sabato 13 agosto 2011

LA MAPPA NON E' IL TERRITORIO


LA MAPPA NON E' IL TERRITORIO



LA MAPPA NON E' IL TERRITORIO, ognuno interpreta il mondo secondo una mappa personale. Su questo principio si basano anche alcune strategie di seduzione.
Quando riceviamo un input di tipo sensoriale, cognitivo o percettivo, cerchiamo consciamente od inconsciamente di trarne un senso. Cerchiamo cioè di rappresentarcelo in modo che abbia un significato paragonandolo con il nostro «Modello del Mondo» esperienziale.
Ogni essere umano si costruisce un modello del mondo basato sulla combinazione di fattori determinati dalla genetica, dall’esperienza personale, dall’educazione, dalla cultura, ecc... Per cui, ogni
avvenimento viene filtrato da una apposita mappa che ci fa vedere o sentire ciò che ci circonda in un modo tutto nostro. Non esistono due modelli del mondo identici.
«Un Maestro camminava con i suoi discepoli in un giardino. Vedendo una lumaca che divorava
dell’insalata, il primo discepolo la schiacciò con il piede. Il secondo disse allora: - Maestro, non è un peccato uccidere questa creatura ? Il Maestro gli rispose: - Hai ragione, ragazzo mio. - Ma stava mangiando il nostro cibo, non ho fatto bene ? Ribatté il primo discepolo Il Maestro gli rispose: - Hai ragione, ragazzo mio. Il terzo disse allora: - Maestro, dicono due cose contraddittorie, non possono avere entrambe ragione. Il Maestro gli rispose - Hai ragione, ragazzo mio

Nessun commento:

Posta un commento