sabato 23 luglio 2011

AMARE INTENSAMENTE

AMARE INTENSAMENTE
AMARE INTENSAMENTE significa essere emotivamente coinvolti ma non solo. La Seduzione che produce l'AMARE INTENSAMENTE deve avvenire su un piano emotivo, fisico e cognitivo Gli esseri umani non sono sessualmente monogami ma lo sono emotivamente Il bisogno più profondo dell’uomo è quello di fuggire dalla prigione della propria solitudine” Secondo molti l’innamoramento costituirebbe, invece, una risposta a diverse frustrazioni, per cui l’attaccamento alla persona amata, la sua idealizzazione sono tanto più forti, quanto più grande è la deprivazione. Alberoni ritiene che l’innamoramento nasca da uno stato di profonda insoddisfazione, dalla sensazione di non essere e di non avere nulla di veramente importante. L’ innamoramento è un processo della stessa natura della conversione religiosa o politica. Noi ci innamoriamo quando siamo pronti a mutare, quando i tentativi di salvare le nostre relazioni amorose precedenti sono falliti. Non si può attribuire una durata all'innamoramento. Può durare un giorno oppure una vita. Nelle relazioni fisse e nella vita di coppia è facile che l'innamoramento iniziale svanisca, che subentri il bisogno di spazi liberi. Tuttavia ci sono coppie che anche dopo 50 anni di matrimonio sono ancora innamorate come il primo giorno, ma come si fa? L'amore è dare e ricevere, bisogna camminare insieme, non si dovrebbe aver assolutamente bisogno del partner per risolvere i problemi: il partner deve essere il nostro naturale completamento. Stare bene con noi stessi forse è l'ingrediente segreto della ricetta dell'amore. L'innamorato desidera sempre di stare con la persona amata. Amare significa "dare il meglio di sé", non tutto (e cioè anche il peggio) ma è trasparente nel dichiarare ogni pensiero. Gli innamorati si dicono tutto. Il ciclo dell'innamoramento non è comunque duraturo, decresce per poi ricrescere, a fasi. L'innamoramento diventa un progetto di vita quando le persone sanno di "cosa si stanno innamorando". Questo processo di discussione è essenziale per far crescere le disposizioni di amore nelle loro diverse articolazioni. La simpatia funziona sulla base delle somiglianze o delle affinità elettive. Si tratta di quel processo per cui il soggetto si riconosce in quel che vive l'altro e lo sente simile o affine. L’empatia del vissuto altrui può infatti modularsi in simpatia, antipatia o apatia. Nel primo caso il vissuto altrui è consono e sintonico e porta ad un sentimento di vicinanza interiore con l’altro. E’ interessante far osservare come se la simpatia si fonda sulla somiglianza rinforza le personali caratteristiche e, dopo poco, non esercita più influenza ed attrazione. Lentamente si spegne e le relazioni fondate su tale proprietà si estinguono senza che i soggetti comprendano il perché. Se è, invece, simpatia fondata sulla differenza e sulla affinità elettiva, sollecita la curiosità e accende l’interesse. Attraverso l’interesse, ovvero la volontà di comprendere di più dell’altro, e comprendere il perché l’altro desta curiosità ed interesse, la simpatia si sviluppa e si articola in un rapporto di crescente attrazione.

Nessun commento:

Posta un commento