mercoledì 23 febbraio 2011

AMORE DI COPPIA


l'AMORE DI COPPIA per funzionare bene deve essere coltivato dal punto di vista emotivo.

LA SEDUZIONE e la capacità di usare le tecniche di seduzione è utilissima per far si che l'AMORE DI COPPIA si mantenga vitale nel tempo.

Andiamo ad analizzar quali ingredienti servono affinchè possiamo vivere una relazione sentimentale felice,ed un AMORE DI COPPIA di successo.
Una relazione sentimentale ed un AMORE DI COPPIA per essere realmente di successo deve essere impostata con una logica WIN-WIN, cioè in cui entrambi i partner sono vincenti e felici.
Quando ci relazioniamo con una persona ci possono essere quattro tipi di modalità interattive : IO VINCO – TU VINCI, IO VINCO TU PERDI, IO PERDO TU VINCI, IO PERDO – TU PERDI.
L' AMORE DI COPPIA è ovviamente possibile quando entrambi i partner sono vincenti, cioè felici ed appagati.
L'essere umano è un animale sociale per cui ha bisogno affinchè una relazione si mantenga deve poter soddisfare:
·         bisogni
·         interessi
·         obiettivi
·         motivazione
ovviamente non esiste una ricetta che ci garantisca come una bacchetta magica di raggiungere istantaneamente il benessere nella vita sentimentale però esistono dei principi, dei metodi che consentono di migliorare quella che è la nostra vita sentimentale.
Il punto di partenza per raggiungere il benessere sentimentale è creare delle credenze idonee.
Che cosa è una credenza?
Una credenza abbiamo visto è una mera ipotesi che faccio diventare l'unica realtà.
Il nostro cervello funziona in modo tale da andare a ricercare le coincidenze che faranno sì che le mie credenze siano confermate. Se io credo fermamente che arriverò in ritardo e non ce la farò ad essere puntuale, il mio cervello andrà automaticamente a ricercare tutte le possibilità per farmi arrivare in ritardo. Ad esempio sbaglierò strada.
Se abbiamo delle credenze profonde, radicate nella struttura profonda, che sentimentalmente non saremo appagati, il nostro cervello farà di tutto affinchè questa profezia si avveri.
Molte cose accadono perchè il nostro cervello, inconsapevolmente, è stato programmato per far si che, di tutti gli accadimenti possibili, accadano proprio quelli allineati con le nostre credenze profonde.
Noi abbiamo la possibilità di ristrutturare le credenze profonde.
In questo modo potremmo programmarci per vivere relazioni sentimentali di successo, che ci diano benessere.
Per imparare a produrci delle credenze motivanti che ci facciano volare in alto come delle aquile libere e non più razzolare come polli imprigionati in un pollaio è necessario imparare l’arte della ristrutturazione sia verso noi stessi sia verso i nostri interlocutori.
Spiegherò dettagliatamente cosa si intende con il termine “ristrutturazione”.
RISTRUTTURAZIONE
 
Il significato di ogni esperienza esistenziale dipende dal contesto in cui  in cui la inseriamo.
Il contesto è qualcosa che possiamo imparare a controllare.
Avere la capacità di controllare il contesto da un vantaggio enorme nella comunicazione ed anche nella capacità di persuasione.
Chi riesce a produrre un contesto appropriato risulta essere, inevitabilmente, un vincente.
Tutto risulta essere possibile se riusciamo ad inserirlo in un contesto appropriato.
Una persona che in certi contesti non ci prenderebbe nemmeno in considerazione, in altri potrebbe innamorarsi follemente di noi.
 
La cosa interessante
Se si cambia il contesto il significato dell’esperienza cambia immediatamente.
Uno degli strumenti più efficaci di cambiamento personale consiste proprio nell’apprendere come collocare ogni singola esperienza nella cornice migliore.
È quel processo detto reframing, cioè istituzione di un nuovo contesto.
Tendiamo a contestualizzzare le cose basandoci sul modo in cui le abbiamo percepite in passato e cambiando i moduli percettivi abituali siamo in grado di offrire a noi stessi un maggior numero di scelte.
Se percepiamo una cosa come negativa sarà questo il messaggio che trasmetteremo al nostro cervello, il quale a sua volta produrrà stati mentali che ne faranno una realtà.
Possiamo trasformare la nostra rappresentazione o percezione in merito a qualsiasi evento ed in un istante cambiare i nostri stati d’animo e comportamenti, ed è di questo che tratta il reframing ( la ristrutturazione).
Ristrutturare significa dare una nuova struttura alla visione del mondo concettuale e/o emozionale e porlo in condizione di considerare i fatti che esperisce  da un punto di vista tale da permettergli di affrontare meglio la situazione anzichè eluderla perchè il modo nuovo di guardare la realtà ne ha mutato completamente il senso. la ristrutturazione non cambia i fatti concreti ma il significato che il soggetto attribuisce alla situazione.
Epitteto fin dal primo secolo d. C. “non sono le cose in se stesse a preoccuparci , ma le opinioni che ci facciamo di esse.”
La nostra esperienza del mondo consiste nell’ordinare in classi gli oggetti che percepiamo.
tali classi sono dei costrutti mentali e perciò di un’ordine di realtà completamente diverso  da quello degli oggetti stessi.
Le classi sono formate non solo in base alle proprietà fisiche degli oggetti ma soprattutto in base al significato ed al valore che hanno per noi.
una volta che un oggetto viene definito come appartenente ad una classe è difficile considerarlo come se appartenesse anche ad un’altra classe.
Ciò che viene definito la realtà di un oggetto è appunto la sua appartenenza ad una classe.

In senso lato si può dire che si compie una ristrutturazione ogni volta che riesce una induzione ipnotica, infatti ciò che distingue un ipnotizzatore bravo è la capacità di ristrutturare ciò che il soggetto fa o non fa  come un segno di essere riuscito nel suo intento e come prova che la trance del soggetto diventa più profonda. Se si può indurre la levitazione della mano è evidente che questa è un segno che il soggetto sta entrando in trance. Ma se la mano non si muove e resta inerte si può ristrutturare tale fatto  in modo che venga considerato una prova che il soggetto è già profondamente rilassato da essere pronto a passare a livelli  ancora più profondi.
Se un soggetto sostiene che non era in trance, l’affermazione può essere ristrutturata come la prova rassicurante che durante l’ipnosi nulla può fare contro la volontà di una persona.
Se una persona minaccia di interrompere l’induzione ridendo, ci si può sempre congratulare con lui perchè anche in trance non perde il senso dell’umorismo.
Il reframing nella sua forma più semplice consiste nel mutare un’affermazione negativa in positiva cambiando il sistema referenziale usato per percepire l’esperienza.

Nessun commento:

Posta un commento