venerdì 30 settembre 2011

la patonza

LA PATONZA

LA SEDUZIONE DELLA PATONZA

CORSO DI SEDUZIONE (Secondo il metodo dell'Ingegneria della Seduzione)- Genova MARTEDI 11 OTTOBRE


SEDUZIONE GENOVA



Invito al CORSO DI SEDUZIONE 

(secondo il metodo dell'Ingegneria della Seduzione per 
raggiungere il successo in ambito sentimentale e lavorativo)

Conduttore: 

Massimo TARAMASCO (Ingegnere Ideatore del metodo IDS -ingegneria della seduzione-Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master)

Luogo, Data e Orario :


SEDE: GENOVA- VIA DELLA CONSOLAZIONE 

1/3r

salone S Agostino


DATA MARTEDI 11 OTTOBRE  ore 21 

COSTO: 20 e 

PRENOTAZIONE VIA MAIL A 

centrostudicomunicazione@yahoo.it

INFORMAZIONI:
DOTT. MASSIMO TARAMASCO
TEL.:             333 1511703 begin_of_the_skype_highlighting            333 1511703      end_of_the_skype_highlighting      
MAIL: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://seduzionetecniche.blogspot.com
POSSIBILITA' ANCHE DI CONSULTI TELEFONICI E TRAMITE E MAIL CON INVIO DI file ed MP3





PROGRAMMA DEL MODULO


Come acquisire Potenziale di seduzione

La comunicazione Seduttiva Analogica EmozionaleSedurre, si sa, significa 'portare a sé' l'altro, affascinandolo irresistibilmente. 
La seduzione ha sempre bisogno del confronto con l'altro, che deve essere 
continuamente conquistato: altrimenti è solo presunzione. 
Seduttori sicuramente si nasce, ma lo si può anche diventare, imparando le 
strategie della “Comunicazione Analogica emozionale” per vivere 
felicemente le relazioni sentimentali coinvolgendo profondamente 
le persone che ci interessano

Comunicazione strategica e seduzione analogica in ambito sentimentale e lavorativoLa capacità comunicativa gioca un ruolo fondamentale ormai in qualsiasi 
professione e nella vita privata, tutti sanno esprimersi, ma sono pochi 
quelli che riescono ad ottenere un consenso rapido nei rapporti relazionali della loro vita. 
E’ necessario pertanto imparare strategie comunicative efficaci (tecniche 
evolute di PNL, HDE, IE) per poter stabilire rapidamente un rapporto di 
stima profonda e di forte coinvolgimento  in ambito sentimentale con la persona che desideriamo conquistare o riconquistare o in ambito lavorativo con clienti/collaboratori/pubblico/responsabili per poter diventare comunicatori di successo e sviluppare capacità persuasive.

Linguaggi emotivi secondo l'ingegneria della seduzione 

     Distinguere questi linguaggi del corpo e comprenderne il significato all'interno di una conversazione o di un'interazione
 ci dà un enorme vantaggio sul piano interpersonale: possiamo scoprire quello che l'interlocutore non dice,  le cose che nasconde e, talvolta, le emozioni e gli impulsi di cui non è ancora consapevole. 

Il linguaggio del corpo, conosciuto e studiato sotto l'etichetta di "comunicazione non verbale" , ha un peso decisivo in tutti gli scambi comunicativi. 

 Si stima che il corpo sia determinante in almeno il 70% (fino al 90%) del messaggio trasmesso.
 Imparare a rendere coerente la comunicazione verbale e quella non verbale permette di essere più persuasivi e chiari migliorando così i rapporti interpersonali.

Vi verranno insegnate tecniche innovative ed estremamente efficaci che vi permetteranno di superare molte difficoltà della vita,
 come relazionarsi  con l’altro sesso,  superare un esame o riuscire brillantemente ad un colloquio di lavoro 



L'ingegneria della seduzione (IDS) è la metodologia più moderna ed efficace che studia in modo preciso ed “ingegneristico” tutte le strategie e le tecniche di seduzione formalizzandole in modo chiaro e preciso in modo da renderle fruibili da tutti insegnando in modo pragmatico ed immediatamente applicabile metodologie che ci permettereranno di vivere bene e meglio la nostra vita di “relazioni sociali”.

mercoledì 28 settembre 2011

CORSO DI SEDUZIONE (Secondo il metodo dell'Ingegneria della Seduzione)- TORINO MERCOLEDI' 5 OTTOBRE


CORSO DI SEDUZIONE



Invito al CORSO DI SEDUZIONE 


(secondo il metodo dell'Ingegneria della Seduzione per 
raggiungere il successo in ambito sentimentale e lavorativo)


Conduttore: 

Massimo TARAMASCO (Ingegnere Ideatore del metodo IDS -ingegneria della seduzione-Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master)

Luogo, Data e Orario :


SEDE: TORINO , VIA MAGENTA 49 (SALA CAFFè ROMA)

(vicinanze angolo corso Vittorio Emanuele/Corso Duca 

degli Abruzzi)

DATA : MERCOLEDI' 5 OTTOBRE  ore 21 

COSTO: 20 e 

PRENOTAZIONE VIA MAIL A 

centrostudicomunicazione@yahoo.it

INFORMAZIONI:
DOTT. MASSIMO TARAMASCO
TEL.:             333 1511703 begin_of_the_skype_highlighting            333 1511703      end_of_the_skype_highlighting      
MAIL: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://seduzionetecniche.blogspot.com
POSSIBILITA' ANCHE DI CONSULTI TELEFONICI E TRAMITE E MAIL CON INVIO DI file ed MP3




PROGRAMMA : 


 LA COMUNICAZIONE ICONICO - SIMBOLICA e SEDUZIONE Analogica Subliminale

Segnali iconici:

cogliere da microsegnali SIMBOLICI le esigenze emotive dell'interlocutore ed utlizzarli comunicando direttamente su un piano non verbale

· Atti comunicativi coinvolgenti 
utilizzo consapevole della prossemica, cinesica, paralinguistica, digitale per creare empatia,
abbattere le distanze ed entrare in intimità.


Dinamiche subliminali SIMBOLICHE che governano seduzione ed innamoramento.

SEDUZIONE Analogica Subliminale
 Gestire le varie fasi della RELAZIONE e della in modo da innescare dinamiche sociali che porteranno all'innamoramento o al ri-innamoramento del nostro interlocutore.


Questo Modulo ti permetterà di :


  • Acquisire l'abilità di entrare in profondo contatto empatico con qualunque interlocutore, in qualunque contesto (famiglia di origine, famiglia acquisita, rapporti sentimentali, lavoro, relazioni sociali) e far si che le TUE esigenze diventino le SUE.


• Coinvolgere la donna o l'uomo dei tuoi sogni


• Affrontare gli altri, rompere il ghiaccio, abbattere le difese


• Diventare un riferimento positivo


• Acquisire valore sociale


Vi verranno insegnate tecniche innovative ed estremamente efficaci che vi permetteranno di superare molte difficoltà della vita, come relazionarsi in modo coinvolgente con l’altro sesso, coinvolgere emotivamente il potenziale partner o il partner attuale, relazionarsi efficacemente con superiori, collaboratori e colleghi, superare un esame o riuscire brillantemente ad un colloquio di lavoro



Il seminario la possibilità di capire gli intimi meccanismi della mente umana trovando le corrette chiavi di accesso per favorire gli approcci e la comunicazione interattiva.

La Seduzione EMOZIONALE SIMBOLICA fornisce gli strumenti cognitivi e pragmatici per poter ottenere miglioramenti considerevoli nella comunicazione con l'oggetto del nostro desiderio, tramite la comprensione delle sue esigenze emotive.


L'ingegneria della seduzione (IDS) è la metodologia più moderna ed efficace che studia in modo preciso ed “ingegneristico” tutte le strategie e le tecniche di seduzione formalizzandole in modo chiaro e preciso in modo da renderle fruibili da tutti insegnando in modo pragmatico ed immediatamente applicabile metodologie che ci permettereranno di vivere bene e meglio la nostra vita di “relazioni sociali”.

OCCHIO ALLA TRUFFA

OCCHIO ALLA TRUFFA




ATTENTI TUTTI!!!! Occhio alla Truffa !!!!


Tuffa basata sulla SEDUZIONE.
Ci tengo ad informarvi circa una truffa di cui, purtroppo, sono rimasto vittima.... magari, conoscendone il meccanismo, riuscirete ad evitarla! La settimana scorsa sono andato a fare la spesa al supermercato.


Terminati gli acquisti, quando sono andato al parcheggio per caricare la spesa nell'auto, sono stato avvicinato da 2 ragazze molto appariscenti (probabilmente russe o dell'est) vestite succintamente, in minigonna e top molto scollato.


Una bionda ed una mora, veramente molto carine e provocanti. Le due truffatrici si avvicinano offrendo di lavare il parabrezza dell'auto e ovviamente lo fanno in modo sensuale e provocante, poggiando i seni sul vetro e cose simili.


Quando offrite loro una mancia rifiutano e chiedono invece, il favore essere accompagnate in un altro centro commerciale. Se accettate si siedono dietro e mentre guidate iniziano a giocare tra loro toccandosi e baciandosi dappertutto.


 Questo ovviamente vi distrae dalla guida.


All'improvviso la mora passa sul sedile del passeggero ed inizia a toccarvi. Se non la respingete inizia a farvi un ........ Poiché è impossibile guidare in tale situazione, vi fermate in un posto un po' appartato... A quel punto, sempre la mora vi sale sopra e, prendendo l'iniziativa, vi coinvolge in rapporto sessuale. Approfittando della vostra distrazione la bionda scende dalla macchina, apre il portabagagli, vi ruba tutta la spesa e scappa.


Voi ve ne accorgete, interrompete il rapporto, scendete dall'auto, vi ricomponete sommariamente e cercate d'inseguirla; così anche la mora scappa in direzione opposta. Sono molto brave e pericolose. Io stesso sono caduto in trappola.


Lunedì mattina m'hanno rubato una cassetta di Ferrarelle, lunedì sera un litro d'olio d'oliva


 Martedì un pacco di biscotti.


 Mercoledì uno spazzolino da denti.


 Giovedì mattina sei uova e la sera un pacchetto di fazzolettini di carta.


Venerdì all'ora di pranzo una scatoletta di tonno e nel pomeriggio un ovetto Kinder.


Sabato in tarda mattinata un pettine, dopo pranzo


 un tubetto di maionese e la sera una scatoletta di Ciappi. Suggerisco molta cautela!!! Ora scusate ma devo andare a fare la spesa che mi è finito il sale grosso

martedì 27 settembre 2011

IL PRINCIPE E IL MAGO

IL PRINCIPE E IL MAGO


la SEDUZIONE di un racconto di John Fowles:




C'era una volta un giovane principe che credeva in tutte le cose tranne che tre. Non credeva nelle principesse, non credeva nelle isole, non credeva in Dio. Il re suo padre gli diceva che queste cose non esistevano. Siccome nei domini paterni non vi erano ne' principesse ne' isole ne' alcun segno di Dio, il principe credeva al padre.
Ma un bel giorno il principe lascio' il palazzo reale e giunse al paese vicino. Quivi, con sua grande meraviglia, da ogni punto della costa, vide delle isole e, su queste isole, strane e inquietanti creature cui non si arrischio' di dare un nome. Stava cercando un battello, quando lungo la spiaggia gli si avvicino' un uomo in abito da sera, di gran gala.
"Sono vere isole, quelle?", chiede il giovane principe.
"Certo, sono vere isole", rispose l'uomo in abito da sera.
"E quelle strane e inquietanti creature?".
"Sono tutte genuine e autentiche principesse".
"Ma allora anche Dio deve esistere!", grido' il principe.
"Sono io Dio", rispose l'uomo in abito da sera con un inchino.
Il giovane principe torno' a casa al piu' presto.
"Eccoti dunque di ritorno", disse il re, suo padre.
"Ho visto le isole, ho visto le principesse, ho visto Dio", disse il principe in tono di rimprovero.
Il re rimase impassibile.
"Non esistono ne' vere isole ne' vere principesse ne' un vero Dio".
"Ma e' cio' che ho visto!".
"Dimmi com'era vestito Dio".
"Dio era in abito da sera, di gala".
"Portava le maniche della giacca rimboccate?".
Il principe ricordava che erano rimboccate. Il re rise.
"E' la divisa del mago. Sei stato ingannato".
A queste parole il principe torno' nel paese vicino e si reco' alla stessa spiaggia dove s'imbatte' di nuovo nell'uomo in abito da sera.
"Il re mio padre mi ha detto chi sei", disse il principe indignato.
"L'altra volta mi hai ingannato, ma non m'ingannerai ancora. Ora so che quelle non sono vere isole ne' vere principesse, perche' tu sei un mago".
L'uomo della spiaggia sorrise.
"Sei tu che t'inganni, ragazzo mio. Nel regno di tuo padre vi sono molte isole e molte principesse. Ma tu sei sotto l'incantesimo di tuo padre e non le puoi vedere".
Il principe torno' a casa pensieroso. Quando vide il padre, lo fisso' negli occhi.
"Padre, e' vero che tu non sei un vero re, ma solo un mago?"
Il re sorrise e si rimbocco' le maniche.
"Si, figlio mio, sono solo un mago".
"Allora l'uomo della spiaggia era Dio".
"L'uomo della spiaggia era un altro mago".
"Devo sapere la verita', la verita' dietro la magia".
"Non vi e' alcuna verita', dietro la magia", disse il re.
Il principe era in preda alla tristezza . Disse: "Mi uccidero'".
Il re, per magia, fece comparire la morte. Dalla porta la morte fece un cenno al principe. Il principe rabbrividi'. Ricordo' le isole belle ma irreali e le belle ma irreali principesse.
"Va bene", disse, "riusciro' a sopportarlo".
"Vedi, figlio mio, disse il re, "adesso anche tu sei diventato un mago".
Da The magus di John Fowles. 

CONDIZIONAMENTO COMPORTAMENTALE



Il CONDIZIONAMENTO COMPORTAMENTALE può essere usato nella persuasione e marginalmente nella SEDUZIONE-
Fa parte delle tecniche di persuasione e manipolazione di religione e sette.
Condizionare il nuovo modulo di comportamento vuol dire creare una neuro
associazione tra uno stimolo, una situazione, un evento, ed il nuovo modulo di
comportamento.
Per condizionare uno schema e farlo diventare abituale la cosa più semplice da fare è
metterlo in atto in modo da farlo diventare un’abitudine.
Il nuovo modulo di comportamento per diventare abituale deve essere
opportunamente rinforzato (se non si rinforza tende a sparire a favore del vecchio
schema).
Per rinforzarlo opportunamente è necessario mettere in atto delle gratificazioni in
concomitanza con la messa in atto del nuovo comportamento.
I rinforzi non devono mai essere prevedibili; questo lo sanno bene gli addestratori
dei delfini. Quando si condizionano i delfini a saltare si da un pesce (gratificazione)
quando questi saltano spontaneamente, in questo modo il delfino, dopo un certo
numero di salti dopo i quali ha ricevuto il pesce ha creato una neuro associazione tra
salto e pesce per cui iniziano a mettere in atto il “modulo” salto per ricevere il pesce,
però se tutte le volte che salta riceve invariabilmente il pesce dopo un po’ non
metterà più impegno nei salti.
Per far sì che si impegni nei salti è necessario dargli i premi di tanto in tanto
magari quando salta più in alto però essere sempre imprevedibili, qualche volta dargli
magari un grosso premio (più pesci) in modo da farlo impegnare sempre di più.
La stessa tecnica è applicabile anche nelle aziende per motivare i dipendenti.
Se i dipendenti ricevono sistematicamente degli aumenti/promozioni dopo un po’ non
saranno più motivati a fare sempre meglio.
Se invece ricevono delle gratificazioni in modo imprevedibile saranno motivati a fare
sempre di più per ricevere il premio.

ESPERIENZE DI VITA


ESPERIENZE DI VITA



Le ESPERIENZE DI VITA generano riferimenti molto importanti per le relazioni sentimentali e per la SEDUZIONE.
I riferimenti sono tutte quelle esperienze della nostra vita che abbiamo memorizzato
all’interno del nostro sistema nervoso, tutto ciò che abbiamo visto, sentito, toccato, gustato,
annusato e che abbiamo riposto in quel gigantesco archivio che è il nostro cervello.
Alcuni riferimenti vengono raccolti consapevolmente altri inconsciamente.
I nostri riferimenti a volte vengono distorti, cancellati, generalizzati via via che vengono
inseriti nel sistema nervoso.
I riferimenti costituiscono i mattoni con i quali sono costruite le nostre credenze, le nostre
regole ed i nostri valori.
Più sono numerosi ed importanti maggiore è il nostro potenziale livello di scelta.
Potenziale in quanto dobbiamo imparare ad organizzarli in modo che ci rafforzino.
Lo stato d’animo in cui ci troviamo determina quali riferimenti possiamo avere a
disposizione.
Se siamo in uno stato di apprensione sembra che ci vengano alla mente solo i riferimenti
che abbiamo associato a stati di apprensione del passato.
Ovviamente le nostre credenze non sono determinate solo dai nostri riferimenti ma la nostra
interpretazione di essi ed il modo in cui li organizziamo.
Dentro di noi abbiamo riferimenti sufficienti a sostenere qualsiasi idea vogliamo.
Il segreto è di amplificare i riferimenti disponibili nell’ambito della nostra vita.
Bisogna ricercare consapevolmente delle esperienze che allarghino il nostro senso di
identità e di capacità di organizzare i nostri riferimenti in modo tale che ci conferiscano
potere.
Un elemento importante per valutare l’intelligenza di una persona è il modo in cui questa
persona usa il proprio tessuto di riferimenti.
Una delle cose che i riferimenti fanno è quella di fornirci una sensazione di sicurezza, per
esempio saremo turbati se vedessimo un libro che si alza e vola ?
Sì per il semplice fatto riferimenti per una cosa del genere.
Bisogna imparare ad interpretare consapevolmente i nostri riferimenti in modo che ci
aiutino a raggiungere i nostri obiettivi, senza lasciare che, inconsciamente, il nostro cervello
si agganci ad esperienze individuali per le quali non abbiamo un punto di forza; in questi


casi nascono credenze del tipo del tipo “tutti ce l’hanno con me”, oppure “ogni volta che
tento qualcosa vengo messo al tappeto”.
I nostri giudizi (su ciò che è bello, che è brutto, che è giusto o sbagliato, ecc.) dipendono
dai nostri riferimenti e da come li usiamo.
I riferimenti non dipendono solo dalle esperienze che abbiamo effettivamente vissuto ma
nascono anche dall’immaginazione, possono essere presi in prestito da altri attraverso
emulazione, libri, film, corsi, ecc.
Possiamo anche ricorrere a nuovi riferimenti per motivarci, per spronarci anche se le cose
vanno già bene.
Se da un alto è vero che per male che vadano le cose c’è qualcuno a cui vanno peggio è pur
vero che anche se le cose vanno bene c’è qualcuno a cui vanno meglio.
La possibilità di avere nuovi riferimenti per elevare i nostri standard non ha limiti.
C’è sempre spazio per pensare più in grande, allargare i limiti, immaginare
l’inimmaginabile.
Riferimenti limitati creano una vita limitata, per migliorare la nostra vita, elevare i nostri
standard dobbiamo cercare consapevolmente di ampliare i nostri riferimenti, cercare di fare
esperienze che non abbiamo mai avuto prima.
Di quali esperienze abbiamo bisogno?
Una buona domanda potrebbe essere:
“Quali riferimenti mi occorrono per avere veramente successo al massimo livello”.
Una volta trovato un elenco di riferimenti da acquisire bisogna decidere il momento in cui ci
si dedicherà ad ognuno di essi, e dedicarcisi.