domenica 1 aprile 2012

Impegno d'amore






L'impegno d'amore è il fine al quale dovrebbe tendere una seduzione
Se si desidera veramente conoscere l’amore e costruire rapporti duraturi, allora è necessario impegnarsi ad essere affettuosi, altruisti e premurosi.
Spesso però LA PAURA d’impegnarsi è il più grande ostacolo  all’amore.
Un'altra paura è quella dell'abbandono

La paura dell'abbandono accompagna la vita di tutti: da bambini temiamo
l'abbandono dei genitori, ma anche da adulti continuiamo a temere che le persone che amiamo ci lascino. Imparare a gestire questa paura è il primo passo verso la felicità. 



Può anche darsi che questo tipo di paura investa la sfera lavorativa  e/o sociale; in ogni caso l’incapacità di impegnarsi in una relazione di coppia impedisce di creare legami solidi e duraturi.
Quando si ama veramente, ci si sente totalmente legati all’oggetto del proprio amore e quindi si fa in modo di essere sempre presenti nel momento del bisogno e  si pone il proprio amore davanti ad ogni cosa.
Così appare evidente che se si desidera  l’amore, si debba cercare di superare la propria paura ed essere disposti a dare tutti se stessi per le cose e le persone che si amano.
Purtroppo la mancanza d’impegno è un problema molto comune.

Gli uomini che hanno paura di impegnarsi sono spesso romantici ed idealisti e convinti che quando
troveranno la donna giusta che sa dare loro gli stimoli giusti avranno voglia di fare sul serio,
cambiare vita e formarsi una famiglia. Molti uomini con la paura dell’impegno si lamentano che la
fidanzata è troppo possessiva, insicura, gelosa e non è mai contenta e che il suo atteggiamento
negativo toglie loro il piacere di stare insieme.



Questi uomini desiderano innamorarsi follemente, avere un rapporto fatto di risate, complicità,
passione ed emozioni forti e non sono disposti ad accontentarsi di niente di meno.
Sono stati innamorati in passato e sanno bene cosa significhi : si aspettano da ogni rapporto di
riprovare quella stessa magia, il batticuore, le ginocchia che tremano..purtroppo per quanto
desiderino innamorarsi riescono soltanto a provare dei sentimenti tiepidi per la donna con cui stanno






Soprattutto per chi poi, è già stato lasciato. Inconsciamente  non ci si sente preparati ad affrontare  un altro rapporto, con il rischio del dolore emotivo derivante da un’eventuale  separazione o da una perdita.
Molti finiscono col scegliere di vivere in una “tranquilla disperazione” , sapendo che l’amore esiste e che si può avere, ma timorosi del dolore che ne può derivare, nel caso lo si perda.



Il primo consiglio di fondo è senza dubbio quello di fare della conoscenza profonda dell’altro un obiettivo importante e prioritario da cui poi dipenderà in ultima analisi il buon andamento del rapporto di coppia, che viene misurato concretamente da un particolare indicatore: la voglia di stare insieme . Si, proprio così, il tempo che si desidera trascorrere con l’altro per comunicare, giocare, amare, divertirsi, crescere, ma anche per affrontare insieme i problemi della quotidianità, diventa un tempo di vita che indirettamente è la misura di un rapporto di coppia riuscito e che funziona bene, in cui entrambi i partner possono affermare di essere veramente felici.
A parte il suddetto consiglio di carattere generale, a chi è veramente attento e motivato a vivere un rapporto di coppia sereno, equilibrato ed armonico si potrebbe suggerire di approfondire la conoscenza dell’altro facendo ricorso ad alcuni semplici strumenti della comunicazione interpersonale e dell’intelligenza emotiva , primo fra tutti “il campo di esperienza

Nessun commento:

Posta un commento