venerdì 6 maggio 2011

AMARE L'AMORE


AMARE L'AMORE significa amare se stessi e gli altri.
Imparare ad AMARE L'AMORE significa imparare a vivere in armonia con se stessi e gli altri.

AMARE L'AMORE è una forma di SEDUZIONE della vita.

Ci sono momenti nella vita in cui AMARE L'AMORE é una cosa perfettamente naturale, nasciamo con un bisogno assoluto di imparare a muoverci, camminare, parlare, avvicinare gli altri fino a costruire dentro di noi una precisa idea del mondo, delle cose che ci circondano, di tutto ciò che sentiamo appartenerci.
Questo significa AMARE L'AMORE

Quando amate qualcuno bisogna assolutamente che possiate amarlo senza aspettarvi niente in cambio, soprattutto senza aspettarvi un Amore reciproco. Più darete in questo stato d’animo, più riceverete e più comprenderete il processo dell’Amore.

La vita diventa poco alla volta un grande elemento da conoscere, attraverso la sua conoscenza arriviamo a capire chi siamo, dove siamo, ci identifichiamo e ci distinguiamo dagli altri fino ad arrivare a capire nel profondo cosa vuol dire Io e cosa vuol dire Tu, cominciamo ad esistere e quindi a far esistere l'altro.
L'amore è un sentimento intenso e profondo, di affetto, simpatia ed adesione, rivolto verso una persona, un animale, un oggetto, o verso un concetto, un ideale. Oppure, può semplicemente essere un impulso dei nostri sensi che ci spinge verso una determinata persona.
E' anche importante distinguere l’amore dall’innamoramento

Diventa essenziale distinguere bene ciò che è l’amore da ciò che è innamoramento. Le due realtà spesso si rincorrono e si confondono ma sono nettamente distinte e di natura diversa.
L’innamoramento è un fenomeno affettivo, pre-conscio e pre-volontario, in cui un individuo proietta sogni ed aspettative in un altro. È un fenomeno, cioè “capita” al soggetto, indipendentemente dalla sua volontà.
L’amore è invece una realtà pienamente umana (di tutta la persona e non solo di una sua componente) che si esprime solo con un atto libero, cioè cosciente e volontario. Si può esprimere come un orientamento del carattere che orienta la persona nei rapporti col mondo, un atteggiamento universale verso tutta la realtà.

Tutto quanto scorre veloce, le amicizie, le conoscenze, tutto é un fluire di immagini, considerazioni, ogni cosa viene naturale, cresce l'interesse, un interesse verso l'altro, nascono le emozioni, momenti in cui si dice che al cuore non si comanda, le simpatie che si tengono gelosamente nascoste, le prime complicità, momenti in cui tutto sembra così facile da avvicinare, toccare e cullandosi come in un sogno scorre veloce il tempo e si diventa adulti.

Nascono così i primi impegni, da una semplice armonia di gesti, da poche dolci parole sbocciano i sentimenti e si comincia a vivere nella responsabilità delle proprie azioni; si affermano le conquiste, si delineano le proprietà, si fissano gli impegni, in quattro e quattr'otto ci si trova fidanzati e sposati.

Tutto é bello, é ancora facile, tutto all'inizio é come una grande luna di miele, é il nostro sogno che ci ha resi belli, che ci ha fatti sentire unici, che ci chiede continuamente di emozionare ogni attimo.

La vita scorre ancora e ancora una volta ci si confronta con momenti belli e momenti meno belli, non sempre ogni cosa fila per il verso giusto, non sempre si riesce a mantenere alto quel livello di considerazioni e di valori che tanto abbiamo cercato, desiderato ed amato; il ritmo del quotidiano é spesso massacrante, il tempo é consumato e strozza i sentimenti, si rimane spesso staccati gli uni dagli altri anche solo per piccole incomprensioni, disappunti, intolleranze reciproche.
L'amore è un potere attivo dell'uomo; un potere che annulla le pareti che lo separano dai suoi simili, che gli fa superare il senso d'isolamento e di separazione, e tuttavia gli permette di essere sé stesso e di conservare la propria integrità.

Sembra un paradosso, ma nell'amore due esseri diventano uno, e tuttavia restano due.
L'amore non è soltanto una relazione con una particolare persona: è un'attitudine, un orientamento di carattere che determina i rapporti di una persona coi mondo, non verso un “oggetto” d'amore. Se una persona ama solo un'altra persona e è indifferente nei confronti dei suoi simili, il suo non è amore, ma un attaccamento simbiotico, o un egotismo portato all'eccesso. Eppure la maggior parte della gente crede che l'amore sia costituito dall'oggetto, non dalla facoltà d'amare. Infatti, essi credono perfino che sia prova della intensità del loro amore il fatto di non amare nessuno tranne la persona “amata”.
Tutto il candore che ci siamo per anni portati dietro, tutto l'entusiasmo e la gioia provata sembrano in pochi attimi vacillare; si perde il gusto ad amarsi perché non ci si sa più frequentare come prima, si dimentica che una cosa vale per quanto mi impegna, chiede la mia presenza, vuole avere significato e così viene a perdersi quella coerenza che all'inizio ci aveva così naturalmente uniti.

Amare senza condizioni

L’amore si esprime solo attraverso un cuore aperto, e avere un cuore aperto non è una tecnica, ma una disponibilità emotiva che va oltre i limiti della definizione concettuale.
Stare vicini continua ad essere qualcosa di magico, per noi non c'é pretesa di insegnare questa magia, ci sentiamo come tutti degli alchimisti, degli apprendisti stregoni che procedono per tentativi ed errori, consapevoli di crescere ed ampliare quella conoscenza che dalla magia ci conduce alla consapevolezza; quell'attenzione che ci permette di ripercorrere passo dopo passo le tappe del nostro amore e di fissare ogni momento significativo nel ricordo come nel presente, sempre più orientati ad un futuro dove ci sentiamo liberi senza spazio né tempo a vincolarci, dove possiamo nuovamente sentirci unici in quell'immenso mondo in cui con gli altri cerchiamo l'Amore.

Nessun commento:

Posta un commento