giovedì 9 giugno 2011

PAURA DEL RIFIUTO




la PAURA DEL RIFIUTO è spesso un ostacolo nelle relazioni sentimentali e nella SEDUZIONE

Una delle paure più grandi e più diffuse è la PAURA DEL RIFIUTO
La consapevolezza che dovremmo assumere in tale prospettiva è che il rifiuto è parte integrante del processo di crescita - nel lavoro, nelle relazioni, nella vita.

In realtà essere rifiutati è possibile, può succedere, ma non deve generare paura e quindi bloccare.
Accade e accade spesso. A tutti.

Nella vita ci sono più “no” che “sì”. E’ molto più probabile e più frequente essere rifiutati che essere accettati.



Rispetto alla popolazione del mondo intero, anche la Coca Cola riceve più no che sì: solo una piccola parte degli abitanti della terra bevono Coca Cola.

Non ci hai mai pensato?

La verità è che non possiamo piacere a tutti: neanche tu puoi piacere a tutti.

E nemmeno a te piace tutto e non ti piacciono tutti.

La perfezione non è né il traguardo nè l'aspettativa. Fare del tuo meglio ed essere bravo abbastanza è spesso bene e buono abbastanza! Impara a vivere col fatto che non eccelli in tutto e smetti di sentirti colpevole di questo. Piuttosto, riconosci i tuoi talenti ed impara a esprimere orgoglio per le tue imprese.

Quando approcci qualcuno, in una misura più o meno ampia stai aprendo te stesso al mondo, per cui un eventuale rifiuto ti trasmette la sensazione che in quel momento sei tu come persona che vieni rifiutato. Questo è il motivo per cui quando siamo respinti tendiamo inevitabilmente a prendercela a livello personale.

Ad esempio, quando ricevo dei rifiuti su cose che sono per me davvero importanti, in qualche modo mi sento ferito a livello personale. L'isitinto è quello di domandarmi se non ci sia qualcosa di sbagliato in me, se io non valga abbastanza o non sia all'altezza. Tutto ciò rischia fortemente di farmi dubitare di me stesso e mettere a repentaglio la mia autostima.

E' chiaro che tale approccio finisce per rivelarsi controproducente. Prova allora, di fronte a un rifiuto, ad assumere una prospettiva diversa e a considerare quel "No" come un rifiuto a una tua richiesta e non alla tua persona. Una tua richiesta è semplicemente espressione della tua persona e dei tuoi pensieri, è un'entità distinta e non sovrapponibile alla tua totalità come individuo. Se una tua richiesta viene respinta, non sei tu ad essere rifiutato, ma la richiesta. Certamente un'altra tua richiesta potrà essere accolta.

Ognuno ha le sue personali mancanze. Già hai fatto un gran progresso, diversamente da molti altri, perché sei consapevole di esse. Ora non ti resta che setacciare da cima a fondo il cumulo di debolezze ed eliminare quelle che non hanno importanza per te, quelle che non hanno importanza per gli altri, e quelle che possono essere trasformate in forze.

Per eliminare la PAURA DEL RIFIUTO basta eliminare le apettative, quindi conoscere una donna o un uomo senza nessuna aspettativa, sparirà anche la paura del rifiuto.

Nessun commento:

Posta un commento