lunedì 17 gennaio 2011

AFORISMI di FABRIZIO DE ANDRE'


Gli AFORISMI DI FABRIZIO DE ANDRE' SONO FANTASTICI. POESIA
Eccone alcuni:

«Morire per delle idee va bene, ma di morte lenta.»

Fabrizio De André


Durante il rapimento mi aiutò la fede negli uomini, proprio dove latitava la fede in Dio. Ho sempre detto che Dio è un'invenzione dell'uomo, qualcosa di utilitaristico, una toppa sulla nostra fragilità... Ma, tuttavia, col sequestro qualcosa si è smosso. Non che abbia cambiato idea ma è certo che bestemmiare oggi come minimo mi imbarazza.

Morire per delle idee va bene, ma di morte lenta.

«E mentre marciavi con l'anima in spalle | vedesti un uomo in fondo alla valle | che aveva il tuo stesso identico umore | ma la divisa di un altro colore. (da La guerra di Piero)»

Fabrizio De André


Non chiedete a uno scrittore di canzoni che cosa ha pensato, che cosa ha sentito prima dell'opera: è proprio per non volervelo dire che si è messo a scrivere. La risposta è nell'opera.

Benedetto Croce diceva che fino a diciotto anni tutti scrivono poesie e che, da quest'età in poi, ci sono due categorie di persone che continuano a scrivere: i poeti e i cretini. Allora, io mi sono rifugiato prudentemente nella canzone che, in quanto forma d'arte mista, mi consente scappatoie non indifferenti, là dove manca l'esuberanza creativa.

Morire per delle idee va bene, ma di morte lenta.
(Categoria: Idea)

Che bell'inganno sei, anima mia...

Perchè domani
sarà un giorno lungo di nuvole e sole
Perchè domani
sarà un giorno incerto e senza parole
Ma Dov'è, dov'è il tuo cuore?
Ma Dov'è, dov'è il tuo cuore?


Per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti.

Leggi, vota e commenta
tipo: aforismi di Fabrizio De Andrè 3 commenti 10 voti
È una reazione frequente tra i drogati quella di compiacersi del fatto di drogarsi. Io mi compiacevo di bere, anche perché grazie all'alcool la fantasia viaggiava sbrigliatissima.


Tutti morimmo a stento
ingoiando l'ultima voce
tirando calci al vento
vedemmo sfumare la luce.
L'urlo travolse il sole, l'aria divenne stretta
cristalli di parole
l'ultima bestemmia detta

L'invidia di ieri non è già finita
stasera vi invidio la vita


Fino a diciotto anni tutti scrivono poesie. Dopo possono continuare a farlo solo due categorie di persone: i poeti e i cretini.


Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.


Meglio esserci lasciati che non esserci mai incontrati.


C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo.


Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
(Categoria: Ricchezza)

«[Alla domanda "Il denaro la attrae, signor De André?" di un giornalista] Sì, sono io che non sono mai riuscito ad attrarre lui.»

Fabrizio De André 


Ci sarà allegria, anche in agonia, col vino forte.
(Categoria: Felicità)



Ama e ridi se amor risponde piangi forte se non ti sente dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior.


E poi a un tratto l'amore scoppiò dappertutto. (da Fondazione Fabrizio De André)
Se credessi in Dio, crederei che la vita ci prometta un celestiale dessert dopo un orribile pasto.

Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori.
C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo.

Meglio esserci lasciati che non esserci mai incontrati.
Cantavo imitando Modugno e d'altronde come si poteva non subire la sua influenza? (da un'intervista a Il Giornale, 8 agosto 1994)

1 commento:

  1. passerà questa pioggia sottile come passa il dolore

    RispondiElimina