La sensualità affretta spesso la crescita dell’amore, così che la radice rimane debole e facile da strappare.
(Friederich Nietzsche)

Per troppo tempo nella donna si sono nascosti uno schiavo e un tiranno. Perciò la donna non è capace ancora di amicizia, ma conosce solo l’amore.
(Friederich Nietzsche)

SEDUZIONE PER VIVERE BENE LA COPPIA


La seduzione come gioco da condividere con il proprio partner ma, soprattutto, come forma di affermazione e accettazione del sè.
Perchè chi seduce, deve sempre scoprire i lati più nascosti della propria personalità, mettere a nudo corpo e, ancor più, anima, deve buttarsi alle spalle preconcetti, freni inibitori ed assecondare le proprie fantasie.
SEDUZIONE come mezzo per conoscersi, rafforzare il livello di autostima e fiducia in sè stesse, ma soprattutto sperimentare i modi di comunicare, attrarre ed emozionare, con il proprio corpo.
La seduzione viene da segnali impercettibili ai più ,il suo spazio è lo spazio del segreto, di quello che viene mostrato, ma non nella sua interezza. Quando lo sguardo tra due persone accende il gioco della seduzione, si crea una corrente emotiva nella quale non c'è niente di certo, se non che è successo qualcosa che non risponde a regole codificabili. Dietro quello sguardo non si sa che cosa si nasconda. Né interessa. In quell'istante, non solo la conoscenza compiuta dell'altro o dell'altra è un accessorio, ma rovinerebbe l'enfasi dell'incontro stabilito. Non solo. Nella seduzione amorosa, quello che fa scattare la scintilla è che nell'altro o nell'altra si è deciso di collocare il proprio segreto, di farlo o farla, inconsciamente, il deposito di quello che non si conosce di se stessi.
Dobbiamo seppellire le nostre autodefinizioni negative : la finalità che sentiamo d’istinto nella vita è esattamente
ciò a cui il nostro albero genealogico si oppone, i suoi drammi cascano sul nome, ridiamoci un nome se
serve, siamo padre e madre a noi stessi e rinominiamoci.La guerra dell’albero genealogico conduce alla
nevrosi del fallimento; ti dicono che sei stato un peso per la famiglia… volevano un maschio sei una
femmina… La famiglia poi è terribile; per sapere chi siamo dobbiamo sapere dove siamo, a volte il nostro
territorio è il corpo e noi non lo viviamo interamente perché abbiamo avuto una perdita di territorio.
Questa è la base della psicomagia; poiché ci programmiamo per il dolore e la sconfitta dobbiamo
realizzarle in un atto per liberarcene, per liberarcene la pulsione deve realizzarsi.Abbiamo tutti delle età
e ad ogni età incorporiamo un ricordo, ogni ricordo ha un punto di vista che ha un età, ogni volta per
cambiare dobbiamo cambiare il punto di vista. A volte questo si attacca a noi se abbiamo avuto un
trauma, cioè abbiamo avuto un’esperienza prima del tempo o non l’abbiamo avuta nel tempo giusto per
averla, allora rimango all’età in cui è successo e voglio cambiare il mondo e voglio che il mondo abbia
quell’età;
I rapporti di coppia non sono come un treno, non vanno dritti e spediti solo perchè ci si ama, ci vuole impegno, pazienza e tanto self control per far durare un amore e soprattutto per non fare in modo che la quotidianità e gli impegni spazzino via la passione e la tenerezza. L’amore è come le montagne russe, non si può stare sempre su e a 100 all’ora ma si deve anche evitare che si arrivi al capolinea per troppa sicurezza o perchè si danno per scontati i bisogni dell’altro. Mantenere viva la passione aiuta ad essere complici, e come tutte sappiamo se a letto le cose vanno alla grande, probabilmente anche fuori procedono bene.
L’essere umano adulto ha quattro parti che non devono divergere, deve dare lo stesso cammino alle
quattro parti. Eppure c’è chi vive solo su una parte, es: molti uomini che hanno solo testa e sesso e non la
parte emozionale, oppure testa e cuore e non sesso e allora sono bambini. Oppure può mancarmi
l’intelletto cioè non so chi sono, non ho senso d’identità, oppure non ho cuore non ho capacità di amore.
Quello che non abbiamo ottenuto da bambini non lo otterremo mai. Perciò bisogna tramite metafora farla
finita con questo. Bisogna avere il coraggio di vedere e quindi lavorare sul problema, cioè osare di
accettare e lavorare sul problema, arrivare alla cosa in sé. Essere coscienti non basta, bisogna lavorare,
ma lavorare è difficile perché apre il dolore.
La donna acquisisce imparando la SEDUZIONE SUBLIMINALE tecniche di seduzione impareggiabili, concedendo un permesso speciale all’uomo, lasciandogli plasmare il proprio corpo ma, al comtempo, facendo sentire la sua presenza forte, con movimenti sinuosi e decisi. Una serie di messaggi non verbali, eppure talmente efficaci da non lasciare nessun uomo indifferente.
La stanchezza e lo stress quotidiano uccidono la carica erotica, ma senza eros anche l'amore si consuma o si trasforma in un sentimento anche profondo, ma non sicuramente "amoroso" ed esaltante.
L'amore e l'attrazione fisica tra due persone hanno bisogno di divertimento, allegria, seduzione e suggestione. Metterli in pratica ogni tanto rinfresca la memoria e fa anche sentire più giovani.

domenica 21 novembre 2010

SCIENZA DELLA SEDUZIONE


Cosa e' la seduzione?

La scienza cerca di analizzare, capire, definire questo comportamento comune a tutti eppure così sfuggente. La psicologia è in grado di spiegarne le fasi, i meccanismi, i possibili sviluppi; l'etologia ne ha individuato le radici nel comportamento dei nostri antenati;
L'amore , la seduzione e la matematica e l'ingegneria hanno qualcosa in comune. A sostenerlo sono oltre a me gli scienziati dello University College di Londra, che hanno realizzato un modello teorico del corteggiamento uomo-donna, a cui è dedicato un articolo sull'ultimo numero del Journal of Theoretical Biology.

Innanzitutto NON esiste una formula unica della seduzione.

Sesso, successo, possesso sono le parole chiave della seduzione. Ma come imparare a sedurre? Come acquisire il fascino di grandi ammaliatori come Casanova e Don Giovanni? In ciascuno di noi ci sono due personalità, una impacciata e una coraggiosa.
La Programmazione Neuro-Linguistica ci aiuta a volgere in positivo le nostre carenze, a diventare attraenti e simpatici anche se siamo timidi. Si tratta di sviluppare l'acutezza sensoriale, di comunicare con suggestione, imparare il linguaggio non verbale, plasmare la propria voce, apprezzare ciò che è bello, morbido e piacevole, muoversi in modo elegante, curare l'aspetto esteriore. La seduzione non ha età, è maschile e femminile insieme, ma soprattutto è un'idea che sorge dal gusto di attirare l'attenzione.

"In genere si è attratti da chi ha un atteggiamento positivo verso la vita - spiega il sessuologo G. Abraham - eppure, talvolta, un uomo timido, una donna fragile, sanno risvegliare sentimenti protettivi. A tutti piacciono i belli, le donne fatali, gli uomini forti, ma poi ci innamoriamo della ragazza della porta accanto, tutt'ossa e un po' introversa, o dal compagno di banco con gli occhiali e le spalle strette. Questo per dire che ciascuno è a suo modo seducente. C'è chi sostiene che il desiderio non è altro che il desiderio del desiderio dell'altro. In altre parole se una persona si dimostra interessata a noi è impossibile non ricambiarla".
La seduzione si esprime attraverso due canali di comunicazione, quello verbale e quello non verbale (l'insieme dei messaggi che il nostro corpo invia attraverso i gesti). Ecco un breve alfabeto della comunicazione gestuale, in caso di seduzione.
Proprio per questo da anni molti si sono cimentati nel tentativo di spiegare “scientificamente” quella strana alchimia che porta due persone a stare insieme per un periodo o per tutta la vita. Vero banco di prova è la fase del corteggiamento, durante la quale testiamo, più o meno inconsapevolmente, il nostro potenziale partner. E se c'è una possibilità che due persone diventino una coppia, molto dipende dalla prima impressione e dal primo appuntamento, quando molto forte è la parte che chiamiamo di comunicazione non verbale.
Conoscere il linguaggio non verbale è molto utile per controllare e giudicare una situazione, anche la più difficile, in questo Focus File vi sveliamo qualche segreto. Perché il nostro corpo parla; in quali situazioni il non detto è più forte delle parole; l'amore a prima vista non è solo una questione di aspetto; compatibilità e incompatibilità: quando è il corpo a giudicare.

Segnali che indicano disponibilità a proseguire.
Al primo incontro: guardare negli occhi per un periodo più lungo di quello dettato dalla cortesia. Occhiata falsamente casuale al corpo.
Aggiustarsi l'abito, ravvivarsi i capelli, sistemare la cravatta o il trucco.
Raddrizzare il portamento, petto in fuori e pancia in dentro (comportamento tipico di tutti i bipedi).
Parlare lentamente e con tono pacato. La qualità della voce è tra le prime ad essere alterata dall'interesse verso un'altra persona.
Durante la conversazione sorridere spesso, annuire anche impercettibilmente, piegando il capo sulla spalla.
Tenere le braccia ben discoste dal corpo e le mani aperte.
Giocherellare con un oggetto (un bicchiere, un mazzo di chiavi, ecc.).
Segnali maschili.
Infilare i pollici nella cintura o nelle tasche dei pantaloni (si tende a puntare l'attenzione sui genitali).
Appoggiare una caviglia sul ginocchio dell'altra gamba.
Segnali femminili.
Cercare un contatto apparentemente innocente (sistemargli il bavero della giacca, prendergli un polso per vedere l'ora).
Mostrare il palmo della mano e il polso, mentre con l'altra mano si accarezza i capelli o altre parti del corpo.
Segnali di rifiuto.
Ginocchia incrociate, gambe strette, piedi uniti.
Braccia incrociate sul petto.
Mani unite in grembo o che stringono uno il polso dell'altra, all'altezza del seno.
Coprirsi il viso con le mani.
Tenere un bicchiere in mano fra se e l'altra persona.
Toccarsi il naso o passarsi una mano sulla nuca guardandosi intorno.
Mordicchiarsi le labbra o muovere nervosamente un piede.
Evitare ogni contatto fisico, anche accidentale.
La conoscenza del linguaggio del corpo, cioè di quei segnali prodotti involontariamente con gesti, movenze, variazioni di postura ed altro, ci consente di conoscere meglio l'altro e quindi di acquisire sicurezza, disinvoltura e di renderci, di conseguenza, più intraprendenti e sciolti nelle nostre interazioni umane. Capire, ad esempio, nel rapporto con l'altro sesso, se piacciamo ad una data persona, se trova piacevole conversare con noi o, addirittura, se mostra chiari segni di eccitamento sessuale, ci avvantaggerebbe moltissimo in questo senso.
I comportamenti che illustrano questi atteggiamenti sono molteplici, qui ne indicheremo alcuni, rimandando chi è interessato alla letteratura sull'argomento.
Uno dei più comuni motivi conduttori dell'attrazione e del corteggiamento nel comportamento non verbale è l'esaltazione delle caratteristiche proprie del sesso di appartenenza.
Un esempio? La donna, davanti ad un uomo da cui si senta attratta, può leccarsi le labbra; questo gesto, all'apparenza innocuo e insignificante, ha l'effetto di un potente richiamo sessuale; per affinità nella struttura e nelle proprietà (le labbra sono infatti una parte del corpo cava, densa di vasi sanguigni, capace di gonfiarsi e di arrossare), questo dettaglio anatomico evoca i lembi esterni dell'apparato genitale femminile; passarci sopra la lingua esalta questa somiglianza, simulando la lubrificazione dovuta all'eccitamento erotico.
E per l'uomo? Tra i primati, nostri diretti cugini nella scala evolutiva, uno dei modi più frequenti per conquistare la femmina è la cosiddetta "esibizione fallica", cioè l'ostentazione del pene eretto. Benché anche nella nostra specie ci siano adulti, spesso abbigliati dal solo impermeabile, che si mostrano tenacemente ancorati alle "tradizioni", in genere questa manovra seduttiva non è molto apprezzata dalla donna moderna. Per lo meno nella forma … nel contenuto però … il maschio attuale, convinto che in fondo questa tecnica sia tuttora vincente, ha cominciato ad usare dei sostituti simbolici del proprio "fiore all'occhiello";


BIOLOGIA DELLA SEDUZIONE
E lui cosa vuole da lei?
«Le femmine della nostra specie», «raggiungono il massimo della fertilità attorno ai 20 anni e hanno un calo vertiginoso subito dopo i 30. Dunque i maschi della nostra specie, alla ricerca delle caratteristiche biologiche che garantiscono maggiormente la salute riproduttiva della femmina, tendono a prediligere le donne giovani e attraenti». Questo spiega perché la seduzione femminile punta soprattutto su bellezza e strategie anti-età. «L'uomo sia per una notte sia per la vita tende a scegliere soggetti che meglio rappresentano la buona salute riproduttiva femminile, e cioè: giovinezza e un rapporto ottimale tra la vita e i fianchi di 0,67-0,69 (corrispondente al famoso 90-60-90). I giurati di Miss America dagli anni Cinquanta a oggi hanno sempre scelto, seppure inconsciamente, questa proporzione, al di là delle variazioni che nel tempo si sono registrate nella misura del seno e nell’altezza».
lei cosa vuole da lui?

«Fondamentalmente la sessualità femminile è selettiva», «L'uomo cioè tende a proporsi, mentre la donna tende a disporre delle proposte». Questo si spiega ancora una volta con la storia dell’evoluzione: la nostra specie ha conquistato la posizione eretta, ma il canale del parto (la dimensione del bacino) non si è evoluto di pari passo, «perciò le donne sono costrette a partorire figli immaturi, che necessitano di cure parentali estremamente lunghe. Dunque la donna deve scegliere il proprio partner in modo oculato». Il maschio pertanto deve dimostrare anzitutto di essere fedele e affidabile. Come? Sfoggiando un surplus «in atto» (es. ricchezza, potere...) o un surplus «in potenza» (intelligenza, umorismo, coraggio, creatività artistica...).

Riguardo all’aspetto fisico, la scelta delle donne è diversa nel corso della vita e nelle diverse epoche. In prossimità del parto, ad esempio, ricade su uomini con lineamenti di tipo più femminile (garanzia di stabilità, quiete e protezione), nei periodi di maggiore fecondità predilige caratteristiche più mascoline come la mascella pronunciata (indice di potenza, virilità e buon patrimonio genetico). Analogamente in passato, quando la donna dipendeva maggiormente dall’uomo dal punto di vista economico, le caratteristiche maschili più apprezzate erano legate alla forza e prestanza fisica, oggi sono più orientate alla bellezza e mitezza del carattere.