venerdì 4 maggio 2012

Le fasi dell'amore







le fasi dell'amore sono fondamentalmente due
 innamoramento o seduzione ed amore.
l'amore è una razionalizzazione della relazione


Cosa porta una persona ad innamorarsi di un’altra?
In genere, sono fattori inavvertiti dalla coscienza, e se l’innamorato si fa questa domanda, costruisce le risposte attraverso una analisi logica e razionale: mi piace fisicamente, come mi tratta, la sensibilità, le sintonie fra noi…
Ma l’innamoramento non è legato ad  analisi del genere; ci si innamora per una pura spinta emozionale.



Nella fase dell’innamoramento, in cui la forza dell’emozione e delle sensazioni è massima, il cervello si trova in uno stato di sovraeccitamento, “inondato” da endorfine e da altre sostanze che alimentano la condizione di benessere e di esaltazione tipica di questo stato.
Se vi è la possibilità di realizzare una relazione affettiva, in cui si sperimenta un certo stato di stabilità e sicurezza, dopo un certo periodo si assiste ad un’ evoluzione e a una modificazione delle emozioni che si provano.





Dopo la tempesta dell’innamoramento, si assaporano nuovi piaceri e nuove emozioni intense legate al senso di sicurezza, alla serenità, al senso di appartenenza reciproca, alla consapevolezza della presenza e del sostegno del partner.

L’attaccamento non è prepotente come l’innamoramento, che è un fuoco che divampa, ma può essere una fiamma inestinguibile che lega due persone in un impegno costante e gratificante, che può durare anche per tutta la vita.  





  La ragione e la volontà devono convalidare quello che il sentimento ha proposto e l'impegno che si assumono non è verso i valori sessuali o emozionali, ma verso il valore ontologico della persona. L'accettazione totale e incondizionata dell'altro nella nostra vita è resa possibile, innanzitutto, dalla minimizzazione nel rapporto, dell'aspetto narcisistico: in altre parole, per poter amare bisogna essere poco egoisti e dimenticare le soddisfazioni personali per dare spazio alla costruttività e alla gioia di donare. In caso contrario, sarebbe carente la disponibilità a vedere e a valutare le esigenze, le caratteristiche e la personalità dell'altro/a se non in funzione di sé: la fase dell'innamoramento non sarà mai superata e sarà così confusa con l'amore, che è invece la dimensione realistica e di verifica dell'innamoramento: nell'innamoramento, infatti, si percepisce il valore della persona amata, ma non ci si rende conto di quale debba essere l'atteggiamento pratico di fronte a quel valore; nell'amore, invece, si scopre il significato di questo valore e si cerca di contribuire alla sua realizzazione.



La comunicazione all'interno del sistema di coppia è altrettanto vitale per il rapporto quanto lo è la circolazione del sangue per continuare a star bene di salute; il sangue infatti nutre e purifica l'aria dei polmoni ed elimina i rifiuti e le sostanze tossiche; se la circolazione viene impedita o subisce qualche alterazione, il corpo si ammala e può morire.
La comunicazione porta idee nuove e indici di attenzione e di accettazione, ed elimina paure e ansietà; se il dialogo trova ostacoli, il rapporto si indebolisce e può estinguersi.
Talvolta infatti, può succedere che una coppia, passati i primi tempi, restringono il dialogo a quelli che ritengono argomenti «sicuri»; piuttosto che discutere sul come si sentono e sulla loro identità, parlano del tempo, della televisione e dei prezzi delle cose; cominciano la lenta discesa nella noia e nell'irritazione vicendevole. 


Nessun commento:

Posta un commento