giovedì 18 agosto 2011

DONNA CHE VUOLE PIACERE






Una donna che vuole piacere deve sviluppare comunicazione e seduzione ed inoltre:
  1. Curare L'aspetto
  2. Contatto visivo
  3. Amarsi
  4. Non essere bisognosi
  5. Linguaggio del corpo
  6. Conversazione e dialogo
  7. Contatto fisico
curate sempre il vostro aspetto. Dovete essere un bocconcino su cui posare gli occhi, la reazione degli uomini al vostro passaggio deve essere devastante. Non date loro modo di dire 'adesso capisco perché è single' prima di avervi conosciute davvero. Poi magari lo potranno dire lo stesso




Contatto visivo
Il contatto visivo e il gioco di sguardi sono molto importanti. Ci sono situazioni in cui, tutto il corteggiamento avviene attraverso lo sguardo e gli occhi che, come noto, sono lo specchio della nostra anima. Proprio per questo motivo è bene saper usare questo potente strumento


Amarsi
Ama te stessa altrimenti nessun altro lo farà. A prescindere dagli uomini, tutte le donne dovrebbero avere una vita piena di interessi che tengano la testa e il tempo occupati ed attivi. Anche dopo l'inizio di una storia, continuate a fare ciò che vi piace: palestra, cene con le amiche, passeggiate, serata in compagnia di un buon libro. 
Non essere bisognosi
non date mai l'impressione di essere alla disperata ricerca di un uomo
Molte single emanano disperazione per questa condizione e danno l'impressione di voler saltare in braccio al primo che capita. Gli uomini hanno il terrore di essere ingabbiati, e un atteggiamento del genere avrà l'effetto di allontanarli o tenerli alla larga ancora prima che si avvicinino. L'istinto gioca un ruolo fondamentale nell'innamoramento e un uomo che si rende conto del pericolo, seppur inconsciamente, è un uomo perduto… e di questi tempi di vacche magre


Un presupposto importante è quello che il proprio compagno, oltre alle caratteristiche che si ritengono idonee, deve avere anche la stessa nostra visione della coppia e il desiderio di una relazione duratura. Inoltre, bisogna avere in comune la medesima scala di valori, almeno quelli importanti. In mancanza di questi presupposti, esaurito l’impeto iniziale di emozioni e slancio sessuale, il rapporto presto o tardi sarà destinato a finire. Quindi, è meglio saper aspettare piuttosto che fare scelte sbagliate.


Linguaggio del corpo
Il corpo, come noto, ha una sua comunicazione non verbale che deve essere sapientemente controllata se si desidera flirtare con successo. Secondo molti studi, la gestualità ricopre la maggior parte della comunicazione nel rapporto di coppia. Essere "eccessivamente movimentate" e mettersi in mostra più del dovuto non va bene. "Accartocciarsi" nei propri pensieri, nemmeno. Allora, bisognerebbe essere disinvolte, gesticolare piano e non apparire nè troppo irraggiungibile nè tristemente scontate.
Una volta che si è riusciti a trovare il partner non bisogna pensare di aver raggiunto la meta: infatti, coltivare e mandare avanti una relazione richiede un impegno ancora maggiore: occorre mantenerla viva grazie ad una grande capacità di mediazione di adattamento e a spirito di sacrificio. I rapporti statici sono quelli destinati a logorarsi con il tempo: sono le relazioni dinamiche che sopravvivono perché pronte ad adattarsi ai continui cambiamenti che la vita impone.



Conversazione e dialogo
Avere una buona conversazione, che sia interessante e piacevole, è una delle pedine più importanti. Dato che, però, siamo noi a intraprendere il gioco della seduzione, dobbiamo essere attente a non comunicare verbalmente cose differenti da ciò che dice il nostro corpo. Essere imbarazzate va bene e trasferisce un senso di umanità, ma diventare vaghe o troppo incomprensibili rischia di distruggere il lavoro fatto sin qui. Ciò che bisognerebbe evitare è certamente parlare di altri partner anche se la tentazione di usare quest'espediente è forte perchè dà sicurezza. Anche se si sta ancora soffrendo per un ex, è meglio non fare alcun riferimento a ciò che rappresenta ostacoli e seccature. Nella conversazione, invece, è fondamentale e producente, l'ascolto della storia altrui. Attenzione quindi a non riempire di parole il mal capitato nè di dare l'impressione di un totale disinteresse.


Contatto fisico
L'essere umano ha, per sua natura, una personale "distanza di comunicazione" rispetto agli altri. Ciò vuol dire che quando ci troviamo in una situazione di corteggiamento, possiamo utilizzare a nostro vantaggio l'allontanamento o l'avvicinamento fisico. Come fare? Prima di tutto bisogna evitare di essere troppo "appiccicose" utilizzando contatti non ancora richiesti. Solo se è stato l'uomo ad avvicinarsi (anche con movimenti impercettibili) allora si può procedere con un progressivo avvicinamento. Viceversa, mostrare disinteresse con lo scopo di essere inseguite, può lasciarci con l'amaro in bocca! Consideriamo che alcuni uomini, per quanto possano essere attratti o eccitati, odiano essere toccati da una sconosciuta e attendiamo pazienti che il contatto fisico sia un fatto inevitabile.

Nessun commento:

Posta un commento