domenica 26 giugno 2011

I SEGRETI DELLE DONNE



I SEGRETI DELLE DONNE sono tanti e gli uomini dovrebbere cercare di scoprire piano piano tutti iI SEGRETI DELLE DONNE
I SEGRETI DELLE DONNE sono anche collegati alla SEDUZIONE.
La seduzione è prima di tutto l’arte di conoscere e affinare la propria natura. Vanno bene i cosiddetti “trucchi di scena”, ma sempre senza esagerare. Questo non vuol dire che non si deve osare, anzi, significa che bisogna scegliere le armi e le tattiche adatte al nostro corpo e al nostro modo di essere.


Per esempio, se siete reduci da una massacrante giornata di lavoro, o avete fatto le trottole per la città, e arrivate a casa la sera con gambe e piedi da prendere e buttare, evitate di arrampicarvi su tacchi a spillo solo perché pensate che sia l’unico modo per essere femminili e seducenti. Perché passare una serata con la nausea per il dolore e l’andatura da papera, non è la migliore presentazione di voi che potete dare alla persona che vi sta a cuore.
Molti de SEGRETI DELLE DONNE sono legati all'orgassmo femminile.


Quel che è certo è che l'esperienza dell'orgasmo, nonostante la rivoluzione sessuale, è ancora oggi uno degli ambiti più inesplorati e misteriosi dell'esperienza umana, un buco nero, una zona limite difficile da codificare e da spiegare.


Alcuni studi pubblicati su una rivista americana (Journal of Sex Research) attestano che le ragazze più timide, che si sentono in imbarazzo e si vergognano di mostrare il loro corpo, hanno meno esperienze sessuali ed un feeling minore con il sesso.
In questo caso, è tutto nelle mani della controparte maschile. Riuscire a rassicurare e far uscire dal guscio qualcuno è un compito da persone speciali. Ecco perchè le dimensioni del membro maschile non sono tutto. Il sesso è una materia complicata nella sua semplicità.
Prestare attenzione ai seni
Mi rivolgo in modo particolare al sesso forte. Quando concentrate la vostra attenzione sul suo seno, ricordatevi di essere "delicati" (è un ordine) e di stimolare in modo particolare la zona sopra e sotto il capezzolo e quella di fianco, poco sotto le ascelle. Queste zone son da visitare PRIMA di dedicarsi ai capezzoli che, come il pene negli uomini, esprimono chiaramente come una donna reagisce a certi stimoli. Se son "TIN", state andando alla grande!
Corretta stimolazione manuale
Il ritmo è da non sottovalutare, ecco perchè si dice che i ballerini siano degli abili amanti. Tempi giusti = tocco perfetto = piacere. Quello che molte donne apprezzano durante un "gioco di mano" è il lento crescere del piacere.
Uomini, sdraiatevi accanto a lei e con tocco leggero poggiate la vostra mano sopra il suo clitoride. Disponete il dito medio e l'anulare lungo le grandi labbra (parte esterna dei genitali femminili). Cominciate col sfiorarle delicatamente e, a poco a poco, aumentate la pressione. Con il palmo della mano continuate a coprire il clitoride per stimolarlo indirettamente. Per molte donne è una zona super sensibile che è meglio toccare direttamente, solo dopo aver raggiunto uno stato eccitato. Quando noterete che lei è eccitata, portate più indietro la vostra mano, sul monte di Venere (altezza osso pubico) e stimolate direttamente il clitoride sfruttando la parte centrale e l'estremità delle vostre dita. Muovetele come se doveste spostare l'intera mano. Movimento lento ed ampio, avanti ed indietro o rotatorio.
Cambiare angolo
Mai smettere di sperimentare. Provate varie vie di penetrazione per riuscire a capire quale vada meglio per accendere il piacere della vostra lei.


Maggiore contatto
Per aumentare le sue possibilità di raggiungere un orgasmo bisogna cercare di toccare contemporaneamente più parti sensibili. Un esempio potrebbe essere questo: la ragazza sta sdraiata sulla sua schiena con le gambe ben distese. Il maschietto le è sopra, circonda con le braccia le sue spalle e si regge sui propri gomiti. In linea di massima il petto di lui deve essere all'altezza del suo mento.
Lo scopo di questa posizione è quello di far toccare tra di loro il clitoride di lei e la base del pene per creare una corretta frizione.


Nel cuore delle donne, da sempre, c’è una stanza nascosta, le cui chiavi sono custodite gelosamente. E’ lo spazio in cui si conservano i cosiddetti «segreti», brani della propria identità, scorci della propria biografia, rapporti, amicizie, passioni intellettuali, modi di essere o persino innocenti passatempi che vengono celati all’esterno. Non sono scheletri di cui vergognarsi, non sono colpe o eventi in cui non ci si riconosce più, ma pezzi della propria personalità che si teme possano essere censurati, sono atteggiamenti e situazioni che la morale corrente giudica non adeguati, non abbastanza conformi, o troppo eccentrici. Questo succede alle donne più che agli uomini per la posizione subalterna che hanno vissuto per secoli. Il segreto diventa una sorte di «istinto di fuga», una strategia per rifugiarsi in un luogo recondito della mente. Sovente si decide di non mostrare certi aspetti di sé per paura di un confronto con l’altro, cercando si smussare tutte le parti «ribelli» o anticonformiste. Altre volte, invece diventa l’unica risorsa per sopravvivere: tenersi una riserva, 


Tutte le donne sono seduttrici naturali, forse inconsapevoli, ma ognuna di voi possiede un modo speciale di farlo. Dalla bellezza, all’abbigliamento, al trucco, dallo sguardo profondo e misterioso, alla bocca invitante, dai capelli fili di luce alle gambe affusolate, al tocco gentile e delicato, al saper invitare e respingere.


E prima di passare alla prima regola fondamentale, concludo con il pensiero di un uomo intelligente, e molto affascinante nella sua semplicità:

Nessun commento:

Posta un commento