Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 18 maggio 2011

PAURA DELL'ABBANDONO




La PAURA DELL'ABBANDONO è molto intensa
Non ci si libera facilmente dalla paura di essere abbandonati.
Intanto un primo punto per quanto riguarda i rapporti sentimentali è capire se si tratta di amore vero o infatuazione.
Questo influisce anche sulle capacità di SEDUZIONE
Soprattutto chi ha subito distacchi o lutti dolorosi in tenera età ha sempre paura di riviverli ogni volta che ama o che stabilisce un rapporto che spera possa durare nel tempo.
E’ come se il dolore che ha segnato l’ infanzia restasse sospeso sopra la testa come un spada di damocle.
In questo modo la persona resta adulta fisicamente ma non emotivamente e si sente sempre in pericolo, minacciata, costantemente in procinto di perdere il bene dell apersona amata.



Per superare la PAURA DELL'ABBANDONO è’ necessario sviluppare un’intimità con se stessi, una zona privata che richiede attenzione, tolleranza e rispetto, uno spazio fisico, intellettuale ed emotivo che appartenga solo a noi, un giardino segreto.

Essere centrati su di sé oppure sull’altro fa una differenza enorme sia rispetto alla qualità della propria vita che rispetto al proprio patimento (ansia, rabbia, solitudine, paura). Centrarsi spinge a riflettere su di sé, sul proprio passato, sui condizionamenti ricevuti in famiglia. E’ l’occasione per iniziare una rilettura della propria vita che si può fare sia con addetti ai lavori sia con gli amici che con altri personaggi significativi (un confessore, un estraneo, un consulente, un diario,….)
Come si sopravvive alla fine di un amore? Già, ma in fondo, non siamo tutti dei sopravvissuti, piccoli uomini che quotidianamente lottano con cose più grandi di loro? Ogni giorno è una sopravvivenza. Ma ogni giorno è anche una scoperta, una possibilità, una ricchezza.
L’amore finisce? In realtà, non finisce mai. Cambia, si trasforma. Il tuo amore troverà nuove strade, e così il suo. Nel tuo cuore, resterà un ricordo, più in là nel tempo meno amaro.
La vita è un dono, anche con i suoi momenti duri e difficili. Diceva un filosofo che tutti noi dovremmo impegnarci per scoprire la nostra vocazione. C’è sempre un motivo per cui viviamo in un posto e in un luogo. E, una volta scoperta la nostra vocazione, dovremmo impegnarci per realizzarla. E così, realizzare la parte più vera di noi stessi.
Combatti per te, per la tua salute, per la tua vita, per i tuoi sogni. Per il tuo nuovo domani. Perché non si sopravvive alla fine di un amore. Ci si trasforma, si muta, si perdono i vecchi punti di riferimento e si impara a guardare oltre.
Capire quali eventuali vuoti interiori questo amore cosi grande e passionale colmava diventa importante in quanto, a volte, sentimenti molto forti non sono dovuti all'amore per l'amato, ma a vere e proprie carenze affettive avvenute nel nostro passato. Da qui l’importanza di ricostruire gli "abbandoni passati" sia come “spiegazione” del presente che come stimolo di possibili strategie di superamento della crisi.

Si ha la sensazione di essere fuori gioco, di non potere essere aiutati da nessuno, neppure dai più intimi.
I pensieri iniziano a gravitare sempre più attorno a questo problema.

Un dispiacere d'amore e le conseguenze di una separazione possono travolgere completamente una persona, influire su tutta la sua vita o anche cambiarla del tutto. Si ha la sensazione di essere in bilico, si vorrebbe con tutta la propria forza gettarsi nella vita notturna oppure si cerca l'isolamento e ci si ritira nel proprio guscio, totalmente isolati dal resto del mondo.

In una situazione del genere nulla si desidera più che superare queste sensazioni, ritrovare amici, riprendere in mano il controllo della propria vita e risentirsi accettati.

Non dobbiamo infatti dimenticare che il nostro modo di superare la fine di un amore è anche legato ai primi "abbandoni" subiti, quelli infantili. Non ricordo chi diceva "il bambino è il padre dell'uomo", ma mai come in questo caso ha ragione; infatti a seconda di come siamo stati "abbandonati" ed abbiamo vissuto e superato i traumi infantili (e ciascuno di noi può annoverare una serie di tradimenti anche se proviene dalla migliore delle famiglie), rivivremo e supereremo quelli attuali e futuri. Capire tutto ciò ci permette di meglio superare la fine di un amore, di cambiare il "copione" passato, magari di scegliere altre soluzioni in un incontro futuro.

Nessun commento:

Posta un commento