domenica 12 giugno 2011

RITROVARSI AMANDO

RITROVARSI AMANDO

.
Ritrovarsi nell'amore e nella SEDUZIONE.

Solitudine e amore sono reciprocamente dipendenti. Nell'amore la solitudine diventa libertà e dalla solitudine l'amore trae vigore e profondità.

La capacità e volontà di permettere alle persone a cui vogliamo bene di essere ciò che vogliono essere, senza resistenze o pretesa alcuna che ci diano soddisfazione

Dimenticate il lato ‘oscuro’ dell’Amore, cioè quello della possessività e dell’egoismo. Mettete in pratica il solo lato luminoso.

Nella vostra nuova dimensione d’essere, non ci sarà più alcun posto per questo amore umano così triste, così limitativo, che vivete attualmente.

A volte siamo tristi quando vi vediamo amare. Potreste amare con talmente tanta potenza, talmente tanta bellezza, talmente tanta gioia ! Ma amate nella tristezza, nella limitazione, nella possessività.

Sappiamo che a poco a poco questo immenso Amore, questa nuova faccia dell’Amore che si sta espandendo in ognuno di voi, sommergerà la vostra vita, e ne dimenticherete il lato oscuro.

Utilizziamo il termine oscuro per stabilire un paragone fra l’Amore luminoso e l’amore un po’ più triste, un po’ più cupo.

Amate con tutte le vostre forze, con tutto il vostro corpo, amate e non dubitate mai dei benefici dell’Amore.
L'amore è tra me e quel fondo abissale che c'è dentro di me, a cui io posso accedere grazie a te.
L'amore è molto solipsistico; e tu, con cui faccio l'amore, sei quel Virgilio che mi consente di andare nel mio Inferno, da cui poi emergo grazie alla tua presenza (perché non è mica detto che chi va all'Inferno poi riesca a uscire di nuovo).
Grazie alla tua presenza io emergo: per questo non si fa l'amore con chiunque, ma con colui/lei di cui ci si fida; e di che cos'è che ci si fida? Della possibilità che dopo l'affondo nel mio abisso mi riporti fuori."

Nella vostra società, l’Amore è stato sporcato, schernito, calpestato. Rivalorizzate l’Amore, ridategli lo splendore che gli è stato tolto.

L’Amore è rispetto, perché non potete amare senza rispetto. Amare l’altro è rispettarlo. Amare voi stessi è rispettarvi.

La sessualità è il modo più potente che abbiamo a nostra disposizione per comunicare, per consegnarci a qualcuno in gesti che rivelano la verità di noi stessi: la nudità manifesta l’essenzialità, il coinvolgimento emozionale l’intensità, l’appagamento sensoriale la profondità.

Ritrovarsi è camminare con la memoria attraverso le stagioni della vita, a scoprire gli eventi e le emozioni che hanno formato il panorama dell’esistenza, le esperienze che nel bene e nel male finiscono per modellare il carattere.
Un tragitto a volte tortuoso e doloroso lungo sentieri accidentati, paesaggi che credevi di aver dimenticato ma che si presentano di fresca rugiada, che tutto copre, che tutto bagna.
Vecchi percorsi di sinapsi di nuovo si accendono e intersecano il presente in una complicata mappa a dimostrare che niente è perduto, che la distanza non esiste, che tutto è ancora vivo e fresco e pronto a donare nuova gioia o dolore, che ogni cosa rinasce quando vi posi sopra lo sguardo.

Nessun commento:

Posta un commento