lunedì 25 aprile 2011

FELICI


La felicita' e' una scelta. Scegli di essere felice.

Massimo Taramasco

23 commenti:

  1. anch'io chiedo come si fa quando tutto ti rema contro!!

    RispondiElimina
  2. dare una risposta sul mio metodo è impossibile in un post. Però voglio fare un esempio: Non devono essere gli eventi che ci accadono a determinare la nostra felicità o infelicità. Gli eventi possiamo controllarli relativente, la loro percezione possiamo controllarla al 100%. Tutto è soggettivo ad esempio la povertà che può essere un dramma per un imprenditore per un monaco francescano può essere una benedizione.

    RispondiElimina
  3. in qualsiasi modo essa sia...l'importante..è esserlo!! ben detto!!!!!!!!!! grande....MASSIMO!! buonaserata!!:-)

    RispondiElimina
  4. delegare ad eventi non controllabili la nostra felicità ci renderà la vita infelice. Gli attaccamenti di ogni genere rendono infelici. Anche la morte, se interpretata come il passaggio ad un più alto livello di esistenza può essere positiva...

    RispondiElimina
  5. è un percorso da fare ovviamente, persone che da una vita sono state vincolate dagli eventi devono impegnarsi..può essere non facile ma basta iniziare..anche una maratona inizia con il primo passo

    RispondiElimina
  6. il continuare a cercare insistentemente un'essere perfetto..ed inesistente...ormai .troppo tardi ahimè!! mi ha portato a vivere la mia felicità in me stessa.......ma cmq...felice ugualmente!

    RispondiElimina
  7. una persona ideale ..con le mie aspettative....io sempre perfetta per gli altri....ma per me....non è stato mai nessuno....riconosco di sbagliare in ciò.......ma...mai stata convinta di nn trovarlo.....pensavo esistesse!! :-))

    RispondiElimina
  8. Scusa Massimo, ma allora l'industriale che va male che fa? per trovare la felicità si fa monaco?........a volte io credo che è quasi impossibile dire tutto e il contrario di tutto

    RispondiElimina
  9. il mio è un esempio:un indistriale che va male dovrà mettere in atto delle azioni per andare meglio..ma non dovrà delegare la sua felicità all'esito di tali azioni, uno che è ammalato dovrà fare tutto il possibile per guarire ma non delegare all'esito la sua felicità.

    RispondiElimina
  10. amo le piccole cose...un piccolo gesto.......ma..nell'uomo guardo anche ...il tono di voce.....e persino le unghie delle mani....per dinci....complicatissima......

    RispondiElimina
  11. Si deve imparare ad essere felici a prescindere. Impeganrsi a raggiungere gli obirttivi ma non delegare l afelicità al loro raggiungimento. non so se mi sono spiegato?

    RispondiElimina
  12. anni fa conobbi una persona splendida....meravigliosa......ma...nel vederlo..qualcosa nn mi convinse....nn posso dire cosa.......è quì su fb........mi disse di essere innamoratissimo......voleva sposarmi.....ma ci rimase così tanto male per...

    RispondiElimina
  13. a felicita devi averla dentro te stesso se non hai la serenita interiore , non potrai mai donarti

    RispondiElimina
  14. se con "Mario Rossi" è andata male, avanti il prossimo..magari andrà meglio

    RispondiElimina
  15. io intendo la predispozione interiore , bisogna cercare 1 persona predisposta a capire viva bisogna cercare 1 persona che vuole costruire

    RispondiElimina
  16. macchè....ormai sn convinta che...nn esista ciò che avrei desiderato trovare....mi accontento.cercando di apprezzare cosa ho di già....a volte..è meglio essere amate....e nn amare cosa nn c'è...

    RispondiElimina
  17. e perchè non dovrebbe esistere: Se lo pensi come fai a trovarlo?

    RispondiElimina
  18. non lo cerco più.........partita persa ormai!!!:-)

    RispondiElimina
  19. le partite non sono mai perse...ne in questa vita e nemmeno nell'aldilà

    RispondiElimina
  20. dici?? bhè io lo condivido solo in questo mio pensiero....per il resto...son d'accordissimo su tutto!!

    RispondiElimina
  21. Mai rinunciare a priori..il distacco dal risultato prevede di crederci e fare tutto ciò che è necessario..senza rinunciare ma non delegando la propria felicità al risultato.Ma è ovvio che se non si fa nulla i risultati non arrivano

    RispondiElimina