mercoledì 30 marzo 2011

LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE


LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE possono essere distonici. Nella SEDUZIONE ad esempio, il linguaggio non verbale è preponderante, la comunicazione è povera sul piano logico ma molto intensa su quello non verbale.

LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE nella seduzione devono essere molto allusivi, indiretti ma nello stesso tempo produrre attrazione.

Il linguaggio è una funzione complessa tipicamente umana, per mezzo della quale l’individuo, con l’uso di simboli mimici, gestuali, verbali, grafici ed altro, comunica con gli altri. E’ largamente accettato che il linguaggio umano rappresenti un insieme di forme particolari, appartenenti al concetto molto più generale di comunicazione. Quest’ultima implica nella sua definizione la trasmissione di informazioni da una sorgente all’altra. Ogni individuo che comunica si pone un obiettivo, ossia ha sempre uno scopo per il quale imposta una comunicazione. Tali obiettivi vengono da noi definiti “funzione” del messaggio comunicativo.

IMPORTANTE: COMUNICA AVENDO DEFINITO UN RISULTATO

Gran parte della comunicazione è comunicazione non verbale; la comunicazione non verbali (CNV) è costituita da tutti quegli scambi che avvengono con modalità diverse da quella verbale: comprende, cioè, tutto ciò che passa per i canali motorio-tattile, chimico-olfattivo, visivo-cinestesico (tutto ciò che riguarda la percezione del movimento di sé nello spazio), e tutti gli aspetti paralinguistici (o paraverbali), come ad ex: le pause, i silenzi, l’intercalare.

I canali di CNV quindi sono:

1. prossemica
2. Cinesica
3. Paralinguistica
4. Contatto fisco


La comunicazione non verbale (CNV) utilizza prevalentemente un codice analogico, cioè riproduce per immagini ciò di cui si riferisce, cioè utilizzando gesti, rituali, ecc.
La comunicazione verbale (CV) utilizza, invece, un codice digitale, cioè vengono usati dei segni arbitrari(=simboli convenzionali che si concretizzano poi nella parola scritta o orale).
Anche nella comunicazione non verbale, però, spesso c’è convenzionalità questo dipende dalle diverse culture che influenzano i comportamenti degli appartenenti alla cultura stessa (Es la segnalazione di “matto”: punta dell’indice contro la tempia, oppure mano su e giù davanti agli occhi, o ancora, il pugno chiuso che percuote la fronte). Ad esempio il segno “OK”, fatto con le dita ad “O”, per noi significa tutto bene; lo stesso segno per i Giapponesi significa denaro, per i Francesi nullità e per i Greci è un insulto.
Nella comunicazione verbale spesse volte c’è universalità di comunicazione; a volte invece, alcuni segnali suscitano malintesi.
svela ciò che si nasconde dietro i segni e i gesti delle persone che ci stanno di fronte attraverso il fascino del linguaggio non verbale. Scoprire il significato di questa comunicazione segreta e comprenderne l’utilizzo diventa un percorso per appagare le proprie e altrui esigenze emozionali, per essere vincenti nella comunicazione e ottenere il consenso, nella seduzione, con il partner, nella famiglia, con i figli, nell’ambito professionale e in quello autorelizzativo.

La capacità comunicativa gioca un ruolo fondamentale in qualsiasi rapporto, SENTIMENTALE, AFFETTIVO, nella professione e nella vita privata, tutti sanno esprimersi, ma sono pochi quelli che riescono ad ottenere un consenso rapido nei rapporti relazionali della loro vita.
I metodi analogici di comunicazione efficace SEDUZIONE e della persuasione, permettono strategie relazionali perfettamente calibrate alle esigenze comunicative all'interno della famiglia, nei rapporti sentimentali e affettivi, nella vendita, nel lavoro e nelle relazioni professionali e nel management.
Non si tratta di forzare la volontà altrui con metodi di comunicazione coercitiva, ma di cogliere l'essenza di ogni individuo, per poter stabilire rapidamente un rapporto di stima profonda e di forte emotività.

Nessun commento:

Posta un commento