giovedì 30 dicembre 2010

SEDUZIONE MENTALE




La seduzione mentale è collegata con quella che oggi viene chiamata “la legge dell'attrazione” ma che in realtà era nota già molto tempo fa, almeno dagli antichi greci in poi.
La seduzione mentale è anche collegata al concetto di “sincronicità”.
Le leggi naturali ed anche quindi le leggi della seduzione e dell'innamoramento sono verità statistiche, cioè valide quando si tratta di grandezze ma quando si tratta di grandezze minime, tutto viene rimesso in gioco secondo quello che vine definito principio di indeterminazione.

Il principio filosofico che sta alla base della regolarità delle leggi di natura è quello di causa-effetto.
L'approccio scientifico classico si basa sulla riproducibilità sperimentale.
In senso statistico ovviamente.
Anche nella seduzione e nell'amore valgono gli stessi principi.
La seduzione mentale utilizza l'intenzione per influenzare gli eventi.
Non è nulla di magico.
Ma si tratta semplicemente di utilizzare le nuove conoscenze della fisca quantistica.
Il cervello umano si predispone a far avvenire le credenze profonde.
Se si impara, come insegna L'INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE a crearsi delle credenze profonde che includono la seduzione riuscita, o il raggiungimento dell'obiettivo prefissato allora riusciremmo ad aumentare le possibilità del successo.

La seduzione mentale si manifesta in alcuni casi anche naturalmente.
Come dice una famosa canzone di Venditti “ci sono amori che fanno giri immensi e poi ritornano”, ci sono amori che superano eventi apparentemente impossibili.

Ci sono amori che nascono grazie a tutta una serie di coincidenze .
Coincidenze significative, come direbbe Jung, coincidenze che vanno oltre la legge di causa -. effetto.

La seduzione mentale quindi utilizza meccanismi che possono verificarsi naturalmente.

L'ingegneria della seduzione ha una sezione che si occupa di seduzione mentale, cioè utilizzare quella che oggi viene chiamata “legge dell'attrazione” per facilitare il raggiungimento degli obiettivi sentimentali prefissati.

A livelli più profondi di coscienza le frontiere tra la nostra sfera logica e le nostre emozioni non sono più così marcate, come le barriere tra il nostro essere e l'intero universo.
Dentro di noi esiste la capacità innata di seduzione nei confronti di noi stessi o meglio nei confronti della nostra parte emotiva e delle nostre emozioni.


Il primo passo per recuperare la capacità di seduzione verso se stessi è ritornare a stabilire un contatto con le proprie emozioni.

Esistono alcune efficaci tecniche dell' INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE che possono aiutarci ad entrare in contatto con le nostre emozioni avviando di fatto il processo dI seduzione verso se stessi e successivamente la SEDUZIONE MENTALE verso le persone che ci interessano.

Nessun commento:

Posta un commento