mercoledì 1 febbraio 2012

SAN VALENTINO PER CUORI SOLITARI IN CERCA D'AMORE



San Valentino è alle porte e i cuori solitari escogitano disperatamente strategie di conquista del loro oggetto di desiderio e dell'amore.
14 febbraio: una data che suona speciale per tutti gli innamorati. In quel giorno la tradizione vuole che l’innamorato faccia la sua dichiarazione; questa dovrebbe suonare come "vuoi essere il mio Valentino?”. Se l’altra persona dice di sì, significa che il sentimento è corrisposto e che i due cominciano ad intraprendere una relazione romantica. La ricorrenza è quella del giorno in cui venne giustiziato San Valentino, colpevole di aver unito in matrimonio cristiano delle coppie di innamorati nella Roma pagana del 270 a.C.

Santificato dal Papa Gelasius, è diventato il santo patrono delle “coppie di piccioncini”; proprio questo eufemismo per definire gli innamorati rimanda ad un altro motivo che ha reso metà febbraio la festa dell’amore: secondo la cultura popolare, il 14 di quel mese è il momento dell’anno in cui gli uccelli cominciano a scegliere i proprio compagni. Si tratta di una festività più sentita dal genere femminile o, indipendentemente dal sesso, dalle persone dall’indole dolce e amorevole, come ha provato la psicologa Shirley Matile Ogletree della Southwest Texax University con due successive indagini. Secondo questi studi sono proprio le donne, specie se molto femminili, a ricevere e a consegnare il maggior numero di regali o lettere di San Valentino. Non per tutti però è una giornata da “incorniciare”; per qualcuno questa può essere una ricorrenza da dimenticare se non si è corrisposti o se si viene rifiutati.
Se un tempo per la festa degli innamorati si scartavano cioccolatini a forma di cuore accompagnati da bigliettini romantici, al giorno d’oggi il mezzo più diretto, anche se non altrettanto efficace, per la conquista è sicuramente facebook.
Di solito si comincia con un ‘ehi, che fai?’ in chat, per poi proseguire a ritmo incalzante secondo gli umori e l’ispirazione del momento. Conversazioni in chat che nel migliore dei casi finiscono con un incontro fortuito, ma nel peggiore con una delusione che causa ancora più aspettative frustrate.
Il termine "seduzione" crea spesso un certo interesse, a volte anche inquietudine o imbarazzo.
Noi intendiamo per seduzione quel processo che porta ad attrarre qualcuno verso di sè o verso le proprie idee.
Talvolta si abbina la seduzione alla manipolazione dando un significato negativo sia alla seduzione che alla manipolazione.
In verità ogni volta che ci interessiamo ad una persona mettiamo in atto delle tecniche, magari inconsce, di manipolazione e di seduzione.
Ciò che fa la differenza sono le nostre intenzioni.
Ci sono persone che riescono in modo molto naturale ad attrarre persone verso di sè.
Si parla anche di persone che hanno un particolare carisma.
Il carisma è qualcosa che si può imparare; noi possiamo apprendere la capacità di sedurre, di piacere, di coinvolgere, di attrarre persone verso di sè.

Uno degli errori più comuni che le donne fanno in amore  è quello di credere che il desiderio maschile risponda solo alla bellezza fisica femminile. Questa è una visione limitata e limitante e sbagliata. La bellezza può essere un'esca ma non fa innamorare.  L'innamoramento  risponde soprattutto a proiezioni, fantasmi personali e sollecitazioni emotive specifiche che hanno ben poco da spartire con l'aspetto fisico.

Molte donne confondono i loro criteri di valutazione estetica delle altre donne con i criteri erotici degli uomini: pensano per esempio che una donna che loro trovano bella sarà giudicata così anche dagli uomini, e che al contrario una donna che loro giudicano poco attraente risulterà insignificante anche gli occhi maschili. E ancora una volta, queste donne sbagliano.
Cosi come sbagliano in maniera particolarmente dolorosa e limitante quelle che credono che gli uomini le vedano come loro si vedono. Gli uomini non guardano le donne con occhi femminili, e in genere sono attratti da dettagli fisici o da ciò che una donna “emana”,da particolari che rispondono a criteri consci e inconsci che fanno parte della storia soggettiva di quell’uomo in particolare e dei suoi personali fantasmi erotici. In altre parole, gli uomini vedono delle donne soprattutto il desiderio che ne hanno.


Le relazioni umane odierne sono indubbiamente di difficile gestione. Donne sempre più intraprendenti, determinate a tutti i costi, a volte prevaricanti che sfiancano l’uomo con corteggiamenti spesso inopportuni rispetto al ruolo che dovrebbero ricoprire nella
conquista. Femmine aggressive e maschi impreparati? Forse.
Lo stress, il superlavoro, il poco spazio per la vita di coppia e ancor di più per il corteggiamento portano l’uomo a sentirsi inadeguato: “Una donna intraprendente può essere un potente afrodisiaco ma spesso l’uomo che si sente ‘preda’ tende a scappare poiché avverte l’avvenenza femminile come una minaccia verso la propria virilità.
Viene meno il ruolo di maschio predatore, insomma, oltre al ruolo di uomo protettivo-
La regola di base è che la forza della seduzione e quindi la forza del desiderio è molto più elevata della
forza della ragione e quindi la volontà andrà nella direzione della forza più trainante.

La nostra vita è piena di comportamenti razionalizzati a posteriori cioè giustificati razionalmente solo dopo
essere stati prodotti.

La seduzione e le tecniche di seduzione sono utili in tutte le fasi in cui si sviluppa un rapporto sentimentale:

conoscenza

innamoramento

relazione

Nella fase di conoscenza seduzione e tecniche di seduzione ci permettono di entrare da subito in relazione positiva con la persona che ci interessa, rompendo il ghiaccio o direttamente o indirettamente ed entrando senza generare meccanismi difensivi nel mondo del nostro interlocutore.

Nella fase di innamoramento seduzione e tecniche di seduzione ci permettono di far scattare nella perosna di nostro interesse potenti automatismi di attrazione e desiderio che vengono poi codificati a livello logico-razionale come innamoramento.

Nella fase di “relazione” cioè di sviluppo del rapporto nel tempo seduzione e tecniche di seduzione ci permettono di effettuare quella “manutenzione del rapporto” necessaria a far si che non si scada nella routine e nell'abitudine mantenedo sempre alto il livello di passionalità ed impedendo di fatto che un “terzo incomodo” si insinui all'interno del nostro rapporto.

L'ingegneria della seduzione (IDS) è la metodologia più moderna ed efficace che studia in modo preciso ed “ingegneristico” tutte le strategie e le tecniche di seduzione formalizzandole in modo chiaro e preciso in modo da renderle fruibili da tutti insegnando in modo pragmatico ed immediatamente applicabile metodologie che ci permettereranno di vivere bene e meglio la nostra vita di “relazioni sociali”.


Nessun commento:

Posta un commento