giovedì 11 agosto 2011

AMORE E FELICITA'


amore e felicità


L'amore vero e la felicità sono stati fondamentali  a cui possiamo accedere a piacimento una volta che abbiamo imparato a rivolgere le nostra attenzione a noi stessi ed a sviluppare la forza interiore e la SEDUZIONE verso se stessi.
La felicità è lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri
Insegui ciò che ti rende  felice e conquistalo. Smetti di fare le cose che non ti gratificano  solo perché gli altri credono che tu le debba fare. 

L'etimologia fa derivare felicità da: felicitas, deriv. felix-icis, "felice", la cui radice "fe-" significa abbondanza, ricchezza, prosperità.
La nozione di felicità, intesa come condizione (più o meno stabile) di soddisfazione totale, occupa un posto di rilievo nelle dottrine morali dell'antichità classica, tanto è vero che si usa indicarle come dottrine etiche eudemonistiche (dal greco eudaimonìa) solitamente tradotto come "felicità".
Amore è per lo più confuso con desiderio (ti amo in realtà significa: ti voglio), con l’attaccamento (amo la mia squadra di calcio), con la dipendenza (amo la mia cocaina) e con l’identificazione (amo il mio paese). Quando parliamo di amore in questo senso non parliamo di amore quanto del
suo opposto.
Facciamo lo stesso con la parola felicità. La usiamo e ne abusiamo in molti modi. La confondiamo con un possesso (è appena arrivato il mio tappeto nuovo, sono così felice!), con il consumo (ho appena mangiato il mio cibo preferito, sono così felice!), con qualche esperienza stimolante (ho appena visto il film più recente, sono così felice!) e con il sollievo (non ho più mal di denti, sono così felice!).
La felicità appartiene alla sfera del trascendente per quanto riguarda la sua sostanza definitiva, oggetto della ricerca dell'individuo. Essa però possiede a sua volta un fondamentale caposaldo nella condizione immanente dell'io, frutto della soddisfazione di bisogni primari dovuti agli istinti e agli impulsi biologici, quali ad esempio la fame, il sonno, l'appagamento sessuale. Essi possono essere considerati come parte integrante della felicità, ma non come unica costituente della stessa. I bisogni biologici creano una condizione di attesa e di infelicità che tende a risolversi nel momento in cui si appaghi il proprio bisogno primario: l'appagamento ottiene una condizione di serenità e di tranquillità che produce felicità biologica, identificabile con il piacere.



per sperimentare AMORE E FELICITA' usa ogni singola opportunità, così come ogni errore che commetti, per imparare qualcosa di utile ed andare avanti. Non incolparti quando invece puoi imparare e guardare verso la prossima opportunità sin da subito. Giudicare te stesso e gli altri colpevoli è solo una gran perdita di tempo. La vita è un palestra per imparare e quando vivi ogni istante alla ricerca di ciò che puoi cambiare e migliorare in te stesso, scopri la più grande spinta che la vita offrire.

Nessun commento:

Posta un commento