giovedì 10 febbraio 2011

LINGUAGGIO DEL CORPO FEMMINILE




















IL LINGUAGGIO DEL CORPO FEMMINILE seduce , attrae e fornisce informazioni utilissime sulle emozioni della donna.
Devi poi comunque conoscere il linguaggio del corteggiamento per fare colpo e per far passare la rabbia compressa a rabbia compresa.

Quello che in molti non sanno è che le parole non sono l'unico modo per dire le cose, molte persone danno alle parole tutto il peso di una conversazione,ma in questo modo è facile trarsi in inganno.

IL LINGUAGGIO DEL CORPO FEMMINILE potrebbe rivelarti (a parole) i propri sentimenti, ma questa donna potrebbe anche mentirvi(a parole).
La CNV permette di evidenziare, in tempo reale, tutti i carichi tensionali vissuti dall'interlocutore, i segnali di
rifiuto e di gradimento relativi alla comunicazione informativa, oggetto della relazione
. La conoscenza della

comunicazione non verbale permette di scoprire i segreti più intimi di se stessi, delle persone care e dei propri interlocutori.
Dobbiamo però sapere cosa osservare per sedurre a livello analogico emozionale.

La Comunicazione, sia verbale o non verbale, svolge un ruolo importante nella progettazione di personalità di una persona e il processo di pensiero. Si crede che il linguaggio del corpo veicola a volte più delle parole.

In realtà, la ricerca mette fuori che solo il 19 per cento della nostra comunicazione è effettuata con le parole, il resto del nostro processo di pensiero è dato via dal tono della nostra voce e il linguaggio del corpo. Comunicazione non verbale, che comprende la postura del corpo, i gesti e le espressioni sono strumentali nel rivelare i segni di attrazione.
Quali sono i gesti e segnali di corteggiamento più usati dalle donne di tutto il mondo per comunicare agli uomini la loro potenziale disponibilità?
Scuotere la testa e gettarsi indietro i capelli (un modo sottile per comunicare all’uomo che desiderano essere belle ai suoi occhi); labbra umide, sporgenti e semiaperte (le labbra vengono rese umide e lucide con l’uso della saliva o di appositi cosmetici, trasformandosi in un richiamo sessuale); toccarsi il corpo (quando una donna si accarezza lentamente e sensualmente la coscia, il collo o la gola, un uomo, se gioca bene le sue carte, potrebbe riuscire a toccarla nello stesso modo e, nel contempo lei, sfiorandosi il corpo, immagina come sarebbe farsi toccare da lui); il polso rilassato (è un segnale di sottomissione che piace molto all’uomo perché gli conferisce una sensazione di dominio);
I segni di attrazione in una donna sono evidenti sotto forma di sfogliando di capelli o roteare i fili. Mentre parlando con qualcuno di interesse, si può inclinare la testa da un lato e sorridendo timidamente. Una donna seduta con le gambe accavallate, ma puntando il ginocchio verso la persona che mostra il suo interesse. Tuttavia, una postura del corpo con le gambe incrociate e rivolto verso l'uomo seduto di fronte a lei, può indicare alcun interesse particolare. Se inclinata verso un uomo, una donna può riflessivamente coscienza di se stessa in sua presenza. Un tentativo costante di Preen e toccare il volto è un segno sicuro di attrazione!
giocherellare con un oggetto cilindrico (una sigaretta, un dito, lo stelo di un bicchiere, un orecchino, è un gesto inconscio di ciò che si desidera); mettere in mostra i polsi (il polso è da tempo considerato una delle aree più erotiche del corpo femminile perché lì la pelle è molto delicata); ancheggiare (è uno dei segnali femminili di corteggiamento più usati nelle pubblicità di prodotti e servizi ); giocherellare con la scarpa (dondolare la scarpa sulla punta del piede a livello simbolico è un gesto fallico che viene colto dall’uomo); intrecciare le gambe
Fare una buona prima impressione
 Il viso: E’ la parte più espressiva del corpo, subito dopo gli occhi. Per dimostrare che si è contenti di un incontro, si invia un messaggio positivo sorridendo. Attenzione a non offrire un sorriso esagerato che puo’ essere percepito come forzato: meglio tenere la bocca chiusa.
Gli occhi: Si stabilisce un contatto visivo franco e diretto. Se troppo insistente e lungo, puo’ essere interpretato come una minaccia o un bisogno di imporre la propria superiorità. Sfuggente o diretto verso il suolo, viene percepito come un segno di sottomissione, di debolezza o di dissimulazione.
 La stretta di mano: Un esercizio delicato che verrà eseguito guardando il proprio interlocutore negli occhi. Meglio se dinamica, salda e breve, per dimostrare franchezza, carattere ed efficacia.
In compenso, meglio evitare le strette di mano molli che denotano per il 66% delle persone un’assenza di carattere. Per quanto riguarda le mani umide, tradiscono l’ansia e il nervosismo!
Quando si desidera dimostrare compassione o riconoscenza, si prolunga il contatto.
La posizione ideale: Seduta ben dritta sulla poltrona, senza incrociare né le braccia né le gambe (sono segnali di chiusura e di rifiuto) e di fronte al proprio interlocutore. Se ti siedi di traverso, indichi che ti senti a disagio. Puoi mettere le mani sulle ginocchia ma senza mostrare i palmi, gesto che tradisce sottomissione o impotenza, e non devi stringere i pugni, perché trasmetti aggressività.
Il territorio del proprio interlocutore va rispettato, meglio evitare di avvicinarsi troppo a lui o di mettere le mani o gli avambracci sulla sua scrivania. Una distanza di 60 cm è la distanza giusta da rispettare.

Le tue chances di riuscire a fare colpo ad un incontro dipenderanno quindi da quanto sarai in grado di comprendere i suoi messaggi e da quanto quindi lei si sentirà compresa. Solamente in questo modo potrai sapere se le cose stanno andando bene e cambiare eventualmente il tiro. Tutti noi infatti vogliamo conoscere disperatamente qualcuno che ci capisca perchè è una qualità molto difficile da trovare nella gente. E per fare tutto questo dovrai essere in grado di riuscire a comprendere il linguaggio non verbale femminile.

Quella del linguaggio dei gesti è letteralmente un'arte in quanto i messaggi convogliati sono inconsci e risultano più difficili da capire di quelli inviati in maniera consapevole. Più capisci quindi questi segnali a livello consapevole,

1 commento:

  1. lei mi guarda insistentemente dovunque io vado,occhiate tra noi due,occhi che si fissano a guardarci,sorriso bello cioè nn sforzato,

    RispondiElimina