mercoledì 16 febbraio 2011

SINGLE E FELICI ?


Essere SINGLE E FELICI e' possibile?
Per le statistiche sembrerebbe di no.
Ovviamente e' possibile essere SINGLE E FELICI ma mediamente sembrerebbe che in coppia si possa essere piu' felici.

Se siete single o conviventi e pensate di essere felici, dunque, sappiate che probabilmente le coppie sposate lo sono di più. Probabilmente in questo modo si può spiegare il perché di tanta infelicità in Italia. Non era il vertiginoso aumento della precarietà, gli stipendi sempre più bassi, la mancanza di prospettive. No, è il calo dei matrimoni. Non parliamo poi dell'essere separati o divorziati. Secondo il rapporto 'implica una perdita di felicità significativa dove è la separazione ad avere l'effetto peggiore sul benessere dell'individuo'. Quanto ai vedovi sono infelici nè più nè meno dei single. Un po' meno felici appaiono i maschietti sposati rispetto alle donne, in particolari se giovani: evidentemente si sentono un po' prigionieri ma con il tempo poi passa: forse trovano un'amante o semplicemente si abituano. E comunque il 93% degli italiani intervistati considera 'molto importante'  il matrimonio. 

Questo lo sostiene il decimo rapporto Cisf sulle Politiche della Famiglia. La relazione è corposa, raggiunge le 400 pagine.

Rassegnamoci… “l’evoluzione porta naturalmente l’uomo verso la coppia” (1987, "La scimmia nuda", Desmond Morris), cioè in quanto “esseri sociali” non siamo portati a restare da soli…
Per ritrovare una vita di coppia felice si deve trovare il partner giusto.
Per far questo si devono frequentare gli ambienti giusti , dove si possono fare delle conoscenze interessanti che soddisfino ed appaghino le aspettative.
Non basta uscire con gli amici ogni sera e frequentare i locali di zona per sentirsi appagati. Spesso è dalle attivitività più tradizionali che si presentano le più improbabili (ma gradite) occasioni: una biblioteca, il supermercato, la gelateria, il parco, la piscina... sono luoghi in cui le possibilità di incontrare persone interessanti sono molto elevate per un semplice e banale motivo: ogni persona è presente in quei luoghi per uno scopo specifico o per dei bisogni da assolvere, pertanto le relazioni possono anche rivelarsi più genuine che nei luoghi quotati per gli incontri (locali, discoteche, pub, feste, etc). Proprio perchè le persone non si "vestono" di tutta una serie di filtri di valutazione e di comportamento che invece emergono altrove. Sono contesti, implicitamente, meno richiedenti e lasciano emergere più facilmente il dialogo su cui avviene un investimento meno elevato e perciò più fluido e piacevole.

La cosa importante e' strutturare la vita da single in modo da fare delle attività che possono produrre delle nuove conoscenze e portare alla nascita di una nuova storia d'amore.
Non bisogna restare in passiva attesa della freccia di cupido ma si devono trovare le giuste motivazioni abbinate a comportamenti strutturati che siano utili da un lato a conoscere nuove persone dall'altro ad apprendere metodologie e tecniche di seduzione



per coinvolgere, sedurre e far innamorare la persona di nostro interesse una volta conosciuta.

Nessun commento:

Posta un commento