venerdì 8 luglio 2011

COME CI SI INNAMORA


come ci si innamora



COME CI SI INNAMORA?
Per potersi innamorare occorre trovare il bersaglio della nostra emotività quello che vine definito
"oggetto di desiderio" sul quale proiettiamo la nostra energia emotiva e le nostre motivazioni.
Siamo noi che stimolati dalla comunicazione,e dalla SEDUZIONE (che è non verbale,
simbolica ed analogica) attraverso le nostre proiezioni diamo significato all’oggetto del cdesiderio e
noi quindi, tra noi e il mondo esterno e il mondo esterno e noi, così da vivere quel pathos, quelle
emozionia posteriori razionalizziamo come sentimento, passione, amore.
Possiamo dire che l'essere umano non può vivere senza coinvolgimenti emozionali, senza tensioni
emozionali.
La nostra sfera emotiva vive e si muove per prodursi tensioni emozionali.
ogni volta che i ci innamoriamo questo avviene perché il soggetto di cui noi ci siamo innamorati, ci
fa rivivere emotivamente emotivamente il nostro passato, ci fa rivivere, attraverso la sua
comunicazione seduttiva, analogica, simbolica, (che vuol dire comportamento, atteggiamento e
linguaggio non verbale) i nostri antichi turbamenti, ci rigenera quelle tensioni emozionali che noi
abbiamo vissuto a suo tempo.
la nostra parte emotiva ci terrà agganciati per poter continuare a rivivere quel tipo di emotività che
gradisce.
Se da bambina/o hai vissuto un senso di abbandono logicamente vorrai persone affidabili, ma poi ti
innamorerai di chi ti farà rivivere l'abbandono.
E’ possibile capire quali sono le esigenze emotive della persona che mi interessa?
Si è possibile perchèle esigenze emotive vengono espresse dall’essere umano, in modo
inconsapevole, attraverso il linguaggio delle emozioni.
Tale linguaggio è NON VERBALE, ANALOGICO, COMPORTAMENTALECopyright © Massimo
Taramasco All rights reserved.
Conoscere questo tipo di comunicazione che va al di là della parola, ci consente di produrre la
giusta emotività e quindi il giusto coinvolgimento.
Verremo identificati come oggetti di desiderio, e la sua parte emotiva desiderà la nostra presenza la
nostra compagnia, sarà felice di interagire con noi.
La seduzione e le tecniche di seduzione ci permettono di entrare in relazione profonda con il nostro
interlocutore
acquisendone la fiducia e facilitando quindi il consenso.
Il settore dove per antonomasia sono utili seduzione e tecniche di seduzione sono i rapporti
sentimentali e le relazioni affettive in genere.
Assimilare ed utilizzare al meglio efficaci tenciche di seduzione ci consente di amplificare
enormemente il desiderio nei nostri confronti.
Seduzione e tecniche di seduzione intese in quest'ambito come modalità operative per produrre
attrazione e desiderio a livello subliminale, cioè al di sotto della consapevolezza cosciente.
Il presupposto di questa lezione è sedurre qualcuno che gà conosciamo e che ,
ovviamente ci piace realmente.
Ribadisco ulteriormente, in quanto di fondamentale importanza, che la capacità
o meno di sedurre dipende dall'alleanza con la nostra sfera emotiva che per
sua natura non riconoscendo il bene dal male il piacere dalla sofferenza.
Per allearci con la sfera emozionale dobbiamo concentrarci sul processo e non
sull'obiettivo.
Se facciamo il focus sull'obiettivo la nostra parte emozionale non sarà allineata
alle nostre esigenze logiche perchè la sfera emotiva tenderà, per procurarsi
tensioni emozionali, a farci fallire proprio la dove vorremmo logicamente
riuscire.
Il verso e l'inverso fanno parte dello stesso sistema, sono due facce della
stessa medaglia e mente la sfera logica (il verso) avrà l'esigenza di
raggiungere l'obiettivo la sfera emotiva (l'inverso) avrà l'esigenza di farci fallire
il raggiungimento dell'obiettivo.
Dobbiamo pertanto concentrarci solo sul gioco della seduzione.
Gioco del quale dobbiamo allenarci ma che è e rimane essenzialmente un
gioco.
Possiamo differenziare, secondo la metodologia dell'ingegneria della seduzione,
in due aree la possibilità di “sedurre chi ci piace realmente”:
a) Il target è una o nuova conoscenza o una persona che conosco
superficialmente
b) Il target è una persona che conosco in modo profondo
a) sedurre chi conosciamo da poco è fondamentalmente analoga alla seduzione
di una persona sconosciuta con l'eliminazione della fase di approccio in quanto
ci sarà stata per lo meno una presentazione.
In qualche modo sarò già stato etichettato a livello subliminale dall'altra
persona.
Nel momento in cui io vengo presentato ed entro sotto il controllo sensoriale
dell'altra persona per almeno 3 secondi vengo etichettato per lo meno come
“istituzionale” o “trasgressivo”.
E' necessario comunque fare una battuta un commento che mi permetta di
iniziare un dialogo con l'altra persona.
In questi casi per iniziare un dialogo uno strumento utilissimo è la “tecnica
delle similitudini”.
Di cosa si tratta?
E' una tecnica che prevede l'osservazione dell'altra persona in modo da trovare
un suo modo di essere o un accessorio che corrisponda ad un tratto della sua
personalità.
Ad esempio potrei notare che la persona ha un naso particolare ed allora potrei
attaccare dicendo:
“sai che il tuo naso ricorda un pò quello di Nefertiti?
Lo noto perchè sono un appassionato di egittologia e guardare il tuo vivo mi ha
immediatamente proiettato indietro nel tempo”.
Partendo dal naso della persona che mi interessa sono arrivato a parlare degli
antichi egizi.
È sottointeso che una similitudine del genere posso farla se ho delle
competenze di egittologia.
L'osservazione può essere fatta su qualsiasi cosa:
un taglio di capelli particolare, un accessorio particolare (orecchini, bracciali,
collane), un tatuaggio, un accento particolare.

Nessun commento:

Posta un commento