mercoledì 5 settembre 2012

Come superare la timidezza con le donne e diventare un seduttore



Superare la timidezza con le donne e' indisPensabile per diventare un seduttore.
Superare la timidezza con le donne implica imparare anche come superare le difficoltà della vita.
Gli uomini realmente timidi sono bloccati con le donne ed hanno difficoltà a relazionarsi positivamente con loro.
Diversa ovviamente e' la timidezza utilizzata come strategia . In questo caso si tratta di timidezza simulata nei casi in cui la donna che si vuole sedurre gradisce emotivamente un ruolo dominante.
Come fare per suPerare la timidezza con le donne?
Il primo passo e' acquisire sicurezza in se stessi ed autostima elevata.
Come possiamo procedere per ottenere questi parametri indispensabili per rapportarsi positivamente con le donne?

Il primo e molto importante passo e' quello di mantenersi distaccati dal risultato ed evitare di essere bisognosi del nutrimento emotivo erogato dalla donna che si vuole conquistare.

La timidezza esiste per il fatto che la parte emotiva non riconoscendo i parametri logici di piacere e sofferenza


Qual è la causa della tua timidezza? Cosa ti blocca? Quali situazioni ti fanno più paura? Ho letto da I motivi della timidezza possono essere di due tipi: poca stima di te stesso (ritieni di non essere in gamba, e che quindi farai una figuraccia), troppa stima di te stesso (credi che sia così grave fare una figuraccia che non ti concedi neanche il minimo rischio)
- Accettare il fatto che il mondo non sta guardando sempre e solo voi

 - Se qualcuno pone fine alla conversazione, non dedurre che si è noiosi

- Non prenderla sul personale quando si riceve un rifiuto. Non si può andare d’accordo proprio con tutti


Per superare la timidezza con le donne e diventare un seduttore dobbiamo sedurre la nostra  parte emotiva nutrendola di emozioni positive, rieducando, cioè, il sistema di alimentazione
emotiva. In che maniera? Incamerando tensioni piacevoli per ottenere
quell’alleanza interna che ci consentirà, poi, di raggiungere il nostro obiettivo. Per
ritornare all’esempio citato, è come fare bonifici in banca per, poi, utilizzare i soldi
al momento opportuno. Facciamo un esercizio: pensiamo, ogni mattina, per una
settimana, ad un’emozione positiva, in grado di procurarci una tensione stimolante, che potremmo realmente vivere con un po’ di coraggio. Ci sarà
qualcuno che proverà a salire su una moto con un amico un po’ spericolato, qualcun altro che andrà sulle montagne russe, un altro ancora che comunicherà alla persona amata cose mai dette.
Ci sono tante piccole o grandi trasgressioni che possono allontanarci dalla usuale
ricerca della sicurezza e della tranquillità. Un aspetto fondamentale di questo esercizio è che, ogni volta che ci cimentiamo in queste azioni, dobbiamo pensare che le attuiamo esclusivamente per applicare la tecnica che stiamo imparando il metodo

Nessun commento:

Posta un commento