sabato 30 aprile 2011

PER AMORE


PER AMORE:

L'innamoramento è il punto di incontro tra il male ed il bene, in esso coesistono piacere e sofferenza.


Massimo Taramasco

21 commenti:

  1. Massimo io credo che ci sia il bene nella fase dell innamoramento...che se diventa amore e' stupendo...ma se non lo diventa svanisce e rimane la sofferenza...almeno in uno dei due

    RispondiElimina
  2. o ho sofferto molto per amore..condivido

    RispondiElimina
  3. à...purtroppo sì....lo è!! evviva chi si innamora!!! :-)))

    RispondiElimina
  4. Si ..questo che dici tu accade..ma ci sono anche situazioni in cui gli innamoramenti sono tormentati dall'inizio..a te ad esempio non è mai capitato di innamorarti di qualcuno impegnato, oppure con altri tipi di vincoli che ti impedivano un adeguata frequentazione?

    RispondiElimina
  5. no...mi e' capitato di vivere una stupenda fase di "innamoramento" ....che non si e' tramutata in amore da una delle due parti e da qui ne e' scaturita sofferenza di uno dei due ...ma non dico che non sia giusto quello che dici....e' stata solo una questione di esperienze

    RispondiElimina
  6. Certo ovviamente..ci sono persone che frequentemente si innamorano di chi ha dei vincoli..che possono anche essere la distanza..ad esempio..invece di innamorarsi di uno della stessa città tendono ad innamorarsi di chi abita lontano...in ogni caso..il pathos..è sempre...per certi versi tormentato.in realtà si tratta di illusione

    RispondiElimina
  7. capito...io stavo analizzando la sola fase di innamoramento....non la variante di stati di sofferenza come lontananza...ma solo per il solo fatto di innamorarsi e poi smettere

    RispondiElimina
  8. con la lontananza a lungo andare..ci si stanca..... subentra l'abitudine.....ma l'affetto nn deteriorerà mai!!

    RispondiElimina
  9. erto ma una cosa mica esclude l'altra..ci si può innamorare di chi è lontano, di chi è impegnato..ecc.. e già da subito si sofrre..e si prova piacere..

    RispondiElimina
  10. si Massimo...io ho sbagliato pensando subito alla bellissima fase inebriante dell innamoramento ....che diventa sofferenza quando passa in uno dei due e non si trasforma in amore...continuita'....

    RispondiElimina
  11. e se invece si è presi da una persona ha paura e non riesce ad innamorarsi, a lasciarsi andare, quale colpa le si può dare?

    RispondiElimina
  12. nessuna colpa..semmai siamo noi in questi casi ad innamorarci del rifiuto

    RispondiElimina
  13. sempre meglio di chi parte "sparato" a mille con la fase di innamoramento e poi indietreggia senza spiegazioni....almeno crea meno sofferenze...credo..

    RispondiElimina
  14. dare e poi togliere in effetti destabilizza

    RispondiElimina
  15. pero' Massimo sembra che la maggior parte degli uomini si comporti cosi....io parlo per le esperienze di tante care amiche...

    RispondiElimina
  16. si comporta così a seguito di un non strategico comportamento femminile sulla gestione del desiderio/possesso..cioè le tue amiche non sono state in grado di farli innamorare..detto in altre parole..

    RispondiElimina
  17. e qual e' la formula...il consiglio che posso dare loro?

    RispondiElimina
  18. ovviamente non esiste una ricetta che vada bene in ogni caso..in linea di principio..dovrebbero imparare a cogliere le esigenze emozionali ed amplificarle per farli innamorare..il sesso non è un'esigenza emotiva ma fisica..ci sono alcune tipologie di uomini ad esempio che si innamorano desiderando di fare l'amore..non facendolo

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. bho...io Massimo sono sempre dell idea che sia meglio vivere naturalmente un sentimento....senza "strategie" ....se poi non nasce...pazienza....della serie se son rose fioriranno....ma forse sono io troppo "retro'" :-)

    RispondiElimina
  21. Questa è una osservazione che sento di frequente alla quale rispondo: se comportarti spontaneamente ti rende felice..fai bene a farlo, se invece non ti rende felice..meglio imparare le strategie..(inoltre potrei precisare che quello che chiamiamo spontaneità, raramente sono le nostre esigenze logiche)

    RispondiElimina