martedì 31 maggio 2011

DESIGN HUMAN ENGINEERING : TORINO MARTEDI' 7 GIUGNO


Ciao sei invitata/o al corso DI DESIGN HUMAN ENGINEERING : TORINO MARTEDI' 7 GIUGNO

Conduttore:

Massimo TARAMASCO (Ideatore del metodo IDS -ingegneria della SEDUZIONE -Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master)

Luogo, Data e Orario :
(Per comprensibili motivi logistici (garantire una comoda sistemazione per tutti), é sempre opportuna la prenotazione (telefonica o, preferibilmente, via e mail, all'indirizzo centrostudicomunicazione@yahoo.it )


SEDE: TORINO , VIA MAGENTA 49 (SALA CAFFè ROMA)
DATA : MARTEDI' 7 GIUGNO 2011 dalle ore 21 alle ore 23,30
COSTO: 20 e


DESIGN HUMAN ENGINEERING rappresenta un'evoluzione della PNL (programmazione neurolinguistica) nel campo del MODELING (MODELLAMENTO).
Il Modellamento è la capacità di acquisire LE STRATEGIE DI SUCCESSO nelle più svariate aree ESISTENZIALI:

. Relazioni Interpersonali
. SEDUZIONE
. Traguardi lavorativi
. Lingue straniere
. Attività Ludiche ( sport , ballo, ecc)
. Competenze in genere

Il presupposto di fondo è che SE UN ESSERE UMANO è IN GRADO DI FARE UNA CERTA COSA ALLORA POTRO' FARLA ANCHE IO ACQUISENDO LE SUE ABILITA'


Per anni il dottor Bandler ha studiato come le persone di successo (nel loro settore) hanno utilizzato le loro risorse interiori per realizzare ciò che hanno fatto e con le metodologie di MODELLAMENTO DELLA PNL ha iniziato il percorso per replicare i risultati che hanno prodotto.
Ha ulteriormente affinato e migliorato queste tecniche con una metodologia che ha chiamato DESIGN HUMAN ENGINEERING (DHE)
Design Human Engineering dà l'opportunità di progettare strategie interne e gli stati d'animo idonei per raggiungere COMPETENZE E CAPACITA' di ALTRI ESSERI UMANI

Per progettare le competenze, è importante che l'osservazione sia precisa e che le differenze tra ciò che si vuole e ciò che si è attualmente in grado di fare sia strategicamente specificata.

Design Human Engineering ti permetterà di fare la distinzione a livello percettivo tra la tua strategia e la strategia di successo in quel particolare compito imparando ad utilizzare i sensi in modo idoneo.

La capacità di progettare "software mentali" per raggiungere risultati di eccellenza è il regno del Design Human Engineering .



INFORMAZIONI:
DOTT. MASSIMO TARAMASCO
TEL.: 333 1511703
MAIL: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://seduzionetecniche.blogspot.com
POSSIBILITA' ANCHE DI CONSULTI TELEFONICI E TRAMITE E MAIL CON INVIO DI file ed MP3

AMORE IMPOSSIBILE

Quanti possibili amori restano desideri, o peggio ancora AMORE IMPOSSIBILE ,perché siamo convinti che non vale più la pena ritrovarsi sempre gli eterni sconfitti di noi stessi. Spesso va anche capito se si tratta di amore vero o di infatuazione.
Non c’è soddisfazione a lottare, accudire quel sentimento, fallo diventare parte indissolubile di noi stessi se poi, può accadere di perderlo di vista e … con lui ogni nostro entusiasmo futuro.

Negli ultimi vent'anni, il modo di vivere l'amore in Occidente è cambiato in modo radicale: per la prima volta nella storia sono possibili relazioni eterosessuali e omosessuali fondate sulla parità. Eppure l'amore è ancora difficile, e alle nuove possibilità si accompagnano nuovi disagi, incapacità di SEDUZIONE.

Ecco alcuni punti nevralgici delle relazioni d'amore di oggi, con le loro particolari caratteristicbe: la dipendenza, il narcisismo, la fretta, il tradimento, l'assenza di codici di comunicazione condivisi. E, naturalmente, le paure: paura di soffrire, di sbagliare, di assumersi le responsabilità della vita adulta. E prova a rispondere a domande antiche e nuove. Dove sono finiti i vecchi codici di comunicazione? Cos'è un rapporto virtuale? Perché le relazioni si fanno spesso più amichevoli che passionali? Sul filo di questi interrogativi, si compone un quadro che mostra come, nelle giovani generazioni, sono in aumento i disagi sessuali. Ma si scopre anche, ancora una volta, che l'amore finisce sempre per affermare le sue ragioni: ci si innamora ancora, ci si innamora sempre. Ci si innamora, però, pervasi da un incertezza che sembra essere la vera sigla di questo nostro tempo.

Ci convinciamo che non è giusto soffrire, per regalarsi piccoli attimi di felicità, destinati a sparire nel tempo che verrà.
È inammissibile continuare a commettere l’errore di innamorarsi,
Giurarsi l’amore eterno, e poi …. Scoraggiarsi per l’ennesima volta, nel considerare amaramente che … tutto può finire nuovamente.
È strano, eppure ovunque ci voltiamo non facciamo altro che ascoltare discorsi in cui ci si promette rispetto ed amore purchè non faccia soffrire.
È egoismo questo non rispetto …
La sola idea che il prossimo sorriso coinvolgente che incontreremo possa diventare in futuro affezione, sentimento forte, amore ed infine inevitabile dolore … preferiamo arretrare e sbarrare il passo ad un possibile nuovo amore ma … ci facciamo solo più male.
Mettendo le mani d’innanzi agli occhi del cuore, non ci oscuriamo la via della sofferenza, ma la strada della felicità dell’anima , durasse anche solo per un istante.
Un amore per quanto possa finire nel modo più inconsolabile possibile, non è mai un errore, perché quando abbiamo amato nel suo momento migliore eravamo noi e stavamo bene a pensarci innamorati.

lunedì 30 maggio 2011

COME NON ESSERE RIFIUTATI IN AMORE


COME NON ESSERE RIFIUTATI IN AMORE?
E’ capitato a tutti di fare errori, di essere rifiutati in amore, di perdere il lavoro, di non aver superato un esame all’università o di aver preso un brutto voto a scuola. Questi eventi non ci rendono felici e ci fanno soffrire. Colleghiamo questi fallimenti alla nostra persona, un fallimento ci fa sentire dei falliti. Impara a scollegare te stesso dal fallimento. Sbagliare è importante per imparare, per crescere. Quello che è fondamentale è imparare a non soffrire per il fallimento.

Per non ESSERE RIFIUTATI IN AMORE devi imparare a diventare amore e SEDUZIONE.
Ogni persona, uomo o donna che sia, almeno una volta nella vita ha sperimentato cosa vuol dire provare
un forte sentimento non corrisposto con tutto il suo corollario di sofferenza, angoscia, frustrazione e
impotenza.
Questo tipo di esperienza è estremamente frequente nell’adolescenza, fase in cui l’innamoramento è
molto frequente perché è un’esperienza fondamentale, funzionale alla conoscenza di sé. A quell’età, più
spesso di quanto non si creda, nonostante le ostentazioni di seduzione e di aperta conquista, spesso il
giovane non è ancora pronto per “la grande avventura” e quindi, il Sé lo predispone a fare esperienze
particolari, che hanno il solo scopo di confrontarsi con qualcosa del passato, rafforzare il soggetto
all’interno, farlo crescere, di abituarlo gradualmente a sostenere e superare quelle delusioni e frustrazioni
che saranno salutari per il suo divenire adulto. In questo caso, l’investimento amoroso può essere rivolto
verso persone “irraggiungibili” tipo gli insegnanti, o i cantanti,gli attori o personaggi dello spettacolo e dello
sport e, proprio per questo, sono destinati a restare “platonici”, nel senso che restano costruzioni
psicologiche fantastiche che non potranno mai essere portate sul piano reale; in altri casi invece, pur in
presenza della stessa situazione, la scelta va a cadere su coetanei e soggetti che sono alla portata del
soggetto, ma che non contraccambiano il sentimento; a volte, neppure si rendono dell’interesse che
qualcuno ha per loro cosa che, in definitiva, rende questi amori simili a quelli “platonici” in quanto
“impossibili”.

Vi sono però alcune persone che sembrano essersi bloccate dentro a questa fase e che, pertanto,
continuano ad investire su soggetti che rifiutano o che neppure si accorgono di quanto sta accadendo e
che fanno loro sperimentare una notevole quantità di frustrazione.
da un amore che finisce, ma resta l’unica esperienza
possibile poiché l’amore non ha mai neppure avuto la minima possibilità di decollare anche se è scoccato all’interno.
Queste persone che hanno sperimentato il rifiuto e l’abbandono
nell’infanzia e che sono rimasti a questo stadio Si tratta di soggetti che
dubitano del loro diritto di esistere e ancor più di amare ed essere amati e che, pertanto, si relazionano
attraverso questo copione che resta in vigore anche dopo molte esperienze negative.
In questa situazione di blocco, il loro Sé, continua ad attirare “rifiuto” in attesa che possa scattare un’attenzione individuale che porti poi ad un lavoro di risanazione e risoluzione.
La gestione delle emozioni è molto importante per evitare dio essere rifiutati in amore.
L’emozione, soprattutto se intensa, si connette a reazioni fisiologiche che possono essere diversificate ed
anche non volute razionalmente: nella condizione di paura, per esempio, una persona può restare impietrita, oppure scappare o sudare freddo; in caso di rifiuto di una situazione vissuta o di un’affermazione
può, per esempio, esprimere un inconscio desiderio di allontanare da sé quanto ritenuto negativo indietreggiando il corpo, oppure sfregando col dito la punta del proprio naso quale segno di espulsione e
rifiuto, etc.
Non dimentichiamo che l’emotività fa parte di noi: accanto, infatti, all’Io Adulto, alla parte cioè
razionale, nella nostra mente è pure presente la parte istintuale, inconscia, che presenta caratteristiche
proprie, esigenze e linguaggio specifici.
L’emotività, dunque, spesso ci governa, più di quanto possiamo pensare, ed è una componente
fondamentale anche nel processo comunicativo; di fronte a stimolazioni emotive, che possono anche non
essere percepite a livello logico, il nostro inconscio reagisce e l’effetto è visibile in atteggiamenti, posture,
gestualità manifestate conseguentemente dal nostro corpo.

Contrariamente alla parte razionale cosciente, che vive le tensioni e le emozioni come aspetti spesso non
controllabili e di conseguenza li rifugge in quanto potenzialmente pericolosi, l’inconscio ne è attratto, anzi si
nutre di esse, quali mezzi attraverso cui può riuscire piacevolmente a colmare le distonie, i divari cioè fra
ciò che si è o si vive realmente e quanto idealizzato come pure il contrasto fra desiderio e possesso.
Concedersi, dunque, ciò che razionalmente spesso ci neghiamo, per timore di trasgredire all’etichetta
sociale o del giudizio altrui, costituisce sicuramente un “spuntino emotivo” importante. É così che la signora
che usualmente si rifiuta di entrare da sola in un bar a bere una bibita, anche se muore di sete, per paura di
essere giudicata male per il proprio comportamento, se oserà varcare la soglia di quel locale pubblico riuscirà a far felice il suo Io Bambino e ne uscirà con maggiore autostima.
Per caricarsi emotivamente non necessariamente occorre lanciarsi con un paracadute o compiere grandi azioni eroiche ed eclatanti: basta agire nella quotidianità, affrontando le nostre “paure” dell’oggi, come, per esempio, entrare in un negozio per provare un abito senza sentirsi poi obbligati di comprarlo per non “fare brutta figura”, salutare un collega che ci sta antipatico anziché evitarne lo sguardo, trovare il coraggio di esprimere un personale parere, discordante o no, pubblicamente in un’assemblea; oppure si può parlare al datore di lavoro o ad un superiore evitando il conflitto; ancora rapportarsi col proprio partner o familiare in modo diverso dal solito, mostrandosi più assertivi rispetto alla tradizionale passività o, al contrario, accettarne le critiche, magari facendosi dire appositamente “no”, superando così il terrore di essere rifiutati.
nell'amore due stadi fondamentali: l'attrazione e l'attaccamento. Mentre nella prima condizione dominano le emozioni finalizzate alla costituzione della coppia (desiderio, piacere, esaltazione, speranza ma anche paura di perdere l'oggetto d'amore, l'attenzione focalizzata, la sensibilità estrema agli atteggiamenti dell'altro fino alla gelosia morbosa ed ingiustificata),
La comunicazione analogica è l’uso consapevole dei linguaggi emotivi di comunicazione non verbale e comunicazione simbolica che opportunamente utilizzati permettono di persuadere e coinvolgere emotivamente l’interlocutore.

L’obiettivo è quello di offrire un servizio emotivo in cambio di un servizio oggettivo; il potenziale di persuasione e di seduzione sarà conforme alla qualità e quantità del servizio emotivo reso all’operatore al proprio interlocutore.
Una salutare “dieta emozionale” implica, certamente, andare oltre, passando dall’atteggiamento passivo
a quello attivo, che ci vede agire ed affrontare il rischio di porci faccia a faccia con i nostri vincoli e paure
(quella dell’abbandono affettivo, i sensi di colpa, la paura del giudizio altrui e la disistima) che volutamente
il dott. Benemeglio ha definito Sigilli, sottolineandone la caratteristica dell’essere segni di rilievo che
impediscono la manomissione ed in quanto tali suggellano la presenza di un’impedita situazione emotiva.
Non dimentichiamo, infatti, che sin dalla primissima infanzia viviamo esigenze, aspettative in relazione alle
situazioni, che implicano necessariamente il compiere delle scelte per soddisfarle o rinunciarvi. In tutti i
casi ci si pone in conflitto direttamente con la figura genitoriale o con chi per noi la rappresenta, sia che si
intenda conseguire a tutti i costi ciò che desideriamo, sia che ci si pieghi a seguire il volere impositivo e
vincolante del genitore “egemone”. Proporzionalmente alla maggior conflittualità si vivono condizioni di
disagio, di sofferenza, che possono sfociare anche in somatizzazioni e in disturbi dell’emotività e del
comportamento

AFORISMI DI GANDHI


RACCOLTA DI AFORISMI DI GANDHI

Se tutti lavorassero per il proprio pane e niente più, ci sarebbe abbastanza cibo e tempo libero per tutti... i nostri bisogni si ridurrebbero al minimo, il nostro cibo si semplificherebbe. Allora mangeremmo per vivere, anziché vivere per mangiare.
-- Mahatma Gandhi

in democrazia nessun fatto di vita si sottrae alla politica.


Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona solo quando riusciamo a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato.


Il perdono è la qualità del coraggioso, non del codardo.


Un genitore saggio lascia che i figli commettano errori. E' bene che una volta ogni tanto si brucino le dita.


Qualsiasi cosa tu faccia sarà insignificante, ma è molto importante che tu la faccia.


Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere.


Un'onesta divergenza è spesso segno della salute del progresso.
„Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.

Non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo. La verita' e la non violenza sono antiche come le montagne.
Quanto piu' l'uomo si conosce, tanto piu' progredisce.

Se esiste un uomo non violento, perche' non puo' esistere una famiglia non violenta? E perche' non un villaggio? una citta', un paese, un mondo non violento?

Solamente chi e' forte e' capace di perdonare. Il debole non sa ne perdonare ne punire.

Spesso l'uomo diventa quello che crede di essere.

Supplicare per un favore e' barattare la propria liberta'.

Tanto piu' l'uomo e' indulgente con se stesso, tanto piu' diventa infelice.

Un'onesta divergenza e' spesso segno della salute del progresso.

Perche' cambiare il mondo quando possiamo cambiare noi stessi?

L'uomo e' dove e' il suo cuore, non dove e' il suo corpo.
Non importa quanto insignificante possa essere la cosa che dovete fare: fatela meglio che potete, prestatele tutta l'attenzione che prestereste alla cosa che giudicate piu' importante; infatti sarete giudicati da queste piccole cose.

Qualsiasi cosa tu faccia sara' insignificante, ma e' molto importante che tu la faccia.

La felicita' e la pace del cuore nascono dalla coscienza di fare cio' che riteniamo giusto e doveroso, non dal fare cio' che gli altri dicono e fanno.

Dobbiamo fare il miglior uso possibile del tempo libero.

La forza non deriva dalle capacita' fisiche, ma da una volonta' indomita.

Vorrei che deponeste le armi che imbracciate perche' sono inutili per la vostra salvezza o quella dell'umanita'. Invitate Herr Hitler e il signor Mussolini a prendere cio' che vogliono dei Paesi che voi chiamate proprieta' vostra. Se questi gentiluomini vorranno occupare le vostre abitazioni, voi le abbandonerete. Se non vi permetteranno di andarvene, voi lascerete che vi massacrino, uomini, donne e bambini, ma vi rifiuterete di giurare loro fedelta'.

Non e' la letteratura ne' il vasto sapere che fa l'uomo, ma la sua educazione alla vita reale. Che importanza avrebbe che noi fossimo arche di scienza, se poi non sapessimo vivere in fraternita' con il nostro prossimo?

Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona solo quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealta' del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato. In altre parole, per poter criticare, si dovrebbe avere un'amorevole capacita', una chiara intuizione e un'assoluta tolleranza.

Ci sono cose per cui sono disposto a morire, ma non ce ne e' nessuna per cui sarei disposto ad uccidere.

Per praticare la non-violenza, bisogna essere intrepidi e avere un coraggio a tutta prova.

Dato che non penseremo mai nello stesso modo e vedremo la verita' per frammenti e da diversi angoli di visuale, la regola della nostra condotta e' la tolleranza reciproca. La coscienza non e' la stessa per tutti. Quindi, mentre essa rappresenta una buona guida per la condotta individuale, l'imposizione di questa condotta a tutti sarebbe un'insopportabile interferenza nella liberta' di coscienza di ognuno.

La vita e' governata da una moltitudine di forze. Le cose andrebbero assai lisce se si potesse determinare il corso delle proprie azioni esclusivamente in base a un unico principio morale, la cui applicazione in un dato momento fosse tanto ovvia da non richiedere neppure un istante di riflessione. Ma non riesco a ricordare una sola azione che si sia potuta determinare con tanta facilita'.

La purezza di mente e la pigrizia sono incompatibili.

Se non avessi il senso dell'umorismo mi sarei suicidato molto tempo fa.

Tu e io non siamo che una cosa sola. Non posso farti del male senza ferirmi.

Non volendo pensare a quello che mi portera' il domani, mi sento libero come un uccello.

Non vale la pena avere la liberta' se questo non implica avere la liberta' di sbagliare.

La vita sulla terra e' solo un bolla di sapone.

Un passo alla volta mi basta.

Nulla consuma il corpo quanto l'ansia e chi ha fede in Dio dovrebbe vergognarsi di essere preoccupato per qualsivoglia cosa.

Chiunque abbia qualcosa che non usa, e' un ladro.

Apprendere che nella battaglia della vita si può facilmente vincere l'odio con l'amore, la menzogna con la verità, la violenza con l'abnegazione dovrebbe essere un elemento fondamentale nell'educazione di un bambino.


È meglio confessare i propri errori: ci si rtirova più forti.

RAGGIUNGERE LA FELICITA'



Per RAGGIUNGERE LA FELICITA' si deve sviluppare la capacità di armonia con se stessi e con gli altri.
Sviluppare quindi strategie di SEDUZIONE verso gli altri ma anche verso se stessi.
La felicità si sviluppa sia in senso intellettuale sia materiale, sia fisico sia psichico, sia affettivo sia emozionale
La felicità è lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri.


L’impegno etico più importante è essere felici nell’adesso, attimo per attimo, contenti di ciò che c’è, così come è.
Un infelice è fondamentalmente una persona preda del suo Ego. Come tale non ama nessuno, ma si nutre di disprezzo, a partire dal disprezzo per sé.
Ama il prossimo tuo come te stesso diventa possibile solo se si è felici dentro, cioè se si è liberi dal dominio dell’Ego.
La felicità, a differenza di come si pensa comunemente, non è frutto delle circostanze della vita, più o meno favorevoli. Essa piuttosto nasce naturalmente dalla pratica quotidiana delle qualità dell’essere, come l’apprezzamento, la gratitudine, la generosità, l’integrità, la compassione.
Chi è felice emana onde positive che fanno bene a tutte le persone intorno. E, data la natura dell’inter-essere, far bene agli altri è far bene a se stessi.
A sua volta, l’infelicità origina dalla pratica degli inquinanti mentali, come la rabbia, il risentimento, l’ingratitudine, il disprezzo, l’invidia, il sospetto, la repressione.


La felicità appartiene alla sfera del trascendente per quanto riguarda la sua sostanza definitiva, oggetto della ricerca dell'individuo. Essa però possiede a sua volta un fondamentale caposaldo nella condizione immanente dell'io, frutto della soddisfazione di bisogni primari dovuti agli istinti e agli impulsi biologici, quali ad esempio la fame, il sonno, l'appagamento sessuale. Essi possono essere considerati come parte integrante della felicità, ma non come unica costituente della stessa. I bisogni biologici creano una condizione di attesa e di infelicità che tende a risolversi nel momento in cui si appaghi il proprio bisogno primario: l'appagamento ottiene una condizione di serenità e di tranquillità che produce felicità biologica, identificabile con il piacere, la quale influenza anche le altre componenti come la psiche e lo spirito, ciononostante l'appagamento biologico è sottoposto ad una temporaneità irrevocabile, frutto del continuo ripresentarsi di pulsioni e istinti dopo il breve periodo di compimento degli stessi.
Le emozioni sono componenti fondamentali della nostra vita, danno colore e sapore all'esistenza, anche se, in una civiltà come quella occidentale impostata sul primato della ragione, spesso sono considerate con sospetto e timore. Del resto non potrebbe essere altrimenti: infatti se la ragione promette all'uomo il dominio su se stesso e le cose, le emozioni spesso producono turbamento e conflitto, non sono mai totalmente controllabili e a volte ci trascinano a dire o fare cose di cui, una volta cessato l'impeto emotivo, ci si pente. Eppure, sono le emozioni che ci fanno gustare la vita ed è proprio dalle emozioni, piccole o grandi che siano, che l'individuo spera di ricavare nuovi stimoli che muovano le sue giornate.
Le emozioni sono componenti fondamentali della nostra vita, da esse, sovente, traiamo gli stimoli che muovono le nostre giornate. Seppure ogni singola emozione sia importante e permetta a chi la sperimenta di sentirsi vivo, l'uomo è soprattutto alla ricerca di quelle sensazioni ed emozioni che lo facciano star bene e lo appaghino, in una parola è alla ricerca di quello stato emotivo di benessere chiamato felicità . Quest'ultima è data da un senso di appagamento generale e la sua intensità varia a seconda del numero e della forza delle emozioni positive che un individuo sperimenta.

e sue caratteristiche sono variabili secondo l'entità che la prova (eg. serenità, appagamento, eccitazione, ottimismo, distanza da qualsiasi bisogno, ecc.) Quando è presente associa la percezione di essere eterna, il timore che finisca la finisce.
L'uomo fin dalla sua comparsa ricerca questo stato di benessere. La felicità è quell'insieme di emozioni e sensazioni del corpo e dell'intelletto che procurano benessere e gioia in un momento più o meno lungo della nostra vita.
Se l'uomo è felice, subentra anche la soddisfazione e l'appagamento.

L'uomo ha delle necessità primarie, secondarie e sovrastrutturate, di solito l'appagamento di queste necessità e il raggiungimento dell'obiettivo dettato da un bisogno procura gioia da cui deriva anche la felicità.
La felicità studiata sotto il profilo dei bisogni (primari, secondari, ecc) porta a valutazioni e definizioni non solo psicologiche e filosofiche diverse, ma anche materiali, per questo motivo la felicità è stato ed è studio di ogni scienza umanistica. Rimane chiaro che la divisione è fatta per chiarire le varie componenti di quello che è lo stato della felicità della persona, ma essendo l'uomo una unità indissolubile di psiche-corpo-spirito è chiaro che si parla sempre di tutte le componenti che si influenzano tra di loro. Se mi fa male un piede è molto più facile che io sia triste piuttosto che allegro e felice.

domenica 29 maggio 2011

COME STIMARSI


COME STIMARSI e mettere in atto un processo di SEDUZIONE su se stessi?
La seduzione è un processo che si può attuare non soltanto sulle persone che ci interessano ma anche su se stessi.

Sedurre se stessi per vivere bene.

Imparae a sedurre se stessi è molto importante per sperimentare emozioni positive, o meglio emozioni che ci facciano sentire bene.

Le emozioni sono positive o negative in senso relativo, soggettivo.

Nella vita umana nulla è assoluto, tanto meno nella seduzione e nelle relazioni sentimentali e questo vale ovviamente anche nella seduzione su se stessi.

In sostanza non esistono emozioni o situazioni oggettivamente positive o negative ma la positività o negatività è sempre il frutto di una nostra interpretazione.

Voglio fare un esempio per specificare meglio questo concetto:
Immaginate un uomo appasiinato di pesca con la canna, che passa ore ed ore sda solo seduto su uno scoglio lungo un fiume con una canna attendendo che un pesci avvisti l'esca e si decida di addentarla.
Evento che magari succede o magari no.
In ogni caso il nostro amico, tornerà a casa soddisfatto, rigenerato e contento.

Immaginate ora la stessa persona seduto su una sedia (peraltro sicuramente più comoda dello scoglio) all'interno di un uffico postale in attesa del suo turno.
Il suo nervosismo sarà proporzionale al tempo di attesa, inizierà a guardare l'ora spazientito, a muoversi nervosamente sulla sedia fintanto che non toccherà a lui.
La mezzora o l'ora trascorsa alle poste sarà per lui una fonte di stress.
Potremmo dire che mentre l'esperienza della pesca lo ha sedotto, quella della coda alle poste non lo ha sedotto.
Eppure gli input esterni , mutatis mutandis, non sono molto diversi, quello che cambia sono i pensieri associati.
Durante la pesca quasi sicuramente i suoi pensieri si saranno focalizzati su immagine mentali positive che avranno caricato positivamente il suo umore, mentre alle poste la sua mente si sarà popolata di immagini stressanti e negative.

E' il focus che determina il giudizio positivo o negativo di un'esperienza.
Imparare a focalizzare volontariamente l'attenzione è il primo passo per imparare a sedurre se stessi.

Se dirigiamo la nostra attenzione su ciò che è sbagliato, che ci fa soffrire su ciò che non è desiderato tenderemmo ad associare alla negatività l'esperienza fisica relativa.
Se invece focalizziamo la nostra attenzione su ciò che è buono e giusto per noi, su ciò che desideriamo e ci piace tenderemo a percepire come positiva l'esperienza associata.



In questo caso avremo iniziato a porre in essere una seduzione su noi stessi.
Imparare a sedurre se stessi significa impare a gestire e controllare il flusso dei nostri pensieri.
Questo dipende soltanto da noi.
L’autostima è la valutazione che ci diamo, il nostro modo di viverci.
Dagli psicologi è stata definita in tante maniere, anche complesse, quali "concetto di sé", "abilità
personale", "autopercezione", ma tutti noi sappiamo che in base alla nostra autostima dipendono
proprio tante cose.
Quante volte ci sarà capitato di sentirci dire "non hai fiducia in te", "non sei consapevole delle tue
potenzialità", oppure "ma chi ti credi di essere"… tutti problemi di autostima!
L’autostima viene determinata da informazioni oggettive e soggettive, riferite a tre tipi di sé:
· sé reale: è la valutazione oggettiva delle nostre competenze
· sé percepito: è la nostra valutazione del sé reale. Difficilmente sé percepito e sé reale
coincidono, si rischia sempre di fare "errori di valutazione"
· sé ideale: è come desideriamo essere. Esso è influenzato dalla cultura e dalla società.

I problemi legati all’autostima nascono dalla discrepanza tra sé ideale e sé percepito.
Se tendiamo a svalutarci, ci sentiamo troppo lontani da come desideriamo essere, il nostro modello
ideale ci appare troppo lontano e irraggiungibile, e noi ne soffriamo.
Al contrario, le persone che si sopravvalutano sono convinte di essere come desiderano, hanno
raggiunto il loro ideale, ma questa è più che altro la loro opinione.

Questo concetto era già noto tremila anni fa ai toltechi, gli antichi "uomini e donne di conoscenza", nella tradizione messicana, di cui oggi conosciamo più a fondo il messaggio grazie alle opere di Carlos Castaneda.
"Viviamo tutti in un sogno", dicevano.
Un grande sogno collettivo, che ci viene insegnato a sognare sin da quando siamo piccolissimi.
Un sogno che ha molte regole, che vengono insegnate al bambino dai genitori, dalla scuola dalle istituzioni religiose, dando delle chiavi di
lettura predefinite di se stessi e della realtà.
Le persone vengono così "addomesticate" e spinte a percepire il mondo in base a convenzioni e aspettative altrui e non più in base a un contatto diretto con la propria natura più autentica e con la natura autentica della realtà circostante.
Le convinzioni diventano muraglie invalicabili, e la capacità di valutare con al propria mente si irrigidisce sempre di più.
Così non riusciamo più a veder che siamo liberi e la nostra paura più grande
diventa non più quella di morire ma quella di vivere.
Come ovviare a questa trappola?
Non prendere nulla in modo personale
La nostra trappola è il senso di importanza personale che ci porta a prendere tutto ciò che ci viene detto o ci succede in modo personale.
In realtà, ognuno vive nel suo sogno e ogni volta che parla di voi, in realtà parla di sé, sia che vi insulti, sia che vi elogi.
Quando capiamo il veleno emozionale che ci viene di volta in
volta scagliato addosso, non ci tocca più.
E la nostra opinione di noi stessi ce la costruiamo da soli, senza più farla dipendere dagli altri.
Non supporre nulla
Abbiamo la tendenza a fare delle supposizioni su tutto e poi a prenderle per vere.
Invece sono soltanto pie illusioni che verranno puntualmente deluse.
Parliamo chiaro, facciamo domande quando non capiamo, impariamo a chiedere agli altri che cosa sentono e a non darlo per scontato.
Così sapremo sempre chi sono veramente le persone che frequentiamo e potremo mostrarci come veramente siamo alle persone che amiamo.
Fai sempre del tuo meglio

In qualunque circostanza fate sempre del vostro meglio.
Né più, né meno.

La libertà di vivere la propria vita secondo i propri gusti, inclinazioni, ideali e non più secondo credenze indotte dagli altri e dall'esterno.
Cambiando le vostre credenze vi potere costruire un sogno nuovo, corrispondente ai vostri gusti!

Possono imprigionare il nostro corpo ma non la nostra mente.
Spesso ci auto imprigioniamo da soli in gabbie mentali piene di esperienze negative.
La seduzione su noi stessi prevede quindi questa capacità di interpretare e direzionare
le nostre immagini mentali.

Chi impara la seduzione potrà poi applicare su se stesso strategie che produranno emozioni positive e vincenti.

La nostra felicità e la nostra felicità dipendono esclusivamente da noi stessi.
Se vale la pena imparare le tecniche di seduzione per sedurre la persona che ci interessa a maggior ragione dobbiamo apprendere LA SEDUZIONE per sedurre noi stessi che siamo, ovviamente soggettivamente, la persona più importante del mondo.

ILLUSIONE NELL'AMORE


Il legame nell'illusione d'amore è centrato sull'attacamento emotivo.
L'amore autentico è invece scevro da ogni tipo di attaccamento o senso del possesso. Per questo motivo è intinsecamente stabile.
Massimo Taramasco

CERCARE L'AMORE


CERCARE L'AMORE è fondamentale per trovarlo.
Capacità di amare e capacità di SEDUZIONE vanno ricercate e coltivate.

C’è chi dice che l’amore non va cercato, perchè quando è il momento arriverà, ma non è facile che qualcuno si avvicini a noi se non ci diamo da fare e stiamo tutto il giorno chiusi in casa. Il primo step per trovare l’amore, per un adolescente, è sicuramente crearsi delle opportunità per incontrare gente e presentarsi. Cercate di organizzare le vostre giornate in modo che abbiate modo di conoscere e frequentare persone della vostra scuola o del vostro paese. Non è necessario che vi mettiate a caccia di ragazzi/e del sesso opposto, è sufficiente fare nuove conoscenze per allargare la vostra cerchia di amicizie e creare qualche opportunità in più. Iscrivetevi in palestra, a qualche attività ricreativa o (paradossalmente) frequentate un gruppo parrocchiale. Chiedete aiuto ai vostri amici che possono introdurvi in ambienti nuovi da loro frequentati.

Quando trovate una persona che vi piace, create ripetute occasioni per vederla e per essere visibile. Cercate inoltre di manifestarle vicinanza, per creare un clima di familiarità, sforzandovi però di non essere invadenti.
L'Amore può soltanto essere dato e liberamente espresso.
Non può essere catturato, non può essere afferrato e trattenuto.
Non è una entità che si possa legare oppure stringere in pugno.
Esiste in ogni persona ed in ogni cosa, in varie forme e gradi,
ed attende solo di essere tradotto in realtà.
Non sussiste al di fuori dell'ego individuale.
Nè vi sono specie diverse di amore. L'Amore è Amore, e basta.
L'Amore significa fiducia ed accettazione, senza garanzie.
L'Amore è paziente e sa attendere, ma è un'attesa,
non uno stato passivamente remissivo, poichè si offre incessantemente
in un rapporto di scambio e di reciproca rivelazione.
L'Amore è spontaneo e implora di potersi esprimere attraverso la gioia,
la bellezza e la verità. Persino attraverso le lacrime.
L'Amore vive nell'oggi, è vero nell'immediato.
Non si perde nel passato nè guarda smaniosamente al futuro.
Amore vuol dire: adesso!
CERCARE L'AMORE può in alcuni casi portare a trovare il tradimento
Scoprendo un nuovo modo d’amare il tradito avrà a sua volta compiuto un tradimento, forse uno dei più ardui, dei più dolorosi: avrà tradito per amore se stesso e tradendo avrà imparato ad amare.

Credo sia questo il tradimento più alto che ci si mostra sul nostro cammino: rinunciare, tradire la nostra dimensione "umana", "troppo umana", unilateralmente legata al dolore della contraddizione che viviamo come insanabile, per poter conciliare in noi la possibilità di essere l’uno e l’altro, concepire la morte e l’eternità, essere consapevoli del nostro limite eppure concepire il pensiero di Dio; sapersi segmento ed essere coscienti di essere noi stessi quella retta infinita.
Dunque il tradimento è una esperienza, certo non la sola, che la vita mette sul nostro cammino affichè attraverso di esso si possa giungere ad una nuova conoscenza, ad accedere alla dimensione universale.

Da sempre, o almeno da quando il pensiero ha cominciato a riflettere su se stesso, l’uomo parla di universalità e ciascuno di noi può capire cosa ciò significhi, ma perchè diventi realtà, pensiero vivente deve l’esperienza compiersi nella concretezza dell’individuo. Egli deve passare attraverso la morte e la rinascita ad una consapevolezza nuova. Deve accettare la crocefissione, il dolore, per dare alla luce una nuova vita che ogni conoscenza produce.

Non che questo passaggio debba necessariamente darsi attraverso l’esperinza della coppia che vive il tradimento; la vita trova per ognuno modi diversi, ma sicuramente sarà un tradimento che si compierà, un tradimento nei confronti del già dato, dell’acquisito, perchè la conoscenza è data da una sorta di equilibrio instabile, precario, dove ogni nuova conoscenza viene a minare il conosciuto per formulare nuova conoscenza che verrà successivamente messa in forse da un’altra esperienza nuova e così via.
Il tradimento all’interno della coppia ha una così forte pregnanza perchè in questo tipo di relazione vi sono dei fattori, per così dire, "favorevoli":
- è presente il rapporto di dipendenza che cela in sè il rapporto di intersoggettività;
- è il mondo degli affetti e quindi maggiormente incide in noi ogni vicenda che in esso si svolge, e inoltre, viene sottratto l’oggetto d’amore dove maggiore è l’attaccamento.
Per chi invece non vive la vita di coppia il tradimento sta nell’accettare di vivere in un modo "nuovo"( dove per vecchio si intende la soluzione tradizionale della vita di coppia) la mancanza , dove il bisogno di farsi interi viene incarnato dall’assenza del compagno.
Per coloro che già hanno intrapreso un cammino di conoscenza, il tradimento giunge come "verifica" di quella universalità che si è intuita, viene a chiedere fino a che punto le parole che si sono pronunciate sono vere, e quante riserve ancora ci sono.

CONSOLIDARE L'AMORE


CONSOLIDARE L'AMORE è impotante per tutti.
CONSOLIDARE L'AMORE superando l'illusione d'amore.
Solo per amore si possono fare cose strane ed insolite ed allo stesso tempo trovarle normali.
Questo tipo di amore però non è amore vero ma solo illusione d'amore.
All'interno delle relazioni sociali ed affettive degli individui quello che ine comunemente chiamato amore merita delle attente riflessioni.
L'amore verso gli altri può svilupparsi solamente se è presente anche l'amor proprio.
L'amore può svilupparsi in modo armonico se esiste un quilibrio tra amore verso l'esterno ed amore verso se stessi.
Sono come due piatti della stessa bilancia. Se non sono in equilibrio difficilmente l'affettività degli esseri umani sarà equilibrata.
Eccessivo altruismo o eccessivo altruismo non fanno bene all'amore.
L'amore non deve essere confuso con il senso del possesso anzi potremmo dire che la possessività è quanto più distante dall'amore ci possa essere.

La possessività è una spinta ossessiva a stare con qualcuno anche quando questa persona di noi non ne vuole sapere o non ne vuole più sapere.
Potremmo dire che la possessività è l'anti seduzione.

Sedurre significa coinvolgere attrarre, la possessività e l'ossessione al contraio allontanano e mettono in fuga la paersona che ci interessa.
L'amore possessivo è un amore egoistico.

L'oggetto d'amore per restare simbolo emozionale deve conservare un alone di mistero deve sempre sussistere una tensione emozionale. Quando l'ogetto d'amore diventa scontato e familiare perde molto del suo potenziale.
L'impulso che spinge gli esseri umani di sesso diverso (o nell'omosessualità dello stesso sesso) a cercarsi ha comunque una forte valnza di tipo erotico e sessuale.
Siamo abituati a distinguere tra i nostri bisogni fisici e sessuali ed i nostri bisogni intellettuali perchè anche se sappiamo che sono connessi e che anche i processi più spiritualiin noi sono collegati ad esigenze fisiche.

L'erotismo diventa quindi partecipe della spiritualità ma da solo non è sufficiente per CONSOLIDARE L'AMORE .
Avere la credenza che l'amore in una coppia si esprima sempre attraverso una passionalità ed un'attrazione sessuale intensa è per certi versi limitata e limitante.
Allo stesso modo credere di aver trovato l'nima gemella basandosi sull'intesa sessuale può essere un errore. Basare la felicità di coppia esclusivamente sulla passionalità alla lunga difficilmente è appagante.

Le connesiioni ed i legami in una relazione di coppia devono essere molteplici.
Ovviamente anche la passionalità è importante e bisogna imparare delle TECNICHE DI SEDUZIONE A LUNGO TERMINE, in modo da cercare di evitare di scendere al di sotto di certi livelli di minimo.

Ma una diminuzione sarà inevitabile, credere il contrario è solo illusione.
Dobbiamo evitare che, come affermava in un suo aforisma oscar Wilde l'amore inizi prendendo in giro se stessi e finisca ingannando gli altri.

Se è solo l'Eros a creare il legame di coppia è molto probabile che la coppia sarà destinata ad avere vita breve a meno che non subentrino rapidamente altri legami di natura emotiva.
Se le emozioni non intervengono a supporto dell'attrazione sessuale inevitabilmente si avrà un calo del desiderio.
Se questo calo verrà compensato solo da motivazioni logiche (quali ad esempio figli, casa, lavoro, ecc.) è probabile che la coppia resti unita ma è probabilissimo che si ricerchino le emozioni attraverso una relazione esterna alla coppia stessa, normalmente attraverso l'amante.

Senza un'emotività condivisa e non subita è difficile arrivare all'amore si rimarrà ad un livello di illusione e qunado il velo dell'illusione sparirà la coppia tenderà o a dissolversi o a restare unita utilizzando però come collante un “terzo elementeo” esterno alla coppia stessa.
Gli amanti stessi, almeno quelli più sensibili, possono diventare consapevoli del dualismo del fenomeno amoroso ed è prorio quando l'amore si innesta su un piano erotico e su un piano intellettuale libero da ossessioni e possessività può svilupparsi nel modo migliore raggiungendo quello che i maestri ed i saggi di ogni epoca chiamano distacco dal risultato.

sabato 28 maggio 2011

COME INNAMORARSI DI NUOVO





COME INNAMORARSI DI NUOVO ed avere voglia di SEDUZIONE dopo la fine di un amore?
A causa della perdita d’amore, la nostra vita subisce una trasformazione immediata. Ricominciando a vivere da soli, ci troviamo improvvisamente a proseguire sul cammino della nostra vita senza avere idea di che cosa ci aspetti: siamo rimasti privi di ciò che ci era più familiare e abbiamo una scarsissima nozione di ciò che avverrà poi.


Di fronte a questa nuova sfida, non abbiamo nessuna esperienza che ci aiuti a orientarci: nella mente s’affollano le domande e il cuore è gonfio di sofferenza.


Anche se ogni caso è unico e molto diverso dagli altri, il dolore provato è sempre lo stesso: la sofferenza di un cuore infranto.
Purtroppo ognuno ha tempi diversi e possono essere necessari anche diversi mesi (molto più raramente anni) per superare definitivamente la sofferenza. Tuttavia, nel frattempo i momenti in cui stiamo meglio si alterneranno sempre più frequentemente a quelli in cui stiamo male, fino finalmente a sostituirli. A volte la cosa non e' graduale e basta un evento particolare a cambiarci la vita.
Avvenimenti come una chiaccherata con qualcuno che ci fa capire alcune cose fino ad ora incomprese, l'incontro con una nuova persona che ci interessa, una realizzazione particolarmente importante sul lavoro, ecc... possono davvero fare miracoli sul nostro umore. L'importante e' non fossilizzarsi sui pensieri che ci fanno star male. Questo non vuol dire che si debba evitarli o spaventarci se ci viene spontaneo finire con la testa sempre sui soliti pensieri ma e' fondamentale favorire tutte le situazioni che possano interrompere la catena del dolore.


Allora fatevi un favore e prendete un pomeriggio a settimana per voi stessi Concedetevi un massaggio o una manicure e pedicure o, meglio ancora,concedetevi di vivere delle emozioni positive.


COME INNAMORARSI DI NUOVO dopo una delusione d'amore?
Per RITROVARE L'AMORE bisogna superare la diffidenza verso il sesso opposto e fare in modo da essere disponibili all'incontro sentimentale. Gli ostacoli maggiori che si trovano nel ritrovare l'amore sono dovuti al rancore ed al risentimento.
Rabbia, rancore e risentimento impediscono di ritrovare l'amore, sono dei blocchi che impediscono di vivere felicemente l'amore.
Il risentimento può essere la reazione anche abbastanza naturale ad una delusione d'amore.
Il risentimento da delusione può tramutersi in paura e la paura diventa diffidenza che impedisce di ritrovare l'amore.
Come fare per liberarsi da queste scorie che impediscono di ritrovare l'amore?
Il modo migliore e' quello di passare dalla non accettazione al dubbio, dal dubbio all'accertamento e poi all'accetazione.
Il risentimento fondamentalmente si sviluppa per non essere stati accettati, di fatto rifiutati o abbandonati dall'ex partner.
Questo genera il dubbio su quale possa essere la causa se nostra o altrui.
Il dubbio finche' resta tale non permette di eliminare il rancore.
Per poter procedere oltre e chiudere la storia precedente senza provare piu' rancore e quindi diffidenza si devono accertare le cause e successivamente accettarle.
In questo modo si tornerà predisposti a vivere un nuovo amore.


Una credenza utilissima per impostare un programma di allenamento efficace ed efficiente è quello di costruirsi (se per caso non facesse già parte del nostro modo di essere) la seguente credenza:


“non esistono sconfitte ma solo risultati”


INNAMORARTI DI NUOVO ti farà stare bene


L'innamoramento è un momento magico che a tutti appare unico e irripetibile, caratterizzato dalla spontaneità e intensità dei sentimenti. E' un momento nel quale si perde la padronanza di sé e si riduce la capacità critica e valutativa (infatti il partner viene idealizzato, e considerato senz'altro migliore dell'ex e di tutti i partner precedenti).
L’amore è una delle tante esperienze che consentono alla persona di crescere, di maturare, anche perché l’intensità dei sentimenti provati e le attenzioni e le tenerezze ricevute dall’altro portano in genere l’individuo a prendere coscienza di alcune parti di sé stesso che non conosceva.


Cosa significa essere innamorati?


La sensazione che produce l’innamoramento è quella di sentirsi profondamente ed intimamente uniti ad un’altra persona.


Di questa persona si pensa di conoscere tutto, soprattutto per quanto riguarda la sua interiorità, dei suoi interessi, dei suoi sentimenti. Se il partner ricambia questi sentimenti il fattore-empatia raggiunge il suo massimo livello di espressione e i due soggetti della coppia sperimentano la sensazione di essere una ‘cosa sola’, si sentono intimamente uniti da un forte legame affettivo.


L’innamoramento è anche un momento di verità, di sincerità: finalmente si ha la possibilità di mostrarsi all’altro per ciò che si è e di essere ricambiati nel sentimento proprio per questo essere sé stessi: si tratta di una incredibile iniezione di autostima, che porta ad apprezzare aspetti di sé stessi, interiori ed esteriori che non si conoscevano o ai quali non si attribuiva importanza.


La persona amata appare ricca di potenzialità, manifestate o ancora da scoprire e, aderendo perfettamente al modello del partner che si stava cercando, gli si dedicano attenzioni e propositi entusiastici.

IL MITO DELL'AMORE


IL MITO DELL'AMORE si sviluppa nel sentimento e nella SEDUZIONE.

Un uomo, una donna, un amore…Da sempre un unico desiderio: rompere il proprio guscio narcisistico e consegnarsi a quella potenza sovrana che spinge ogni essere ad elevarsi a un grado di esistenza superiore. Amore, Cupido, Eros, Kāma, tanti nomi per indicare il principio animatore dell’universo, dio o daimon, fonte ontologica di progresso, ma anche di divisione e di morte.
Amore è un dio benevolo nella misura in cui il suo potere è in grado di
trasformare l’uomo, spingendolo a realizzarsi nel sentimento e nell’azione in uno scambio continuo con un altro essere. Ma Amore diviene un dio spietato quando il principio di coesione che dovrebbe sostenere il suo operato cede il posto al desiderio di prevaricazione, al bisogno di distruggere l’altrui valore.
Quante persone sono capaci di sentimenti differenziati? Quanti amanti sono davvero in grado di arricchirsi l’un l’altro in modo evoluto? Il sentimento differenziato, nella donna come nell’uomo, presuppone la capacità di percepire e accogliere l’unicità dell’altro, senza renderlo oggetto di “colonizzazione”.
La persona che cede al sottile ricatto di negare la propria individualità, “in nome del sentimento”, il più delle volte cela a se stessa la paura di dover rivedere la propria scelta affettiva, di dover fare i conti con una realtà d’amore che potrebbe rivelare il suo vero volto e soprattutto i suoi limiti. La perseveranza è lo stratagemma che l’uomo usa per mantenere intatto il principio cosciente, ma l’esperienza insegna, e il linguaggio simbolico suggerisce, che la persistenza in un atteggiamento superato crea situazioni impossibili. Spesso si abbracciano decisioni che, ingannandoci, sembrano preservarci dal rischio della perdita e della solitudine. Ma non c’è solitudine peggiore di quella che si viene a creare tra due persone che non si amano o non si amano più, come sembra sottolineare uno degli autori più interessanti del cinema asiatico, Kim Ki-duk, abilissimo creatore di metafore e sublime narratore dell’incomunicabilità: Siamo tutti case vuote e aspettiamo qualcuno che apra la porta e ci renda liberi. Un giorno il mio desiderio si avvera. Un uomo arriva come un fantasma e mi libera dalla mia prigionia. E io lo seguo, senza dubbi, senza riserve…Finchè incontro il mio nuovo destino.(Kim Ki-duk)


Interessante IL MITO DELL'AMORE che si esprime in GIULIETTA E ROMEO
Paride, un giovane nobile, ha chiesto al Capuleti di dargli in moglie la figlia poco meno che quattordicenne, Giulietta. Capuleti lo invita ad attirarne l'attenzione durante il ballo in maschera del giorno seguente, mentre la madre di Giulietta cerca di convincerla ad accettare le offerte di Paride. Questa scena introduce la nutrice di Giulietta, l'elemento comico del dramma. Il rampollo sedicenne dei Montecchi, Romeo, è innamorato di Rosalina, una Capuleti (personaggio che non compare mai). Mercuzio (amico di Romeo e congiunto del Principe) e Benvolio (cugino di Romeo) cercano invano di distogliere Romeo dalla sua malinconia, quindi decidono di andare mascherati alla casa dei Capuleti, per divertirsi e cercare di dimenticare. Romeo, che spera di vedere Rosalina al ballo, incontra invece Giulietta.


Romeo e Giulietta, dipinto di Ford Madox Brown
I due ragazzi si scambiano poche parole, ma sufficienti a farli innamorare l'uno dell'altra e a spingerli a baciarsi. Prima che il ballo finisca, la Balia rivela a Giulietta il nome di Romeo. Rischiando la vita, Romeo si trattiene nel giardino dei Capuleti dopo la fine della festa. Durante la famosa scena del balcone, i due ragazzi si dichiarano il loro amore e decidono di sposarsi in segreto. Il giorno seguente, con l'aiuto della Balia, il francescano Frate Lorenzo unisce in matrimonio Romeo e Giulietta, sperando che la loro unione possa portare pace tra le rispettive famiglie.
Le cose precipitano quando Tebaldo, cugino di Giulietta e di temperamento iracondo, incontra Romeo e cerca di provocarlo a un duello. Romeo rifiuta di combattere contro colui che è ormai anche suo cugino, ma Mercuzio (ignaro di ciò) raccoglie la sfida. Tentando di separarli, Romeo inavvertitamente permette a Tebaldo di ferire Mercuzio, che muore augurando "la peste a tutt'e due le vostre famiglie". Romeo, nell'ira, uccide Tebaldo. Il Principe condanna Romeo solo all'esilio (perché Mercuzio era suo congiunto e Romeo l'ha solo vendicato): dovrà lasciare la città prima dell'alba del giorno seguente. I due sposi riescono a passare insieme un'unica notte d'amore. All'alba, svegliati dal canto dell'allodola, messaggera del mattino (che vorrebbero fosse il canto notturno dell'usignolo), si separano e Romeo fugge a Mantova.
Giulietta dovrebbe però sposarsi tre giorni dopo con Paride. Frate Lorenzo, esperto in erbe medicamentose, dà a Giulietta una pozione che la porterà a una morte apparente per quarantadue ore. Nel frattempo il frate manda un messaggero a informare Romeo affinché egli la possa raggiungere al suo risveglio e fuggire da Mantova.


Romeo e Giulietta (Atto V, scena III), Incisione di P. Simon da un dipinto di J. Northcode
Sfortunatamente il messaggero del frate non riesce a raggiungere Romeo poiché Mantova è sotto quarantena per la peste, e Romeo viene a sapere da un suo amico della morte di Giulietta. Romeo disperato si procura un veleno (arsenico), torna a Verona in segreto e si inoltra nella cripta dei Capuleti, determinato ad unirsi a Giulietta nella morte.
Romeo, dopo aver ucciso in duello Paride, che era giunto anche lui nella cripta, e aver guardato teneramente Giulietta un'ultima volta, si avvelena pronunciando la famosa battuta "E così con un bacio io muoio" (Atto 5 scena III). Quando Giulietta si sveglia, trovando l'amante e Paride morti accanto a lei, si trafigge con il pugnale di Romeo.
Le donne che psicologicamente riflettono le caratteristiche delle dee vulnerabili, rischiano di diventare vittime, anche a causa di una carente “coscienza concentrata” che le induce a polarizzarsi sui bisogni altrui più che sui propri interessi ed obiettivi.
E’ il caso di Era, dea del matrimonio, famosa per i suoi scoppi d’ira diretti a Zeus, ma più frequentemente alle sue numerose “conquiste”, mossa dal bisogno infantile di tenersi stretto l’infedele marito, a qualunque costo. Era rappresenta la realizzazione attraverso il matrimonio e le donne dominate da questo archetipo si sentono sostanzialmente incomplete senza un compagno e senza il prestigio e l’onorabilità di un rapporto “ufficiale”. Lo stato di felicità delle donne-Era dipende dalla devozione del marito alla causa del matrimonio.
Olga nei suoi giorni dell’abbandono precipita nella più cupa disperazione, perché Mario, lasciandola, si è sottratto al suo ruolo di Zeus Teleios, di marito che le permette di realizzarsi.
Quello che le resta è il vuoto nero e profondo, all’interno del quale si perde totalmente, trascinandosi negli eccessi alcolici e trascurando il suo ruolo di madre.
Olga sembra accostarsi a Persefone, prigioniera degli Inferi, triste, incapace di sorridere o anche solo di cibarsi.

LE LEGGI DELL'AMORE




LE LEGGI DELL'AMORE non sono logiche ma possono essere comprese ed utilizzare dalla logica.
Le LE LEGGI DELL'AMORE sono analogiche ed emotive.

Ogni individuo possiede la capacità di amare e di essere amato ed è grado di creare rapporti fondati sull’amore.Qualunque sia la condizione,solo e senza dolce metà intrappolato in un rapporto piatto e stantio,ogni uomo può cambiare la propria esistenza.
Per amare senza condizioni, dobbiamo comprendere e dissolvere tutti gli ostacoli alla presenza dell'amore nella nostra vita,


Molte persone commettono l’errore di pensare che potranno avere l’amore solo quando lo troveranno in un loro simile.Sono convinte che conosceranno l’amore appena la persona giusta entrerà nella propria vita.Ma la verità è che non troveranno mai l’amore nella persone fino a quando non lo troveranno in loro stessi.

L’amore inizia nella mente.L’uomo diventa ciò che pensa.I Pensieri d’amore creano esperienze d’amore e rapporti fondati sull’affetto.
Se si desidera amare un altro essere è necessario tenere in considerazione le sue necessità e i soui desideri.Pensare a come deve essere il proprio patner ideale aiuta a riconoscerlo quando lo si incontra.

Il linguaggio della SEDUZIONE è una funzione complessa , per mezzo della quale l'uomo,
con l'uso di simboli mimici, gestuali, verbali, ed altro, comunica con gli altri
ottiene la possibilità di raggiungere la seduzione in tempi rapidi. È largamente accettato che il linguaggio della seduzione rappresenti un insieme di forme particolari,
appartenenti al concetto molto più generale di comunicazione, soprattutto della comunicazione non verbale
Le tecniche di seduzione si basano proprio sul presupposto che:
l’attrazione non è una scelta logica.
La seduzione come l’attrazione e l’innamoramento affondano le radici nella parte istintiva ed in quella emozionale dell’uomo. Il cervello umano infatti è triadico, ha infatti una funzione istintiva, una emotiva ed una logica.

E ancora, nonostante la parola sia per l'uomo la principale forma di comunicazione interpersonale,
noi comunichiamo anche mediante lo sguardo, i gesti, il comportamento, le variazioni
di postura ed altre forme di comunicazione non verbale .
Questi messaggi non verbali possono modificare e spesso rovesciare il senso delle parole e si rivelano
un potente mezzo di gestione del comportamento di coloro che sono in rapporto di relazione con noi
ed un potente mezzo per la seduzione della persona di nostro interesse.


LE LEGGI DELL'AMORE si basano anche sul RISPETTO:Senza rispetto non può esistere l’amore.La prima persona che bisogna rispettare è se stessi.Il primo passo per imparare a rispettare se stessi è chiedersi:”Che cosa rispetto di me stesso?”.Per imparare a rispettare gli altri è necessario chiedersi:”Che cosa rispetto di quella persona?”

Qualsiasi problema, qualsiasi guerra contro qualcuno è il risultato diretto delle nostre azioni, ogni azione infatti ha un'immediata applicazione dovuta alla legge universale del karma. Qualsiasi cosa vada storta nella nostra vita è sempre la nostra sola responsabilità.
Imparare ad amare può liberare la nostra vita, e ci può aiutare a prevenire qualsiasi tipo di karma negativo, quindi qualsiasi esperienza dolorosa nella vita.
Se amiamo, il nostro amore sarà il nostro angelo guardiano che veglierà su di noi in ogni attività che svolgeremo su questo pianeta.
Amare è qualcosa da fare 7 giorni alla settimana 24 ore su 24, è una continua pratica e raffinamento, è uno stile di vita.

venerdì 27 maggio 2011

ABILITA' NELLA SEDUZIONE



L' ABILITA' NELLA SEDUZIONE permette di superare le difficolta' nella vita sentimentale e di relazione in genere .
Tutti possono sviluppare ABILITA' NELLA SEDUZIONE

Usare bene il sorriso migliora l' ABILITA' NELLA SEDUZIONE.
Strappare sorrisi è prerogativa del leader (uomo o donna che sia), infatti ironia e potere si fanno sempre buona compagnia.
Ma dire le cose scherzando è una strategia comunicativa conosciuta da sempre e ci si appella al senso dell’umorismo a seconda del nostro scopo: tranquillizzare, comunicare verità scomode, allentare tensioni, instaurare legami, sfogare frustrazioni e tristezza, e anche per sedurre.

Ebbene sì, il miglior comunicatore, il più simpatico, il più carismatico ha dalla sua un asso nella manica: l’arte della seduzione. E chi è costui (o colei)? Il ragazzo della porta accanto, l’assistente del laboratorio d’informatica (sembra assurdo ma può capitare), il macellaio sotto casa, il fruttivendolo, il parrucchiere, il tabaccaio, il giornalaio, il vostro family banker, il venditore porta-a-porta. Chi vi seduce con la simpatia, esercita il suo potere.

ALCUNI CONSIGLI PER L'UOMO

Persino gli uomini con più esperienza possono fare errori da pivelli quando riescono a portarsi letto una nuova conquista. E lei ne prenderà inevitabilmente nota.

Lei vuole... pazienza

La regola dei tre appuntamenti non è attendibile. La maggioranza delle donne interpellate afferma che, in genere, fa passare otto o più appuntamenti prima di andare a letto con qualcuno. Quando è pronta, sarà lei a fartelo capire. Vuoi sapere quando scatta il semaforo verde? "Nel momento in cui crea una totale intimità fra voi"

Lei vuole... una dimostrazione

"Baciala a lungo e si sentirà rassicurata del fatto che non sei uscito con lei semplicemente per fare sesso",

Lei vuole... i preliminari

Dedica almeno 15 minuti a baciarla e carezzarla prima di andare più in basso. Molte donne impiegano circa otto minuti per eccitarsi, e prima di desiderare la stimolazione clitoridea. "Perciò raddoppia il tempo e dovresti riuscire a farla capitolare", Risali con la mano lungo la parte esterna delle sue cosce, procedendo poi lentamente verso l’interno delle gambe.


Si può arrivare a corteggiare una donna solo con lo sguardo?
Non c’è una risposta precisa a questa domanda … dipende. Bisogna certo stare attenti a non rivelarsi troppo precipitosamente mostrando un interesse maggiore di quello che dovrebbe essere percepito.
Inoltre va considerato che diversi sondaggi e ricerche rivelano che non sono poche le persone che riconoscono di aver problemi a reggere lo sguardo di persone dell’altro sesso e di non riuscire a guardarle fisse negli occhi.

Se per te, infatti, è imbarazzante o non ti riesce semplice fissare gli occhi di una persona, prova a concentrarti su un altro elemento del viso, ma non abbassare lo sguardo e evita assolutamente di chinare il capo. Questo ti farebbe assumere l’aria di un indeciso e timoroso, potrebbero pensare che desideri nascondere una parte di te.
Se per caso parli a più persone non fermare gli occhi solo su una, specialmente se lei è la ragazza che ti piace. Perderesti subito la possibilità di mostrare la tua capacità di parlare a più persone, gestendo bene la comunicazione. Rimane così intatta anche la tua autostima, evitando di rendere palese il tuo interesse per una ragazza in particolare.

ALCUNI CONSIGLI PER LE DONNE

Che cosa fa girare la testa agli uomini?
Sguardo insistente, sorriso malizioso, trucco curato... esistono molti modi per sedurre un uomo.

E tu, sai come stregare gli uomini?

Per poter sedurre è indispensabile avere stima di se, vedersi belle, affascinanti, valorizzare i propri punti forti, solo in questo modo è possibile mostrarsi con un atteggiamento diverso agli altri, sicuramente apprezzabile. Sarà sufficiente uno sguardo sicuro e profondo, un bel sorriso misterioso, una pelle liscia e ben curata, un buon profumo al sandalo, una fragranza di rosa e agrumi tra i capelli e un abbigliamento che non sia ne troppo appariscente ne troppo castigato e il gioco è fatto.
Durante il periodo di conoscenza e frequentazione non bisogna svelare tutto di sè. E’ quello che gli uomini vorrebbero ma, per conquistarli, bisogna farsi desiderare giorno per giorno sempre di più, mantenendo qualcosa sempre in sospeso, mostrandosi sofisticate al punto giusto. E’ consigliabile evitare di essere prolisse nei racconti, ma diventare concise e vaghe, per suscitare curiosità e interesse, poichè il mistero aumenta l’attrazione.
Farsi desiderare può significare anche non telefonare mai per prime. Ogni tanto chiudere il cellulare è salutare, perchè se si è sempre le prime a chiamare, prima o poi gli uomini si stufano. Farsi cercare e lascia che, una volta ogni tanto, ci mettano un po’!
Gli uomini si struggono esattamente come noi davanti al telefono che non suona e alla mancanza di attenzioni: prima o poi cedono! Ovviamente, il tutto vale anche per SMS, ed e-mail.
Gli uomini sono eterni bambini bisogna per questo imparare ad ascoltarli, dispensarli da consigli spassionati, ma anche saggi. E’ importante farli parlare per accrescere il loro ego mai sminuirli facendo notare i loro errori, si rischia di traumatizzarli all’interno della coppia.

giovedì 26 maggio 2011

AFORISMI E FRASI DI MASSIMO TARAMASCO


AFORISMI E FRASI DI MASSIMO TARAMASCO sulla SEDUZIONE ed altro
Molte persone sembrano amare i loro problemi. forse sono un antidoto alla noia.Massimo Taramasco

Essere amati senza meritarselo è la vera prova di amore. Massimo Taramasco
Alcune donne pensano di sedurre accettando le avances che non le sono state fatte. Massimo Taramasco

Essere lasciati quando si è innamorati produce sempre sofferenza.Soffrire per amore fa parte della vita e bisogna imparare ad affrontarla. Massimo Taramasco
Gratificare ed essere eccessivamente disponibili comporta una diminuzione del desiderio.
Per desiderare è necessario un vincolo o un impedimento che ostacoli, almeno parzialmente, la possibilità di ottenimento di quanto desiderato. Massimo Taramasco

L'indifferenza che lega molte coppie è un quotidiano reciproco ma inconsapevole addio. Massimo Taramasco

Non lasciarti spaventare da un addio o da una perdita. Un addio talvolta è necessario per potersi trovare ancora. Ritrovarsi dopo due giorni o dopo due vite è uguale, il tempo non ha senso, ma se le anime sono entrate in contatto profondo ritrovarsi sarà inevitabile. Massimo Taramasco

 La differenza che c'è tra sesso fatto bene e sesso fatto male si chiama fantasia. Massimo Taramasco

La donna seducente non è quella che attrae sessualmente un uomo ma quella che riesce a coinvolgere e tenersi l'uomo che desidera. Massimo Taramasco

 L'abbandono è sempre un evento doloroso ma molti non si rendono conto che talvolta l'evitamento dell'abbandono è ancora più doloroso. Massimo Taramasco

La vita degli esseri umani è costellata dall'infanzia alla vecchiaia da episodi di abbandono affettivo . Il distacco da un affetto è il campo dove tutti hanno affrontato prima o poi delle battaglie. la guerra finale potrà essere vinta soltanto da chi impara attraverso il dolore dell'abbandono a crescere interiormente in modo che niente e nessuno potrà mai più ferirlo. Massimo Taramasco

 La seduzione meglio riuscita è quella in cui chi viene sedotto è convinto di aver sedotto. Massimo Taramasco

L'amore nasce dal desiderio, sopravvive per abitudine e senso di colpa, muore per rancore e risentimento. Massimo Taramasco

Chi si lamenta di non amare più una persona come l'amava dieci anni prima non si rende conto che è inevitabile:lei non è più la stessa e neppure lui. Nessuna cellula dei loro corpi è più la stessa. Nulla nella vita è immutabile. Tutto ciò che ha un inizio ha per forza anche una fine. Massimo Taramasco

 L'innamoramento è un'emozione tempestoso, come un'attività finanziaria rischiosa che spesso finisce con la bancarotta, con la differenza che il disonorato è sempre il creditore. Massimo Taramasco

 Le persone quando parlano di se stesse tendono ad alterare la realtà in modo ancora più marcato del solito. Imbrigliandole in un ruolo si ottengono informazioni molto più profonde ed utili. Massimo Taramasco

L'uomo che crede di iniziare le donne ai misteri del sesso , è come il turista che crede di far conoscere la città alla guida turistica. Massimo Taramasco

Molte persone non si accorgono di essere morte, solo per il fatto che respirano credono di essere vive. Massimo Taramasco

Dopo aver scoperto la propria morte si cerca di vivere nuovamente. Massimo Taramasco

 La vita degli esseri umani è costellata dall'infanzia alla vecchiaia da episodi di abbandono affettivo . Il distacco da un affetto è il campo dove tutti hanno affrontato prima o poi delle battaglie. la guerra finale potrà essere vinta soltanto da chi impara attraverso il dolore dell'abbandono a crescere interiormente in modo che niente e nessuno potrà mai più ferirlo. Massimo Taramasco

Nessuno viene abbandonato o tradito senza una motivazione. Spesso chi le subisce invece di cercarne le cause e di fortificarsi si fa prendere da rabbia e risentimenti che hanno solo la funzione di aumentare le probabilità di trovare un'altra relazione in cui saranno di nuovo abbandonati o traditi. Massimo Taramasco

L'amore non gestito è un impeto che emerge da quanto di più sotterraneo esista in noi, e affiorando alla superficie ci travolge come uno tzunami. Solo imparando a gestirlo si può sperare di vivere bene le relazioni sentimentali. Massimo Taramasco

Ad emozioni finite..restano le abitudini..e sono tanti quelli che non si lasciano per abitudine..anche coppie sposate, non hanno più niente in comune emotivamente..ma non si lasceranno mai..nonostante tradimenti all'ordine del giorno..molto squallido.ma è così. Massimo Taramasco

Chi si crede irresistibile senza aver imparato ad esserlo pagherà un salato tributo  ad una sterile vanità e ad un vuoto orgoglio che lo farà essere come lo snob che si vanta di ciò per cui tutti lo deridono. Massimo Taramasco

Chi ama con la pretesa o la speranza di essere ricambiato ha imboccato la strada per l'infelicità. Massimo Taramasco

La ricerca dell'uomo ideale e della donna ideale è il modo migliore per essere felicemente e permanentemente single. Massimo Taramasco

La felicità risiede nella nostra mente, possiamo anche farla dipendere soltanto dagli eventi esterni, dall'uomo o dalla donna che amiamo o che ci ama.Questo è il modo migliore per perdere sia la felicità sia l'amore. Massimo Taramasco
L'innamoramento è il punto di incontro tra il male ed il bene, in esso coesistono piacere e sofferenza. Massimo Taramasco

La fine di un amore è l'inizio di una nuova vita. Bisogna sempre festeggiare quando c'è una nuova nascita. 

Massimo Taramasco

Emotivamente nostri amori ed i nostri amanti, sono figli dei nostri turbamenti. Massimo Taramasco

I grandi amori iniziano spesso in modo travagliato esattamente nello stesso modo in cui finiscono.La prima volta che la vedi pensi: chi è questa stronza/o? l'ultima volta che la vedi pensi:proprio di una stronza/o dovevo innamorami. Tutto il resto del tempo si dimentica. Massimo Taramasco

La solitudine è il nucleo centrale dell'esistenza umana: contiene in se il verso e l'inverso, la felicità e la profonda sofferenza. Senza ricercare la solitudine la vera felicità è impossibile e nella solitudine si manifesta il dolore dell'anima più acuto. Massimo Taramasco

Innamoramento e Follia sono equivalenti ed intercambiabili, ma nella follia è presente il seme della saggezza. Massimo Taramasco


Amo quando decido di amare, amo come l'amore ama. L'unica ragione è la decisione di amare. Un amore diverso è solo sofferenza.Massimo Tara masco
Solo chi ama senza essere corrisposto e senza nessun attaccamento vive l'essenza dell'amore. Massimo Taramasco

Chi ama veramente non si aspetta nulla in cambio. Massimo Taramasco

La felicita' e' una scelta. Scegli di essere felice. Massimo Taramasco


AMA L'AMORE senza esserne dipendente se vuoi essere felice. Massimo Taramasco
Sono le persone che inconsapevolmente vogliono soffrire per amore, non è l'amore che fa soffrire. Massimo Taramasco

I sogni non realizzati si trasformano in rimpianti. Sognare soltanto non serve, bisogna agire per realizzarli. Massimo Taramasco
La seduzione è un gioco complesso e raffinato, divertente e stimolante, che permette di conoscere l'animo umano. Per giocare bene se ne devono imparare tutte le sue regole, ogni tanto bisogna infrangerne qualcuna e trovarne nuove. Massimo Taramasco

Solo la conoscenza di se stessi e delle proprie emozioni, può preservare dalla sofferenza sentimentale. Massimo Taramasco

Chi confonde il bisogno con l'amore, non soddisferà il bisogno e non conoscerà l'amore. Massimo Taramasco

Per essere felici bisogna trasgredire secondo le proprie esigenze anzichè essere istituzionali secondo le esigenze degli altri. Massimo Taramasco


Chiunque può essere felice. Non lo è chi inconsapevolmente decide di non esserlo. Massimo Taramasco

Camminare su una trave posta sopra un dirupo è facile come camminare su una trave posta a pochi centimetri dal suolo . E' solo l'emozione non gestita che fa cadere nel vuoto. Lo stesso accade nell'amore. Il coinvolgimento non gestito fa precipitare nel vuoto della sofferenza. Massimo Taramasco
Se persisti nella ricerca dell'amore lo troverai, ma non sarà mai ciò che pensavi di trovare. Massimo Taramasco


L'unico modo di amare realmente una persona è accettando tranquillamente il fatto che potremmo perderla. Massimo Taramasco

Fino a ventanni anni collezionare delusioni d'amore è salutare. Dopo bisogna imparare a gestire l'innamoramento. Possono continuare perennemente a collezionarle senza imparare nulla solo due categorie di persone: gli illusi e i cretini. Massimo Taramasco

Non è possibile avere una vita più facile, ma si può imparare ad essere più forti. Massimo Taramasco


Chi implora l'amore non o chi cerca di esigerlo sarà destinato ad un fallimento sentimentale dopo l'altro. Solo chi impara ad attrarre e coinvolgere senza imporre od implorare potrà sperare nella felicità sentimentale. Massimo Taramasco
Le decisioni dgli esseri umani sono solo apparentemente logiche, solitamente sono gli istinti e le emozioni che le pilotano e governano. Per questo motivo gli amori sono spesso fonte di sofferenza. Massimo Taramasco
Quando si instaura un contatto significativo (entangled)una volta, allora questo si manifesterà infinite volte. Questo spiega perché sembra che il tempo scorra senza fine. Massimo Taramasco

Le energie che un essere umano ha a disposizione sono evidentemente limitate.
Sprecarle in conflitti, rancori e risentimenti altro risultato non danno se non quello di lasciare spossato e privo di forze sia fisiche che, soprattutto, mentali per raggiungere felicità e successo. Massimo Taramasco

Nella seduzione e nella ricerca dell'amore gioca tutte le tue carte, ma, poi, devi accettare la realtà di quel gioco. Continuare a perseverare è inutile, come scavare una miniera dove l'oro si è esaurito.
Lascia passare la stagione del Non Amore, e attendi altre stagioni per un Nuovo Amore. Massimo Taramasco

Confondendo l'amore con la nostalgia molte persone continuano a tormentarsi restando legati a chi ormai possono vivere solo nella fantasia. Massimo Taramasco

Le donne che si sottopongono a ogni tipo di cura per garantirsi la bellezza affermano ipocritamente di farlo solo per loro stesse, in realtà lo fanno perchè credono, erroneamente, che così saranno notate, apprezzate e amate dagli uomini. Massimo Taramasco

Farci sentire in colpa a causa dei nostri comportamenti è una tattica usata spesso dai manipolatori soprattutto in campo affettivo e sentimentale.
Dobbiamo evitare SEMPRE di sentirci in colpa per i nostri comportamenti.
Noi dobbiamo fare sempre quello che riteniamo giusto per la nostra coscienza, se qualcuno indirettamente soffre non deve essere un nostro problema. Massimo Taramasco

Seduzione ed innamoramento non seguono regole logiche.
ma sono governati dall'emotività per cui è importante “educare” la nostra sfera emotiva a fare suoi i nostri obiettivi logico - razionali in mdo tale che quando troveremo la persona con le caratteristiche che ci interessano si possa coinvolgere positivamente. Massimo Taramasco

Le grandi seduttrici ed i grandi seduttori naturali hanno un minimo comun denominatore che è la capacità di inventare situazioni, creare illusioni, rendere facili situazioni apparentemente difficili, entrare in sintonia emotiva profonda con la persona oggetto della loro seduzione. Massimo Taramasco

La SEDUZIONE è collegata alle EMOZIONI ed essendo queste dinamiche e fluttuanti nell'essere umano decade la possibilità di inquadrare la seduzione nel metodo sperimentale galileiano.
L'avvento della “meccanica quantistica” e del “principio di indeterminazione” che fa passare la visione del mondo da deterministica a statistica rivoluz...iona il concetto di SEDUZIONE che diventa una scienza statistica.Massimo Taramasco
La seduzione è come la pesca. Per pescare servono amo ed esca, se metti solo l'amo il pesce non abbocca, se metti solo l'esca, lo nutri ma poi scappa. Massimo Taramasco

Super Eroi Analogici:Superman è chiaro, luminoso, tutto quello che è nobile e buono, Batman rappresenta l'oscurità, l'ossessione, la trasgressione. Sono i due lati della stessa medaglia. Entrambi gli eroi attraversano un conflitto interiore: Superman è sempre sicuro di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ma la scelta non è più così facile, Batman invece è su un sentiero di autodistruzione. Massimo Taramasco

C'è chi si innamora sempre della persona sbagliata, non si sa come ma gli amori piu' sono tormentati piu' lo coinvolgono.
Piu le persone fanno esattamente il contrario di quello che vorrebbe che logicamente facessero piu' se ne innamorano. Massimo Taramasco

C'è poco merito nella virtu' e poca colpa nel vizio. Massimo Taramasco
Per far innamorare la persona giusta non serve seguire l'aforisma del Sommo Poeta “amor c'a nullo amato amar perdona”, cioè non è sufficiente amare qualcuno per essere riamati.
Anzi spesso succede prorpio il contrario: chi amiamo non ci corrisponde.
Massimo Taramaco

Se un uomo riceve un'avance da un'amica potrebbe anche accettarla, ma l'amica difficilmente verrà vista come una donna con la quale intraprendere una relazione sentimentale almeno fintanto che non agirà a livello emozionale. Massimo Taramasco

L'uomo per questioni evoluzionistiche cerca di differenziare il suo patrimonio genetico avendo rapporti con più donne possibile, quindi cede facilmente alle avances, sia dirette che indirette, ma il sesso non lo fa innamorare. Per innamorarsi ha bisogno dei giusti stimoli emozionali. Massimo Taramasco

Gli esseri umani hanno bisogno sia di rapportarsi con persone istituzionali sia con persone trasgressive.
Le persone trasgressive danno emozioni forti, quelle istituzionali danno tranquillità e sicurezza. Nelle fasi della in cui si hanno poche emozioni si sarà irresistibilmente attratti da persone irriverenti e trasgressive. Massi...mo Taramasco

L'altra sera parlando con un'amica le ho chiesto se la darebbe per 10 euro. Lei ha risposto di no. Poi le ho chiesto se la darebbe per 10 milioni di euro. Ha risposto di si. Il problema è trovare i soldi, non le puttane. Massimo Taramasco

Molte donne logicamente vogliono un uomo romantico che le dia sicurezza e tranquillità ma di fatto perdono la testa per chi è trasgressivo, le tiene sulle spine e le considera poco: Fanno una selezione dove scartano tutti i "bravi ragazzi" e si iinamorano del "bastardo",selezionato.Continueranno a soffrire finchè non imparerranno ad addestrare la sfera emotiva per raggiungere gli obiettivi logici. Massimo Taramasco

L'illusione d'amore e la follia sono simili, in entrambe le situazioni si crede a qualcosa che di fatto non esiste. L'illusione d'amore in più produce anche sofferenza. Massimo Taramasco

Imparare a diventare consapevoli delle proprie emozioni dal momento in cui iniziano a formarsi ci permette di poter mettere in atto una corretta gestione dell'emotività stessa evitando di commettere “errori relazionali” che inevitabilmente sarebbero furieri di sofferenza. Massimo Taramasco

Il passaggio dall’illusione di amore all’amore è un processo di crescita interiore, di crescita spirituale che porta alla riscoperta del proprio se interiore che porta a ritrovare quelle energie che fanno parte del nostro essere ma che spesso disperdiamo in mille  attività inutili, in mille rivoli energetici che non danno alcun beneficio.

Essere creativi significa avere la capacità di produrre nuovi comportamenti e nuovi modi di pensare. In questo modo riusciamo, a livello neurologico, a creare nuove sinapsi, cioè nuovi collegamenti tra le cellure cerebrali, i neuroni. Per fare questo è provare a pensare in modo diverso trovando soluzioni alternative.Massimo Taramasco

Qualora con i nostri abituali comportamenti
incontriamo e ci innamoriamo sempre della stessa tipologia di persone, che ci danno più dispiaceri che piaceri non vi è altra soluzione che adottare nuove strategie.
O cambiamo, o siamo destinati a vivere di rimpianti. Massimo Taramasco

Far vivere emozioni di natura diversa ha un potentissimo effetto positivo nell'ambito di una seduzione.
In questo modo si riesce a nutrire la sfera emotiva della persona che vogliamo sedurre e fornendo emozioni di diverso tipo saremo sicuri in un modo o nell'altro di riuscire a soddifarla. Massimo Taramasco

La vera felicità è vivere e morire senza rimpianti. Massimo Taramasco

Moralismo e noia sono come due gemelli siamesi: inseparabili. Massimo Taramasco


Chi non impara a ricevere le carezze va alla ricerca di pedate. Massimo Taramasco

Solo chi impara a far parlare il silenzio, riesce a vivere relazioni affettive e sessuali positive. Massimo Taramasco

Per far durare a lungo l’amore del proprio amante è bisogna miscelare correttamente dubbi, speranze e paure. Massimo Taramasco

L'innamoramento e l'amore si nutrono di emozioni di ogni tipo, non seguono vie logiche o prevedibili. A volte provocano illusione, dolore, lacrime e sofferenza ma sempre intenso desiderio. Vanno al di là del tempo, dell'età, del piacere e della sofferenza. Se si supera l'illusione ,l’Amore mette a nudo la nostra vera essenza e permette di conoscerci fino in fondo. Massimo Taramasco

La seduzione non si espleta nel soddisfare un desiderio, ma nel suscitarlo. Massimo Taramasco

Il rischio che una donna può correre quando mette in atto delle stimolazioni sessuali è quello di essere etichettata dall’uomo come una “poco di buono” il che non diminuisce l’attrazione sessuale che prova il maschio nei suoi confronti ma predispone male la sua parte logica che per definizione cerca di proteggerci da tutto ciò che non è istituzionale e condiviso a livello culturale ed educativo. Massimo Taramasco

Entrare in contatto con la nostra “saggezza” interiore, portandoci a produrre “amore” , “gioia”, “felicità” è anche un ottimo sistema per alimentarci con emozioni positive. Questo fa si che essendo placata la nostra “fame di emozioni” tendiamo a non agganciarci più con chi ci da si emozioni ma emozioni che la nostra sfera logica razionale identifica come negative. Massimo Taramasco

Il bisogno di essere accettati ed il desiderio di essere amati ci fanno percorrere strade non nostre che fanno indebolire l'animo rendendo gli esseri umani insicuri e con poca autostima. Massimo Taramasco

Attraverso le prime interazioni con le figure parentali ci si crea l'immagine di se, degli altri,'e delle relazioni sentimentali che, come profezie, talvolta nefaste, inevitabilmente si avvereranno. Massimo Taramasco

C'è chi pensa di superare l'abbandono anticipandolo. Non si rende conto che in questo modo contribuisce a fortificarne la paura. Massimo Taramasco

E' la tentazione del diavolo che da un senso al timore di Dio. Massimo Taramasco
Le persone gelose ed i martiri hanno una cosa in comune: entrambi si procurano dei tormenti. La differenza è che i martiri diventano santi, i gelosi restano dei cretini. Massimo Taramasco

L'amore non nasce spontaneamente, il bisogno d'amore si. E' per questo motivo che le persone soffrono, illudendosi di essere amate o di amare. Massimo Taramasco
Si può e si mente con la parola ; ma con l'espressione della gestualità e con i comportamenti si dice pur la verità. Chi ti dice di amarti senza che questa dichiarazione sia supportata da gestualità e comportamenti adeguati, ti sta solo prendendo in giro. Massimo Taramasco

La vera abilità nella seduzione e nel coinvolgimento sta nell'utilizzare tutti i mezzi conosciuti e a disposizione; impararne sempre di nuovi, nell'operare malgrado le difficoltà e trovare nulla impossibile e soprattutto evitare di essere pilotati dai problemi. Massimo Taramasco

la via della felicità passa per l'amore, quella dell'infelicità per l'illusione d'amore. Massimo Taramasco

Amore e paura hanno potenti effetti motivantii dei comportamenti umani. I problemi sorgono quando diventano coincidenti. Massimo Taramasco
Vita e Morte, Bene e Male, Piacere e Sofferenza, Giusto ed Ingiusto, Amore e Non Amore, Degno ed Indegno fanno parte di un'unica realtà . Dipende da Te scegliere quale aspetto sperimentare. Massimo Taramasco
La gelosia è espressione della paura non dell'amore. Massimo Taramasco

L'unico modo per tranquillizzare una persona gelosa è fargli le corna. Massimo Taramasco

Chi sacrifica se stesso in nome dell'amore sbaglia. L'amore non pretende sacrifici. Massimo Taramasco

Per coinvolgere e farsi amare in alcuni casi va stimolato il desiderio, vincolando il possesso, in altri stimolato il possesso, vincolando il desiderio. Sicuramente amare non garantisce di essere riamati, anzi spesso produce decoinvolgimento. Massimo Taramasco
La donna che si illude di amare preferisce le angosce che l’uomo amato le causa alla sua totale all’indifferenza. Massimo Taramasco


I giocatori vanno al casinò con il desiderio logico di vincere e quello emotivo di perdere. Massimo Taramasco

E' più facile trovare puttane ispirare da Dio e preti ispirati dal sesso che non viceversa. Massimo Taramasco

Dentro ognuno di noi è nascosto il Sogno di Dio, dobbiamo solo trovarlo. Massimo Taramasco

Chi cerca la felicità al di fuori di se è molto probabile che scopra molti modi per essere infelice. Massimo Taramasco

Imparare ad osservare gli altri senza proiettarvi i nostri turbamenti permette di sedurre e di vivere felicemente l'amore. Massimo Taramasco

Imparare ad osservare gli altri senza proiettarvi i nostri turbamenti permette di sedurre e di vivere felicemente l'amore. Massimo Taramasco

La mantenuta è una puttana che si è emancipata. Massimo Taramasco
Ciò che ci attrae è soprattutto il modo in cui si manifesta il desiderio di amore, le emozioni ed i turbamenti che produce, la sua forza, il suo impeto, la sessualità non completamente soddisfatta. Massimo Taramasco

Abbandona l'idea che desiderio di possesso (o attaccamento) e amore siano la stessa cosa.Sono antagonisti.
Desideriio di possesso ed attaccamento sono illusioni. magari illusioni d'amore ma pur sempre illusioni.Illlusioni che impediscono all'amore di manifestarsi.
Se mi venisse chiesto qual è la parola che più si avvicina ad amore risponderei: libertà.
Massimo Taramasco

Chiunque in qualunque modo e per qualunque motivo cerchi di ridurre la tua libertà sicuramente non ti ama. Massimo Taramasco
La pura amicizia tra uomo e donna, senza alcun desiderio sessuale, è possibile ed anche molto frequente. Una moltitudine di coppie sposate lo dimostra. Massimo Taramasco

Le persone felici, non sono più fortunate o con un karma migliore o con gli "astri" dalla loro parte. Sono quelle che hanno imparato a trarre il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino. Massimo Taramasco

Solo imparando a lasciare andare fallimenti e sofferenze passate si potrà essere felici nel presente. Massimo Taramasco

I problemi possono essere risolvibili od irrisolvibili . Quelli risolvibili risolvili senza lamentarti. Quelli irrisolvibili sperimentali come un'evoluzione ma non soffrirne, intanto non cambierebbe nulla. Massimo Taramasco

Molti uomini tendono a dare della puttana a tutte le donne per il motivo paradossale che quella di cui sono innamorati non gliela da. Massimo Taramasco

Se vuoi ottenere ciò che desideri devi liberarti dal bisogno di ciò che desideri. Massimo Taramasco
Muoviti nei desideri con consapevolezza : potrebbero renderti libero oppure renderti schiavo. Massimo Taramasco


I divieti ed i vincoli nelle relazioni non significano astensione, ma il piacere di trasgredire. Massimo Taramasco

La relazione più importante ed emozionante è quella che si ha con sé stessi. Massimo Taramasco

Solo chi non sarà dipendente dai suoi desideri potrà appagarli. Massimo Taramasco
La perdita di autostima può spingere a creare profezie
catastrofiche che si avverano puntualmente in quanto, per paura di essere
smentiti, sono le persone a fare di tutto per assecondarle e realizzarle- Massimo Taramasco

Sfortuna e caso non esistono,sono solo illusioni che servono a giustificare i fallimenti. Sono solo i cambiamenti interiori che modificano la realtà esteriore. Massimo Taramasco

Se emozioni e logica non sono alleate si desidererà qualcosa ma si otterrà esattamente il contrario. Massimo Taramasco
Se emozioni e logica non sono alleate si desidererà qualcosa ma si otterrà esattamente il contrario. Massimo Taramasco
Le donne mi sorprendono sempre: si versano cera bollente sulle gambe, si estirpano i peli alla radice senza battere ciglio, si comprimono in bustini medioevali e poi si spaventano per un ragnetto. Massimo Taramasco

L’amore vive solo senza vincoli, senza catene, senza prigioni, altrimenti si chiama paura di essere abbandonati.Massimo Taramasco

L'amore non dipende dal partner, ma da noi stessi. Massimo Taramasco

L'amore è neutro, sono gli umani che diventandone bisognosi lo trasformano o in una fonte di felicità o in una fonte di dolore e di malcontento. Massimo Taramasco

Ci sono donne che pensano di usare il sesso per fare innamorare, altre che fanno sesso quando credono di essere innamorate altre invece fanno sesso quando credono di aver fatto innamorare. Sono Tutte illuse. Massimo Taramasco

La tradizione Giudeo- Cristiana ha dato vita in occidente ad un senso di colpa collegato al sesso. Tale senso di colpa ha limitato la conoscenza e lo studio del piacere sessuale, in oriente invece tale studio si è concretizzato nella capacità di utilizzare l'energia sessuale. Massimo Taramasco

Non lasciatevi rubare I vostri sogni.
Rimane a ciascuno di noi la responsabilità della nostra vita. Massimo Taramasco
L'unico modo per sperimentare l'amore e' non essere bisognosi d'amore. Massimo Taramasco

Le rassicurazioni di fedeltà sono una prova del tradimento. Massimo Taramasco

Le emozioni sono positive quando sono il risultato di un'azione che abbiamo deciso noi consapevolmente . Massimo Taramasco

Domanda: finchè al mondo ci sono le mogli degli altri....vale la pena sposarsi?
L' amore senza sesso è possibile come è possibile il sesso senza amore, in alcuni casi sesso ed amore coesistono, ma sono comunque cose diverse. Massimo Taramasco
Illudersi di amare vuol dire sentirsi realizzati esclusivamente all'interno di un rapporto di coppia nel quale si soffre continuamente. Massimo Taramasco