lunedì 28 febbraio 2011

FESTA DELLA DONNA


L'8 Marzo si celebra la donna con la FESTA DELLA DONNA

Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Allo stabilimento venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all'interno morirono arse dalle fiamme. Successivamente questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, proprio in ricordo della tragedia.


L'8 marzo quindi assunse un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nei secoli.
La scelta della mimosa come simbolo dell’8 Marzo è stata fatta in Italia, esattamente nel 1946. L’UDI (Unione Donne Italiane) stava preparando il primo "8 Marzo" del Dopoguerra, e si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare questa Giornata femminile. Il tulipano è il simbolo mondiale.

Nel settembre del 1944 si costituì a Roma l’UDI, Unione Donne Italiane, per iniziativa di donne appartenenti al PCI, al PSI, al Partito d'Azione, alla Sinistra Cristiana e alla Democrazia del Lavoro e fu l’UDI a prendere l’iniziativa di celebrare, l’8 marzo 1945, le prime giornate della donna nelle zone dell’Italia libera, mentre a Londra veniva approvata e inviata all'ONU una Carta della donna contenente richieste di parità di diritti e di lavoro. Con la fine della guerra, l'8 marzo 1946 fu celebrato in tutta l'Italia e vide la prima comparsa del suo simbolo, la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, secondo un'idea di Teresa Noce Rita Montagnana e di Teresa Mattei.
Negli anni Cinquanta, anni di guerra fredda e del ministero Scelba, distribuire in quel giorno la mimosa o diffondere Noi donne, il mensile dell'Unione Donne Italiane (UDI), divenne un gesto «atto a turbare l’ordine pubblico», mentre tenere un banchetto per strada diveniva «occupazione abusiva di suolo pubblico».[10] Nel 1959 le parlamentari Pina Palumbo, Luisa Balboni e Giuliana Nenni presentarono una proposta di legge per rendere la giornata della donna una festa nazionale, ma l'iniziativa cadde nel vuoto.
Il clima politico migliorò nel decennio successivo, ma la ricorrenza continuò a non ottenere udienza nell'opinione pubblica finché, con gli anni settanta, in Italia apparve un fenomeno nuovo: il movimento femminista.
La donna, pur nella sua eguaglianza con l'uomo, ha ricoperto (e ricopre) ruoli molto diversi rispetto all'uomo, nella società ella, anche nei paesi più avanzati, viene discriminata in vari ambiti, anche se dal passato sono stati fatti ampi progressi. In molti paesi del mondo la donna viene ancora considerata inferiore all'uomo nel lavoro, nella famiglia, nella politica, a volte anche nella scuola o comunque nel campo culturale.
Si spera che nel terzo millennio il suo nuovo ruolo di protagonista sia accanto all'uomo, ma alla pari con lui, per le sue specifiche caratteristiche psicofisiche finalmente conosciute e valorizzate.
Il primo piano il suo ruolo di donna non deve essere imitazione di quello dell'uomo. In tutte le nazioni democratiche dell'occidente il mondo femminile sta superando alla grande, come numeri, quello maschile.
Questo è il millennio della donna, basta che sappia valorizzare se stessa per quello che è, la sua forza, la sua intuizione, non contro l'uomo ma per sé. Se l'uomo è più portato al comando, alla tecnologia, la donna coprirà i ruoli delle comunicazioni e dei rapporti sociali.

FRASI PER LA FESTA DELLA DONNA


Una raccolta di FRASI PER LA FESTA DELLA DONNA

Tanti auguri...alle creature più complicate e meravigliose del creato: le donne!

Voglio fare gli auguri ad una ragazza che sa rendere bello ogni momento che
trascorro con lei. Sono contento di averti conosciuta. Buon 8 Marzo!

Sei la mia donna, il mio fiore più delicato...il delicato profumo della mimosa è niente in confronto alla tua dolcezza...tanti auguri amore mio, ti amo da morire!

Per te un bellissimo rametto di mimosa per ricordarti che il mio cuore ti sta sempre accanto.

Tantissimi auguri alla donna più stupenda del mondo che mi ha fatto innamorare!
Auguroni! Mi raccomando non fare follie e non vedere troppi spogliarellisti!! Un bacione.

Donna, oggi è la tua festa, ma non mi basta un giorno per ammirare la tua bellezza; per farlo dovrebbe essere ogni giorno la tua festa.

Donna e'.. ridere e piangere allo stesso tempo, E' amare come solo e purtroppo.. una donna sa' fare.. Donna e' oggi, domani e sempre!

Tesoro, tanti auguri per la Festa della Donna. Ma quando questa sera uscirai con le tue amiche, vedi di non esagerare con tutti quei festeggiamenti!

Donne, una parola che vola nell'aria...una parola che esprime amore, delicatezza e sincerità!

Vorrei, in questo giorno regalarti un fiore. Ho chiesto a Dio di crearne uno che fosse degno di te. Auguri.

Tanti Auguri a tutte voi donne che con la vostra professionalità siete riuscite a dare un'impronta positiva a questa azienda. Buon 8 Marzo.

Buon 8 Marzo, amore mio. Nel giorno della festa di tutte le donne... voglio ricordarti che per me sei sempre l'unica.

Donne, una parola che vola nell'aria... una parola che esprime amore, delicatezza e sincerità! Auguri donne.

Per la festa dell'8 Marzo vorrei fare gli auguri a tutte le donne del mondo, ma un augurio di cuore desidero farlo ad una donna unica nel mondo: te!

Tanti auguri ad una donna che sa essere femminile e determinata, dolce e coraggiosa, sognatrice e pratica... fantastica ogni giorno dell'anno!

Buona Festa della Donna. Queste mimose sono un piccolo pensiero per dimostrarti il mio affetto. Ti voglio bene.

Alla mia Amicona preferita, i migliori auguri per la festa della donna e per tutti gli altri giorni!

Tesoro oggi è la festa della donna ed è solo tua ma, ricorda, i 364 rimanenti giorni sono per noi eh!

A volte penso a come potrebbe essere un mondo senza donne. Sicuramente più tranquillo... ma anche noioso, monotono, decisamente fermo e piatto. Sono le curve di una donna a farlo girare!

Donna, che con un solo sguardo fai palpitare il mio cuore, dedico a te tutto il mio amore in questa giornata dedicata a te!

Questa sera ti proibisco di festeggiiare con le tue amiche. Mi sono preparato al meglio... e quest'anno lo streep te lo faccio io!

Auguri e felice festa della donna alla ragazza più dolce e bella che i miei occhi abbiano mai visto. Grazie di esistere.

Ciao Amore, nel giorno della festa delle donne ti mando un augurio grandissimo e ti ricordo che per me sei la più bella!.

Ciao Amore, nel giorno della festa delle donne ti mando un augurio grandissimo e ti ricordo che per me sei la più bella!

COMUNICAZIONE NON VERBALE


La COMUNICAZIONE NON VERBALE e' la comunicazione che va al di la delle parole.
Attraverso la COMUNICAZIONE NON VERBALE si ottiene o si può ottenere, coinvolgimento,attrazione , persuasione e seduzione.
La COMUNICAZIONE NON VERBALE e' pero' un'arma a doppio taglio : se utilizzata nel modo sbagliato produce decoinvolgimento, rifiuto se non repulsione , demotivazione, disinnamoramento .
Devi quindi imparare ad utilizzare nel modo giusto la comunicazione non verbale.
L'uomo, ma più in generale ogni essere vivente, compie quotidianamente un'attività tanto inconsapevole quanto fondamentale: comunica. Per farlo, ha a disposizione una serie di strumenti, di modi, che possiamo definire 'linguaggi'. Il linguaggio è, dunque, la facoltà che l'uomo ha di comunicare.

Ma la comunicazione non avviene in un unico modo e con un solo linguaggio: a seconda del mezzo impiegato, si può avere il linguaggio verbale (quello cioè che si basa sui suoni prodotti nell'apparato fonatorio), il linguaggio scritto (basato sulla scrittura), il linguaggio cinesico-gestuale (che si fonda sui movimenti del corpo, di parti del corpo, sui gesti), il linguaggio iconografico (basato sulle immagini), e via elencando. Fra essi, il linguaggio verbale è senz'altro il più duttile e raffinato degli strumenti e dei modi di comunicazione a disposizione dell'uomo.
Altri segnali non verbali sono indicatori dello stato emotivo della persona che li emette; anche se il canale principale per la ostentazione degli stati d'animo è rappresentato dal volto, altri movimenti svolgono un ruolo in questo senso: infatti l'ansia e la tensione emotiva producono mutamenti riconoscibili nei movimenti di un individuo; appartengono a questa categoria di segnali alcuni movimenti quali, per esempio, scuotere un pugno, battere uno o entrambi i piedi in segno di rabbia e coprirsi il volto con la mano in segno di vergogna... Può tuttavia verificarsi il caso in cui un'espressione emotiva si sia trasformata in un vero e proprio emblema o gesto simbolico, che viene quindi prodotto non tanto perché il soggetto sta vivendo quella particolare emozione, ma perché egli si riferisce a (o sta parlando di) quella particolare emozione'.

La SEDUZIONE avviene prevalentemente a livello non verbale.
La parte verbale si manifesta nel processo di seduzione soltanto come aspetto secondario e sicuramente non determinante per la riuscita della seduzione stessa.
I canali di comunicazione non verbale sono quattro:

1. Prossemica

2. Cinesica

3. Paralinguistica

4. Cinesica

5. Gestione del contatto


Ognuno di questi canali di COMUNICAZIONE NON VERBALE se viene utilizzato nel modo giusto può già da solo generare un buon coinvolgimento, e' indubbio che se vengono sincronizzati in modo armonico tra loro la seduzione ed il potenziale di seduzione che si acquisisce diventano di altissimo livello.

Analizziamo i CANALI DI COMUNICAZIONE NON VERBALE uno alla volta.

PROSSEMICA

E' la gestione dello spazio interpersonale
Con i nostri amici le distanze sono molto ridotte, con il nostro partner si riducono fino al contatto fisico, con gli estranei, sono molto grandi.

Possiamo facilmente verificare quindi come le distanze e le reazioni siano diverse quando ci facciamo avvicinare o ci avviciniamo ad un uomo o ad una donna, conoscente, estraneo, amico, partner ed ancora da davanti, di lato o da dietro.

Costruite la vostra bolla prossemica con l’obiettivo di dare delle misure precise agli spazi che intercorrono tra voi e gli altri, mettetevi fermi in un punto del pavimento e fatevi avvicinare da una persona (Partner, amico, estraneo), da davanti, di lato e da dietro, a partire da una distanza di tre metri.
Hall ha osservato che la distanza tra le persone è correlata con la distanza fisica, ha definito e misurato quindi quattro "zone" interpersonali:
La distanza intima (0-45 cm).
La distanza personale (45-120 cm) per l'interazione tra amici.
La distanza sociale (1,2-3,5 metri) per la comunicazione tra conoscenti o il rapporto insegnante-allievo.
La distanza pubblica (oltre i 3,5 metri) per le pubbliche relazioni.

Sperimentate tutte le sensazioni e gli stati, quando sentite fastidio bloccate la persona e scrivete su un foglio la distanza corrispondente. Prima da davanti, poi di lato ed infine da dietro. Avrete costruito il vostro spazio relazionale, o bolla prossemica, con quella particolare persona, e potrete sperimentare come quelle siano proprio le distanze che “normalmente” tenete con quella persona e verificate poi come quegli spazi siano dipendenti dal rapporto che avete con quella persona, ad esempio se siete in sintonia, le distanze tenderanno a diminuire, viceversa ad aumentare.
L’ultimo aspetto della prossemica che ha una grande influenza all’interno delle relazioni interpersonali è la postura. Esso è un segnale generalmente
involontario che partecipa alla comunicazione del proprio stato emotivo.
Alcune posizioni sono infatti tipiche di situazioni di amicizia, altre per le situazioni di ostilità, altre ancora indicanti il proprio status sociale. Ciò che le differenzia è soprattutto lo stato di rilassamentotensione.
Anche l’aspetto emotivo può trovare la possibilità di esprimersi attraverso la postura. Inoltre data la minore capacità delle persone di controllare questo
indicatore sociale esso, se osservato con attenzione,sarebbe in grado di rivelare emozioni che gli individui vorrebbero invece nascondere attraverso altri
indicatori come l’espressione del viso o il tono della voce più facili da controllare.
Ma ancora più interessante è rendersi conto che un istante prima di avvertire consapevolmente variazioni emotive, alle variazioni di distanza, in noi o negli altri, per le invasioni o abbandoni della bolla prossemica, il nostro corpo e/o quello degli altri, le comunica attraverso modificazioni non-verbali, come irrigidimenti muscolari, modificazioni di postura, variazione della respirazione e altre.

CINESICA
Studio della comunicazione non verbale (o paralinguistica), e soprattutto di quella che si attua attraverso i movimenti, i gesti, le posizioni, la mimica del corpo, in modo volontario o involontario, con particolare riferimento ai codici comunicativi antropologici, culturali o artificiali, quali i gesti di cortesia o di disprezzo, la gestualità nelle varie tradizioni teatrali, la gestualità oratoria, il mimo, il linguaggio gestuale muto [...]. ”


Il termine cinesica (dal greco Kinesis, movimento) venne ideato dall’antropologo americano Ray Birdwhistell negli anni cinquanta del secolo scorso.
Lo zoologo Desmond Morris definì il gesto come
« qualunque azione capace di inviare un segnale visivo ad un osservatore […] e di comunicargli una qualsiasi informazione. »
(Desmond Morris)
Falsificare il linguaggio del corpo è praticamente impossibile in quanto bisognerebbe avere la consapevolezza di tutti i muscoli del corpo in ogni singolo istante, per questo ci svela molto più di quanto non vorremmo rivelare su noi stessi. Un osservatore attento noterà infatti una discordanza se il linguaggio del corpo e le parole pronunciate non sono sulla stessa ”linea d’onda”, cioè in accordo.
Il volto rappresenta la parte del corpo che è più specializzata sul piano espressivo e comunicativo,attraverso di esso vengono svolte diverse funzioni
importanti nell’interazione tra le persone.
Sono essenzialmente tre:
l’espressione delle emozioni e degli
atteggiamenti interpersonali;
l’invio di segnali inerenti la comunicazione in
corso;
la manifestazione di aspetti tipici della personalità dell’individuo.
Attraverso il viso riusciamo ad esprimere emozioni spontanee, ma anche quelle deliberate, che hanno lo scopo di dissimulare altre emozioni o di manifestare
una forma di convenzione sociale, come nei “sorrisi di circostanza”.
I movimenti mimici del volto, inoltre, partecipano al linguaggio verbale durante gli scambi interattivi: il soggetto che parla attraverso le espressioni del viso
rinforza o sottolinea il significato di quello che sta dicendo, mentre chi ascolta può mostrare disaccordo,
accordo, perplessità, attenzione, indifferenza, ecc.
tramite piccoli e rapidi movimenti delle labbra, della
fronte o delle sopracciglia. L’espressione facciale
fornisce così un riferimento costante alla produzione
verbale.
I movimenti del volto sono anche un elemento importante nella coordinazione dello scambio comunicativo, favorendo l’alternanza dei turni e la sincronia fra gli interlocutori. A questo compito contribuisce in maniera sostanziale anche lo sguardo,infatti durante una conversazione si può osservare come il parlante cerca con lo sguardo l’ascoltatore in momenti strategici, per raccogliere informazioni di ritorno e allo stesso tempo l’ascoltatore guarda chi parla per sostenerlo e rinforzarlo, per manifestare attenzione e interesse, per fargli capire quando ha
intenzione di intervenire nella conversazione.

E' possibile ottenere che un'altra persona compia un'azione voluta da noi, e questo senza che noi parliamo?

La risposta è: sì. Con l'arte della "cinesica"

La cinesica è una delle arti subliminali.
Imparare l'arte della cinesica significa conoscere tutti i segreti e le tecniche necessari per il "comando silenzioso" anche chiamato "comando subliminale".
Sono i "gesti che affascinano".
Nella nostra scuola questa tecnica, da noi studiata per anni, è reso ancora più potente dalla combinazione con il cosiddetto metodo delle "contrazioni statiche".
Si tratta di elementi che danno ENERGIA ai messaggi trasmessi.
Imparate a proiettare ordini non verbali che debbono essere obbediti.
Imparate a leggere i più profondi pensieri e desideri degli altri.

questo tipo di comando silenzioso può portare risultati molto potenti: ad esempio l'amore e l'ammirazione degli altri.
Questo poiché si tratta di messaggi che operano da mente inconscia a mente inconscia.
Poi, utilizzate queste tecniche - ed incominciate ad ottenere quello che veramente volete dalla vita!Nei nostri corsi imparerete a liberare quella forza titanica che dorme in voi - l'incredibile potere della cinesica collegata col nostro specifico metodo di pratica

molto importante è IL LINGUAGGIO E LA SEDUZIONE DELLE MANI
PARALINGUISTICA

La paralinguistica è quella branca della linguistica che studia le lingue che usano riferimenti non verbali per la comunicazione. Il nome deriva dalla parola inglese paralanguage, in italiano paralingua, utilizzata per descrivere gli elementi che stanno attorno alla lingua come: l'altezza, il volume e il tono del discorso.

Alla pronuncia dei singoli tratti fonetici di cui sono composte le parole, il parlante
aggiunge , quasiî sovrascrive ì, uníampia gamma di fenomeni acustici e articolatori che possono modulare
alcune parti del messaggio , oppure cambiarlo radicalmente , specialmente nei suoi effetti pragmatici.
Questi fenomeni , spesso raggruppati sotto uníunica tipologia , sono chiamati paralinguistici . Essi
comprendono aspetti prosodici e ritmici, quali líintonazione, líaccentuazione e la variazione temporale
dellíeloquio ( la velocit‡ misurata in numero di sillabe al minuto ) e aspetti timbrici, comunicati dalla qualit‡
della voce ( calda/fredda ; chiara/scura ; sottile/profonda . Alcuni dei meccanismi di significazione
paralinguistica sono ben codificati e fanno parte della competenza linguistica del parlante : líintonazione
discendente Ë tipica dellíenunciazione e dellíasserzione, quella ascendente della domanda , del dubbio ,
della cortesia, della proposta. ( Canepari Halliday ) ; L'accento contrastivo (ì Mettilo QUI ì) serve per
chiarire ambiguità , esprimere contrasto o come manifestazione di irritazione, rabbia ecc. . Per quanto
riguarda la qualità della voce, il parlante sembra possedere una percezione inconscia del valore
associativo/connotativo di alcune caratteristiche vocali. Ascoltando al telefono una voce sconosciuta , se
qualcuno ce lo chiede , possiamo attribuire caratteristiche psicologiche e anche sociali al soggetto parlante.

GESTIONE DEL CONTATTO FISICO
Dal contatto fisico si possono ottenere molte informazioni e produrre seduzione e coinvolgimento.

In amore seduce chi fugge o chi insegue?

Spesso il detto "in amor vince chi fugge" è corretto. Ma non sempre è così, in alcuni casi in amor seduce chi insegue, in altri casi seduce chi prima insegue e poi fugge, in altri ancora seduce chi prima fugge e poi insegue.
le combinazioni vediamo in realtà sono tante e possono essere tutte decodificate da diversi segnali di comunicazione non verbale, tra cui appunto anche la stretta di mano.
per capire se la persona con la quale abbiamo a che fare tende ad inseguire e quindi ad essere attratto, nella seduzione da chi fugge, oppure se al contrario lui tende a fuggire e quindi ad essere attratto , nella seduzione da chi insegue è capire se tende ad allungare il braccio per primo o aspettare che sia l'altro a fare il primo passo.
Chi allunga il braccio per primo tenderà ad inseguire, quindi per coinvolgerlo nella seduzione dovremmo fuggire un po, chi invece aspetta che sia l'altro ad allungare il braccio, tende a fuggire e quindi nella seduzione si coinvolge con chi lo insegue un po.

Si seduce dominando o facendosi dominare?

Nella seduzione è importante capire se è meglio essere più attivi dominati oppure più passivi dominati?
Alcune indicazioni possiamo ottenerle dalla stretta di mano.
Chi tende ad dare la mano mettendo il palmo verso il basso tende ad avere una modalità prevalentemente dominante per cui si coinvolge con chi,si presenta nella fase di seduzione, secondo una modalità un po più passiva.
All'inverso chi tende naturalmente a mettere il palmo verso l'alto tende ad essere un po più passivo, per cui , nella seduzione dovremmo essere più attivi e dominanti.

Segnali non verbali da usare in scrittura

Nel processo di seduzione oltre a leggere attraverso la decodificazione della comunicazione non verbale è importante inviare deliberatamente dei segnali di comunicazione non verbale a livello subliminale in modo che la sfera logica non li decodifichi ma comunque sono segnali di comunicazione non verbale che passando al livello subliminale si impiantino nella sfera emotiva dell'uomo o della donna che vogliamo sedurre.
Esaminiamo ora alcune emozioni tra le tante, lo ripeto che si potrebbe scrivere un libro solo su questo argomento, che possono essere evocate attraverso la stretta di mano.

Protezione

Per far passare a livello subliminale un messaggio di protezione emozionale dobbiamo stringere la mano in modo avvolgente, morbido, cercando il contatto pieno con il palmo della mano.
Sicurezza e decisione

Per far passare a livello subliminale un messaggio di comunicazione non verbale dobbiamo dare la mano in modo rigido, incisivo e penetrante, toccando una superficie minima della amano dell'interlocutore.

Stabilità e fedeltà

Per inviare un messaggio subliminale di comunicazione non verbale che rimandi analogicamente alla stabilità affettiva ed alla fedeltà, dobbiamo stringere la mano in modo delicato ma stringente e dobbiamo allungare leggermente il tempo della stretta rispetto ai tempi standard.

domenica 27 febbraio 2011

FALLO INNAMORARE


Fallo innamorare per avere una vita sentimentale felice.
Per farlo innamorare devi imparare a farti desiderare.
Il presupposto fondamentale per potersi innamorare e' DESIDERARE.
Una volta stimolato il desiderio bisogna capire quanto amplificarlo prima di esaudirlo.
Ci sono persone il cui desiderio va notevolmente amplificato negandogli il possesso mentre con altri bisogna evitare di tirare troppo la corda pena il rischio di metterlo in fuga.
Ma torniamo al primo punto.
Per farlo innamorare devi farti desiderare.
Per farti desiderare devi porre qualche vincolo.
Se sei eccessivamente disponibile e troppo gratificante non produrrai mai desiderio.
Devi successivamente capire quanto tirare la corda, come dicevo con alcuni devi tirarla molto, con altri meno altrimenti se ne vanno.
Per capire quanto devi tirare la corda il suggerimento e' sperimentare, se vedi che fuggendo un po lui inizia ad inseguirti e coinvolgersi ancora di piu' allora continua a stimolare ed amplificare il desiderio altrimenti e' venuto il momento di concedere qualcosa.
Devi imparare a dosare i favori sessuale.
L'uomo si innamora prevalentemente desiderando di fare l'amore piu' che facendolo.
Si aggancia alla donna che gli fa intendere di potergli fare vivere le fantasie misteriose, i desideri mai completamente esauditi .
Evita di essere prevedibile.
Le abitudini uccidono la fantasia.
Allora vai e FALLO INNAMORARE.

CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO


CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO è determinante nella seduzione e nelle relazioni umane in generale.

CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO permette di scoprire i segreti più intimi di se stessi, delle persone care e dei propri interlocutori e in una normale conversazione rivela un linguaggio “al di la della parola”.
La posizione del corpo, i segni e i gesti che l'individuo esprime durante un pensiero e durante un dialogo non sono casuali, ma correlati ai suoi stati emotivi.
Toccarsi in determinate zone del viso, accarezzarsi le labbra, toccare oggetti in un certo modo e tanti altri segnali opportunamente classificati, permettono all'esperto della comunicazione non verbale di scoprire i dinamismi che governano il comportamento umano.

La seduzione e La comunicazione seduttiva si avvalgono soprattutto delle MODALITÀ NON VERBALI per attirare
l’attenzione e sedurre l’eventuale partner.
1. Contatto oculare esprime fiducia, disponibilità, credibilità, interesse; la dilatazione della
pupilla è un potente microsegnale di attrazione verso il partner che suscita, a sua volta,
attenzione ed attrazione. Altri giochi di sguardi tipici della seduzione sono gli sguardi fugaci e di
sbieco. Più è elevata la tendenza a ricambiare lo sguardo e a prolungare il contatto oculare,
maggiori sono le probabilità di ridurre la distanza interpersonale; nella cultura occidentale le
donne vi farebbero più ricorso (lanciare e ricercare sguardi) e si baserebbero di più sul
feedback visivo.
2. Sorriso timido è un indicatore ricorrente nella seduzione (specie nelle donne).
3. Riduzione dello spazio prossemico è un modo rilevante di ridurre la distanza interpersonale
e di comunicare attrazione con il corpo orientato verso l’altro.
4. Sincronizzazione dei gesti favorisce l’interesse reciproco poiché suscita la percezione di
un’intesa reciproca. In particolare il sorriso, lo sguardo reciproco e i gesti illustratori.
5. Voce attraente è associata ai giudizi di piacevolezza e desiderabilità sociale. I seduttori
efficaci sanno modulare la voce in modo più flessibile e mutevole durante l’interazione
seduttiva: sanno esibire dapprima la loro socievolezza, entusiasmo e virilità con una voce
altisonante e piena per richiamare l’attenzione.

CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO
Rappresenta una modalità centrale per generare e sostenere l’influenza sociale, in quanto
ha lo scopo di modificare uno stato mentale. La sua efficacia consiste nella capacità di
ottenere successo presso i destinatari in condizione di libertà.
Giocare con l'anello, pizzicarsi il naso, grattarsi la nuca o aggiustarsi un polsino e numerosi altri comportamenti simili sono tutti segnali che produciamo senza sosta, in modo del tutto inconscio e senza motivo apparente.
Eppure é proprio sulla base di queste azioni involontarie che sviluppiamo sentimenti di attrazione, diffidenza o disagio nei nostri comuni rapporti umani.
E' la base della SEDUZIONE

CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO permette di smascherare l LA LETTURA DEL PENSIERO
La lettura del pensiero è l'errore cognitivo con il quale si presuppone di conoscere i
pensieri o le emozioni altrui senza che siano stati esplicitamente espressi. È concesso
ritenere che una persona possa individuare gli stati d'animo del suo interlocutore
attraverso l'interpretazione della sua mimica facciale, ma la lettura del pensiero implica la
conoscenza del contento di quegli stati d'animo. Questa "certezza indovinata" circa i
pensieri e le emozioni altrui conduce a distorsioni interpretative.
L'interpretazione si riferisce alle situazioni ed ai comportamenti, la lettura del pensiero ai
processi mentali ed alle emozioni. Così come è errato ritenersi in grado di leggere il
pensiero altrui, è errato supporre -o pretendere- che gli altri siano in grado di leggere i
nostri pensieri. Questo secondo tipo di errore spesso sfocia in valutazioni del tipo causaeffetto
fondate su presupposti non verificati.
Comuni sono frasi del tipo: "Se tu mi amassi veramente non lo avresti fatto, sapevi che mi
avrebbe ferito!", laddove il giudizio poggia sulla presupposizione che l'altro sia stato in
grado di conoscere i nostri stati d'animo ed i nostri pensieri. Le persone passive spesso
credono che gli altri possano leggere i loro pensieri, il che li fa sentire ancora più giudicati
e vulnerabili.
Per la stessa ragione i Passivi tendono ad aspettarsi che gli altri capiscano da soli le loro
intenzioni ed opinioni - leggendole nei loro pensieri. Quando gli altri non capiscono da soli
li giudicano "insensibili" - non capaci di leggere i pensieri altrui.
Per tali persone è importante rendersi conto che così come loro non possono leggere i
pensieri altrui neanche gli altri possono leggere i loro pensieri.

TRASGRESSIONE


La trasgressione ha una grossa influenza sulle emozioni di tutti gli esseri unami e di conseguenza

la seduzione

che produce è notevole, anche nelle persone, uomini e donne, che per principio e per cultura ritengono di essere immuni da esigenze trasgressive.
In realtà tutti gli esseri umani hanno esigenze di trasgressione e la seduzione che produce è tanto più potente quanto la nostra sfera logica si prodiga per comprimere ed inibire le esigenze trasgressive.
Massimo Taramasco

LEZIONI DI SEDUZIONE


Le LEZIONI DI SEDUZIONE secondo il METODO DI SEDUZIONE dell'Ingegneria della seduzione forma l'allievo e l'allieva sulle più moderne TECNICHE DI SEDUZIONE per:

Far Innamorare
Aumentare il potenziale di seduzione
Coinvolgere emotivamente
Persuadere , convincere, ottenere consenso
Scoprire la menzogna
Evitare il Tradimento


L'ingegneria della SEDUZIONE si può applicare non esclusivamente alle relazioni sentimentali ma anche in tutte le relazioni sociali della nostra vita, relazioni nei confronti della famiglia di origine, famiglia acquisita, realzioni lavorative, di vendita, di negoziazione e di amicizia.

In tutti quegli ambiti della nostra vita in cui per raggiungere il nostro obiettivo è necessario coinvolgere e motivare la persona che ci interessa.

Potremmo quindi affermare che la seduzione con l'INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE diventa un metodo, un algoritmo che tutti uomini e donne possono imparare.

L'ingegneria della seduzione è un nuovo modo di comunicare e di sedurre.
Utilizza un tipo di comunicazione frutto dell'unione tra la metodica del processo ingegneristico e l'arte della seduzione.
L'ingegneria della seduzione è quindi un metodo di seduzione che utilizza gli algoritmi tipici dell'ingegneria ed il metodo scientifico della riproduzione dei fenomeni.
l'ideatore del metodo è [[Massimo Taramasco]], ingegnere con un formazione ventennale nell'ambito della comunicazione in generale e della comunicazione seduttiva in particolare.

L'ingegneria della seduzione considera la parola seduzione come sinonimo di coinvolgimento.
Seduzione quindi intesa in senso olistico che va oltre quella che è l'area esclusivamente sentimentale ma che può essere estesa anche ad altre aree della vita, quella familiare, lavorativa, sociale in genere.

l'ingegneria della seduzione si basa sul presupposto che ogni tipo di comunicazione sia verbale sia non verbale produce dei risultati in chi è destinatario della comunicazione stessa.
Questi risultati si traducono in comportamenti.
Attraverso il linguaggio non verbale è possibile pilotare gli stati d'animo e le emozioni dei nostri interlocutori ed attraverso la lettura della comunicazione non verbale possiamo cogliere segnali di interesse nei nostri confronti oppure di rifiuto oppure ancora segnali di menzogna.

Cogliere i segnali di menzogna è molto importante anche nella seduzione in quanto ci consente ad esempio di cogliere un tradimento o l'intenzione di un tradimento.
Questo verso gli altri.
Per noi stessi invece è importante conoscendo questo tipo di comunicazione imparare a gestirla per evitare ad esempio di essere scoperti qualora fossimo noi ad avere una relazione extra coniugale.


L'ingegneria della seduzione insegna quindi a mandare messaggi strutturati secondo algoritmi comunicativi precisi ed prendere atto della risposta conseguente che può essere positiva o negativa.
La risposta è positiva quando la persona che vogliamo sedurre si pone complementare al nostro messaggio è negativa quando pone degli ostacoli ponendosi simmetrica al messaggio ricevuto.
Sulla base delle risposte ottenute si procederà all'invio di ulteriori messaggi comunicativi, che possono essere sia verbali, sia non verbali sia comportamentali.
Si procederà in questo modo fino a seduzione avvenuta.


Questo perCorso rappresenta una formazione integrata sulla seduzione e racchiude in sintesi
le tecniche contenute nei corsi di qualificazione alla seduzione.
Il corso è strutturato con la tutor ship di un SEDUCTION COACH che consente di esplorare
in modo efficace i meccanismi, le leggi e le regole che governano il
processo della seduzione e dell’innamoramento e dell’amore.


L’allievo imparerà l’utilizzo di modelli comunicativi efficaci, pragmatici e veloci che
gli consentiranno di innescare il processo di seduzione riuscendo ad attrarre
irresistibilmente la persona di suo interesse,
nello specifico acquisirà:

• Tecniche di seduzione che facilitano la conquista dell' anima gemella
• Tecniche di pnl per il miglioramento dell' autostima
• Tecniche su come conquistare una donna
• tecniche su come conquistare un uomo


Questo è un perCorso in cui la formazione in cui la teoria e la pratica, la
conoscenza e l’azione si fondono in un unico blocco in modo da permettere a chiunque,
indipendentemente dal suo aspetto fisico, culturale e finanziario, di diventare un seduttore
od una seduttrice di successo.

Con l’aiuto ed il supporto del SEDUCTION COACH l’allievo trasformerà le conoscenze in azioni, che gli
permetteranno di raggiungere finalmente l’obiettivo che ha da tempo desiderato.

I punti focali di questo perCorso sono:

• Conoscere le dinamiche subliminali che governano seduzione ed innamoramento.

• Gestire le varie fasi della seduzione (approccio/conoscenza, attrazione, comfort) in modo
da innescare dinamiche sociali reali che portano all’innamoramento o al ri-innamoramento
del nostro interlocutore.

• Acquisire l’abilità di entrare in profondo contatto empatico con qualunque interlocutore, e
entrare nel suo mondo per poi portarlo nel tuo, far si che le TUE esigenze diventino le SUE.

• Sperimentare, (sotto l’attenta guida del SEDUCTION COACH), sul “campo” cioè nei luoghi di
aggregazione (locali, centri commerciali, palestre , circoli culturali, ecc.) nel contesto
lavorativo, con gli amici , con il partner le metodologie acquisite, trasformando le conoscenze
in azione.

Questo perCorso ti permetterà di :

• Coinvolgere la donna o l’uomo dei tuoi sogni

• Affrontare gli altri, rompere il ghiaccio, abbattere le difese

• Diventare un riferimento positivo

• Acquisire valore sociale

• Capire quando l’interlocutore mente o dissimula sentimenti

• Incrementare l’autostima


Metodologia


• Questo perCorso è a totale distanza fisica ma è completa vicinanza mentale con il SEDUCTION COACH.

• Ogni lezione è correlata da esempi, esercizi e materiale che verrà gradualmente assimilato,
applicato, sperimentato.

• Questo è un perCorso interattivo dove avrai la consulenza telefonica del SEDUCTION COACH
che ti permetterà di personalizzare le metodologie e gli strumenti alle Tue esigenze.

Il costo promozionale del perCorso è di soli 180 euro.

Come funziona il CORSO ON LINE?

In modo molto semplice:
il pagamento avviene in 3 tranche da 60 euro utilizzando

POST PAY o PAYPAL:

1) Il pagamento della prima tranche avviene all’atto di iscrizione al corso
2) Il pagamento della seconda tranche avviene ad 1/3 del corso
3) Il pagamento della terza tranche avviene a 2/3 del corso

Una volta effettuata l’iscrizione cosa succede?
l’iscrizione ti consentirà di stabilire un dialogo interattivo VIA MAIL con il docente


In secondo luogo riceverai il primo invio del materiale inedito (ma coperto da copyright) sulla
seduzione (il secondo invio lo riceverai ad 1/3 del corso, il terzo invio a 2/3 del corso.

Questo materiale proviene dall’innovativo metodo di INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE
Ideato dal dott. Massimo Taramasco.
Acquisirai anche il diritto ad un contatto telefonico diretto con il dott. Massimo Taramasco di 15
minuti che potrai utilizzare subito o cumularlo con gli ulteriori 15 minuti alla regolarizzazione della
seconda tranche e con gli altri 15 minuti acquisiti con la regolarizzazione della terza tranche.
In sostanza avrai a disposizione 45 minuti di colloquio telefonico con il dott. Massimo Taramasco
che ti darà strategie efficacissime per raggiungere velocemente e con efficacia gli obiettivi che ti sei
prefisso.

N.B.: l’iscrizione al primo terzo del corso non ti vincola a proseguirlo, deciderai liberamente, cosa
fare di volta in volta.
Per ulteriori informazioni contattami:


dott. Massimo Taramasco: 333- 1511703
mail to: centrostudicomunicazione@yahoo.it


ISCRIVITI ORA AL PRIMO MODULO DEL CORSO










GIOCO DI SEDUZIONE : Applica la seduzione per coinvolgere



LA SEDUZIONE è UN GIOCO.
IL GIOCO DI SEDUZIONE è utilissimo per COINVOLGERE.
La seduzione fa parte integrante della vita quotidiana ed ovviamente della vita amorosa.
Imparare le strategie e le tecniche di seduzione permette di raggiungere i propri obiettivi sentimentali e di vita in generale.
Dal punto di vista sentimentale avrai la possibilità di coinvolgere la donna dei tuoi sogni, quella donna che fino a poco tempo prima non pensavi nemmeno potesse provare attrazione e coinvolgimento per te.

Avrai la possibilità di far si che si innamori di te e si impegni con te l'uomo che ti sembrava irraggiungibile o che più che qualche momento di intimità non era disposto a concederti.

Come è possibile che accada tutto questo?

Perchè usando nel modo appropriato le TECNICHE DI SEDUZIONE si genererà innamoramento e coinvolgimento e quindi l'altro o l'altra desidereranno compiacerti e soddisfare quelle che sono le tue esigenze.

Nelle relazioni sentimentali LA SEDUZIONE si sviluppa creando POTENZIALE DI SEDUZIONE e piloralo su di noi diventando così bersaglio emozionale per la sfera emotiva della persona che desideriamo sedurre e far innamorare.

Che cos'è il potenziale di seduzione?

Facciamo un paragone in modo che tu possa comprendere a fondo questo concetto.
Immagina il potenziale di seduzione come una sorta di bancomat.
Più denaro hai depositati in banca più soldi puoi spendere con il bancomat.
Se in banca avessi cento euro e provassi a spenderne mille con il tuo bancomat la transazione richiesta ti verrebbe rifiutata.
Allo stesso modo se tu avessi un potenziale di seduzione (o ascendente emozionale) di "cento" nei confronti della persona che ti interessa di più non potresti ottenere.
Supponiamo che a cento di potenziale di seduzione equivalga l'accettazione da parte della donna dei tuoi sogni di un tuo invito a cena e tu la invitassi a trascorrere un week end romantico (che supponiamo necessiti di potenziale di seduzione mille) questo ti sarebbe rifiutato.

A questo punto succede un fato importante: ogni volta che ricevi un rifiuto diminuisce anche il potenziale emotivo che avevi precedentemente.
Questo significa che una volta rifiutato il week end lei non verrà nemmeno a cena.
Cena alla quale sarebbe venuta se tu non avessi optato, per il week end.

Quindi è importantissimo oltre che imparare a costruire potenziale di seduzione anche imparare a capire come riconoscere la quantità di potenziale di seduzione di cui disponiamo.

Infatti, ripeto questo importante concetto, facendo una richiesta superiore al potenziale di seduzione disponibile in un certo momento abbiamo anche una brusca caduta del potenziale di seduzione precedentemente disponibile.

Se tu cerchi il matrimonio dall'uomo che ti interessa senza avere prima costruito la giusta quantità di potenziale di seduzione perderai anche la possibilità di un fidanzamento ufficiale.

Come si può costruire e monitorare potenziale di seduzione?

Attraverso le tecniche di seduzione emozionale e non verbale.

Esistono delle tecniche di comunicazione e seduzione, comportamentali e non verbali(nel senso che vanno oltre la parola) che consentono sia di creare SEDUZIONE sia di monitorare il livello di SEDUZIONE

Imparando il linguaggio analogico, non verbale, fatto di micro segnali, potremmo letteralmente leggere nella sfera emotiva della persona che ci interessa e capire il nostro livello di SEDUZIONE che siamo riusciti a costruire nei suoi confronti.

In questo modo eviterai di commettere degli errori e potrai continuare attraverso le tecniche di seduzione che avrai imparato a continuare ad accrescere il potenziale di seduzione fino che sarai arrivato a quello sufficiente al raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Un'altra cosa importantissima che voglio dirti è questa:
La seduzione e la costruzione del potenziale di seduzione avverranno a livello subliminale, cioè a livello inconsapevole per la persona di tuo interesse, che si ritroverà innamorata di te senza aver capito il perchè.

Le tecniche di seduzione possono essere usate efficacemente sia per la seduzione maschile sia per la seduzione femminile.

Infatti spesso uomini e donne hanno esigenze di seduzione diverse.
Gli uomini sono normalmente più interessati ad una seduzione sessuale le donne ad una seduzione più romantica volta a costruire una relazione stabile facendo impegnare l'uomo che gli interessa.

LA SEDUZIONE sessuale è solo una delle modalità di manifestazione della seduzione stessa.

La seduzione sessuale è finalizzata all'attrazione sessuale ma non è detto che debba necessariamente sfociare in un rapporto basato esclusivamente sul sesso.

La seduzione sessuale utilizza dei meccanismi di attrazione insiti nell'essere umano.
Questi meccanismi di attrazione sono di carattere motivo-istintuale e sono quindi legati al potente istinto di conservazione della specie.

Per produrre innamoramento utilizzando l'attrazione sessuale devi però renderti conto che una volta prodotto potenziale di seduzione avendo stimolato gli attivatori di attrazione, il desiderio sessuale non deve essere completamente appagato, pena la perdita di livello di potenziale di seduzione.

Affinchè un desiderio possa esistere è necessario che non venga completamente appagato.

Ti farò un esempio per farti capire meglio questo meccanismo.

Se hai sete e puoi accedere facilmente , senza nessun vincolo ostacolante ad una fontana che ti darà tutta l'acqua di cui hai bisogno, difficilmente ti innamorerai della fontana e difficilmente darai un grande valore all'acqua.
Se invece per dissetarti devi superare degli ostacoli perchè la fontana è di difficile accesso ed una volta raggiunta l'acqua disponibile non colerà completamente la tua sete inevitabilmente ti innamorerai della fontana e darai un grande valore all'acqua.

La stessa cosa avviene nei rapporti sentimentali.
Chi appaga completamente i tuoi desideri potrai vederlo come amico ma difficilmente te ne innamorerai.
Se tu appaghi completamente le esigenze logiche della persona che ti interessa tenderai ad essere visto come l'amico o come l'amica piùttosto che come "oggetto" di desiderio.

Quello che devi imparare a fare è invece APPAGARE LE ESIGENZE EMOTIVE.

Se appaghi le esigenze emotive della persona che ti interessa produrrai inevitabilmente SEDUZIONE e COINVOLGIMENTO.
Come puoi fare a riconoscere quali sono le esigenze emotive della persona che ti interessa?
Qui viene in aiuto la comunicazione analogica emozionale.

La comunicazione analogica emozionale è un vero e proprio linguaggio simbolico, emotivo e non verbale che ti permetterà di cogliere esattamente quelle che sono le esigenze emozionali della persona che ti interessa dandoti così modo di agganciarle attraverso i comportamenti giusti.

Imparando le tecniche di seduzione, LA SEDUZIONE e COINVOLGIMENTO non saranno più dei misteri ma potrai agire in modo nuovo e decisamente più efficace nelle relazioni sentimentali, ma non solo.

La seduzione e le tecniche di seduzione possono infatti essere utilizzate efficacemente in molte aree della tua vita:

- Rapporti sentimentali

- Rapporti lavorativi

- Vendita

- Relazioni sociali e di amicizia

- Relazioni familiari

sabato 26 febbraio 2011

L'INNAMORAMENTO


L'innamoramento è quella situazione in cui si verifica ai massimi livelli la distorsione della percezione della realtà.

Massimo Taramasco

SEDUZIONE: Come imparare l'arte della SEDUZIONE COMPORTAMENTALE


LA SEDUZIONE intesa come TECNICHE DI SEDUZIONE COMPORTAMENTALE può essere imparata.
Infatti SEDUZIONE e METODI DI SEDUZIONE sono governate da regole ben precise.
Le regole di seduzione pur non essendo logiche possono essere apprese a livello logico ed imparate
come si può imparare una lingua straniera.
Il linguaggio della seduzione e' prevalentemente analogico e non verbale ma soprattutto COMPORTAMENTALE.
A parità di altre condizioni infatti e' il comportamento che seduce e coinvolge.
Bisogna rendersi conto che infatti il comportamento e' la variabile che possiamo gestire con piu' ampio margine di possibilità .
Mentre ad esempio l'aspetto fisico ha tutto sommato un minimo di possibilità di variazioni a meno di interventi invasivi e considerando che sicuramente può essere migliorato con l'abbigliamento ma oggettivamente piu' di tanto non si può fare.

La seduzione e la seduzione comportamentale opera invece sulla gestione del comportamento che ha ampissimi margini di variabilità ed inoltre bisogna rendersi conto che e' proprio il comportamento che seduce e coinvolge.
Le tecniche di seduzione comportamentale Dell'ingegneria della seduzione studiano proprio come adattare i comportamenti in funzione delle caratteristiche analogiche della persona che vogliamo
sedurre.
Con il termine SEDUZIONE si intende qui la capacita' di coinvolgere e far innamorare.
LA SEDUZIONE e le TECNICHE DI SEDUZIONE possono essere utilizzate in tutte le aree della vita in cui esista la necessita' di produrre coinvolgimento.

Bisogna fare una distinzione tra il termine PERSUASIONE Ed il termine seduzione.

La persuasione rimanda alla capacita' di coinvolgere attraverso la razionalità e l'arte oratoria mente la SEDUZIONE rimanda ad un coinvolgimento emotivo ed analogico.

Le strategie comportamentali Dell'ingegneria della seduzione non sono analoghe a qualunque tipologia di uomini o di donne ma devono essere calibrate sulla persona che si vuole sedurre.
Per questo motivo la seduzione e' interattiva e non esistono regole generali che si possono applicare con chiunque ini qualunque contesto.

Nella SEDUZIONE va fatto un lavoro mirato e personalizzato in modo che tutti possano raggiungere i loro obiettivi.

CONQUISTARE L'AMORE


Conquistare l'amore e' un obiettivo che tutti dovrebbero porsi per vivere bene le relazioni sentimentali.
La vita sentimentale felice prevede la capacita' di CONQUISTARE L'AMORE.
Per conquistare l'amore si devono imparare i giusti metodi  di seduzione .
Seduzione intesa come capacita' di coinvolgere e far innamorare la persona che ci interessa.
Ma cosa e' veramente la seduzione?

La seduzione e' la capacita' di coinvolgere e di acquisire potenziale di seduzione

Le strategie per sedurre prevedono operativamente:

1. Evitare lo scontro con la sfera logica

Bisogna creare una identificazione inconscia attraverso le diverse applicazioni della tecnica del ricalco nelle sue diverse forme:

Mirroring posturale: rispecchiare la postura

Mirroring fisiologico : sintonizzarsi ed armonizzassi sulla fisiologia dell'interlocutore, quali ad esempio la respirazione.

Ricalco delle credenze: adeguarsi alla mappa del mondo dell'interlocutore, prima di portarlo nella nostra mappa del mondo

Valori: elicitare e ricalcare i valori della persona che si vuole sedurre.

2. Penalizzare a livello subliminale la sfera analogica

Penalizzare in modo subliminale la sfera analogica consente di CONQUISTARE L'AMORE in quanto attraverso la penalizzazione analogica si eroga un servizio emozionale che consente di acquisire rapidamente potenziale emotivo e di conseguenza si ottiene naturalmente in cambio un servizio logico ed un forte coinvolgimento che di fatto permette di conquistare l'amore della persona di interesse.

venerdì 25 febbraio 2011

CONQUISTARE UN UOMO: quello che le donne devono sapere


Come conquistare un uomo?
Imparando i giusti metodi di seduzione.
La donna seducente non è quella che attrae sessualmente un uomo ma quella che riesce a coinvolgere e tenersi l'uomo che desidera
CONQUISTARE UN UOMO- quello che le donne devono sapere :

E’ l’arma femminile per antonomasia, è alla base delle relazioni sessuali e sentimentali, incarna l’arte di ammaliare, intrigare, incantare, stregare, di illudere e far innamorare: questa è la seduzione.

la seduzione è soprattutto un gioco intricato e raffinato, a volte perverso, divertente ed eccitante, che si vince seguendo regole eccezionali, che si inventano, infrangono e modificano in ogni vivo momento.

FASE DI CONOSCENZA



Lo sguardo: La differenza dello sguardo d’essi, il nostro dev’essere intermittente, non sostenuto.Gli occhi devono suggerire, peró mai esplicitamente. Dirigi il tuo sguardo su di lui, poi posa la tua vista su qualsiasi altra cosa, dimenticalo durante cinque minuti (per lui sará un’eternitá) e poi guardalo di nuovo. Ripeti questo atteggiamento tante volte sia necessario; per loro é come una dolce tortura.
Queste sono le prime armi per conquistarlo.

Toccare senza toccare: Quando riprendiamo la conversazione dobbiamo mostrarci ben disposte, con sorrisi anche se i suoi commenti non siano spiritosi. Peró al momento giusto dobbiamo fare una nuova scena drammatica, che fará impazzire al nostro conquistato uomo. Come per caso appoggiamo la nostra mano sul suo ginocchio, o sul braccio, per qualche secondo, deve sembrare un contatto disinteressato, lui fará finta di niente, ma puoi credere che dentro sará in fiamme

Il momento del bacio: Quando la conversazione va scemando si avvicina il momento del bacio, tan desiderato sia per lui come per te. La conquista del nostro uomo si suggellerá con il tanto anelato bacio. Stai tranquilla tutto il peso di questo magico momento ricadrá su di lui. A questo punto tu sei quella che domina la situazione, hai la chiave che apre o chiude la porta. Lascialo avvicinarsi, mentre il tuo sguardo dolcissimo e pieno di tenerezza gli dice che accetti il suo bacio, che anche tu desideravi.

Baciare come una ragazza timida
Il contatto del bacio dev’essere delicato, innocente.Non entrare in nessun gioco passionale che lui ti proponga, giá avrá tempo per questo piú avanti. Bacialo solo il tempo sufficiente, per dimostrargli la ragazza che tu sei interiormente.

Stile: certamente gli uomini sono attratti dalle donne vestite in modo succinto, ma spesso ne sono anche intimoriti. Il segreto è trovare il tuo stile senza esagerare, saper catturare la sua attenzione senza metterti completamente in mostra, bensì rendendoti interessante creando un po’ di mistero.
Determinazione: il vero segreto di seduzione è stare bene con te stessa. Sii sicura delle tue qualità e non farti prendere dall’imbarazzo

GESTISCI IL LINGUAGGIO DEL CORPO



Se volete conquistare un uomo, camminate in maniera armonica e siate sciolte nei movimenti.
Mantenere il proprio sguardo ad un’altezza tale da non risultare nè troppo fiere, nè troppo dimesse, nè troppo serie e nemmeno troppo “ridanciane”.
Evitate gesti volgari da “camionista”: grattarsi (testa, schiena, ecc.) risulta piuttosto volgare.
Il tono della voce deve essere “affascinante”, cercate di non parlare “a macchinetta”.
Sorridere vuol dire dimostrare che le sciagure della vita non vi toccano: sarete apprezzate.
Le scollature fanno impazzire gli uomini (non esagerate però!
Stare il più possibile in posizione “eretta”: spalle indietro, petto in fuori.
Studiate la vostra mimica facciale allo specchio e selezionate le espressioni belle da quelle brutte, evitando le seconde.
Per quanto riguarda il profumo tendete verso quelli più neutri, non usateli sempre, variate e soprattutto non mettetene flaconi interi.
Piccoli gesti d’affetto sono sempre graditi.
Quando vi sedete evitate posizioni assurde e sfruttate le gambe.
Devi poi capire se l'uomo che ti interessa è piu' LOGICO (INTELLETTUALE) o più PASSIONALE

COME CONQUISTARE UN UOMO INTELLETTUALE



Come sedurre un uomo intellettuale?

Nel tipo intellettuale il pensiero, la logica e la razionalità sono
orientati all’analisi della soggettività e del mondo interiore.
Per fare un esempio, mentre un intellettivo introverso è rappresentato,
come stereotipo, dallo scienziato che studia dati oggettivi, come è il cado
dei fisici sperimentali, o dei biologi, un tipo intellettivo introverso è
rappresentato dal filosofo, dallo studioso della mente umana.


L’intellettuale è guidato dalle idee, idee però che non si formano
su una base oggettiva, bensì assolutamente soggettiva.
È una persona che non fa nulla per accattivarsi la simpatia del prossimo,
talvolta può essere taciturno, immerso nel proprio mondo, altre volte per
reazione, in alcuni contesti può essere, per reazione esibizionista, esibire la
sua cultura, lasciarsi anche prendere dal narcisismo e tenere delle mini
conferenze su differenti tematiche.
È comunque una persona che manifesta tratti di misantropia, tutta presa dal
suo mondo che di quello che succede al di fuori di esso gli importa poco o
nulla.
Se è particolarmente introverso non ha una grossa facilità di conquista e di
seduzione, se invece i tratti di introversione non sono marcati può essere
un abile seduttore o seduttrice che non si innamora mai delle sue prede.
Riesce ad innamorarsi di chi lo (o la) lusinga facendogli credere di capirlo
e di apprezzarlo per come è.
Per questo motivo può cadere nelle grinfie persone senza scrupoli che lo
sfruttano in un modo o nell’altro.

Per conquistare un uomo intellettuale è necessario sorprenderlo, uscire fuori dai
soliti schemi andare oltre le vecchie abitudini.
per fare breccia nel
cuore e quindi sedurre un uomo intellettuale dovrete suscitargli forti emozioni.
Bisogna però essere consapevoli che così facendo correremo il rischio che
“si innamori” di voi.

COME CONQUISTARE UN UOMO PASSIONALE


Ecco cosa fare per sedurre un uomo passionale

Impara a lasciarti scendere una lacrima quando vedi film drammatici o ascolti pezzi musicali struggenti. Il tuo uomo passionale
apprezzerà la tua sensibilità e saprà allontanare con un bacio le tue lacrime
Entra in contatto con la tua passione e l'amore più profondo per ogni essere nell'universo. Ti aiuterà a

enfatizzare con tutte le tue forse e ti aiuterà a capire perché merita il tuo amore
Impara come comunicare un migliaio di espressioni di amore, tutte senza pronunciare una parola. Sarà capace di
leggere direttamente la tua anima, attraverso i tuoi occhi
Offrigli supporto, impara come portarlo con i piedi per terra senza ferire la sua sensibilità. Lui ti insegnerà a vedere
le stelle cadenti e i disegni fra le nuvole
Ama le belle arti e il vino prelibato - un uomo passionale saprà amarti per questo!

TROVARE L'AMORE a 40 ANNI


TROVARE L'AMORE a 40 ANNI e quando dico amore intendo l'amore della vita, l'amore che coinvolge per tutta la vita o buona parte di essa è possibile imparando i giusti metodi di seduzione e capendo come si manifesta l'amore e qual è il significato dell'amore.
Quando si parla di grande amore o di anima gemella normalmente si pensa che questa si debba trovare in una fase della vita in cui si e' giovani o sufficientemente giovani.
E questo e' il primo mito da sfatare sia per il fatto che a 40 anni si e' giovani sia per il fatto che l'anima gemella si manifesta quando si ha la maturità per recepirla e viverla.
Quindi in sostanza non esiste un'eta specifica.
Trovare l'amore a 40 anni e' possibile anzi auspicabile.

Come fare a trovare l'amore a 40'anni?
Soprattutto se si e' donne e non si hanno figli e se ne vogliono avere esiste un orologio biologico che non si può ignorare e che si deve rispettare.
Quindi e' importante trovare l'amore e rendersi conto che si tratta del vero amore in tempi brevi.
Come fare dunque a trovare l'amore e capire che e' la persona giusta in un tempo relativamente breve?
Dobbiamo capire rapidamente se si instaura una complicità profonda.

La domanda/constatazione più difficile da porre, ma anche la più difficile da rispondere è proprio questa: "Quindi è finita?.."
Spesso si tende sempre a non voler sancire definitivamente e chiaramente la fine di un rapporto. Si cerca sempre di posticipare l'evento il più possibile poichè fonte di indubbia sofferenza. Da questa domanda dipende il futuro delle due persone. E' proprio per questo che deve essere fatta e deve ricevere una risposta. Vivere in un limbo non aiuta nessuna delle parti e prendere una posizione "ufficiale" e di responsabilità permette di "liberare" le proprie risorse mentali e di indirizzarle verso nuove richieste. In alcuni casi, inoltre, "non è davvero la fine". Non è il caso, quindi, di aspettare all'infinito per saperlo.

Questo tipo di complicita' si instaura solo quando l'affinita di coppia e' elevata.

inoltre e' importante imparare a condividere le emozioni, la condivisione emotiva e' fondamentale per capire che si e' trovato l'amore con la A maiuscola.
La condivisione non è un punto di partenza, ma una traguardo da costruire insieme attraverso:
a. impegno;
b. stima;
c. uguaglianza: nessun componente della coppia deve prevaricare l’altro, ma entrambi occorre che riconoscano le reciproche debolezze e vulnerabilità.
Per trovare l'amore a 40 anni e' fondamentale trovare le persone giuste, meglio evitare di frequentare locali e discoteche e dedicarsi ad attività culturalmente piu' elevate corsi di formazione cultuali o di arte dove si aumentano le probabilità statistiche di trovare un target piu' elevato ed idoneo.

giovedì 24 febbraio 2011

AMORE E BENE


AMORE E BENE sono due modalità con cui vivere le relazioni sentimentali, spesso il bene e' l'evoluzione dell'amore.
La sequenza temporale normalmente e':
Innamoramento, amore, bene.
Cosa cambia passando da quello che si definisce AMORE a quello che si definisce BENE?
Quello che cambia e' la componente legata a quella che comunemente si definisce passionalità .
La passionalità e' qualcosa di diverso dalla sessualità anche se una componente importante della passionalità e proprio la sessualità.
Passione etimologicamente significa patimento, sofferenza, ad esempio la Passione di Cristo e' il calvario di dolore subito da Gesu' culminato con la crocifissione.
La passione d'amore oltre ad avere una forte componente di attrazione fisica
ha anche una componente di tormento d'amore, fatto da intense emozioni, da gelosie e sofferenze.
L'amore e' l'evoluzione relazionale dell'innamoramento dove la forte componente passionale lascia il posto all'intimità affettiva ed all'impegno reciproco inteso come partecipazione ad un impegno di vita
In comune.
Il BENE e' un passaggio ancora successivo che avvien per una definitiva perdita di mistero ed una identificazione del partner come figura completamente istituzionale senza piu' nessuna componente trasgressiva.
La passione si e' definitamente assopita:
Non ci sono piu' tormenti, nessuna emozione intensa, il sesso diminuisce sia quantitativamente che qualitativamente, diventa una sorta di "dovere" che non da piu' pathos.
Il legame di coppia comunque resta solido, la coppia diventa un sodalizio talvolta indissolubile.
La componente passionale viene vissuta all'esterno della coppia anche se l'amante difficilmente riesce ad acquisire un potenziale sufficiente a disgregare il sodalizio di coppia.
Il BENE e' un forte collante che sopravvive e consente di superare forti tempeste.
Certo e' che l'essere umano oltre ad avere esigenze istituzionali ( AMORE E BENE) ha anche esigenze tragressive (PASSIONE) per cui e' impensabile che per molto tempo si possa vivere senza passione.
Non sempre la passione vissuta all'esterno della coppia si traduce con un tradimento, soprattutto oggigiorno dove grazie alle chat si possono anche vivere passioni ed innamoramenti virtuali.
Oggettivamente pero' e' probabile che la passione virtuale, se non sussistono grossi impedimenti logistici o di altro genere possa tradursi su un piano fisico concretizzando un tradimento che pero' in linea di principio viene vissuto clandestinamente senza andare ad intaccare, salvo inconvenienti che "rompono le uova nel paniere" resta clandestino.
Di solito quando l'amante cerca di assumere un ruolo piu' istituzionale viene lasciato o lasciata.
Questo per il fatto che la componente istituzionale viene presidiata fortemente da marito o moglie o compagno
/a.
Recuperare la seduzione è un passo fondamentale
Quando questa situazione si accentua ulteriormente all'interno della coppia si instaura un "patto sciagurato" spesso tacito in cui si tollera reciprocamente le avventure passionali dell'altro o dell'altra.
Questo patto fortifica ulteriormente il legame di coppia.
Coppia che pero' non riesce piu' a fornire passionalità e sessualità .
In questi casi anzi la componente sessuale diventa praticamente nulla, ma il sodalizio continua.
Qualche coppia prova a creare trasgressioni di coppia che si esprimono in molti casi con lo scambismo che pero' come fenomeno sociale e' abbastanza marginale.
Per evitare una perdita di passionalità nel tempo bisogna mantenere alta la tensione emotiva all' interno della relazione.
La seduzione in questo viene in aiuto.
I metodi e le tecniche Dell'ingegneria della seduzione consentono da un lato di rendersi conto in tempo della diminuzione di passionalità , prima che questa , sia conclamata ed insegna quali comportamenti mettere in atto per recuperarla evitando che il bene prenda completamente il posto dell'AMORE.

Applicare le regole della seduzione e Dell'ingegneria della seduzione consente quindi il poter vivere la vita di coppia in modo qualitativamente piu' elevato nel tempo.

VOLER AMARE


VOLER AMARE è una scelta.
Una scelta che alcune persone non fanno.
VOLER AMARE senza aspettative è una scelta difficile ma la vera prova d'amore.
La seduzione è anche un modo per decidere di voler amare.

la decisione di voler amare deve essere equilibrata.

c'è chi pur di essere amato farebbe di tutto", il gioco psicologico di chi si sottomette passivamente al piacere degli altri e vive costantemente nel terrore che l'altro lo abbandoni;

c'è poi la tipologia di chi dice "l'altro mi deve amare per forza", spesso appartiene a questa categoria la donna che ha un disperato bisogno d'amore e attira uomini che, nella maggior parte delle volte sono inferiori a lei, li ammalia dando precisi messaggi sessuali ma poi si sente improvvisamente "oppressa" e perde l'interesse per quell'uomo che si era cosi' tanto invaghito di lei.

VOLER AMARE



Implica il possedere due doti che ogni persona “per diritto” dovrebbe aver acquisito:

l’ autostima vale a dire la considerazione del nostro valore prescindendo dalle nostre imperfezioni (sfera dell’essere);

la fiducia in sé o auto-efficacia cioè la convinzione che nelle situazioni di crisi ce la possiamo fare, che possiamo attivare comportamenti adeguarti al contesto. Questa consapevolezza si manifesta con l’attitudine all’azione ed attiene quindi alla sfera del fare.

Il vero amore,amare una persona è averla senza possederla;darle il meglio di se senza pretendere,senza nessuna aspettativa,avere il desiderio di starle vicino senza essere spinti dal bisogno di alleviare la propria solitudine
amare intelligentemente è una cosa che si può imparare, chi decide di VOLER AMARE si propone un nuovo atteggiamento nei confronti dei sentimenti, per chiunque sia stanco di soffrire e di ripetere sempre gli stessi schemi distruttivi nei propri rapporti.

Per vivere relazioni basate sulla fiducia e sull'amore, anziché condizionate dalle paure e dai bisogni, per favorire il risveglio dell'intelligenza del cuore e evitare di cadere nelle consuete trappole delle dinamiche di conflitto. Decidere di voler amare signific imparere ad affrontare i momenti di crisi della relazione, evitando di rimanere bloccati, e a utilizzare ogni occasione come un'opportunità per aprirci a un livello più elevato di consapevolezza.


Qualora manchino tali qualità del Se’, il nostro sguardo su noi stessi sarà inevitabilmente svalutante e ci indurrà a maturare convinzioni disfunzionali circa il nostro valore. E tali pensieri disadattivi coinvolgeranno la sfera fisica (trascuratezza), emotiva (“non merito rispetto”) ed intellettuale (disconoscimento potenzialità, senso di impotenza) della nostra persona.

DONNE E SENTIMENTI


Donne e sentimenti sono spesso considerati sinonimi dal punto di vista dell'assonanza .
Una credenza abbastanza generalizzata riporta al fatto che le donne vivono i sentimenti in modo piu' intenso rispetto agli uomini.
Questa credenza non e' sempre vera, anche se da un punto di vista evoluzionistico le donne hanno una spinta ad avere un uomo che dia affidabilità e sicurezza, soprattuto nel periodo di gravidanza e dopo la nascita della prole.
Il sentimento e' la decodifica emotiva della spinta istintuale.
In realtà le donne hanno o possono avere la spinta istintuale verso un amante.
La spinta e' data dalla necessita' di un patrimonio genetico migliore per la prole.
Spesso questa necessita' non e' soddisfatta dall'uomo che da sicurezza.
Questo spiega anche perché capita frequentemente che i padri ufficiali non siano quelli biologici.
Una donna normalmente limita i suoi sentimenti ad un massimo di due uomini, marito fornitore di sicurezza, amante fornitore di patrimonio genetico, il marito e l'amante.
Marito ed amante suscitano sentimenti diversi, ma spesso complementari nella donna.
Il marito produce sentimenti di affetto anche molto intensi mentre i sentimenti verso l'amante hanno una componente piu' legata alla passionalità ed alla sessualità .
Istintualmente il marito ha il compito di accudire e supportare donna e Prole, prole
si badi bene avuta potenzialmente con l'amante con patrimonio generico superiore a quello del marito.
La donna attraverso marito ed amante può esprimere una vasta gamma di sentimenti.
Ovviamente può verificarsi il fatto che le figure simboliche istituzionali (marito) e trasgressive (amante) coincidano nella stessa persona, ma non e' detto che sia così .
Per gli uomini le spinte istintive supportano meno i sentimenti in quanto la filogenesi dell' homo sapiens sapiens rimanda alla vita di branco, dove il maschio capobranco dominante fecondava molte donne.

Anche gli uomini possono esprimere sentimenti altretanto intensi di quelli espressi dalle donne.
L'espressione dei sentimenti del maschio e' meno concentrata sulla sessualità mentre i sentimenti sono maggiormente legati alla sfera affettiva.
Possono quindi sussistere diverse figure trasgressive ma normalmente la figura istituzionali.
Le donne che non riescono e trovare una figura di riferimento sentimentale possono vivere delle sofferenze anche intense.
La seduzione utilizzata nella gestione del rapporto ha la funzione di mantenere alta l'emotività per evitare che l'uomo non coinvolto emotivamente segua la spinta istintuale ad avere contatti sessuali con piu' di una donna.

IL SENTIMENTO



il sentimento, soprattutto il sentimento d'amore è spesso fonte di sofferenza
PER GLI UOMINI e PER LE DONNE.
Con il termine sentimento (derivato dal latino sentire, percepire con i sensi) si intende una condizione affettiva che dura più a lungo delle emozioni e che ha una minore incisività rispetto alle passioni. Per sentimento genericamente si indica ogni forma di affetto: sia quella soggettiva, cioè riguardante l'interiorità della propria individuale affettività, sia quella rivolta al mondo esterno.
Quando il termine viene usato nel significato di "senso (sentimento) di sè" esprime la coscienza della propria esistenza come complesso dei moti spirituali e corporei.

Le donne usano spesso il meccanismo della lettura del pensiero per interpretare il sentimento degli uomini a lettura del pensiero è dunque la capacità di anticipare i suoi pensieri, emozioni, idee, comunicandogliele ancora prima che lui stesso le abbia focalizzate in modo razionale, individuando uno o più particolari di un’esperienza che il potenziale partner sta vivendo o ha vissuto e restituendogliela con parole adeguate, così da risultare in estrema sintonia mentale ed emotiva. In termini più tecnici, si tratta quindi di ricalcare la sua esperienza emotiva, il suo stato d'animo, e dimostrargli che siamo sulla stessa lunghezza d'onda.

Dovendo suggerire alcune frasi specifiche, in una situazione in cui il nostro ascoltatore dimostra curiosità e interesse per quello che stiamo raccontando, possiamo anticiparlo con una frase del tipo “So che adesso ti stai chiedendo... dove voglio arrivare con le mie parole”. O ancora, se il suo atteggiamento fa trasparire una sensazione di tranquillità e benessere, possiamo sottolinearla con “Ora so che ti stai domandando... fino a che punto puoi sentirti così a tuo agio”, creando in lui la sensazione che davvero riusciamo a leggere nella sua mente. In pratica, mentre pronunciamo espressioni tipo “ti stai chiedendo... ti stai domandando...”, egli davvero si domanderà cosa stiamo per dire e dove vogliamo arrivare; quindi in apparenza sembrerà una vera e propria lettura del pensiero e a livello inconscio potremo creare una sensazione di sintonia molto forte.
L'amore è il grande escluso delle analisi filosofiche e psicologiche che si occupano del comportamento umano. In parte perché il termine stesso è inflazionato o contaminato da molteplici significati. Ma che parola dovremmo usare per definire quel sentimento di forte empatia che vuole il bene dell'altro senza anteporre il proprio? Se escludiamo tutti gli altri significati, questo sentimento è la ragione principe del comportamento morale per molte persone. Solo chi non lo vive può non tenerne conto nel fare e nel valutare leggi che devono regolamentare il comportamento umano nella società. La paura delle conseguenze del proprio agire è fondamentale solo per chi non ama nel senso testé definito. La mera paura delle conseguenze del proprio agire è già di per sé il segno di un handicap morale. I deterrenti non possono costituire l’unica forma di educazione morale nella società. Se uno crede di essere nel giusto non ha paura delle conseguenze; al limite, se ne guarda, per comprensibili ragioni di opportunità. Ma un Gandhi non sarebbe stato possibile se nell'animo umano l'ultima frontiera dell'agire morale fosse la paura. Allo stesso modo, i kamikaze non possono essere fermati con meri strumenti polizieschi. Non possiamo dunque contare solo sui freni inibitori della paura. La stessa presenza di un superego è un handicap morale, perché l'amore non è, da esso, soltanto diminuito, o indebolito, è addirittura sostituito con valori che antepongono l’Io all’Altro, valori che non hanno in sé nulla di morale, di autoresponsabile. Anche se può sembrare più rassicurante, per la sua prudenza programmata e per la sua incapacità di azzardo, un pilota automatico, senza la supervisione di un pilota reale, è un azzardo puro e semplice. La capacità di agire nella realtà esige la libertà e la responsabilità.
Usare bene la lettura del pensiero per entrare in sintonia con gli interlocutori può servire per produrre un forte sentimento.
Ancora, la persona che vogliamo conquistare ci potrebbe raccontare come ha trascorso la giornata precedente. Ci dice di aver avuto una brutta lite con un collega di lavoro; la cosa l’ha amareggiata a tal punto da farla rimanere di malumore per tutta la sera. E ci dice: “Sai, quando mi capita di stare così giù avrei davvero bisogno di uscire. Mi ricordo che da piccola mia madre mi portava alle giostre, mi comprava lo zucchero filato e il cattivo umore passava subito. Invece oggi la tristezza prende il sopravvento e finisco col restare a casa, e con l’intristirmi ancora di più…”. In questo racconto la persona ci ha fornito un’informazione preziosa, anche se molto probabilmente non se ne sarà neanche resa conto, visto che l’ha raccontata piuttosto distrattamente, focalizzandosi sul ricordo della lite con il suo collega e sul suo stato d’animo attuale. Noi però , grazie alla nostra abilità nell’ascoltare attivamente, abbiamo saputo coglierla: ora sappiamo che quando il nostro potenziale partner è giù di morale, il suo inconscio lega il bisogno emotivo di rivivere quell’esperienza infantile al ritorno del suo buonumore; basterà riutilizzare questa informazione al momento opportuno.

mercoledì 23 febbraio 2011

SEDUZIONE



IMPARA LA SEDUZIONE PER CONQUISTARE L'AMORE

con il metodo dell INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE







SEDUZIONE e' un termine che può sottendere a significati diversi.
Spesso si identifica la parola seduzione alla seduzione sessuale.
In realtà la seduzione va intesa in senso olistico in quanto si può utilizzare in tutte e cinque le aree della vita.
Quali sono le aree in cui seduzione e tecniche di seduzione possono essere utilizzate?


1. Rapporti con la famiglia di origine

2. Rapporti con la famiglia acquisita

3. Rapporti affettivo sessuali

4. Immagine esterna del Se (realizzazione in società, nel lavoro, nel danaro)

5. Immagine interna del se (realizzazione interiore, autostima )

Da quanto detto al punto 5. e' ad esempio interessante notare che la seduzione può essere usata anche con se stessi.


Sedurre se stessi significa mettere in atto una seduzione della sfera logica sulla sfera emotiva in modo che le esigenze logico razionali siano anche esigenze emozionali e si crei quella armonia interiore favorevole al raggiungimento degli obiettivi.
Seduzione su se stessi e' una modalità di seduzione molto interessante in quanto e' evidente che sedurre se stessi produce anche una seduzione sugli altri, o meglio potremmo dire che imparare a sedurre se stessi e' la via regia per sedurre gli altri.
Seduzione su se stessi significa inoltre imparare a migliorare la stima in se stessi, non temere ne il giudizio negativo degli altri ne la paura del rifiuto.


Come imparare la seduzione ?
Bisogna per prima cosa rendersi conto che la capacita' di sedurre, la capacita' di coinvolgere e quella di persuadere non sono delle doti innate o "per grazia ricevuta" ma si possono imparrare.


La seduzione e' quindi una scienza, una scienza sperimentale (con fondamenta teoriche) e statistiche e pertanto una scienza.
La metodologia Dell'ingegneria della seduzione ha protocollato le strategie di seduzione rendendola fruibili a tutti quelli che hanno voglia e desiderio di sperimentare nuove modalità comportamentali piu efficaci e produttive nell'area esistenziale che e' o si ritiene essere piu' debole delle altre nella quale i risultati non sono stati allineati con le aspettative.
Evidentemente le aree della vita sono tutte collegate e producendo un beneficio su una di esse si ottiene indirettamente un beneficio anche sulle altre aree.
Sembra evidente che quando i rapporti sentimentali vanno bene anche il rapporti sociali ed il lavoro ne tardammo benefici.


Questo perché il successo produce motivvazione ed autostima.


Ma torniamo al tema centrale:


Come mettere in atto la seduzione nell'area esistenziale di nostro interesse?




Innanzi tutto si deve imparare a non farsi condizionare da situazioni precedenti.
successivamente si deve imparare a conoscere bene la comunicazione non verbale
Quando comunichiamo con una persona che ci interessa siamo sempre portati a credere che questa darà retta ai contenuti delle nostre parole… Sbagliato! La verità è che ciò che diciamo ha un'influenza sulla nostra comunicazione pari al solo 10%. E sebbene questo 10% rappresenti per noi il fulcro fondamentale del nostro pensiero non avrà alcun effetto se non si è attenti ad una serie di fattori apparentemente secondari:
1) il tono della voce.
2) La comunicazione non verbale fra cui:
- Qualità paralinguistiche della voce (morfolofiche, dipendono dalla struttura fisica dell'apparato vocale);
- Mimica facciale (le espressioni mimiche, anche quelle automatiche);
- Gesti;
- Sguardo;
- Prossemica (la gestione dello spazio, se stiamo vicini o lontani dall'altro);
- Aptica (il contatto, se vi è contatto fisico e di che tipo);
- Cronemica (la gestione del tempo, pause quando si parla, velocità quando si cammina, etc.);
- Postura (orientamento del corpo nello spazio);
- Abbigliamento;
- Trucco.
S Uno dei metodi banali ma spesso funzionali quando si ha un primo approccio con un persona è fare in modo che essi siano congruenti e in sintonia rispetto alla persona che abbiamo davanti. Ad esempio se vedete che fa molte pause e ride spesso, fate altrettanto!


Nella seduzione è importante anche capire quali sono state le motivazioni ch hanno fatto finire le relazioni precedenti, per evitare di ricadere negli stessi errori o nelle stesse modalità comportamentali
La domanda/constatazione più difficile da porre, ma anche la più difficile da rispondere è proprio questa: "Quindi è finita?.."
Spesso si tende sempre a non voler sancire definitivamente e chiaramente la fine di un rapporto. Si cerca sempre di posticipare l'evento il più possibile poichè fonte di indubbia sofferenza. Da questa domanda dipende il futuro delle due persone. E' proprio per questo che deve essere fatta e deve ricevere una risposta. Vivere in un limbo non aiuta nessuna delle parti e prendere una posizione "ufficiale" e di responsabilità permette di "liberare" le proprie risorse mentali e di indirizzarle verso nuove richieste. In alcuni casi, inoltre, "non è davvero la fine". Non è il caso, quindi, di aspettare all'infinito per saperlo.


Di fondamentale importanza è percepire la seduzione come un gioco.




Il gioco della seduzione





Quando parlo di seduzione mi riferisco al senso olistico del termine, andando quindi oltre la seduzione legata all'ambito sentimentale ma estendendolo a tutte le aree della nostra vita, dalla famiglia (sia originaria che acquisita), al lavoro, alle amicizie, alle relazioni sociali in genere.


Introduco qui un altro concetto importante il concetto di gioco.
Cosa intendo con gioco:
intendo un atteggiamento che dobbiamo mantenere nella gestione delle relazioni con gli altri ma anche nella gestione delle relazioni con noi stessi.


Se prenderemo il processo di seduzione troppo sul serio innescheremo dei meccanismi sabotatori che ci impediranno di raggiungere l'obiettivo.


Questo perchè ciò che è obiettivo per la parte logica diventa strumento per la parte emotiva.
Se il mio obiettivo logico fosse andare a Milano, l'obiettivo emozionale sarebbe il viaggio, cioè è dal percorso che traggo emozioni e quindi la sfera emotiva cercherà di non farmi mai arrivare a Milano.


Dovrò giocare al gioco della seduzione dandomi non tanto l'obiettivo ri riuscire quanto quello di allenarmi.


Il successo sarà quello che si potrebbe definire un “guadagno secondario”.




Dobbiamo avere o acquisire la consapevolezza che anche la vita di per sé è comunque un gioco, un gioco che ha le sue regole, regole che non abbiamo definito noi e che quindi dobbiamo conoscere, imparare ed utilizzare al meglio.


Giocare al gioco della seduzione equivale a giocare al gioco della vita e le probabilità che ho di vincere sono inversamente proporzionale alla paura che ho di perdere: maggiore è la paura di perdere minori sono le probabilità di vincere.


Quando parlo di “vincere” in realtà intendo una vittoria sia nostra sia del nostro interlocutore in un'ottica, per usare una terminologia transazionalista win-win.


Un buon obiettivo può essere quello di “giocare” al meglio.
Con un buon gioco, sicuramente massimizzerò le probabilità di vincere, potrò magari perdere qualche battaglia, ma alla fine vincerò la guerra.


Per giocare bene, come negli sport, anche nella seduzione è necessario allenarsi.


Un buon modo per mettere in pratica un programma di allenamento è quello di pensare alla seduzione in particolare ed alla vita in generale come ad un processo e non come ad un evento.


I processi sono modificabili, gli eventi nò.


Una credenza utilissima per impostare un programma di allenamento efficace ed efficiente è quello di costruirsi (se per caso non facesse già parte del nostro modo di essere) la seguente credenza:


“non esistono sconfitte ma solo risultati”
 

Questa credenza ci da la possibilità di poter interpretare eventuali “sconfitte” o mancati raggiungimenti dei traguardi prefissati come un'importante informazione che ci consentirà, in futuro, di mettere in atto strategicamente dei comportamenti diversi che possano portarci nella direzione voluta.
Per impostare un buon gioco seduttivo dobbiamo tenere presente le modalità di funzionamento della mente umana.
La mente umana ha due modalità fondamentali, una logico-razionale ed un analogico emozionale.
Queste due modalità o parti della nostra mente hanno esigenze diverse.
La sfera logica che è quella con la quale noi ci identifichiamo ha ad esempio l'esigenza di “conquistare” l'oggetto del desiderio di riuscire a sedurla, ha l'esigenza di rapportarsi in modo convincente con il mondo esterno, di ottenere assenso e consenso dagli interlocutori.
La sfera emozionale invece non ha queste esigenze ma ha esclusivamente l'esigenza di vivere delle emozioni, delle tensioni emotive.
Per questa istanza vanno anche bene le emozioni che la sfera logica (la parte della quale siamo consapevoli) ritiene dannose e sbagliate, come ad esempio essere trattati male dal nostro oggetto del desiderio.
Quando quindi non abbiamo successo in amore a soffrire sarà la parte logica, mentre il fatto di non avere successo in amore potrebbe appagare attraverso il dispiacere, la sfera emozionale.
Per la parte emozionale va bene anche la frustrazione di non riuscire a conquistare la persona desiderata, oppure tenderà a farmi coinvolge a farmi innamorare di persone (ma anche idee e situazioni) che presentano un alto grado di difficoltà a lasciarsi conquistare.
Tenderò cioè ad innamorarmi di “oggetti” di desiderio difficili sia perchè lo sono di loro oppure perchè ci sono degli antagonisti che mi impediscono di soddisfare il mio desiderio.
Gli antagonisti possono essere molteplici, ad esempio potrebbe essere la distanza-mi innamoro di qualcuno che abita a 3000 Km di distanza da me- oppure mi innamoro di una persona impegnata, sposata, oppure innamorata di un altro.


Alle volte l'antagonista è un nostro stesso pensiero o una nostra stessa credenza:
io potrei credere di non saperci fare con le donne per cui non ci provo nemmeno, una donna potrebbe credere di non meritarsi una relazione sentimentale felice per cui inconsapevolmente attirerà uomini che la renderanno infelice.
L'ingegneria della seduzione (IDS) è la metodologia più moderna ed efficace che studia in modo preciso ed “ingegneristico” tutte le strategie e le tecniche di seduzione formalizzandole in modo chiaro e preciso in modo da renderle fruibili da tutti insegnando in modo pragmatico ed immediatamente applicabile metodologie che ci permettereranno di vivere bene e meglio la nostra vita di “relazioni sociali”.


Questo perCorso rappresenta una formazione integrata sulla seduzione e racchiude in sintesi
le tecniche contenute nei corsi di qualificazione alla seduzione.
Il corso è strutturato con la tutor ship di un SEDUCTION COACH che consente di esplorare
in modo efficace i meccanismi, le leggi e le regole che governano il
processo della seduzione e dell’innamoramento e dell’amore.



L’allievo imparerà l’utilizzo di modelli comunicativi efficaci, pragmatici e veloci che
gli consentiranno di innescare il processo di seduzione riuscendo ad attrarre
irresistibilmente la persona di suo interesse,
nello specifico acquisirà:


Tecniche di seduzione che facilitano la conquista dell' anima gemella
• Tecniche di pnl per il miglioramento dell' autostima
Tecniche di seduzione su come conquistare una donna
tecniche su come conquistare un uomo



Questo è un perCorso in cui la formazione in cui la teoria e la pratica, la
conoscenza e l’azione si fondono in un unico blocco in modo da permettere a chiunque,
indipendentemente dal suo aspetto fisico, culturale e finanziario, di diventare un seduttore
od una seduttrice di successo.


Con l’aiuto ed il supporto del LOVE COACH l’allievo trasformerà le conoscenze in azioni, che gli permetteranno di raggiungere finalmente l’obiettivo che ha da tempo desiderato.


I punti focali di questo perCorso sono:


• Conoscere le dinamiche subliminali che governano seduzione ed innamoramento.


• Gestire le varie fasi della seduzione (approccio/conoscenza, attrazione, comfort) in modo
da innescare dinamiche sociali reali che portano all’innamoramento o al ri-innamoramento
del nostro interlocutore.


• Acquisire l’abilità di entrare in profondo contatto empatico con qualunque interlocutore, e
entrare nel suo mondo per poi portarlo nel tuo, far si che le TUE esigenze diventino le SUE.


• Sperimentare, (sotto l’attenta guida del SEDUCTION COACH), sul “campo” cioè nei luoghi di
aggregazione (locali, centri commerciali, palestre , circoli culturali, ecc.) nel contesto
lavorativo, con gli amici , con il partner le metodologie acquisite, trasformando le conoscenze
in azione.


Questo perCorso ti permetterà di :

• Coinvolgere la donna o l’uomo dei tuoi sogni

• Affrontare gli altri, rompere il ghiaccio, abbattere le difese

• Diventare un riferimento positivo

• Acquisire valore sociale

• Capire quando l’interlocutore mente o dissimula sentimenti

• Incrementare l’autostima



Metodologia


• Questo perCorso è a totale distanza fisica ma è completa vicinanza mentale con il LOVE  COACH.


• Ogni lezione è correlata da esempi, esercizi e materiale che verrà gradualmente assimilato,
applicato, sperimentato.


• Questo è un perCorso interattivo dove avrai la consulenza telefonica del LOVE COACH
che ti permetterà di personalizzare le metodologie e gli strumenti alle Tue esigenze.


Il costo promozionale del perCorso è di soli 180 euro.


Come funziona il CORSO ON LINE?


In modo molto semplice:
il pagamento avviene in 3 tranche da 60 euro utilizzando


POST PAY o PAYPAL:


1) Il pagamento della prima tranche avviene all’atto di iscrizione al corso
2) Il pagamento della seconda tranche avviene ad 1/3 del corso
3) Il pagamento della terza tranche avviene a 2/3 del corso


Una volta effettuata l’iscrizione cosa succede?
l’iscrizione ti consentirà di stabilire un dialogo interattivo VIA MAIL con il docente




In secondo luogo riceverai il primo invio del materiale inedito (ma coperto da copyright) sulla
seduzione (il secondo invio lo riceverai ad 1/3 del corso, il terzo invio a 2/3 del corso.


Questo materiale proviene dall’innovativo metodo di INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE
Ideato dal dott. Massimo Taramasco.
Acquisirai anche il diritto ad un contatto telefonico diretto con il dott. Massimo Taramasco di 
minuti che potrai utilizzare subito o cumularlo con gli ulteriori 15 minuti alla regolarizzazione della
seconda tranche e con gli altri 15 minuti acquisiti con la regolarizzazione della terza tranche.
In sostanza avrai a disposizione 45 minuti di colloquio telefonico con il dott. Massimo Taramasco
che ti darà strategie efficacissime per raggiungere velocemente e con efficacia gli obiettivi che ti sei
prefisso.


N.B.: l’iscrizione al primo terzo del corso non ti vincola a proseguirlo, deciderai liberamente, cosa
fare di volta in volta.
Per ulteriori informazioni contattami:



dott. Massimo Taramasco: 333- 1511703
mail to: centrostudicomunicazione@yahoo.it


ISCRIVITI ORA AL PRIMO MODULO DEL CORSO