sabato 7 luglio 2012

Allenare la mente per il successo




Allenare la mente è l'unico modo per avere successo in qualunque area della vita.
E ' importante cominciare a pensare a come mi aspetto che le cose andranno, a cosa potrà succedere. Entrare nell 'ottica, come abbiamo detto, che siamo psicologicamente canalizzati ed orientati dal modo in cui anticipiamo gli eventi. (L 'uomo ricercatore G. A. Kelly).
Sono le aspettative che appesantiscono i gesti. Il successo  è nella  convinzione: anche quando perde è convinto di poter riuscire.
Se le persone credono in voi, non siete pazzi, siete un "movimento" di tendenza ed opinione.
Il modello non va imposto ma va costruito con chi ci circonda. Lo zaino, con ciò che mi serve, va preparato insieme alle persone che mi stanno vicino. Se voglio andare in montagna devo deciderlo prima di partire e di conseguenza preparare l 'occorrente, non dimenticando che il tutto va portato sulle spalle. E non per tutti sono indispensabili le stesse cose!
 Il tuo modo di pensare ti favorisce, da un lato, ma dall 'altro ti preclude molte altre possibilità. Ogni libertà da un lato è una possibilità in più, dall'altro lato è una zavorra che ti limita. Siamo influenzati dai pensieri che ci appartengono ma per fortuna non tutti i pensieri appartengono a tutti: ogni medaglia ha sempre due facce, le qualità che ti appartengono costituiscono il tuo potenziale nel "qui ed ora", cambiando ambito e contesto storico ogni cosa che possiedi può arrivare a costituire il tuo limite.
Migliorare ciò che si possiede: ogni pensiero è puro nel suo modo di manifestarsi ma è impuro in contesti diversi.
Ogni modo personale di fare esperienza è un modo personale di conoscere. Il linguaggio descrive ciò che possediamo sia in termini di possibilità sia in termini di limiti. Se ne siamo consapevoli riusciamo a correggerli, altrimenti no.
. L'identità si struttura con un rito che possiede o che costruisce dentro di Sé, costruirsi un identità é parte essenziale dell 'esperienza d'essere uomo. Le sensazioni che proviamo non sono le uniche possibili ma sono quelle che riteniamo al momento le più valide. Se io abbino al volo il vuoto, ho paura e mi vengono le vertigini, ma se io volo realmente non succede. 
Più sei geloso del tuo spazio mentale, meno sei influenzabile dall 'esterno, più mantieni il tuo focus attentivo adeguato, più sei orientato a vincere.
Si vince e si perde più per sentito dire, subendo le aspettative interne ed esterne. La tua attenzione è posta a ciò che ti interessa e che per te conta. Così vi è un dispendio minimo di energie e un massimo risultato ottenibile. Per ottenere il risultato deve possedere il permesso di vincere. 
 Sognare è utile e opportuno: il problema è portare il sogno alla realtà. Il canale visivo è immediato, più comparabile e più elaborabile. Prima di apprendere gli strumenti, i sogni vanno vissuti: il rilassamento non va solo sognato, va anche praticato!
Sognare e costruire gli strumenti per arrivare al risultato è fondamentale, in ogni caso alla base di tutto c 'è la costruzione della relazione con l 'atleta. Sognare insieme è importante perché la realtà si costruisce solo assieme. L 'obiettivo da raggiungere è la "mission" che ognuno possiede. Se sogni di raggiungerla l 'hai già raggiunta dentro di te e devi impegnarti per raggiungerla anche fuori di te: alla visione si aggiunge quindi la missione, cioè l 'impegno costante e frequente, il lavorare per raggiungere l 'obiettivo, il crederci comunque. Il visionario ha già vinto perché ha l 'idea della vittoria e ci crede prima di averla raggiunta.

Nessun commento:

Posta un commento