venerdì 31 agosto 2012

Asta, Triangolo, Cerchio




Asta, Triangolo, Cerchio sono simboli analogici fondamentali, tipologie analogiche di base,  una sorta di imprinting per tutti gli esseri umani.
Secondo questa disciplina chiamata “Comunicazione Analogica” (analogica perché l’emotività si basa sulla comparazione di analogie situazionali nonché per la preponderanza della comunicazione non verbale insita in essa), tre sono i simboli base riconosciuti dalla sfera emotiva che GOVERNA il nostro comportamento ( ci permette di gestire le emozioni) e che compongono il simbolismo comunicazionale. Essi si chiamano (secondo la loro forma geometrica):  “Asta” (simbolo paterno),  “Triangolo” (simbolo materno) e “Cerchio” (conflittualità egocentrica che poi si suddivide ancora in egomaschio [ex triangolo] ed egofemmina [ex asta]). Ogni essere umano s’identifica inconsciamente in uno di questi tre simboli, manifestando comportamenti, gestualità e frasari tipici del proprio simbolo conflittuale. Così identificandosi tende a trovare antipatici quelli che sono della sua stessa natura, e simpatici o neutri gli altri, come un polo magnetico (nord, sud, paramagnetico) o un gate tri-stato (1, 0, alta impedenza), in base al proprio simbolo conflittuale e la propria “distonia” (analogo alla carica elettrica positiva o negativa) “ESSERE” o “AVERE”. L’analogia tra la comunicazione analogica e l’elettromagnetismo non finisce lì, c’è anche l’aspetto induttivo dove analogamente ad un campo elettrico che induce, ed è indotto da, un campo magnetico, anche un “campo” simbolico induce, ed è indotta da, un “campo” distonico (o di tensione emotiva tra desiderio e possesso che produce “potenziale” emotivo proprio
come quello elettrico); come c’è una legge fisica che determina l’influenza dell’interazione tra campo elettrostatico e campo magnetico ce n’è una legge psicologica altrettanto rigida che determina l’influenza della distonia sul simbolismo e vice-versa. Lo stato ESSERE fa sì che la persona sia motivata da un comportamento “omologo” al proprio segno, quello AVERE da un comportamento “eterologo”. Asta e Triangolo sono eterologhi tra loro: il Cerchio in ruolo di “stimolatore” è omologo ad entrambi, quello in ruolo di “alimentatore” Egomaschio è omologo all’Asta ed eterologo al Triangolo e per l’Egofemmina è omologo al Triangolo ed eterologo all’Asta.
Se ne ricavano, quindi, otto “chiavi di accesso” per i maschi e otto per le femmine facendone 16 in tutto. Queste chiavi sono la sintesi di personalità e comportamenti di ogni essere umano. Conoscendo a fondo come si comportano le chiavi, si possono utilizzare per accedere al “cuore” di chiunque. Il cuore, come elemento emotivo poi, è ciò che
determina il comportamento di qualunque persona nei nostri confronti, ed avere la chiave di una nostra controparte per noi diventa fondamentale in qualunque aspetto della vita: sia in campo professionale che affettivo o amoroso, famigliare, del benessere, ecc. Questa conoscenza da una forza persuasiva potentissima, una carta vincente anche in casi avversi. Inoltre sapere a quale chiave apparteniamo ci fa capire vari perché su di noi stessi e sugli altri, e ancor più importante il come ottenere da noi stessi e dagli altri ciò che desideriamo ma che non riusciamo ad ottenere o realizzare

Nessun commento:

Posta un commento