giovedì 24 novembre 2011

VIVERE IN COPPIA



Per vivere in coppia in modo positivo va tenuto alto il livello di seduzione e di condivisione, ecco alcune considerazioni:



Le abitudi


Conseguenza o meno della TV, avete smesso di uscire. Quel ristorantino che vi piaceva così tanto avrà chiuso i battenti? E le serate al cinema che proseguivano con incontri d'amore appassionati? Ora uscite una volta al mese e addirittura solo per andare a trovare degli amici o magari riceverli a casa vostra. Le uscite a due e le serate calde di passione sono ormai acqua passata. Dovete assolutamente ritrovare la magia di quelle fughe piene di complicità. Siccome avete appena deciso di eliminare il televisore, approfittate dei soldi che risparmiate sul canone per fare qualcosa che vi aiuti a riaccendere la passione!

Evita insulti ed ironia: Se ti capita che il tuo partner ti sta comunicando di voler prendere del tempo per riflettere sulla vostra relazione dopo una comunicazione di tradimento, evita qualsiasi approccio con insulti o minacce, in quanto questo modo di agire rafforzerebbe la sua convinzione di aver preso la decisone giusta. Chiediti se tu stesso saresti capace di ascoltare una persona che ti sta insultando e ti sta parlando con un tono ironico. Impara a metterti nei panni dell’altro in ogni situazione e per te sarà più semplice davvero comprendere chi hai accanto e riuscire ad ottenere una efficace comunicazione.

La porta del bagno

Il fatto di essere in coppia e di conoscersi da anni non è una buona ragione per lasciarsi andare! Smettila di girare per casa in tuta, con i capelli arruffati… e di seminare le tue cose per tutta la casa. Prenditi cura di te. Sicuramente il tuo/la tua partner ti ama come sei, ma perché non fare qualche sforzo per mostrarti nel tuo aspetto migliore? In questo modo le/gli fai capire che per te la sua presenza è fondamentale e che dai importanza all'impressione che lei/lui ha di te.

Imparare a perdonare: 
l’amore è anche e forse soprattutto capacità di perdonare. Il perdono è un atto d’amore che appartiene alle persone generose di cuore. Chi non sa perdonare, non può dire di saper veramente amare. Ci sono situazioni in cui il perdono, di per sé difficile da concedere, rappresenta l’unica via d’uscita, da pagare a volte a caro prezzo, ma è un investimento pur sempre conveniente se si tratta di vero amore. In caso contrario, negato il perdono, ci si troverà sicuramente pieni di orgoglio, ma allo stesso tempo più vuoti dentro.

La mancanza di attenzioni

Uno degli altri grandi nemici della coppia è la mancanza di attenzioni. E, bada bene, non si tratta di regalare fiori o fare piccoli regali, ma semplicemente di guardarlo/la. Di notare quando è stata dal parrucchiere o dal barbiere o quando ha acquistato una nuova giacca. Soprattutto, non aver paura di dirgli/le quanto lo/la trovi elegante o di quanto ti colpiscono le sue osservazioni pertinenti. I complimenti fanno sempre piacere ma solo se sono pensati!
Tener viva la passione: 
significa desiderare l’altro e sentirsi fisicamente, sessualmente e emotivamente attratti dall’altro, ma allo stesso tempo rendersi a propria volta sempre desiderabili e attraenti agli occhi del proprio partner. Insieme all’intimità e all’impegno, la passione è un elemento cardine del rapporto di coppia da cui dipende la stabilità relazionale; e forse è anche l’aspetto più difficile da gestire nel tempo. E la difficoltà consiste nel fatto che la passione per sua natura è un fattore che molti considerano legato esclusivamente alla bellezza, all’attrazione fisica, alla corporeità e meno ad elementi più intangibili come il “fascino” che è invece una qualità importantissima che una bella persona è in grado di emanare a prescindere dalla sua età anagrafica. Per mantenere sempre alta la “fiamma” della passione, allora la coppia ha bisogno di evolvere anche sessualmente e di rinnovarsi per riuscire ad essere sempre all’altezza delle aspettative affettive, sessuali ed emotive del partner. Molte coppie commettono invece l’errore fatale di dare tutto per scontato sul piano affettivo e quindi si adagiano, cadono nella routine, pensando che ormai non sia più così importante risultare desiderabili e attraenti agli occhi del proprio compagno con il quale magari si convive già da anni.

L'eccesso di gelosia

Smettila di controllarlo/la e di continuare a incalzarlo/la con domande perché la coppia si basa sulla fiducia reciproca. I continui sospetti finiscono per stancare il/la partner e per spingerlo/la tra le braccia di un'altra persona! Sull'argomento leggi l'articolo: Geloso, io?

L'astinenza!

In una coppia la vita sessuale è importante. Anche se è normale placarsi con il passare del tempo, non deve diventare la regola, perché bisogna mantenere fantasia e immaginazione! Ritagliatevi dei momenti di intimità, diversificate i luoghi e le posizioni in cui lo fate… Per recuperare il desiderio o scoprire i consigli del Kamasutra, leggi la rubrica Sesso.

Ammetti le tue colpe: E’ importante riconoscere sempre le proprie responsabilità, perché una relazione di coppia è un legame che si costruisce in due e come tale va protetto e difeso sempre e comunque soprattutto in un momento di crisi di coppia. Riconoscere le tue colpe è un passo prezioso perché ti mette nella condizione di ammettere con te stesso a che punto sei, quanto sei disposto a mettere in gioco te stesso per poter ricominciare a vivere la tua relazione come davvero vuoi che sia.

L'assenza di progetti

Formare una coppia non significa solo pensare di affrontare l'oggi senza pensare al domani. Dovete diventare un team e alternare progetti nel breve periodo (mete per le vacanze, acquisto di un'auto…) a progetti più ambiziosi (figli, trasferimenti…). Non abbiate paura di riflettere sul vostro futuro e su come lo immaginate. Questo vi farà sentire più uniti e vi sarà di stimolo per andare avanti... insieme!

Il silenzio

La mancanza di dialogo rappresenta un aspetto oltremodo negativo per la coppia. Ovviamente deriva spesso dalla mancanza di tempo o di attenzioni legata alle cause di cui abbiamo già parlato. Tuttavia, capita di frequente che il dialogo esista, ma che nessuno ascolti il parere dell'altro… In questo caso, spetta a voi fare insieme un lavoro di dialogo attento, mettendocela davvero tutta per cercare di capire veramente ciò che l'altro intende dire

Nessun commento:

Posta un commento