venerdì 26 agosto 2011

INGEGNERIA DELLA MENTE


INGEGNERIA DELLA MENTE


L' INGEGNERIA DELLA MENTE ed anche INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE si basano sui principi della FISICA QUANTISTICA.
L'essere umano non può osservare alla realtà, può solo parteciparvi costruendola. 
 Fino ad alcuni anni fa gli scienziati distinguevano il soggetto dall’oggetto dell’osservazione. Gli scienziati della fisica quantistica hanno rivoluzionato tale visione meccanicistica e hanno ruotato l’approccio scientifico affermando che il soggetto non può essere separato dall’oggetto, l’osservatore dall’osservazione. Tutto è inestricabilmente interconnesso 
Che cos'è la mente?
Scienza, filosofia e religione cercano da secoli di rispondere a questa domanda, ma le diverse soluzioni proposte sono sempre state parziali e spesso in contrasto reciproco: in pratica mai nessuna spiegazione è risultata davvero valida ed esauriente.


I risultati delle scoperte della fisica quantistica sono sotto gli occhi di tutti, computer, laser, fotografie digitali e tutto ciò che oggi è definito “digitale”. Le innovazioni sono impressionanti sia per la velocità delle scoperte che per le possibilità, fino a poco tempo fa inimmaginabili. Ed è tutto da riportare al funzionamento del cervello, perfetto computer quantistico e non una specie complessa di computer lineare.
Einstein 70 anni ha scoperto che tutto nell'universo e' energia e da allora la scienza ha cominciato ad indagare sulle particelle non piu' in termini meccanicistici ma in termini energetici.La fisica oggigiorno studia il campo d'energia delle particelle, significa che studia il funzionamento energetico degli atomi.
E' stato dimostrato che i quanti, le piu' piccole particelle di energia reagiscono all'osservatore , ovvero nel momento in cui vengono osservate cambiano stato e da onda si trasformano in particelle.
La coscienza dell'osservatore quindi modifica lo stato delle particelle in funzione delle aspettative e/o convinzioni dell'osservatore proprio in virtu' del fatto che tutto e' energia.


A livello sub-atomico la materia perde le familiari proprietà... "materiali" e si manifesta invece come un gioco di forze e di onde. Chi ha studiato un po' di chimica sa che l'atomo è molto stabile e può essere considerato una pallina "solida". Il modello fondato su particelle "dure" però fallisce quando si analizza la struttura interna dell'atomo: la "solidità" dell'atomo è creata in realtà da un gioco di forze che si crea al suo interno tra gli elettroni, i quali non si comportano come vere e proprie "particelle" o "corpuscoli" materiali ma si distribuiscono spazialmente in determinate "nuvole elettroniche" o "orbitali".

Principi fondamentali della meccanica quantistica:
 Principio di Indeterminazione di Heisenberg: non si possono conoscere contemporaneamente
posizione e velocità di un corpo. In meccanica quantistica il concetto di traiettoria continua, che
è alla base della meccanica classica, decade: sul movimento dei corpi non si può fare nessuna
affermazione deterministica. Per l’uomo non è possibile “conoscere” la realtà fisica con la
precisione che desidera in quanto viene meno il principio di causa-effetto. Si introduce, invece,
il CONCETTO DI LIMITE



Effetto osservatore: attraverso l’osservazione si “costringe” la microparticella a passare dallo
“stato potenziale” allo “stato reale”: la semplice osservazione dell’osservatore influenza la cosa
osservata determinando il collasso di un suo potenziale. Solo nel momento in cui si compie
un’osservazione si risolve lo stato sovrapposto/indeterminato che caratterizza la materia.


 Non localismo: nel mondo di tutti i giorni le influenze tra sistemi distanti non avvengono mai

sconvolgenti della fisica quantistica è quella per cui si ipotizza che la realtà fisica oggettivaz
ioni dirette a distanza. Da un punto di vista prettamente filosofico una delle conseguenze più 

direttamente o in tempo reale. Invece in meccanica quantistica si sperimenta la possibilità di

della materia esiste solo a fronte delle misurazioni compiute dall’uomo con i suoi esperimenti.


In realtà la questione è più complessa di quanto si può dedurre da questa semplice descrizione: tali orbitali in realtà sono delle "onde risonanti" che obbediscono alle leggi della meccanica quantistica, le quali presentano diversi aspetti paradossali.



Sappiamo che la percezione e le aspettative posso variare da osservatore a osservatore proprio perche' l'essere umano e' condizionato nel proprio modo di percepire le cose dalle proprie esperienze, cultura, traumi e credenze.La fisica moderna propone invece una visione del mondo altamente armoniosa, in
cui la coscienza dell’essere umano diventa il principio cardine attorno al quale ruota
tutta la realtà da esso percepita; per questo motivo lo studio della psiche assume
un’importanza fondamentale non solo per la comprensione dell’essere umano, ma
La motivazione per cui la maggior parte degli esseri umani condivide la stessaanche per la comprensione dell’intero universo.

visione del mondo, è dovuta all’esistenza di un consenso comune inconscio, ossia una
condivisione collettiva del modo di percepire la realtà insita nella Mente Universale
della specie umana. Ogni individuo crea e mantiene in piedi la costruzione di questa
realtà costantemente ed inconsapevolmente attraverso il suo contatto non localizzato
simultaneo con tutti gli altri individui.Secondo la meccanica quantistica più avvenimenti possono coesistere nello stesso tempo in spazi diversi: spazio multidimensionale.







Nessun commento:

Posta un commento