domenica 7 novembre 2010

SEDUZIONE E SENTIMENTO



La seduzione, l'innamoramento ed i sentimenti fanno parte della vita di ogni uomo e di ogni donna per cui è molto importante imparare quali sono le leggi e le regole che li governano.
SEDUZIONE significa CONDURRE A SE.

A condurre a te la persona che desideri saranno queste abilità:

- Avere carisma

- Essere intriganti e ammaliatori

- Essere magnetici

- Essere affascinanti

Come fare ad imparare e/o potenziare queste abilità?

Il trucco sta nella comunicazione. Infatti, così come ci insegnano i grandi maestri della seduzione, i guru dell’attrazione, per condurre a te la donna o l’uomo che desideri è necessario maneggiare con destrezza le armi della comunicazione, sia verbale che non verbale.Le persone sono attratte prevalentemente da persone che sono sicure di se, hanno ben chiari i propri valori e gli obbiettivi che desiderano raggiungere, sanno dove stanno andando e riescono a comunicare con sicurezza la propria identità e la missione.

Quindi, siccome seduttori e seduttrici non si nasce, ma SEDUTTORI E SEDUTTRICI SI DIVENTA, è necessario sapere quale strada percorrere per acquisire le strategie di comunicazione e di comportamento che portano al successo nella conquista di cuori. Naturalmente non è solo necessario sapere cosa e come fare, ma è indispensabile applicare in pratica le tecniche, allenandosi tutti i giorni, ripetendo i comportamenti delle persone che hanno successo nella seduzione.
Esprimere i propri sentimenti significa identificare e poi dare voce alle proprie emozioni. Comunicare i propri bisogni significa pianificare in anticipo come chiedere "cosa vuoi" e essere assertivo rispetto a ciò, piuttosto che essere passivo o aggressivo. Essere abili in queste competenze migliora la propria relazione di coppia. Spesso ci si abitua a nascondere le proprie emozioni e di conseguenza a non comunicarle, a volte per motivi di natura familiare, l'educazione e le primissime esperienze di vita, a volte per valori culturali e sociali (basti pensare a come tutt'oggi sia denigrato l'uomo che mostra apertamente la sua tristezza).

sentimenti hanno un loro linguaggio: un linguaggio un po' speciale. Molte volte, ad esempio, il sentimento non usa dei linguaggi, bensì delle modalità espressive che possono manifestarsi, per esempio, attraverso gli occhi. Esiste tutta una letteratura intorno al linguaggio dei sentimenti: a quale linguaggio vogliamo far riferimento? In genere, quando si parla di sentimenti, ci si riferisce al linguaggio emotivo, che si genera tra due persone che si vogliono bene.

Volersi bene è un fatto misterioso. Ad un certo punto noi diventiamo necessari per un'altra persona e un'altra persona diventa necessaria per noi: allora sono proprio quelle braccia che noi vogliamo, braccia che non sono intercambiabili con altre. Questo avviene perché ha luogo un processo attraverso il quale noi diamo un significato. In altre parole quella persona ci interessa in quanto è significativa, cioè carica di un processo, carica di una serie di dimensioni che sono tutte nostre, che noi adattiamo a questa persona, che allora diventa come un nostro organo. Questo è talmente vero che quando, come fatalmente spesso avviene, c'è una frattura fra me e la persona che io amo, che desidero, io ho l'impressione che mi venga strappato qualcosa. Lo dicono anche le canzoni melodiche, le canzoni che parlano del sentimento: "tu che mi hai portato via il cuore, tu che mi hai strappato l'anima". Tutte queste dimensioni, che sembrano piuttosto spicciole, di poco conto, in realtà alludono a esperienze psicologiche molto importanti. La vita emotiva è legata a un linguaggio, che è poi significatività.

Una donna prima di aprirsi sentimentalmente ad un uomo dovrebbe avere alcune conoscenze di base sulle modalità di comunicazione e sui comportamenti istintivi del maschio.

Per molti uomini la conquista è una specie di sfida sportiva dove, una volta raggiunto l’obiettivo, la tensione adrenalinica si scioglie richiedendo la ricerca di una nuova avventura lasciandosi alle spalle quella precedente. In questo tipo di sfida il coinvolgimento emotivo dell’uomo è di tipo egocentrico. In poche parole lui se la canta e se la suona senza curarsi dell’altra persona.

Quand’è invece che un uomo effettivamente si innamora?

Si innamora quando la sua partner riesce a dargli delle emozioni che lui non è in grado di autogenerare: vale a dire che per provare quelle particolari intense sensazioni ha bisogno della presenza della donna che gliele ha procurate.
Per molti uomini la conquista è una specie di sfida sportiva dove, una volta raggiunto l’obiettivo, la tensione adrenalinica si scioglie richiedendo la ricerca di una nuova avventura lasciandosi alle spalle quella precedente. In questo tipo di sfida il coinvolgimento emotivo dell’uomo è di tipo egocentrico. In poche parole lui se la canta e se la suona senza curarsi dell’altra persona.


Perchè spesso i partner inaffidabili affascinano di più le donne? Che cosa scatta quando respingono dei bravi ragazzi affettuosi e disponibili anche a costruire qualcosa per andare a scegliere come oggetto della nostra fantasia amorosa chi non le vuole, chi non le desidera, chi non le ama ?

Le storie difficili, impossibili, danno ampio spazio alla fantasia, gli appuntamenti rimandati all’ultimo momento senza un spiegazione, le notti in bianco passate a decifrare una singola frase, la trepida attesa di una telefonata che non arriva mai, infonde in noi si lo strazio, ma è anche vero che senza l’ abisso di dolore non ci possono essere nemmeno le vette della gioia e questa altalena di emozioni contrastanti e intense le fa sentire vive.

Nessun commento:

Posta un commento