martedì 18 gennaio 2011

LA SEDUZIONE DEL BUNGA BUNGA


La seduzione del bunga bunga che attualmente e' molto di moda prevede di attrarre le donne e sedurle attraverso fascino del prestigio sociale e del denaro.
Al di la di avere dei rapporti a pagamento che esulano dal concetto di seduzione .
Con il termine seduzione del bunga bunga si intende invece un tipo di seduzione generalmente dell'uomo verso la donna , ma che potrebbe anche essere dalla donna verso l'uomo, dove il fattore di attrazione sono prestigio sociale e denaro.
Le donne sono attratte da uomini ricchi e potenti. Nulla di nuovo, se non fosse che la ricerca britannica che lo stabilisce affonda le sue origini nel lontano 1910.Secondo lo studio,pubblicato su 'Biology Letters', si tratta di una questione di mercato: quando c'e' carenza di uomini, le donne si accontentano di fidanzati poveri, quando invece ce n'e' in abbondanza, scelgono il piu' ricco e il piu' in vista.
le donne, anche le più emancipate, di fronte ad un uomo ricco ma brutto, che potrebbe permettere loro una vita agiata senza lavorare, vivono ancora una forte ambivalenza. Del resto, non va dimenticato che per molti secoli il matrimonio ha rappresentato anzitutto una sorta di transazione finanziaria molto importante per la donna e per la sua famiglia ed ora che la scelta si fa più sui sentimenti che sui patrimoni, si è visto che se all'inizio si sceglie di non pensare agli aspetti economici, difficilmente le coppie poi durano nel tempo: i sentimenti infatti cambiano e spesso non sono sufficienti per tenere insieme i due partner. Gli interessi in comune "funzionano" molto di più. Se hai i soldi o non li hai,non è un dettaglio, in una relazione sentimentale: è un dato di fatto, che è sempre lì, presente, in ogni cosa che si fa.
E le donne, un po' perché abituate a pensarci sin da piccole, un po' perché più interessate alla coppia stabile che al sesso occasionale, da tempo hanno capito come valutare il patrimonio dell'uomo da poche, veloci considerazioni. Una di queste è il tipo di automobile posseduta dall'uomo, dal momento che la macchina, a torto o a ragione, è uno tra gli status symbol più eloquenti per descrivere la situazione economica del suo proprietario. Che vi sia qualcosa in più rispetto al luogo comune sulla valutazione dell'uomo in simbiosi con la sua autovettura, lo dimostra una specifica ricerca condotta a Cardiff dai ricercatori Michael Dunn e Robert Searle. Nel centro di Cardiff essi hanno fermato degli ignari passanti, chiedendo loro di valutare il livello di attrazione che provavano verso un soggetto dell’altro sesso, seduto in una macchina. Agli uomini veniva mostrata una donna, alle donne un uomo. Erano sempre lo stesso uomo e la stessa donna, con la stessa postura e la stessa espressione facciale, ma ripresi con due “sfondi” differenti: o seduti su una Ford Fiesta , o seduti su una Bentley Continental (al tempo dell’intervista il valore stimato di questa macchina era di 75.000 sterline - circa 86.000 euro). La ricerca pilota ha dimostrato che sia il modello che la modella ricevevano una valutazione estetica media (in una scala da 1 a 10), ma che il modello maschile, nelle foto sulla Bentley riceveva una valutazione significativamente maggiore rispetto alle foto in cui era sull’altra macchina. Niente cambiava invece per le valutazioni maschili sulla modella: sia quando era nella city car sia quando era sulla macchina di lusso, veniva giudicato “attraente” allo stesso modo.

Nessun commento:

Posta un commento