sabato 20 aprile 2013

Come vivere felici scoprendo le convinzioni limitanti



Come vivere felici scoprendo le convinzioni limitanti?
“Che tu creda di farcela o non farcela avrai comunque ragione”
Henry Ford

Quante e quali etichette abbiamo?
Quante e quali sono le etichette abbiamo attaccato alla nostra identità? Pensiamo di non averne? Ragione di più per verificare…
Siamo davvero pieni di convinzioni, di tutti i tipi.
Alcune di esse ci dicono silenziosamente che non siamo abbastanza capaci o abbastanza importanti, altre che non possiamo essere amati, altre ancora che i sogni sono solo sogni e non si avverano, che la vita è dura e bisogna lottare per sopravvivere, che la gente è cattiva e non ci si può fidare di nessuno, che essere felici è da egoisti o che se siamo troppo felici potrebbe succederci qualcosa di brutto, ecc.
Crediamo a quello che ci hanno detto i nostri genitori, i nostri insegnanti, la Chiesa, ecc., spesso abbiamo passivamente accettato i loro valori senza neppure porci il problema se tutto questo appartenesse realmente anche a noi.
Conviviamo con la falsa convinzione che noi conosciamo già la verità.
Come primo compito allora dobbiamo rimetterci in discussione per comprendere, senza giudicare, che cosa ci appartiene e che cosa no, e che cosa ci sta trattenendo dall’essere la persona che desideriamo essere.
La ricompensa ripagherà con gli interessi il nostro sforzo: la promessa è infatti quella di creare consapevolmente il nostro destino.
Da dove iniziare?
Come accennato in precedenza, può essere utile iniziare ad esaminare un’area della nostra vita in cui non ci sentiamo soddisfatti (soldi, lavoro, famiglia, amici, ecc.) e chiederci quali siano le nostre convinzioni su questo argomento, ricordando che i nostri pensieri sono magneti e che se stiamo vivendo qualcosa che non desideriamo sicuramente abbiamo qualche convinzione che attira questa situazione.
Che cosa crediamo per sperimentare questa situazione indesiderabile? Una volta individuata la convinzione che sta alla base dell’esperienza che desideriamo cambiare possiamo chiederci quale potrebbe essere la convinzione sostitutiva potenziante in grado di attirare un’esperienza positiva per noi.
Quando comprendiamo che sono i nostri pensieri e le nostre convinzioni a determinare quello che viviamo siamo sulla strada giusta per impadronirci della nostra vita.
Verificare che le nostre convinzioni siano in allineamento con le esperienze che desideriamo avere è fondamentale: ad esempio credere che non abbiamo mai abbastanza soldi non è in allineamento col creare prosperità e, anche se in quel momento è assolutamente vero che siamo senza soldi, è più produttivo credere che in qualche modo il denaro di cui abbiamo bisogno ci arriva sempre.
Questo non è illudersi: è aprire la mente a nuove possibilità e a cogliere tutte le opportunità che si possono presentare nella direzione del nostro obiettivo.

Nessun commento:

Posta un commento