lunedì 18 giugno 2012

Cosa fare al primo appuntamento ?

COSA FARE AL PRIMO APPUNTAMENTO




Cosa fare al primo appuntamento ?
La risposta è una sola:
REPERIRE INFORMAZIONI: farla o farlo parlare.
Cosa dobbiamo cogliere, per poi utilizzare successivamente per fornire il giusto nutrimento emozionale per stimolare le motivazioni alla formazione della coppia?
Vediamolo:
1) La sua vita familiare; il rapporto con i genitori; con quale andava maggiormente d’accordo o era più conflittuale;
se vi siano fratelli o sorelle; se vi siano stati traumi
infantili o eventi comunicativi disastrosi con mamma e papà.




2) Se la persona sia sposata o convivente; se abbia figli;se abbia o meno un rapporto di coppia appagante e da quanto tempo; se è profondamente legata al coniuge;
perché si sono uniti e così via. Valutare anche se via
siano state separazioni e quanto abbiano inciso sulla
serenità.
3) Se - specie nei presunti singles - vi siano state storie sentimentali importanti, delusioni amorose, aspettative frustrate; se vi siano legami in corso o strascichi di passate relazioni. Cercare di capire anche come sia la vita sessuale, se appagante o carente e, nel secondo caso,
individuare se trattasi di una deficienza quantitativa (per la mancanza di partners o a causa di compagni non adeguati) o qualitativa (presenza di sessualità ma non con le persone desiderate).
4) Se l’attività lavorativa sia soddisfacente; se l’individuo aspiri ad altre mansioni o a redditi maggiori; se vi siano sogni nel cassetto, progetti, ambizioni, ideali. 
Valutare se si tratti di soggetto pigro, inconcludente,
oppure se sia un forzato del lavoro; capire anche se
la persona si auto definisca fallita o vincente. Ogni
punto  può essere caratterizzato da carenza
 o da eccesso  di quel determinato elemento. Il disoccupato soffre, ma soffre anche l’iper occupato, che guadagna molto ma è pieno di stress e non ha il tempo per spendere i soldi o per stare con la sua famiglia.

Nessun commento:

Posta un commento