venerdì 8 giugno 2012

Lesbiche e bisex



Sono molte le donne che vivono più o meno saltuariamente esperienze lesbiche e altre che sono sostanzialmente bisex.

Quali sono le caratteristiche della  seduzione tra donne.

Molte donne sono fondamentalmente etero e l'esperienza lesbo si fema al bacio.
Altre invece ricercano e si innamorano esclusivamente di donne.
Però pochi uomini sanno davvero che basta un bacio per far godere la donna. Anche perché il resto del sesso fra due donne non è molto di più. È un lungo scivolamento. Un lungo bacio che cresce. Una carezza infinita.
Questo è anche il suo limite. Il limite del sesso lesbico. La tenerezza e la dolcezza limitano la sessualità.
donne le quali non abbiano avuto almeno una volta nella loro vita, un rapporto sessuale con lo stesso sesso…e per quelle che ancora devono arrivare alla praticità della questione, nelle loro fantasie non escludono o al limite, non disdegnerebbero, l’esperienza saffica.
Non si parla di lesbismo ma di bisessualità, più o meno marcata ove quasi tutte dettano percentuali di
preferenza per il sesso opposto ma riservano comunque una parte di attenzioni allo stesso sesso.
Hanno scoperto che il loro mondo è spesso molto più affettuoso e protettivo di quello maschile, la
comprensione viaggia su onde della stessa frequenza, l'aiuto e il sostegno son dati senza bisogno di chiederli.
L'amore, la confusione, la ricerca di una identità precisa, i generi sessuali che si mescolano.
Qualcuno utilizzerebbe la definizione "bisex", ma non è neppure di questo che si tratta. L'affetto che nasce tra amiche quando si attraversa la difficile fase "teen", le affettuosità che ci si scambia in pubblico senza pudori (a differenza dei maschietti), condividere i trucchi e a volte anche i fidanzati, vestirsi allo stesso modo, organizzare
i pigiama party, dormire nello stesso letto, chiacchierare fino a notte fonda, raccontarsi segreti che nella vita adulta probabilmente non si vorranno più diffondere con tanta scioltezza. E infine sperimentare, andare oltre l'affetto, baciarsi e forse anche qualcosa di più.
A questo punto è necessario fare delle precisazioni. Le persone veramente omosessuali sono persone,
generalmente, che non provano proprio alcun tipo di interesse né fisico né psichico verso individui del sesso opposto. La bisessualità credo invece che si concentri più sull’aspetto sessuale: solitamente un individuo bisex è attratto fisicamente e psichicamente da persone del sesso opposto ma sente l’esigenza (solitamente fisica) di avere rapporti con una persona del suo stesso sesso. A volte capita che persone eterosessuali si innamorino di una persona dello stesso sesso e cominciano a chiedersi “Sono omosessuale? Sono bisex? Cosa sono?” Ma
perché concentrarsi tanto su questo aspetto? Se io donna mi innamoro di te donna, sono IO che mi innamoro di TE. E’ la mia personalità che si innamora della tua, è la mia essenza che si innamora della tua. Perché dover subito etichettare una persona come omosessuale? Ci sono casi di persone eterosessuali che hanno avuto una storia d’amore nella loro vita con una persona del loro stesso sesso. 


Queste persone vengono etichettate come omosessuali ma in realtà non lo sono. A volte ad attirarci di una persona del nostro sesso possono essere degli atteggiamenti o delle emozioni che essa ci dà e che magari non abbiamo ricevuto da un individuo del sesso opposto. Ad esempio una donna che non ha mai ricevuto particolari attenzioni da un uomo, che non è mai stata corteggiata o portata a cena fuori può restare affascinata da una donna lesbica (o etero) molto mascolina che le dimostri le sue attenzioni. Ma in quel caso non si tratta di omosessualità, perché alla donna che rimane affascinata non piacciono le donne: piace il lato maschile dell’altra donna.
in altri casi invece la sessualità è esclusivamente te lesbica per cui si ricerca l' AMORE GAY TRA DONNE.
La maggior parte delle lesbiche i ha sperimentato un rapporto di coppia di lunga durata. Hanno amori e dolori per un tempo che va dai sei mesi ai cinque anni, poi magari si sono lasciate e si ricomincia da capo.
Fidanzarsi significa combinare con pazienza  una serie di pezzi di puzzle maledetti, tra cui:
- il quantitativo di "amore" disponibile (eh bhè! districarsi tra lavoro, studio, sport ed altri impegni)
- eliminare con discrezione le ex
- condividere paure, paranoie, (sopportarsi durante le mestruazioni è veramente dura!)
- far fronte a qualsiasi difficoltà passeggera (possibili ripensamenti sul proprio essere lesbica ad esempio)
- combattere contro pregiudizi e conoscere tutti i parenti (un letto caldo va trovato quanto prima!)
- non rinchiudersi in un guscio lesbico eliminando le amicizie (gli amici, meglio se anche uomini, sono
necessari!)
Il fatto è che fidanzarsi la seconda volta,può essere un problema.
Fidanzarsi seriamente, innamorarsi, crederci, fidarsi (aver fiducia in se stessi), fare progetti,
pensare che magari si ripeteranno di nuovo quelle scene oscene in cui si arriva ad odiarsi perchè
una ha lasciato i piatti sporchi e l'altra vuole andare al cinema invece che farsi le canne sul divano.
Entra in gioco la paura. E non c'è un trucco o una via di fuga, ognuna di noi fa i propri conti e cerca di capire quale direzione è conveniente, considerando emozioni e sentimenti, prendere.
E comparare la propria ex con la nuova "vittima" non serve, siamo cambiate noi nel tempo e quello che ci piace, come le nostre necessità sono diverse, distanti.
Quindi che fare?
Dopo un giusto periodo di riflessione è giusto rimettersi in gioco.
ecco alcuni consigli per un approccio lesbo:
- Osservala da lontano
- Poi passale vicino, magari struscia gentilmente la tua mano contro la sua
- Fai qualcosa che attiri la sua attenzione
- Sorseggia un drink e fai finta di essere un po' ubriaca mentre balli o parli con le tue amiche
- A questo punto fissala, deve capire che c'è solo lei.
- Il gioco è fatto, se non è cieca e se un minimo ricambia il tuo sguardo: è cotta a puntino.

2 commenti:

  1. Wow, io amo le donne bi sex, è il mio segno erotico fi da ragazzino e mi piacerebbe realizzarlo.
    Se mi volete contattare per dar vita al mio sogno potete scrivermi all indirizzo di posta (roki.fede@gmail.com)
    Vi aspetto numerose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina