sabato 6 agosto 2011

COME ESSERE SENSUALI

COME ESSERE SENSUALI


COME ESSERE SENSUALI e raggiungere buone capacità di seduzione e coinvolgimento?
 E' la nostra autostima, la sensazione di adeguatezza nelle molteplici situazioni della vita che ci rende sensuali agli occhi di chi è sensibile proprio alle nostre caratteristiche. Ciò che conta è la sicurezza di se. La sicurezza che aiuta a lasciar diffondere nell'ambiente che ci circonda il fascino della nostra personalità. Sguardi, gesti, parole ed anche contatti quando opportuni, sono capaci di rendere lo stile unico: il modo di accavallare le gambe, di guardare negli occhi, di avviare una comunicazione, di ascoltare e dimostrare empatia, di essere leali, di non dare nulla per scontato. 


Assolutamente fondamentale è cercare di mantenere sempre un contatto visivo con le persone che hai intorno, evitando fughe visive verso il pavimento, così come importantissimo è fare attenzione alla posizione di braccia e gambe. Da evitare l’incrocio delle braccia o il tenerle tese lungo i fianchi,così come è importante, se si è seduti, fare attenzione a che le gambe non cerchino di allontanarsi dal tuo “interlocutore privilegiato”: un uomo, seppur inconsciamente, lo tradurrebbe come un rifiuto ad aprirsi ad a ogni eventuale e ulteriore conoscenza.
Qualche sorrisetto in più del normale e un tono di voce leggermente più alto possono contribuire a trasformare una normalissima conversazione in uno stuzzicante preliminare.




la sensualità è il motore essenziale dell’evoluzione, il segno della nostra presenza nel mondo.
- Non sempre cogliamo i segnali del corpo. Prendersi delle pause significa attingere alla forza che è dentro di noi.
- La capacità di entrare in contatto con le proprie emozioni dipende in gran parte dalle sensazioni vissute nell’infanzia.
Qualche volta ci piacerebbe essere un gatto. Stiracchiarci pigramente e fare le fusa, senza stress. Un gatto sta benissimo con la propria sensualità (non si pone il problema), gli esseri umani un po’ meno, sempre in bilico tra il desideriodi esprimerla e il bisogno di controllarla. Senza contare il fatto che i codici sociali scandiscono i suoi rituali: il modo di vestire, di muoversi, di guardare, acquistano un significato sempre più forte. Siamo bombardati da stimoli che invitano a usare al meglio i sensi, a fare esperienze di rilassamento, a sentirci in armonia con lanatura, ma ci riusciamo davvero? Siamo sottoposti a continue pressioni e spesso ci vergogniamo di ammettere che avremmo bisogno di attenzione.

Anche il mistero è una componente della sensualità un bellissimo corpo esposto in tutto il suo smagliante splendore è sicuramente un bel vedere, sicuramente suscita straordinarie sensazioni, ma sono certamente più intense le emozioni che nascono dall'immaginare e poi dallo scoprire un bellissimo corpo suggerito, ma non esposto.

Le civiltà orientali fondano su questa forma di emozionalità le basi dei loro canoni estetici e sessuali ed è questo uno dei motivi del fascino che quelle civiltà hanno sempre esercitato su noi occidentali.
La sensualità si esprime anche attraverso il massaggio
Innanzitutto c’è da dire che la sensualità sta all’erotismo come la carezza al piacere, ma vivere l’esperienza di un massaggio sensuale può voler dire semplicemente “godere” delle emozioni ricevute e donate senza raggiungere l’orgasmo, né tantomeno un’esperienza sessuale di tipo coitale. I movimenti che le mani producono sul corpo di colui che viene massaggiato devono essere “ampi e leggeri” dedicando attenzione alle zone estese del corpo come la schiena, il ventre, il torace, le gambe, le braccia e la testa. Il massaggio deve essere particolarmente “attento”, non frettoloso e deciso: a volte possono essere utilizzati anche degli elementi esterni come olio da massaggio riscaldato, ghiaccio, tessuti e oggetti che procurano differenti intensità di pressione. Questo serve a fare sperimentare emozioni e sensazione differenti tra di loro, ma particolarmente sensuali. 

Nessun commento:

Posta un commento