lunedì 13 giugno 2011

SVILUPPARE EMPATIA

SVILUPPARE EMPATIA aiuta a raggiungere successo nella vita e nella SEDUZIONE



L'empatia, il processo che permette di raggiungere una comprensione profonda dell'altro, attraverso la percezione delle sue emozioni e dei suoi vissuti personali, è un fenomeno essenziale delle relazioni umane significative ed è riconosciuto, addirittura, come cruciale in quelle d'aiuto e in molti altri tempi d'applicazione.

Psicologi clinici, psichiatri, medici, insegnanti, mediatori familiari, educatori, operatori dei Servizi sociali, ritengono che il comprendere l'emozione, il sentimento ed il pensiero in atto di un'altra persona o di un gruppo, sia un elemento indispensabile di aiuto per quella persona o quel gruppo. L'essere empatici ha, senza dubbio, forti legami con la propensione e la capacità di aiutare gli altri: la comprensione empatica è, dunque, in antitesi con la crescente tendenza all'alienazione della nostra era informatizzata e consente che il beneficiario si senta accettato, apprezzato, non giudicato ma accolto, riconosciuto, oggetto di cure, insomma, apprezzato per la persona che è. L'empatia, argomento di ampia trattazione nella letteratura scientifica anglosassone, non è stata oggetto della medesima attenzione in Italia.

Generare Rapport equivale a costruire un ponte che unisce due sponde opposte e che permette a due o più individui di incontrarsi e condividere diverse “Mappe del Mondo”. Quindi, una delle abilità che bisogna sviluppare consiste nel riuscire a comprendere i “pilastri” su cui si basa la visione soggettiva della realtà dei nostri interlocutori. Questi pilastri sono Valori e Credenze, elementi che influenzano profondamente i nostri comportamenti. I valori sono il “carburante motivazionale” che ci spinge ad agire (valori = quello che è importante per noi). Le Convinzioni sono quello in cui crediamo fermamente. Un esempio di valori sono: l’Amicizia, l’Onestà, la Famiglia. Esempi di credenze possono essere rappresentate da frasi di questo genere: “Sono convinto che il benessere sia più importante che accumulare denaro”, “Credo che la libertà sia fondamentale per vivere!”. Frasi del genere esprimono anche valori come il Benessere e la Libertà. Questo accade perché valori e credenze sono elementi profondamente connessi. Questo argomento è stato già affrontato in due miei precedenti articoli anche se riguardavano aspetti che esulavano dalla comunicazione efficace .

Il rispetto della visione della realtà del nostro interlocutore è alla base della costruzione del rapport e del suo stesso mantenimento all’interno di un contesto comunicativo.

Concludendo, un atteggiamento di apertura sincera verso gli altri (rimanendo comunque sempre se stessi) ci permette di arricchire la nostra visione, di espandere i nostri limiti mentali e di comprendere meglio chi ci circonda superando i convenevoli di una comunicazione superficiale.

Litigi, incomprensioni, ostilità e antipatie nascono da molte “mappe strappate”, dal mancato rispetto di valori e credenze di chi ci circonda e dalla voglia di imporre la nostra visione del mondo sugli altri. Atteggiamenti simili sono deleteri e molto utili per creare una insalubre atmosfera di antipatia attorno a noi.
Senza sviluppare anche l’empatia, non avremmo perciò alcun modo di entrare nel vissuto di ogni cliente, per esplorarne dall’interno il punto di vista. Grazie all’empatia possiamo invece comprendere i sentimenti di un’altra persona, anche se non li condividiamo, anche se questa persona non ci somiglia, né riscuote la nostra simpatia.

Inoltre, proprio perché l’empatia è un processo che possiamo avviare volontariamente, non ci espone a nessuno di quegli errori di prospettiva che un’attenzione guidata dall’istinto o dal trasporto inevitabilmente comporta. Ciò ci consente, infatti, di prendere le distanze e contribuire con maggiore successo a risolvere i problemi del cliente, in quanto guardiamo la realtà dal suo stesso punto di vista, ma con una dose maggiore di obiettività.

È quindi molto importante che ciascuno valuti correttamente la propria capacità di sviluppare empatia, in quanto rappresenta la chiave d'accesso alla sensibilità del cliente.

Sviluppare un ascolto attivo
Un altro aspetto che viene troppo spesso sottovalutato e che va di pari passo con l’empatia è quello dell’ascolto. Molti, infatti, sanno porre delle domande interessanti, ma non sono altrettanto preparati ad esercitare un ascolto attivo, mediante il quale decodificare le risposte ottenute.

Per riuscire a persuadere, un professionista (e una persona in generale) deve:

risultare credibile (la fiducia può derivare da un titolo di studio, dalle credenziali di una persona ma poggia soprattutto sulla sua reputazione. Ricordatelo sempre: se perderete la reputazione avrete perso anche la vostra credibilità)
formulare un messaggio chiaro, spiegando nei dettagli "cosa", "perché", "quando", "come", ecc. In questo lavoro vi sarà di grande supporto il ricorso alla logica
utilizzare gli strumenti giusti per raggiungere i propri ascoltatori, eventualmente puntando anche sul registro emotivo
conoscere bene il proprio pubblico
verificare che le persone persuase facciano ciò che effettivamente dovrebbero fare

Nessun commento:

Posta un commento