lunedì 17 dicembre 2012

Cos'è un amore



Un amore, qualunque amore, ci rivela nella nostra nudità, miseria, inermità, nulla”. Bisogna partire da questa struggente frase di C. Pavese per compiere un percorso .

Un amore può generare preoccupazioni, alle volte infondate.
Molti si preoccupano con tanta perseveranza che viene di pensare che ci provino un gusto particolare. Tuttavia essere preoccupati è essenzialmente spiacevole perché significa pensare continuamente a tragedie e disgrazie.
Quando la fantasia lavora intorno alla cose piacevoli non parliamo di preoccupazioni ma di sogni ad occhi aperti.
I sogni ad occhi aperti anche se sono una fantasia non sono così dannosi come le preoccupazioni perché non provocano le reazioni negative che accompagnano invece sempre tre preoccupazioni l'ansia con le sue immagini catastrofiche provoca sull'individuo gli stessi effetti che provocherebbero delle catastrofi vere e proprie.
Un affanno continuo una continua tensione il blocco di ogni iniziativa una dissipazione sconsiderata di tutte le riserve vitali in tal modo di solito ci si prepara ad affrontare delle vere situazioni di emergenza.
 È un amore può  essere disperato, tormentato , vigliacco ma onesto, disciolto in una metropoli degradata nello spirito. 

Un amore può così intenso e inadeguato da spingere a fare cose sbagliate..
Ma cose fatte per amore.
L'amore è una malattia. Quando inizia provoca:tachicardia, aumento delle endorfine, sorrisi ebeti, benessere immotivato, aumento della passione, vertigini, assenze mentali ripetute, voli pindarici e buon umore. Il problema è che poi, al contrario di ogni altro malanno, l'amore porta sintomi e conseguenze ben più pesanti quando ci abbandona.

A volte si rimane intrappolati in questa fase, bloccati. Questo accade perchè il comportamento del partner va a rivangare una ferita antica, una ferita apparentemente scordata ma ben impressa nel nostro corpo e nella nostra anima risalente alla relazione con una figura importante di attaccamento. Succede che nella storia d’amore si vanno inconsapevolmente ad innescare vecchie dinamiche dolorose ed è quindi indispensabile riuscire a superarle

Nessun commento:

Posta un commento