domenica 12 dicembre 2010

PARLARE IN PUBBLICO




Parlare in pubblico in molte attività è determinante.
La parola è un'arma a doppio taglio. Usata bene è estremamente utile per il nostro successo, usata male è la strada regia verso l'insuccesso.
Però non possiamo farne a meno.
Se non si può non comunicar tanto vale imparare a farlo bene.
E' una questione di allenamento e di tecnicca.
La tecnica può essere imparata.
Così come l'atleta che si allena per la sua specialità sportiva così chi si vuole allenare a parlare in pubblico deve seguire uno specifico programma.
Nella vita non si ottiene ciò che si merita ma ciò che si è in grado di comunicare.
Dobbiamo anche imparare ad essere flessibili, ad adattare il linguaggio al tipo di uditorio a cui ci rivolgiamo.

La comunicazione incide profondamente nella vita.

Come disse Einstein il vero pericolo per l'uomo non è nella bomba atomica ma nell'informazione che lo bombarda nei modi più svariati ed indiscriminati.
Saper parlare in pubblico è diventata una necessità in molte attività sia lavorative che sociali.
Vediamo quali sono le regole da seguire per parlare in pubblico in mdo da ottenere consenso ed assenso.

1.Regola

Entrare nel mondo degli altri sollecitando le loro motivazioni.
Questo significa creare empatia con il proprio pubblico mettendosi dal loro punto di vista, calandosi nei loro panni e parlando di ciò che a loro interessa.
Solo in un secondo tempo si potrà pilotarli e guidarli nel “nostro mondo”.

2.Regola

Monitorare continuamente gli esiti della nostra comunicazione sul pubblico prestando attenzione soprattutto agli aspetti non verbali.
Questo serve per avere la possibilità di modificare il nostro modo di comunicare.
Un errore corretto subito non crea problemi, ma se si continua a perseverare nell'errore può diventare molto difficile se non impossibile correggersi.

3.Regola

Essere padroni dell'argomento che si vuole proporre.

4.Regola

Conoscere e gestire al meglio la comunicazione non verbale.
Evitare di emettere atti non verbali che facciano pensare ad insicurezza ed indecisione ed emettere volontariamente atti di comunicazione non verbale che diano un'immagine di competenza e sicurezza. E' importante quello che si dice ma molto importante come lo si dice.

5.Regola

Comunicare non solo alla sfera logica ma soprattutto alla sfera emotiva del nostro pubblico producendo tensioni emozionali.

Nessun commento:

Posta un commento