lunedì 23 maggio 2011

LA RICERCA DELL'AMORE



LA RICERCA DELL'AMORE ed il miglioramento delle capacità di SEDUZIONE sono fondamentali nella vita sentimentale delle persone.

D'amore non si muore, ma si può stare molto male Già, ma è proprio necessario soffrire per amore? Come individuare gli atteggiamenti, le parole, i pensieri che ci condannano a inutili sofferenze privandoci dei grandi benefici dell'amore? I suggerimenti che seguono vogliono essere un invito a osservare con lucidità i nostri comportamenti in amore, così da salvarci dalla "coazione a ripetere", ovvero dalla tendenza a rivivere con i nuovi partner gli errori commessi in passato.
Noi tendiamo ad innamorarci quando siamo pronti a cambiare. Perchè siamo mutati interiormente, perchè è cambiato il mondo attorno a noi, perchè non riusciamo più realizzare i nostri desideri o ad esprimere le nostre potenzialità. Allora cerchiamo qualcuno che ci indichi la strada e ci faccia assaporare un nuovo modo di essere. Possiamo perciò innamorarci a qualsiasi età, ma soprattutto nelle svolte della nostra vita. Quando passiamo delle scuole elementari alle medie, poi alle superiori, all’università, o quando cambiamo lavoro, o a quarant’anni quando inizia la maturità o a sessanta, o a settanta quando inizia la vecchiaia. Oppure quando la vecchia relazione si è consumata, o il mondo è cambiato e noi cerchiamo un nuovo accordo con esso.



Per chi teme che uno sguardo attento vada a discapito di slancio e passione, niente paura! Le uniche colpite potranno essere le illusioni, le vere responsabili del mal d'amore!
L'amore "romantico" ha un significato, o almeno un significato preciso; quando l'amore fra due esseri umani assume caratteristiche riconducibili al romanticismo (struggimento, comunione, affetto, passione anche fisica), questo viene definito amore romantico, per distinguerlo dal sentimento d'affetto verso i membri di una famiglia o verso altri esseri umani, o anche tra esseri umani e animali domestici. Il termine amore viene anche utilizzato per definire l'intensa passione per qualcosa (un'attività, un oggetto), o come forma di dedizione totalizzante a un ideale, per es. spirituale o religioso.
Il gesto della condivisione disinteressata di qualcosa di proprio con un altro, è solitamente inteso come un gesto d'amore.
Gli atteggiamenti sbagliati in amore
Esistono molti modi di vivere l'amore: alcuni guardano alla relazione con la mente aperta, libera da luoghi comuni pericolosi, altri mettono in campo atteggiamenti a rischio che ci allontanano da un rapporto sereno con l'altro e mettono in pericolo l'amore. Eccoli.

- La ripetitività
Adottare modelli di comportamento già collaudati in passato, impedisce di incontrare col partner attuale nuove parti di sé e di sperimentare modi di essere ancora inesplorati. Così l'amore va incontro agli stessi errori, agli stessi dubbi, agli stessi conflitti.

Che fare
Ogni relazione nasce nuova, come rinasciamo anche noi nuovi ogni giorno, anche se non ce ne accorgiamo. Quindi il modo di vivere l'amore deve far posto all'inaspettato: rifugiarsi nel repertorio amoroso di sempre uccide la passione e le sorprese che solo l'amore sa regalare.

- Pianificare il futuro
Il sogno di tutti gli innamorati è che il loro amore sia "per sempre". Purtroppo la tendenza a fissare e consolidare automaticamente il legame d'amore in forme più "strutturate", come fidanzamento, convivenza o matrimonio, per il timore di perdere l'altro, può indurre a proiettarsi sistematicamente nel futuro. Il rischio? Che le aspettative e gli obiettivi futuri offuschino i desideri attuali nostri e del partner.
- La gelosia eccessiva
Quando ci prende la mano, basta un minimo segnale per scatenare il sospetto e far frugare nei cassetti, nelle tasche, persino nei messaggi del cellulare del partner... Ancor peggio la gelosia è retroattiva, perché condanna a penosi confronti con un ex che, se non fosse costantemente riesumato, sarebbe già finito nel dimenticatoio.

Che fare
La gelosia "malata" riduce l'amore a uno strumento di possesso. Se un pizzico di gelosia fa bene all'amore, troppa lo soffoca. Per uscirne occorre ammettere con lucidità con se stessi che ciò che cerchiamo nella relazione non è la passione, ma un senso di sicurezza che non riusciamo a trovare dentro di noi.

Nessun commento:

Posta un commento