domenica 18 dicembre 2011

LA SFORTUNA NON ESISTE






Molti si lamentano della sfortuna quando le cose vanno male nella vita, in amore, nella SEDUZIONE.
Quando si emettono comportamenti sbagliati è facile trovare una giustificazione per essi:
"Mi sono arrabbiato è vero, ma è colpa sua che mi ha offeso!" Giustificare i propri errori
non serve a cambiare, non serve a vincere il disagio. Chi giustifica i propri sbagli cerca di
alleviare il disagio attribuendo la colpa dei propri comportamenti all'altro. Il problema è che
siamo noi ad aver emesso il comportamento sbagliato, quindi lo sbaglio è solo nostro.
Se si vuole migliorare non bisogna giustificare i propri errori! Per superare i nostri schemi
non dobbiamo giustificare i nostri errori comportamentali, dobbiamo invece ammettere a
noi stessi ed agli altri di aver sbagliato (asserzione negativa) e proporci di modificare il
nostro comportamento. Il nostro obbiettivo è quello di star bene.
Modifichiamo assertivamente le nostre frasi autogiustificative:
"Mi ha fatto perdere la pazienza!" Sono io che l'ho persa, quindi: "Ho perso la pazienza!"
"Non doveva fare ciò!" Non dobbiamo pretendere che gli altri agiscono secondo nostro
volere, quindi: "Lui ha agito a quel modo ed io mi sono sentito male. Cosa posso fare per
vincere il mio malessere?" "È ovvio che mi sia arrabbiato!" Dato che arrabbiarsi non serve:
"Mi sono arrabbiato, ho sbagliato. La prossima volta manterrò il controllo

Nessun commento:

Posta un commento