martedì 31 gennaio 2012

PROBLEMI SENTIMENTALI DELLE DONNE


PROBLEMI SENTIMENTALI DELLE DONNE



I problemi sentimentali delle donne si manifestano quando queste non 
conoscono e sanno gestire le regole della SEDUZIONE e dell'AMORE.


1. Coinvolgere un uomo esclusivamente a livello sessuale.


Questo implica vivere relazioni che durano poco, oppure
che non evolvono. Tipicamente questo tipo di relazione si
sviluppa con uno o due incontri settimanali, normalmente
serali, finalizzati al sesso, che possono avere come contorno
un’uscita con eventuale cena. Dopo un po’ di tempo tendono
però a consolidarsi sull’aspetto sessuale, eliminando parzialmente
o totalmente gli altri aspetti. Normalmente succede
che gli incontri avvengono direttamente a casa o in albergo
e vengono eliminate le occasioni di socializzare. In sostanza
non si crea l’entità che prende il nome di «coppia».


Una volta che viene consolidata un’abitudine del genere, è
molto difficile che possa esserci un’evoluzione di altro tipo.
Le abitudini sono figlie della ripetizione e la ripetizione è la
madre di tutte le abitudini. Normalmente gli uomini che impostano
questo tipo di relazione sono single che hanno meccanismi
di difesa che per lo più impediscono il coinvolgimento
emotivo, oppure hanno una relazione preesistente
che soddisfa esclusivamente da un punto di vista logico. In
questi casi è elevata la probabilità che ci siano altre donne
che vengono frequentate con il medesimo obiettivo.


2. Coinvolgere un uomo a livello emotivo-sessuale, senza
riuscire a coinvolgerlo a livello logico (impegno).


 Questo succede normalmente quando la persona non ha attivi meccanismi
difensivi che gli impediscono di vivere l’innamoramento,
ma vincoli logici molto forti che gli impediscono di
prendere impegni. I vincoli logici possono essere interni (l’abitudine
a stare da solo, il desiderio di non impegnarsi) oppure
esterni (un’altra donna, degli interessi lavorativi o di altra
natura).


3. Coinvolgere a livello logico ma non a livello emotivo e
sessuale. 


Questa situazione si verifica normalmente nei rapporti
di lungo corso in cui non si è riusciti a mantenere alto
l’amore e il desiderio. I vincoli che tengono unita la coppia
sono esclusivamente logici: figli, interessi in comune, abitudini.
In questi casi è molto frequente il tradimento, che normalmente
si può verificare secondo due modalità:
a) Tradimento con tante donne. Si verifica quando l’uomo
ha meccanismi difensivi attivi, per cui segue l’istinto primitivo
di accoppiarsi con quante più donne possibile, senza
coinvolgersi con nessuna di loro.
b) Tradimento con una donna. In questo caso la donna in
oggetto ricopre un ruolo importante e, se sarà abile ad ab-


battere il vincolo logico che la lega a te, potrebbe anche lasciarti.


4. Coinvolgere a livello logico ed emotivo ma non sessuale.


Questa situazione si verifica normalmente in relazioni in
cui il grado di affettività è molto alto. Può succedere in alcuni
casi che l’eccessiva affettività vada a bloccare l’attrazione
sessuale. Spesso si possono verificare anche situazioni in cui
l’eccessiva confidenza e conoscenza blocchi gli stimoli sessuali.
L’attrazione sessuale per l’uomo è maggiore quando
viene mantenuto un certo grado di mistero. Ovviamente, nel
caso di una relazione di lungo corso (con convivenza) questo
può essere più difficile. La donna dovrebbe anche in questi
casi mantenere alcune «pratiche» riservate (depilazioni,
abluzioni varie, ecc.). Sarebbe anche opportuno non presentarsi
mai sciatte (capelli sporchi, spettinati, con ricrescite, con
odori sgradevoli, ecc.

LANCIO LIBRO "INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE




Giovedì 2 Febbraio sarà in commercio in tutta Italia il mio libro:
INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE (Autore Massimo Taramasco- edizioni Lindau-Marchio anteprima)


Per governare qualunque processo senza subirlo, dobbiamo conoscerne
il funzionamento. Questo concetto appare del tutto
ovvio in molti ambiti della vita, ma, quando si entra nel campo
dei sentimenti, molti sembrano pensare che non esistano regole
e che tutto dipenda da una misteriosa alchimia.
L’ingegneria della seduzione è un nuovo modo di comunicare,
basato sul presupposto che ogni tipo di comunicazione, sia verbale
sia non verbale, produce degli effetti nel destinatario, che
si traducono in comportamenti.
Attraverso le pagine di questo libro, il lettore apprenderà dunque
una serie di tecniche che gli permetteranno di attrarre chi
lo interessa, di accrescere la propria autostima e di migliorare
la propria posizione sociale e professionale.
Imparare le regole del gioco ci farà vivere meglio, godendo del
piacere di sedurre e di essere sedotti, di innamorarsi e di far innamorare.

MASSIMO TARAMASCO
si è laureato in Ingegneria all’università di Genova e possiede un Master
in Marketing e comunicazione aziendale. Si è formato alla PNL sotto la
guida di Tad James e oggi è uno dei massimi esperti italiani di Comunicazione
analogica

lunedì 30 gennaio 2012

CORSO DI AUTOCONTROLLO EMOZIONALE , SEDUZIONE e CRESCITA PERSONALE - TORINO, MERCOLEDI 8 FEBBRAIO





Ciao sei invitata/o al  


CORSO DI AUTOCONTROLLO EMOZIONALE ,  SEDUZIONE e CRESCITA PERSONALE - TORINO, MERCOLEDI 8 FEBBRAIO


(SEDUZIONE DI SE STESSI E DEGLI ALTRI)


Conduttore:   

Massimo TARAMASCO (Ideatore del metodo IDS -ingegneria della seduzione-Esperto di  Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach  e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master, autore del libro :" Ingegneria della Seduzione" ed. Lindau)



SEDE: TORINO , VIA MAGENTA 49 (SALA CAFFè ROMA)
DATA : MERCOLEDI 8 FEBBRAIO dalle ore 21 alle ore 23,30
COSTO: 20 e 



PRENOTAZIONE VIA MAIL A:
centrostudicomunicazione@yahoo.it



Perché non riesci a vivere una relazione come vorresti? 
Come conoscere l’origine dei problemi e aggirare gli ostacoli 
Vinci la paura con la giusta motivazione 
Impara ad essere un leader nel gruppo 
Devo parlare in pubblico ed ho la tremarella. Ero sicuro di avere il coraggio 
sufficiente per affrontare il capoufficio e, invece, ha vinto la paura. 
Avrei voluto farle la dichiarazione ma, poi, l’ansia mi ha bloccato. 
La comunicazione efficace con gli altri (nelle relazioni private o 
professionali) e con se stessi (nella gestione delle proprie emozioni) 
è un problema che riguarda tutti.


La sfera emotiva non distingue il bene dal male. Accetta la sofferenza come la gioia ed è disposta a rimanere per anni in uno stato di dispiacere da cui trae, 
comunque, alimentazione emotiva. 
Cos'è l'autocontrollo emozionale e la SEDUZIONE DI SE STESSI
L’autocontrollo emozionale  interattivo è la gestione del rapporto con le nostre emozioni. E’ interattivo perché non può prescindere dal rapporto con gli altri ma, anche, con quella che è la nostra parte inconscia. Semplificando, possiamo localizzare l’Io razionale nell’emisfero sinistro e quello emotivo nell’emisfero destro. 
Come usare l’autocontrollo come espressione e non come censura 
Autocontrollo non significa porre dei limiti al proprio se ma vuol dire  abbattere vincoli e paure che ci impediscono di vivere secondo le nostre reali esigenze, non solo logiche, ma anche e soprattutto 
emotive. Per questo parliamo di autocontrollo interattivo che significa conoscere i nostri limiti e trovare, con gli strumenti corretti, la motivazione per sentirci appagati, soddisfatti, realizzati in tutte 
le situazioni della nostra vita. Spesso ci troviamo di fronte a scelte o a semplici momenti quotidiani (al lavoro, in famiglia, con gli amici) durante i quali siamo spinti ad agire secondo la nostra natura, i 
nostri bisogni. Per vincoli o difficoltà presenti in noi stessi veniamo bloccati, frenati, rinunciando al nostro vero obiettivo, alla nostra realizzazione, al nostro piacere. 




Attraverso la “comunicazione analogica non verbale” imparerai a conoscere e affrontare i tuoi limiti 
per superarli con strumenti innovativi e pragmatici. 
Un seminario teorico-pratico per conoscere la chiave di accesso alla nostra sfera emotiva e per capire come gestire e affrontare al meglio il mondo che ci circonda, migliorare le relazioni con il partner, i figli, i colleghi di lavoro 


Con il termine Autocontrollo emozionale si intende un insieme di strumenti atti alla miglior gestione delle emozioni ed alla capacità di governare abitudini che normalmente non riusciamo a controllare, abitudini che vorremmo eliminare o all'inverso abitudini che vorremmo acquisire.
Questi strumenti sono suddivisi in tre grandi famiglie:


1.Strumenti immaginativi (autocontrollo mentale)
2.Strumenti comportamentali (autocontrollo interattivo)
3.Strumenti simbolici (autocontrollo simbolico)


Si può affermare a pieno titolo che l'autocontrollo emotivo appartiene alla famiglia delletecniche di seduzione dove l'oggetto di
seduzione siamo noi stessi o meglio la nostra sfera emotiva.

OBIETTIVI

L'autocontrollo emotivo può aiutarci efficacemente a superare con successo situazioni stressanti che normalmente non vogliamo affrontare o che quando siamo costretti a farlo non riusciamo ad affrontare nel modo corretto.


Ecco alcune situazioni tipiche in cui è fondamentale aver acquisito gli strumenti dell'
autocontrollo emotivo:


Avere la forza interiore per sedurre e conquistare chi ci interessa
Parlare in pubblico
Superare un colloquio di assunzione
Superare una relazione sentimentale che ci fa soffrire
Eliminare abitudini dannose
Acquisire abitudini potenzianti
Superare l'abbandono della persona amata
Relazionarsi con una persona dell'altro sesso che ci coinvolge particolarmente
Approcciare una persona dell'altro sesso che non conosciamo e che ci piace particolarmente




Ci sono poi molte persone che temono il giudizio degli altri e questo gli fa perdere il proprio autocontrollo, si preoccupano ad esempio del loro aspetto fisico:
se sono troppo bassi o troppo alti, troppo grassi o troppo magri, se sono vestiti alla moda o fuori moda, se sono seducenti oppure goffi ed impacciati.


Chi ha questo tipo di preoccupazioni che non riesce a gestire, indipendente da come è in realtà, tenderà ad apparire agli altri come crede di essere.
Un meccanismo perverso farà si che le profezie nefaste che abbiamo consapevolmente o inconsapevolmente formulato tenderanno ad avverarsi.


Applicare la seduzione su noi stessi attraverso le metodologie di autocontrollo emotivo ci consente di uscire dai clicli negativi e di impostare dei cicli virtuosi che ci portano verso la crescita personale ed alla seduzione efficace della nostra sfera emozionale.

PROGRAMMA:

ATTEGGIAMENTO MENTALE: 
come affrontare con determinazione paure e sfide 


AUTOCONTROLLO: 
gestione dell'emotività, dei vincoli, dei timori individuali 


Come credere in se stessi anche di fronte a problemi o fallimenti. 


Atteggiamento mentale di distacco per affrontare tutte le sfide con passione e determinazione. 


POTERE PERSONALE: 
come diventare seduttori o seduttrici di grande fascino 


Sentirsi sicuri di sè in ogni occasione con potenti tecniche di programmazione neuro-linguistica. 


AUTOCONTROLLO EMOZIONALE:
Semplici ed efficaci tecniche per superare insicurezza, timidezza e paura di agire. 


I segreti del primo approccio: le migliori tattiche per stabilire il primo contatto con una persona. 


Perchè non riesci a concludere: gli errori da evitare dei seduttori alle prime armi. 


MOTIVAZIONE PERSONALE:


Come imparare a motivarsi recuperando le energie necessarie per porre in essere le azioni 
vincenti nel rispetto dei valori e delle convinzioni soggettive. 


GESTIONE DEL CAMBIAMENTO:


-gestione della propria immagine e motivAZIONE a migliorarla 


-trasformare le delusioni in motivazione 


INFORMAZIONI:
DOTT. MASSIMO TARAMASCO
TEL.: 333 1511703
MAIL: centrostudicomunicazione@yahoo.it
SITO: http://seduzioneblog.net
POSSIBILITA' ANCHE DI CONSULTI TELEFONICI E TRAMITE E MAIL CON INVIO DI file ed MP3

SEDUZIONE SUBLIMINALE INNAMORAMENTO CRESCITA PERSONALE - Genova Martedi 7 Febbraio


SEDUZIONE SUBLIMINALE INNAMORAMENTO E PERSUASIONE


Ciao, sei invitata/o al Corso   SEDUZIONE SUBLIMINALE INNAMORAMENTO CRESCITA PERSONALE  E PERSUASIONE: Il seminario la possibilità di capire gli intimi meccanismi della mente umana trovando le corrette chiavi di accesso per favorire gli approcci e la comunicazione interattiva.


Docenti: 

Massimo TARAMASCO :Ingegnere Ideatore del metodo IDS -ingegneria della seduzione-Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master, autore del libro "Ingegneria della seduzione" edizioni Lindau



Denise DEMURTAS : counsoller nella relazione d'aiuto



SEDE: GENOVA , VIA DELLA CONSOLAZIONE 1/3R

DATA : MARTEDI' 7 FEBBRAIO ore 21 


COSTO: 20 e 
PRENOTAZIONE VIA MAIL A:
centrostudicomunicazione@yahoo.it





PROGRAMMA:

Tecniche interattive e strategie relazionali in comunicazione analogica . 
Strumenti di comunicazione non verbale e simbolica e utilizzo finalizzato al raggiungimento degli obiettivi
Le tipologie simboliche dell’uomo e le sue combinazioni di accesso
Seduzione interattiva 
Il negoziato analogico
Direttività e non direttività Empatia 
Autorealizzazione, lavoro, creatività
Comportamenti simbolici che seducono, conquistano, coinvolgono
Simbolismo Emozionale
Tipologia comportamentale 

I livelli di investimento emotivo
Come superare i test che ci sottopongono i nostri interlocutori
Come avere sempre argomenti di conversazione
Le alleanze per il successo personale
Come superare i più comuni condizionamenti sociali e la paura delle opinioni altrui
Capire perchè le persone perdono interesse in te

Il Simbolismo permette di identificare la tipologia comportamentale dell'individuo attraverso le strutture simboliche archetipiche che rappresentano le chiavi di accesso all'emotività.
Scoprire la tipologia comportamentale dell’individuo significa trovare la chiave di accesso alla sua
sfera intima , al fine di ottenere un rapido coinvolgimento emozionale e risposte efficaci nell' interazione comunicativa.
Gestire le relazioni e l'approccio comunicativo al fine di conquistare e sedurre l'interlocutore.
Un seminario teorico e soprattutto pratico che porterà ogni partecipante a sviluppare le tecniche della comunicazione analogica all'interno di ogni ambiente (lavorativo o famigliare) o nei luoghi di aggregazione (con gli amici, con l'altro sesso, con il partner) .

Il seminario la possibilità di capire gli intimi meccanismi della mente umana trovando le corrette chiavi di accesso per favorire gli approcci e la comunicazione interattiva.

La Seduzione EMOZIONALE SIMBOLICA fornisce gli strumenti cognitivi e pragmatici per poter ottenere miglioramenti 
considerevoli nella comunicazione con l'oggetto del nostro desiderio, tramite la comprensione delle sue esigenze emotive. 

Massimo Taramasco

ideatore del metodo IDS (Ingegneria della Seduzione)
Esperto di Comunicazione Emozionale Subliminale
Love Coach e Formatore, Motivational Speaker, Life Coach & PNL Master


Tel: 333-1511703
Mail: centrostudicomunicazione@yahoo.it
BLOG: http://www.seduzioneblog.net
SITO: http://laseduzione.altervista.org

LA SEDUZIONE E' DIVERTENTE


LA SEDUZIONE E' DIVERTENTE


La seduzione è divertente.
Se non la percepisci così hai sbagliato qualcosa.
L'amore è gioia, se ti fa soffrire, non è amore.

 ogni persona ha la capacità di migliorare nella seduzione cosa penseresti? 
Se ti dicessi che attraverso lo studio e l’impegno puoi plasmare il tuo carattere
 e renderlo come vuoi? Le regole ci sono eccome! 


Nella seduzione noi ci mettiamo in gioco in modo totale , spesso in condizioni inermi .
 Chi vuole sedurre , deve sapere che sta iniziando un'operazione ad alto rischio.
 Per sè e per il potenziale partner. Evidentemente , come si suole dire , 
"il gioco vale la candela". In effetti , è grazie alla seduzione 
e al suo buon esito che noi assicuriamo la prosecuzione della nostra specie e la continuazione
 della nostra cultura attraverso i figli.
Capire questa "eccezionalità" della seduzione è una sfida affascinante ed intrigante.
 Nella nostra vita raramente siamo dei veri "seduttori" . Siamo molto più spesso seduttivi , 
ma è un'altra faccenda. Nella sua essenza , la seduzione è la rottura di un equilibrio
 standard fra due individui per la ricerca di nuove e irripetibili forme di equilibrio.

spesso non basta desiderare per essere seducenti. 
Secondo i risultati di un esperimento condotto su cento studenti dell'Università della Florida
 (un test che misurava le sensazioni di gruppi di ragazzi che trascorrevano una serata
 insieme per la prima volta) ad avere maggiori chance di seduzione sono le persone che
 mostrando all'inizio indifferenza, sono progressivamente passate alla gentilezza 
e all'apprezzamento. Il motivo di questo sarà forse che un interesse graduale appare 
più sincero e fondato di un iniziale e immotivato entusiasmo? 
Studi della psicologa americana Elaine Hatfield, dell'Università della Florida, 
indicano che risulta davvero irresistibile chi riesce a dare l'impressione di essere
 interessato solo a quel determinato patner e indisponibile per chiunque altro.
Sedurre e' un'arte alla portata di tutti?
Sedurre è un gioco divertente ma complicato. Che a volte inebria e a volte delude.
 Occorrono accurate strategie, attenzione all'impoderabile, e soprattutto rispetto dei tempi
 e delle fasi. Importantissimo scoprire il proprio punto di forza e metterlo in evidenza.
 "La prima cosa da fare è sentirsi in sintonia con se stessi, non guardarsi severamente,
 e volersi bene - suggerisce Abraham. - Ma piacersi non sempre è facile come sembra.
 Chi ha dei dubbi sul proprio fascino potrebbe provare a fare un semplice esercizio:
 guardarsi allo specchio come se si fosse un'altra persona.
In questo modo ci si libera delle proprie insicurezze e magari si scopre che quello 
che consideravamo un difetto può rendere indimenticabile un sorriso,
 conferire maggior sensualità ad uno sguardo.

 Da uno stato di estraneità totale si giunge a una condizione di intimità profonda .
 I comportamenti che prima non erano leciti , con la seduzione
diventano non solo leciti ma anche attesi.

domenica 29 gennaio 2012

RAGGIUNGERE IL BENESSERE






Gli ancoraggi emozionali sono uno strumento utile per raggiungere il benessere interiore ma anche nella vita in amore e nella seduzione.
Si usano anche nel metodo per vivere bene in tre fasi.
Le “ancore“ sono degli stimoli sensoriali (visivi, uditivi, cenestesici) collegati
a stati d’animo, ricordi, oppure altri stimoli sensoriali. Ogni volta che si presenta l’ancora si richiama lo stato d’animo o il ricordo o un altro stimolo.
Ad esempio vedere la bandiera può far scatenare sentimenti patriottici. Uno degli elementi che influiscono sul potere di un’ancora è l’intensità dello stato d’animo originario. Si può imparare a controllare il processo di ancoramento in modo da introdurre in se stessi ancore positive in sostituzione di quelle negative.
L’ancoraggio può essere utilizzato nel quadro di un processo di evoluzione
personale e in quello della comunicazione con l’altro.
1) Personalmente permetterà di accedere ad una risorsa interna per gestire
delle difficoltà ed essere al massimo delle prestazioni, oppure di memorizzare un compito.
Ad esempio se bisogna ricordare di restituire un libro la mattina dopo nel momento in cui si pensa di restituire il libro si può fare più volte il gesto di
aprire la porta d’ingresso, così quando la mattina dopo si aprirà la porta d’ingresso si penserà automaticamente che si deve restituire il libro.




Esercizio per raggiungere istantaneamente uno stato d’animo positivo:


Pensare ad un momento della propria vita in cui si era in uno stato d’animo
positivo (ad esempio di totale fiducia in se stessi).Mettersi nelle stesse
condizioni emotive e fisiologiche di quello stato ed al culmine dell’esperienza stringere il pugno e dire “Si!!”.
Ripetere alcune volte. Se non si è mai avuta un’esperienza del genere pensare
a come ci si sentirebbe avendone una. Ben presto ci si accorgerà che basterà gettare l’ancora per sentire a volontà lo stato d’animo desiderato.)
Si possono ancorare più stati d’animo produttivi, ad esempio uno ad ogni nocca che si preme.



EMOZIONE



L'EMOZIONE è LA BASE SU cui si fondano AMORE  e SEDUZIONE.
Gestire l'emozione e lo stato d'animo ci da la possibilità di governare i processi di amore e seduzione.


È vero o non è vero che quando siamo allegri, felici ed ottimisti siamo più disponibili
verso gli altri rispetto a quando siamo incazzati, delusi, e vediamo tutto nero?
Quindi lo stato d’animo che viviamo in un certo momento influisce sul modo in cui
percepiamo la realtà. Le parole che usiamo, il cosiddetto dialogo interiore riesce a creare
i nostri stati d’animo così come le nostre immagini mentali e le sensazioni che
proviamo.
Ed i nostri stati d’animo concretizzano le decisioni che prendiamo ed i comportamenti
che attuiamo o rimandiamo.
Facciamo un esempio: abbiamo proposto alla persona che ci interessa di uscire la sera
per andare al cinema. Lei ci risponde: “ti ringrazio ma oggi ho litigato con mia madre e
sono di umore nero. Non ne ho davvero voglia, magari un’altra volta”
A questo punto cosa devo fare?
Non insistere ma agire in modo da farle cambiare stato d’animo. Se riusciamo lei
probabilmente ci dirà : “ grazie mi hai fatto tornare il buon umore. Sai che ti dico? Un
cinema ci sta proprio bene questa sera.

sabato 28 gennaio 2012

COMUNICAZIONE E SEDUZIONE






Comunicazione e seduzione  possono essere collegati.
La comunicazione può essere seduttiva e persuasiva. Affinché
una comunicazione sia seduttiva, deve essere innanzi
tutto indiretta e allusiva. Il modo migliore è quello di trarre
spunto dai metodi comunicativi utilizzati da Milton Erickson,
il più grande ipnotista del ’900. Per comprendere questo
tipo di comunicazione, dobbiamo riuscire a comprendere le
regole della mente che governano il nostro approccio comunicativo.
Ognuno di noi si costruisce una sua personalissima
rappresentazione del mondo, filtrando gli input ricevuti dall’esterno
attraverso filtri (genetici, sensoriali, culturali, personali)
che fanno sì che l’essere umano di tutta la realtà ne
percepisca, in modo personale, solo una parte.
Questa personale rappresentazione della realtà è per lo
più subliminale, cioè inconsapevole. Noi sappiamo molte cose
che non sappiamo di sapere. Finiamo per non utilizzare
molte possibilità che in realtà potremmo utilizzare. La nostra
rappresentazione del mondo prende il nome di «struttura
profonda», profonda perché è «sepolta» nelle profondità della
nostra mente inconsapevole.
La nostra mappa del mondo parzialmente viene fuori attraverso
il linguaggio. La parte espressa con il linguaggio
prende il nome di «struttura superficiale». Superficiale perché
è la parte che emerge in superficie. La struttura superficiale
è una parte impoverita della struttura profonda.
I meccanismi che impoveriscono la struttura profonda,
114 INGEGNERIA DELLA SEDUZIONE
costituendo di fatto il passaggio alla struttura superficiale,
come studiato da R. Bandler e J. Grinder, sono tre:
– cancellazione (le informazioni presenti nella struttura
profonda nel passaggio alla superficie vengono cancellate;
– generalizzazione (che consiste nell’equazione, che si produce
a livello inconsapevole, che uno = tutto);
– deformazione (le informazioni presenti nella struttura
profonda nel passaggio alla superficie vengono modificate).
Questi tre meccanismi sono attivi in tutti gli esseri umani
e agiscono inconsapevolmente, dando origine alla struttura
superficiale, che si esprime attraverso il linguaggio. La struttura
superficiale è la forma del linguaggio che utilizzo. Studieremo
come utilizzare in modo attivo queste caratteristiche
degli esseri umani per mettere in atto una comunicazione
di tipo persuasivo. Riassumo brevemente questi concetti,
perché fondamentali per il seguito:
• Gli esseri umani si costruiscono inconsapevolmente una
mappa del mondo, che non coincide con la realtà oggettiva.
• La mappa del mondo è inconsapevole ed è personale, specifica
per ogni essere umano (ognuno di noi ha la sua mappa
del mondo, cioè si rappresenta la realtà a modo suo).
Questa mappa del mondo, che prende il nome di struttura
profonda viene utilizzata solo parzialmente.
• La mappa del mondo emerge, attraverso la comunicazione,
in modo impoverito. I meccanismi di impoverimento sono
la cancellazione, la generalizzazione, la deformazione.
Un esempio di cancellazione: «lui non mi vuole bene» (non
viene specificato come fa a sapere che l’altra persona non le
vuole bene); un esempio di generalizzazione: «sono sempre
sfortunato» (generalizzo, le volte che sono stato sfortunato
diventano: sono sempre sfortunato; le generalizzazioni si
esprimono verbalmente con sempre, mai, tutte le volte, nessu-
115
no, tutti: «nessuno mi vuole bene, non mi hanno mai amato
»); un esempio di deformazione: «ho bisogno di aiuto» (la
parola aiuto è una nominalizzazione, cioè trasforma il verbo
aiutare nel sostantivo aiuto che non specifica in che modo
devo essere aiutato).
La comunicazione seduttiva (ipnotica o persuasiva) utilizza
in modo attivo, come studiato da Milton Erickson, queste
caratteristiche dell’essere umano. Secondo Milton Erickson,
con comunicazione ipnotica si intende l’utilizzo di particolari
forme linguistiche attraverso le quali mandare il
messaggio (la suggestione che desidero sia attuata) alla
struttura superficiale dell’interlocutore, ma in modo tale che
sia inconsapevolmente recepito dalla struttura profonda ed
agito di conseguenza. La persona agirà secondo il messaggio
recepito dalla struttura profonda, pensando però che sia una
sua idea, non rendendosi conto che invece è stata influenzata
da un messaggio esterno. Per imparare la comunicazione
ipnotica dobbiamo imparare ad utilizzare tre modalità comunicative
che sono:
– i presupposti comunicazionali;
– i comandi nascosti;
– le domande incastrate.

RAPPORTI D'AMORE



I rapporti d'amore  sono spesso fonti di sofferenza, DESIDERIAMO partner affidabili che ci diano sicurezza ma ci capita di INNAMORARCI di chi ci tratta male e ci tradisce oppure non riusciamo a SEDURRE chi ci piace realmente.
La seduzione è un gioco sempre affascinante ma complesso, a meno di non conoscerne regole e segreti. conoscere le leggi della seduzione ci permette di attrarre amore
Massimo Taramasco

venerdì 27 gennaio 2012

PERSUASIONE SUBLIMINALE


PERSUASIONE SUBLIMINALE


la persuasione subliminale e la seduzione hanno molti punti in comune, entrambe ci consentono di vivere meglio le relazioni governandone le tante variabili

Imparare a trovare le variabili significative di gestione della comunicazione è importante sia nelle relazioni sentimentali sia a maggior ragione nelle relazioni lavorative dove un quadro aziendale od un manager hanno l'esigenza di interagire con molte persone, sia superiori sia collaboratori ma anche colleghi e clienti.

E' quindi necessario utilizzare dei protocolli comunicativi in grado di
ridurre la complessità a poche variabili significative in grado di dare al manager il pieno controllo
del processo di comunicazione per raggiungere sia gli obiettivi aziendali sia gli obiettivi personali.

In un processo di comunicazione le variabili che vanno tenute sotto controllo sono

  1. Canali sensoriali utilizzati dall'interlocutore o dagli interlocutori

E' necessario capire rapidamente qual è il canale sensoriale prevalente (visivo, uditivo, cenestesico) in modo da poterci allineare armoniosamente ricalcandolo .
Ricalcare significa parlare in chiave Visiva con i visivi, in chiave uditiva con gli uditivi ed in chiave cenestesica coni cenestesici.

In ambito lavorativo in riunioni con molte persone sarà necessario riprendere per tre volte gli stressi concetti utilizzando di volta in volta metafore comunicative differenti, (visive, uditive e cenestesiche) in modo che tutti i partecipanti recepiscano in profondità il messaggio e si stabilisca con tutti un rapporto empatico positivo.

  1. Stato dell'io utilizzato dall'interlocutore
Gli stati dell'io possibili abbiamo visto sono :
a) stato genitoriale che può essere paterno-punitivo oppure materno protettivo
b) stato bambino: creativo oppure ribelle
c) stato adulto: che elabora informazioni in modo logico razionale
Non esiste uno stato migliore di un altro ma vanno utilizzati tutti in modo armonioso finalizzandoli all'obiettivo prefissato.
In ambito aziendale e nella vendita l'obiettivo generale deve essere quello di ottenere il consenso evitando di generare conflittualità, nel rispetto dei tempi previsti, con il massimo beneficio economico e con piena soddisfazione per tutte le parti.

Il concetto di piena soddisfazione per tutte le parti è sempre importante ma diventa strategico quando si tratta di vendita, infatti consente di fidelizzare il cliente.

In che modo vanno utilizzati gli stati dell'io ?

Dipende dalla situazione:
in linea di principio lo stato bambino creativo va utilizzato per trovare nuove soluzioni od alternative quando ci si trova in una situazione di stallo, gli stati genitore quando si desidera incoraggiare o supportare (materno protettivo) oppure richiamare all'ordine (paterno-punitivo).
Lo stato adulto va utilizzato in tutte le altre fasi.

Nella gestione degli altri quando si percepisce una deriva della comunicazione è bene sempre rivolgersi agli altri mantenendo uno stato adulto in modo che la comunicazione venga re indirizzata nei giusti binari.

  1. Gestione della relazione
la relazione deve esser gestita eliminando eventuali escalation simmetriche o conflittuali.
Per fare questo dobbiamo avere la consapevolezza del tipo di relazione in quel preciso momento e qualora fosse di tipo simmetrico (conflittualità nascente) riportarla immediatamente ed in modo del tutto subliminale (anche in caso di complicazioni e conflittualità pregresse) ad una relazione complementare (armonica) attraverso delle gratificazioni logiche (a parole) accompagnate da piccole penalizzazioni analogiche ( comportamenti).
Queste ultime se restano subliminali (cioè non decodificate logicamente) servono a mantenere il giusto livello di emotività.
Piccole penalizzazioni analogiche possono esser prodotte gestendo la prossemica, cioè avvicinandosi in modo da invadere lo spazio personale, arrivando fino ad una distanza di 30 cm circa.

giovedì 26 gennaio 2012

IL SEGRETO DELLA MENTE



Il SEGRETO DELLA MENTE riguarda la capacità di gestire le proprie emozione, mettere cioè in atto una SEDUZIONE nei confronti della propria sfera emotiva.
Per ottenere quello che desideriamo, prima di tutto bisogna sapere con esattezza quello che vogliamo. E per sapere quello che vogliamo veramente,è necessario pensare ai propri desideri, sentire tutte le emozioni correlate, e poi, una volta stabilito, focalizzarsi su di essi.
Il termine focalizzarsi può essere inteso in due significati: focalizzazione nel senso di definire sempre più nello specifico i propri obiettivi, determinando esattamente quali siano, o focalizzazione intesa nel senso di concentrarsi con gioia su quelli che abbiamo stabilito essere i nostri desideri.

Tutto l’universo è costituito da energia sotto diverse forme, anche i nostri pensieri sono un tipo di energia, perciò essi contribuiscono alla materializzazione della realtà. Per ottenere i risultati che vuoi, devi impiegare le energie che sono più potenti. I tuoi pensieri hanno un’energia che varia a seconda di quanto spesso ed intensamente ti focalizzi su di essi, ma esiste un’energia che è ancora più forte: sono le tue sensazioni. Per attrarre dei risultati devi perciò sentire con tutto il corpo le sensazioni che si provano avendo già raggiunto l’obiettivo che desideri. E’ importante cioè non desiderare un risultato, ma calarti sensorialmente ed emozionalmente nel risultato come se lo avessi già raggiunto.
Questo è il modo in cui chiediamo all’Universo di manifestare i nostri sogni, ed è anche il modo attraverso il quale predisponiamo noi stessi a riceverli. Di seguito trovate cinquesuggerimentiprocessiesercizi, giochi (chiamiamoli come vogliamo), per focalizzarsi sui propri obiettivi e quindi attrarli nella propria esistenza.

Il segreto della mente passa attraverso la capacità di gestire paure e sigilli.
i sigilli sono blocchi che ci tengono vincolati a situazioni spiacevoli.



La paura è la leva usata per il tuo risveglio.

La paura ti impone di difendere il tuo corpo e i tuoi confini.

La paura ti fa cercare riparo e ti impone una scelta: essere o non essere.

Se vuoi essere, incontrerai il potere. La scelta stessa di confrontarti con la paura e non farti annientare, ti fa sperimentare il potere.

Il potere stesso di spaventare la paura, gestire il tuo mondo, creare la tua realtà.

Per fare questo devi essere in grado di esercitare potere. Dovrai imparare strumenti linguistici, emotivi e rituali.


Il segreto per salire nella scala vibrazionale delle emozioni consiste nell’essere consapevoli delle Emozioni e nell’essere sensibili a esse, perché se non siete consci di ciò che provate non potete capire se state salendo o scendendo.
Ma se dedicate un pò di tempo a cercare di capire cosa provate, ogni miglioramento emotivo significa che state compiendo progressi verso il vostro obiettivo, mentre un’intensificazione di un’emozione negativa significa che state procedendo nella direzione sbagliata.