venerdì 20 luglio 2012

Doppio legame



Il doppio legame è figlio del paradosso.
Partendo da un paradosso si può strutturare un doppio legame.
I motivi possono essere molteplici, ad esempio è possibile risolvere problemi con il doppio legame.
Si può definire il paradosso come una contraddizione che deriva dalla deduzione corretta da premesse coerenti.
Esistono paradossi logico-matematici (antinomie), definizioni paradossali (antinomie semantiche) e paradossi
pragmatici (ingiunzioni paradossali e predizioni paradossali), che, nell’ambito della struttura della teoria della comunicazione umana e del comportamento, corrispondono chiaramente ai tre settori principali di questa teoria: il primo tipo di paradosso alla sintassi logica, il secondo alla semantica e il terzo alla pragmatica.
I paradossi logico-matematici si presentano nei sistemi logici e matematici e si fondano quindi su termini come numero o classe formale. Le definizioni paradossali differiscono dalle antinomie soltanto in un unico aspetto importante: non si presentano nei sistemi logici e matematici ma derivano piuttosto da certe incoerenze nascoste nella struttura di livello del pensiero e del linguaggio. I paradossi pragmatici, infine, sono quei paradossi che si presentano nelle interazioni in corso e che quindi determinano il comportamento. È possibile descrivere gli elementi di un doppio legame come segue:

• due o più persone sono coinvolte in una relazione intensa che ha un alto valore di sopravvivenza fisica
e/o psicologica per una di esse, per alcune, o per tutte;
• in un simile contesto viene dato un messaggio che è strutturato in modo tale che (a) asserisce qualcosa,
(b) asserisce qualcosa sulla propria asserzione e (c) queste due asserzioni si escludono a vicenda;
• infine, si impedisce al ricettore del messaggio di uscir fuori dallo schema stabilito da questo messaggio, o metacomunicando su esso (commentandolo) o chiudendosi in se stesso.
Una persona in una situazione di doppio legame è quindi probabile che si trovi punita (o almeno che le si faccia provare un senso di colpa) per avere avuto percezioni corrette, e che venga definita “cattiva” o “folle” per aver magari insinuato che esiste una discrepanza tra ciò che vede e ciò che “dovrebbe” vedere. Per la natura della comunicazione umana il doppio legame non può essere un fenomeno unidirezionale. Se un doppio legame
produce un comportamento paradossale, allora sarà proprio questo comportamento a “legare doppio” il “doppio legatore” e questa reciprocità esiste anche quando tutto il potere sembra essere nelle mani di una parte mentre l’altra è del tutto indifesa perché alla fine, come spiega Sartre, “il torturatore è degradato quanto la vittima”.
Per definire la connessione esistente tra il doppio legame e la schizofrenia possiamo dunque aggiungere altri due criteri:
• quando si ha un doppio legame di lunga durata, forse cronico, esso si trasformerà in qualcosa che ci si
aspetta, qualcosa di autonomo e abituale, che riguarda la natura delle relazioni umane e del mondo in genere, una attesa che non ha bisogno di essere ulteriormente rafforzata;
• il comportamento paradossale imposto dal doppio legame a sua volta ha natura di doppio legame, e
questo porta a un modello di comunicazione autoperpetuantesi.
Il doppio legame, quindi, non è semplicemente un’ingiunzione contraddittoria, che offre almeno la possibilità di compiere una scelta logica tra due alternative, ma un vero e proprio paradosso, che fa fallire la scelta stessa (illusione di alternative) e mette in moto una serie oscillante e autoperpetuantesi (un vero e proprio modello paradossale). Le comunicazioni paradossali legano quasi sempre tutti coloro che vi sono coinvolti: dall’interno, quindi, non si può provocare nessun cambiamento (gioco senza fine) e può verificarsi un cambiamento soltanto uscendo fuori dal modello. 

1 commento:

  1. Le comunico che ho messo un link a questa pagina sulla pagina di Facebook
    http://www.facebook.com/DoppioLegame?ref=hl
    potevo farlo col suo permesso o senza il suo permesso ?
    Grazie

    RispondiElimina