venerdì 14 gennaio 2011

IL MANUALE DEL PERFETTO SEDUTTORE


Il manuale del perfetto seduttore, deve rifarsi ai seduttori famosi della storia.
Il seduttore è una figura che appare spesso in letteratura, pensate ai vari Casanova e Don Giovanni, ed è una figura guardata sempre con una certa ammirazione dagli uomini perché apparentemente dotata di un potere magico e inspiegabile: la capacità di sedurre le donne.

Ma guardate che nella seduzione non c’è proprio nulla di magico, la seduzione è solo una buona capacità di comunicare finalizzata al corteggiamento, quindi il perfetto seduttore non è altro che un buon comunicatore, cioè una persona in grado di gestire la seduzione!

Dell’arte della seduzione e dei seduttori se ne parla spesso, sia in ambienti popolari che in ambienti colti, avete mai sentito parlare de “Il diario del seduttore” del filosofo Kierkegaard? Quindi con un minimo di buona volontà, un po’ di tempo speso a studiare i vari manuali del seduttore e le tecniche di seduzione disponibili gratis su internet (poi non dimenticate di fare pratica!!), si può imparare a diventare degli ottimi seduttori!
Casanova confessava: "Coltivare i piaceri dei sensi è stata per tutta la mia vita la mia principale occupazione, e non ne ho mai avuta altra più importante. Sentendomi nato per l'altro sesso, l'ho sempre amato e mi sono fatto amare per quanto possibile. Ho molto amato anche la buona tavola e insieme tutte le cose che eccitano la curiosità

Però armatevi di pazienza per lavorare su voi stessi. Un buon seduttore conosce sé stesso, conosce i propri punti di forza e le proprie debolezze e sa come sfruttarli a suo vantaggio per sedurre le donne.
Impara a dire ti amo. Dire Ti amo in modo sincero...perchè se detto con poca onestà non serve a niente. Dovrebbe essere ovvio che un uomo non può dire che ama una donna dopo un paio di ore dalla sua conoscenza. La relazione richiederà un certo compromesso affinché uno possa dare alla frase il peso che si merita. 2. Non devi pagare tutto! Pagare tutto, la cena, il bar, la benzina, eccetera, ti farà sembrare solo come un antiquato. Ma neanche devi pagare niente ;-). Puoi adattarti: in un ristorante, si può pagare metà e metà, oppure in modo alternato: una cena la paga uno, l'altra cena la paga l'altro, e così. Una donna che si vanti non godrà mai se non paga una parte del divertimento.... 3. Le donne intelligenti sono una sfida. È verità che ci sono alcune che possono risultare un po' lamentose, querelanti, o pesanti, ma... chi no?Magari lo siamo anche noi. 4. Non essere sincero... sempre. Questo punto può essere il più controverso. La cosa certa è che non puoi dire la verità tutto il tempo, perché, in primo luogo, non ti esce, ed in secondo, non ti conviene.

La seduzione che si basa sulla comunicazione, prevede anche alcune tattiche che servono a far penetrare il messaggio che emettiamo nella sfera emotiva inconsapevole della persona che intendiamo sedurre in modo che venga superata la sfera razionale che è quella che normalmente può opporre resistenze.
le tattiche di seduzione basate sulla comunicazione prendono spunto dal modo di comunicare di Milton Erickson.

Vediamo quindi come può essere messa in atto la seduzione basandosi sul tattiche e strategie di comunicazione.

Metafore


le metafore sono delle storie che hanno la funzione di creare identificazione con chi le ascolta. La seduzione si manifesta perchè la persona da sedurre percepisce che noi siamo entrati in profonda sintonia.
In realtà è il nostro modo di comunicare che utilizza la metafora che fa si che il potenziale sedotto creda questo.
Gesù ad esempio parlava per parabole, ed attraverso la parabola chiunque poteva identificarsi in quello che veniva detto indipendentemente dal vissuto specifico.

Come si costruiscono le metafore

per costruire le metafore in modo tale che si possa avviare la seduzione è necessario creare una storia, metaforica appunto, nella quale il "sedotto" possa identificarsi e nella quale possa identificare noi come oggetti di desiderio in grado di fargli vivere stati emotivi molto intensi.
Questa regola che in termini tecnici si chiama "isomorfismo"

Comunicazione seduttiva

La comunicazione seduttiva si basa sull'utilizzo consapevole della paralinguistica e soprattutto sull'utilizzo e sulla modulazione consapevole del tono della voce.
Il tono della voce della comunicazione seduttiva è un tono caldo, calmo, profondo.
Non va usato sempre ma soltanto quando vogliamo che le parole in questione entrino nella sfera emotiva senza essere filtrate dalla razionalità.
Questa tattica di seduzione prende il nome di "disseminazione" in quanto le parole ed i concetti chiave vengono pronunciati, rispetto al resto del discorso con il tono di voce caldo e profondo proprio della comunicazione seduttiva

Creazione di un campo affermativo

E' importante creare attraverso dei truismi un clima a noi favorevole.
Questo succede quando otteniamo dei consensi, via via crescenti.
Ed è quello che capita nella seduzione e nel corteggiamento.
Non si invita subito una donna a letto, prima la si invita ad uscir per bere, poi a cena, e magari successivamente si finisce a letto.
Ovviamente il processo di seduzione si bloccherebbe se lei ci dicesse subito di no.
E' importante ottenere un certo numero di si, prima di formulare, l'invito ad uscire.
E' facile ottenere dei si su questioni che hanno basso impatto emotivo.

Nessun commento:

Posta un commento