domenica 16 ottobre 2011

IMPARARE L'AUTOSTIMA


IMPARARE L'AUTOSTIMA


IMPARARE L'AUTOSTIMA è possibile.
IMPARARE L'AUTOSTIMA permette di migliorare le capacità di SEDUZIONE e di coinvolgimento.

Mettiamoci nei panni di una persona che si crede inferiore agli altri, che non ha il coraggio di esprimere le proprie opinioni perchè teme la critica, che tende a porsi ai margini di qualunque lavoro, di qualunque iniziativa. Come si sente?

Malissimo perchè crede di valere meno degli altri, quindi di non aver diritto a ciò che fanno e hanno gli altri, dunque si pone sempre dolorosamente in coda ad ogni cosa. Questa posizione tende a divenire consueta, un nostro costante modo di essere che piano piano ci chiude nel cerchio della solitudine e della depressione aprendo così il nostro Inferno particolare.


L'autostima è fondamentale per ottenere il meglio dalla vita. Poiché il proprio livello
di autostima nasce da un confronto fra sé e il mondo circostante, se il confronto è
errato, errate sono le conclusioni.
L'autostima è l'idea che ognuno ha di sé.
In termini molto pratici, è il voto che ci si dà. Poiché è un concetto soggettivo, ecco
che dal di fuori il giudizio dato dal singolo su sé stesso che noi percepiamo possa
essere del tutto diverso da quello che oggettivamente pensiamo essere corretto.
Per esempio, un debole può avere una bassa autostima e ritenersi sempre mediocre
anche quando non lo è. Viceversa un apparente può pensare che nulla gli è precluso
perché in quel momento ha un notevole successo.
Quest'ultimo esempio ci fa capire come l'autostima non sia un concetto statico, ma
dinamico. Come una grande azienda che normalmente è abbastanza stabile, ma può
avere alti e bassi, generati da eventi che accadono in noi o fuori di noi. Ovviamente
sarebbe auspicabile che rimanesse sempre ai massimi livelli.




 La persona con Autostima è gioviale, serena, sicura di sè, non teme la critica, analizza con la sua testa, accettandola o respingendola a suo giudizio. Questa persona conosce la giusta maniera di porsi agli altri, non è timida e non è invadente.  La gente la nota comunque perchè la sua interiorità emana forza e determinazione. Soprattutto gode del Paradiso dell'anima perchè non c'è rimpianto non c'è invidia, ne aggressività nel suo cuore. Tutto sa ottenere e per tutto sa lottare consapevole della sua forza. Anima splendida e luminosa, riesce ad essere faro e riferimento per chi gli è vicino ed esempio per gli altri. Alcuni fortunati sono già così perchè nati in una famiglia attenta, vero sostegno e indirizzo alla vita.Gli altri hanno l'obbligo di diventarlo per la dignità di ogni essere umano.L'Autostima permette di guardare negli occhi chiunque, di essere sempre responsabili e consapevoli delle proprie azioni e di sostenere i propri diritti sempre e ovunque.Essa permette di sconfiggere i ricattatori morali in famiglia, nel lavoro e nella società. Molti esseri credono di poter soggiogare altri, più deboli ingenui e indifesi, spesso vi riescono. Vi riescono perchè spesso per amore, per desiderio di non creare conflitti, per utopie giovanili di comprensione e condivisione, l'altro cede un pochino alla volta dando segnali di resa con urla, nervosismo, pianti.

L'autostima può venire dal dentro di sé o dal fuori di sé.
L'autostima da successo
Oggi purtroppo si tende a farla provenire dal fuori di sé, attraverso la chimera del
successo, visto sotto le sue innumerevoli forme: ricchezza, carriera, prestigio, vittoria
ecc.
Si vale se si ottiene qualcosa nel campo in cui si opera o si vive. Niente di più assurdo
perché in tal modo si demanda la propria felicità a un risultato, spesso nemmeno del
tutto dipendente da noi (condizioni facilitanti, fortuna ecc.). Tale risultato è sovente
talmente materiale da fare a pugni con un concetto così spirituale come la felicità.
Quello che si ottiene è un surrogato di autostima. La persona non sviluppa una vera
forza di volontà anevrotica, ma la sua forza è orientata solo al raggiungimento
dell'obbiettivo, è quindi nevrotica.
Esistono per esempio molte tecniche per accrescere l'autostima, addirittura molte
scuole con corsi ed esami. In genere tutte queste discipline tendono a utilizzare un
accrescimento dell'autostima per avere successo nella vita, svincolando ogni discorso
etico e/o esistenziale dal miglioramento del soggetto. In realtà si tratta sempre di
"convincere" il soggetto aumentandone la fiducia in sé stesso.
Questo meccanismo può portare a qualche risultato, ma se leggete la definizione di
autostima ne capirete i limiti: posso avere una bassa autostima perché ho poca fiducia
in me stesso, quindi "mi do un voto basso". Se alzo la fiducia aumenta anche
l'autostima, ma ciò è completamente scorrelato con il mondo esterno e può provocare
danni più che apportare vantaggi


L'Autostima è la fata che ci viene in aiuto. Essa ci fa cambiare il modo di vedere noi stessi. Non appariamo più come deboli vittime indifese e senza vie d'uscita, vediamo noi stessi raddrizzare le spalle, infuocare lo sguardo, aguzzare l'ingegno e abbattere le catene che ci stringono, fieri di noi stessi della dignità e dell'orgoglio riconquistati.

Immagina di non avere limiti. Immagina di credere di poter realizzare qualsiasi tuo progetto.
Questo significa avere "Fiducia in te stesso".

Nessun commento:

Posta un commento